Di vulnerabilità e arcobaleni

Per i lettori abituali del mio blog, non sarà un segreto che io sia un fan dei talk di TED. L'argomento del mio discorso preferito, tuttavia, potrebbe sorprenderne alcuni. Vulnerabilità.

La vulnerabilità non è una parola comunemente associata a quelli di noi nello spettro. Quando vengono discussi quelli di noi sullo spettro, le parole più comuni che tendete a sentire sono parole che implicano una mancanza di vulnerabilità. Parole come "enigma" e "mistero".

Dr. Brene Brown

Se la parola vulnerabile è usata in congiunzione con l'autismo, è più spesso associata alla parola "a", come in "vulnerabile all'autismo" o "vulnerabile ai bulli". Nessuno dei quali implica il modo tipico in cui la maggior parte delle persone parla di vulnerabilità. Il modo in cui la Dott.ssa Brené Brown discute nel suo discorso, The Power of Vulnerability – come una qualità che migliora la vita, consente di vivere "a cuore pieno".

Eppure, la mia esperienza sullo spettro è sottomessa alla vulnerabilità in questo senso. Fa parte di alcuni dei miei più grandi successi. Perché? Perché è un componente di connessione.

Il Dr. Brown dice che, "… affinché la connessione avvenga, dobbiamo lasciarci vedere. Davvero visto. "Per coloro che vivono la vita come diversa dalla norma, qualsiasi cosa facciamo implica una scelta di essere vulnerabili. Per coraggioso giudizio e rifiuto. Superare la vergogna in un mondo che divinizza il "normale" e ci insegna che tutto ciò che è diverso da ciò che è "sbagliato" o "strano" deve essere risolto in qualche modo.

Sfortunatamente, è fin troppo facile insegnare ai bambini che sono diversi che la vulnerabilità è una brutta cosa, in modi a cui non pensiamo nemmeno. Quando penso a questo, quello che mi viene in mente è qualcosa che ancora una volta potrebbe sorprendere. Il film Il sesto senso .

Se ci pensi, questo è un film che parla di vergogna e vulnerabilità. A proposito di temendo il rifiuto, cercando di nascondere ciò che sei, e di essere etichettato come "strano" o "mostro". E la trama molto annunciata del film dipende interamente dalla scelta di un personaggio di essere vulnerabile. Accettare le sue abilità e abilità uniche per aiutare gli altri.

Circa a metà del film, c'è una scena che è sempre stata in risonanza con me. In esso, il personaggio di Bruce Willis Malcolm Crowe, un bambino psichiatra, gioca un gioco di ipotesi con la sua paziente, interpretata da Haley Joel Osment. Lui ipotizza che sia un bravo ragazzo, che è tranquillo e non si mette molto nei guai. Ma la sua paziente, Cole Sear, lo nega. "Dovevamo disegnare un'immagine. Tutto ciò che volevamo. "Dice. "Ho disegnato un uomo. Si è fatto male al collo da un altro uomo con un cacciavite. "

Disturbato, Crowe domanda se lo vede in TV. La sua paziente non risponde, ma continua la sua storia, "Tutti si sono arrabbiati. Hanno avuto un incontro. La mamma ha iniziato a piangere. Non mi piace più disegnare così ". Interrogato su ciò che ora disegna, risponde:" Traggo … gente che sorride, cani che corrono, arcobaleni. Non hanno incontri sugli arcobaleni. "

Rainbow on a hillside

Questo è così rappresentativo del modo insidioso in cui insegniamo l'inautenticità ai nostri figli, mi ha fatto piangere. Io stesso sono stato l'argomento di molti di questi incontri e ho attirato un sacco di arcobaleni. Come il personaggio, la chiusura risultante mi ha lasciato addolorata per troppo tempo, e solo accettando me stesso per chi sono io ho iniziato a venire nel mio.

Un altro messaggio del film è anche quello che ho imparato da un certo numero di persone nella mia vita: il coraggio di una persona di essere vulnerabile può avere effetti potenti per molti altri. La vulnerabilità ha spesso ripercussioni più ampie che nemmeno pensiamo di aspettarci.

Quando ci penso, penso a una giovane donna che ho incontrato durante il divorzio dei miei genitori. Un assistente sociale. Come ho scritto prima, le mie esperienze nel sistema non erano piacevoli. Mi hanno lasciato paura e paura di parlare dei miei sentimenti. Ma con questa donna, era diverso. Cosa lo ha reso diverso? Vulnerabilità.

Ricordo il giorno in cui l'ho incontrata. Ero nervoso e impaurito, e da parte di mio padre ci vollero molte rassicurazioni per farmi andare in ufficio. Mentre camminavo accanto a lei, la esaminai di nascosto, con l'occhio particolarmente attratto dal bel colore della giacca che indossava. L'ho ammirato, ma mi sono anche meravigliato per il suo adattamento, sembrava un po 'troppo lungo per lei. Le maniche le coprivano quasi completamente le mani.

Solo quando mi ha accompagnato al posto accanto alla sua scrivania avrei capito perché. Mentre tirava fuori il fascicolo e sfogliava i giornali, vidi subito che le sue mani avevano una forma molto diversa dalla mia. Mentre avevo cinque dita piccole su ogni mano, ne aveva solo due grandi. Mi era stato insegnato che commentare qualcosa del genere sarebbe stato estremamente maleducato, quindi mi sono seduto lì in silenzio. Ma lei deve aver notato la mia curiosità.

"Vorresti chiedere delle mie mani?" Chiese. "Va tutto bene, puoi chiedere. Non sarò arrabbiato. Chiedi tutto quello che vuoi. "Ero molto nervoso, ma l'ho presa in parola. Non ricordo esattamente cosa ho chiesto, ma era il tipo di cose tipiche che un bambino potrebbe chiedersi: "Fa male?" "Come è successo?"

Ha risposto apertamente e con buon umore. No, non ha fatto male. Non sapeva perché fosse successo, era nata così. Ma quello che ricordo più vividamente le parlava della differenza. "Ti hanno preso in giro?" Volevo sapere.

Ha detto che sì, alcuni ragazzi l'avevano presa in giro. E sì, aveva ferito. "Ma", ha detto, "Va bene ora. È così che sono, e mi piace chi sono molto. "Sentivo che qualcosa si muoveva dentro di me a questo … perché mentre non avevo ancora provato il peso maggiore del bullismo, ero stato preso in giro considerevolmente. "Gamberetti", "Baby", "Weird" – e molte varianti intermedie. Quello che ero, quello che mi piaceva, il modo in cui guardavo … molto se sembrava disturbare le altre persone. Non avevo idea del perché.

Dr. Brene Brown Quote,

Ma attraverso il suo esempio, ho imparato che mi andava bene comunque. Che la mia autostima non fosse dovuta all'approvazione degli altri. È stato un esempio che ha modellato anche da adulto. Anche se non ne parlava, l'ostracismo non era davvero sparito all'alba dell'età adulta. Era qualcosa che ho visto in prima persona.

Ricordo un giorno di aver sentito un commento da adulti su di lei. La chiamavano una "povera creatura pietosa" che doveva essere "disperata per un fidanzato." Ricordo di aver reagito a questo con rabbia e risentimento. Ma anche con … beh, confusione. Erano solo le mani, qual era il grosso problema? Cosa avrebbe a che fare con il fatto di avere un fidanzato?

Naturalmente, da allora ho imparato molto su questo. I pregiudizi che le persone hanno spesso non hanno senso. Ma esistono. E fanno male. Tuttavia, come ho imparato da lei, i pregiudizi degli altri popoli non devono diventare la vostra realtà.

Il Dr. Brown ha detto che, secondo la sua ricerca: "C'era solo una variabile che separava le persone che hanno un forte senso di amore e appartenenza, e coloro che lottano per questo. E quelli che hanno un forte senso di amore e appartenenza credono di essere degni di amore e appartenenza. Questo è tutto. Credono di essere degni. "

E, a volte, la volontà di una persona di accettarsi può cambiare profondamente la vita di un'altra persona. Ha fatto il mio.

Per gli aggiornamenti puoi seguirmi su Facebook o Twitter. Risposta? Mandami un'email.

 

RISORSE

Brené Brown: The Power of Vulnerability (Versione sottotitolata su Ted.com)

Solutions Collecting From Web of "Di vulnerabilità e arcobaleni"