Di 'qualcosa, ti sto arrendendo

AntonioGiullem/iStockPhoto
Fonte: AntonioGiullem / iStockPhoto

Alexis si abbraccia un cuscino sul petto mentre deglutisce. "Doc, so che vuoi che gli dica come mi sento, ma … È come se ci fosse un blocco in gola." Sembra soffocare le sue parole quando sente il conflitto. Lei descrive una lotta che ha avuto con il suo ragazzo a cena la scorsa notte, e come è finita con lei piangendo, mentre lui chiedeva: "Che cosa ho fatto? Dimmelo! "Mentre la guardava ritirarsi in se stessa. Alexis sa che la sua voce non è stata la stessa dal liceo, quando un presunto amico ha violato il suo spazio e lasciato cicatrici nel profondo della sua psiche. Anche se sono passati molti anni, lei si blocca ancora quando si sente minacciata, nascondendosi dietro una cortina di lunghi capelli castani e silenzio.

Se hai mai amato qualcuno che è stato tra le fiamme degli abusi fisici o emotivi, c'è la possibilità che lui o lei abbia sviluppato un complesso disturbo da stress post-traumatico. In breve, una volta che un individuo è stato costretto a sopportare la ripetuta inflizione del dolore per mano di qualcuno di cui si fida, può avere difficoltà a fidarsi nuovamente di qualcuno. Possono sperimentare sintomi di traumi complessi, come problemi con regolazione delle emozioni, controllo degli impulsi, concentrazione, dissociazione e relazioni interpersonali (van der Kolk, 2014). E la natura stessa di questi sintomi significa che è spesso impossibile per il malato parlare di ciò che sta vivendo. Invece, possono chiudere o reagire con rabbia difensiva.

Quello che potrebbero effettivamente provare a comunicare è:

1. "Quando mi sento minacciato, è difficile per me parlare".

La parola chiave in quella frase è sentire . Potresti non aver alzato la mano o aver detto qualcosa di doloroso, eppure potresti aver innescato una paura che è impantanata nel suo passato. I sopravvissuti al trauma spesso hanno reazioni surrenali iperattive alle minacce, il che significa che quando registrano una minaccia alla loro sicurezza emotiva o fisica, il sangue scorre dai loro cervelli fino alle loro estremità, preparando i loro corpi a combattere o fuggire. Questi meccanismi di protezione involontari pongono un limite molto reale alle funzioni biologiche necessarie per comunicare (Perry, 2009).

2. "Quando parlo e ti dico come mi sento, devi sapere che è uno sforzo erculeo.

Steven Porges (2011) ha identificato un complesso vagale dorsale a grave minaccia, durante il quale il cervello interrompe le funzioni non essenziali, come la parola, e abbassa il metabolismo in tutto il corpo, portando a un collasso interno in uno stato noto come "congelamento". spesso appare come chiusura completa: silenzio, mancanza di espressione facciale o interazione, ecc. Pertanto, quando il tuo amato sopravvissuto cerca di parlare nei momenti di conflitto, assicurati di ascoltare, convalidare e onorare quelle parole. Come Alexis mi ha detto durante una sessione di lacrime, "Solo … tratta le mie parole come piccole farfalle. Se li schiacci, moriranno per sempre. "

3. "Potrei avere improvvise reazioni estreme che hanno senso solo se capisci come accadono.

Immagina di essere immerso in una vasca bollente; molto probabilmente urleresti di dolore. Ora immagina che i recettori del dolore nel tuo corpo siano stati danneggiati e che tu sia nella vasca, osservando il tempo che passa per un po 'prima di notare ustioni di terzo grado sul tuo corpo. Il tuo urlo potrebbe essere improvviso, rumoroso e sproporzionato rispetto al tuo apparente rilassamento solo pochi istanti prima. Ma questo in realtà ha perfettamente senso, se prendi in considerazione quei nervi danneggiati.

Studi di risonanza magnetica dimostrano che le donne adulte che sono state abusate da bambini hanno regioni ippocampali minori del 18% rispetto a quelle di un gruppo di controllo (Vythilingam et al., 2002). Ciò significa che la parte del cervello responsabile della regolazione delle emozioni è compromessa. Il sopravvissuto potrebbe non sapere come leggere i suoi segnali interni che le dicono che sta iniziando a sentirsi ferita o sconvolta. Questo ha senso, perché ha imparato a ignorare i propri istinti di pancia. Pertanto, quando finalmente si rende conto, con una scossa, che si sente spaventata o ferita, può reagire impulsivamente in un modo che sembra estremo per una determinata situazione.

4. "Potrei incolpare me stesso per cose che non ho causato, e ci sono volte in cui negherò le mie necessità di ridurre o evitare conflitti.

La teoria delle relazioni oggettuali è un modo organizzato di comprendere le dinamiche relazionali (Klein, M. come citato da Kernberg, 1988). La teoria postula che i bambini usano l'identificazione proiettiva per far fronte a negligenza o abuso. Se i bambini potessero stringere le frasi insieme, potrebbe sembrare così: "Beh, mia madre sta ignorando le mie grida. È troppo pericoloso e doloroso per me, essendo così piccolo e indifeso, credere che a lei non importi nulla di me. Quindi, invece, deciderò che sono una bambina cattiva, ed è una madre meravigliosa e amorevole. "L'auto-biasimo è un modo per il bambino di mantenere l'illusione necessaria di un caregiver sicuro e amorevole.

La teoria delle relazioni oggettuali inizia nella prima infanzia, ma senza un intervento, questi modelli di convinzione possono durare fino all'età adulta. In tempo reale, ciò significa che potresti vedere la persona amata incolpare se stesso per qualsiasi conflitto nella tua relazione, anche quando sei tu ad avere colpa. Mentre la moglie preoccupata di un sopravvissuto al trauma ha descritto: "Quando torno a casa dal lavoro di cattivo umore, e sente lo stress che si irradia dal mio corpo, fa il giro della casa per pulire tutto ciò che si vede. Non capisco. "Beh, è ​​perché a livello inconscio, potrebbe incolpare se stesso per il tuo umore.

5. "Per favore non diagnosticare o etichettarmi".

Potresti pensare di sapere che cosa ha fatto il tuo partner da bambino, o potresti riconoscere che lui o lei ha alcuni di questi sintomi. Ricorda che il trauma può essere diagnosticato solo da un professionista della salute mentale qualificato che ha eseguito una valutazione clinica completa. È possibile che bambini e adulti sopravvivano a condizioni impensabili senza sviluppare diagnosi di traumi. È anche possibile che le persone sviluppino la sintomatologia del trauma da incidenti che potresti non pensare siano "così male".

6. "Se non sei all'altezza, lasciami andare delicatamente."

Non è raro che i sopravvissuti al trauma ripetano inconsciamente il passato scegliendo partner che hanno le proprie sfide relazionali. Ciò crea il potenziale per i cicli di abuso di continuare all'infinito, ferendo entrambi i partner nel processo. Potresti sentirti iniziare a logorare le cuciture e agire in modi che non ti fanno sentire orgoglioso. Potresti rendertene conto che state sacrificando sempre più le vostre priorità e necessità e sentendovi risentito come risultato. Questi sono segni che potrebbe essere il momento di lasciar andare o fare una pausa, in modo che ciascuno di voi possa perseguire percorsi individuali di guarigione.

Tutti quelli tra noi che cercano di aprire i loro cuori a seguito di abusi: sono veri eroi. Possiamo onorare il coraggio di sopravvissuti traumatici complessi sintonizzando i loro bisogni e creando uno spazio per la connessione e la fiducia. All'interno di quello spazio sicuro, potremmo vedere una forza incredibile, il tipo che può ispirarci a essere versioni migliori di noi stessi. E quando abbracciamo coloro che sono sopravvissuti al peggiore tipo di maltrattamento, possiamo garantire che l'odio non vincerà nel mondo che ci circonda.

Immagine di Facebook: Antonio Guillem / Shutterstock

Solutions Collecting From Web of "Di 'qualcosa, ti sto arrendendo"