Di fronte al dolore di abusi sui minori

Abbi compassione per il tuo dolore.

“L’auto-compassione si sta avvicinando a noi stessi, la nostra esperienza interiore con spaziosità, con la qualità del permettere che ha una qualità di dolcezza. Invece della nostra solita tendenza a voler superare qualcosa, a risolverlo, a farlo andare via, il percorso di compassione è completamente diverso. La compassione permette. ”

-Robert Gonzales

123 RF stock photo

Fonte: 123 RF foto d’archivio

È doloroso venire faccia a faccia con la realtà in cui sei stato abusato da bambino – sia emotivamente, fisicamente che sessualmente. È doloroso riconoscere che un altro essere umano potrebbe averti trattato in quel modo, specialmente se quella persona era qualcuno che amavi o ammiravi. È doloroso rendersi conto che qualcuno a cui tieni tanto a cuore potrebbe essere così insensibile, crudele o egoista. Ed è doloroso ricordare quanto ti sei sentito ferito, come ti sei sentito tradito e quanto eri spaventato. Cominciamo aiutandoti a capire la differenza tra “intellettualmente” riconoscendo quanto sia doloroso l’abuso e con una vera comprensione – o quale psicologo e autore di The Compassionate Mind, Paul Gilbert, Ph.D. si riferisce ad avere “compassione auto-focalizzata” per il tuo disagio.

Se tu fossi abusato da bambino potresti aver riconosciuto intellettualmente quanto difficile fosse la vita per te, ma probabilmente non sei stato in grado di avere molta simpatia per la tua sofferenza o di provare alcuna gentilezza verso te stesso per aver avuto queste esperienze. Probabilmente non sei stato sinceramente commosso da quanto fosse dolorosa la tua infanzia, da quanto eri spaventato quanto eri vittima di abusi o da quanto dolore provassi a causa delle tue esperienze di abuso.

Quando hai compassione o auto-compassione per te stesso significa che sei emotivamente aperto alla tua sofferenza, sei veramente commosso dalle cose dolorose che hai vissuto. Questo non significa che ti soffermi su quanto sia stato male. Invece, implica sentirsi gentile verso se stessi per aver sofferto e sviluppare comprensione compassionevole per il proprio dolore.

Molte ex vittime hanno trascorso così tanto tempo a tenersi insieme, proteggendosi e forgiarsi in avanti che non hanno mai realmente avuto la possibilità di elaborare il trauma che hanno vissuto e il dolore che hanno sofferto. Avere simpatia o auto-compassione per se stessi è la capacità di riconoscere il proprio dolore senza minimizzare, negare o dissociarsi da esso. Significa anche che, quando sorgono opportunità, puoi lavorare con il tuo dolore e condividerlo con gli altri.

Le conseguenze di spegnersi dalle tue emozioni

Come esseri umani abbiamo una tendenza innata ad allontanarci dal dolore e invece a isolarci dalle nostre emozioni. Ma a meno che non affrontiamo e processiamo le nostre emozioni tendiamo a diventare schiavo di loro quando esplodono senza preavviso, o diventiamo zombi viventi, completamente scollegati dalle nostre emozioni.

Altre conseguenze di evitare le tue emozioni possono includere:

  • Finisci non sapendo davvero te stesso. Questa è una delle conseguenze più importanti dal momento che include non capire perché reagisci alle situazioni nel modo in cui fai e non conosci la differenza tra ciò che pensi di volere e ciò di cui hai veramente bisogno.
  • Si perde il bene, insieme al cattivo. Quando chiudi i sentimenti cosiddetti “negativi” come rabbia, paura e tristezza, interrompi anche la tua capacità di provare sentimenti positivi come la gioia e l’amore.
  • Le tue emozioni diventano distorte o rimosse. Le persone che cercano di evitare i loro sentimenti finiscono spesso per proiettarsi su altre persone (accusando gli altri di essere arrabbiati, tristi, impauriti) quando in realtà sei tu che stai provando questi sentimenti, o spiazzando la loro rabbia (prendendo la loro rabbia su persone innocenti).
  • È estenuante. Puoi distorcere e intorpidire le tue emozioni ma non puoi eliminarle del tutto. Ci vuole molta energia per tenere bassi i nostri sentimenti e lo sforzo può lasciarti stressato e svuotato.
  • Danneggia le tue relazioni. Più ti allontani dai tuoi sentimenti più diventi lontano dagli altri e da te stesso.

Perché resistiamo alla tristezza e al dolore

Capisco quanto sia difficile lasciare che i tuoi sentimenti che circondano l’abuso emergano, specialmente i tuoi sentimenti di tristezza e dolore (profonda angoscia in risposta a una perdita significativa). Ma proprio come devi piangere quando muore qualcuno che ami, che si tratti di un animale domestico amato, di un amico intimo e leale o di un parente, devi soffrire per la perdita della tua innocenza, la perdita del tuo amore e della tua fiducia, e forse la perdita dell’immagine che una volta aveva della persona o delle persone che ti hanno abusato. Devi sentire il dolore di quello che ti è successo.

Ci sono ottime ragioni per cui resistiamo a esprimere i nostri sentimenti di tristezza e dolore. Alcune persone temono che se iniziano a soffrire non si fermeranno mai. Altri hanno paura che diventino depressi se si permettono di sentire il loro dolore. E altri sentono che non hanno la forza emotiva per sopportare il dolore. Altri ancora temono che lasciarsi prendere dal dolore li trasportino indietro nel tempo fino all’infanzia e non saranno in grado di tornare al presente. Queste sono tutte paure valide, quindi affrontiamole una ad una:

La paura di essere sopraffatti dal dolore e dal dolore. C’è una ragione per cui così tante ex vittime dell’abuso infantile resistono al dolore che circonda l’abuso – sentono che c’è così tanto dolore che potrebbero facilmente essere travolti da esso una volta che si lasciano sentire. Lo sentono perché hanno trattenuto il dolore per così tanto tempo che una volta scatenato creerà un flusso di emozioni che non potranno più contenere. Ci può essere un po ‘di verità all’inizio. Una volta che ti permetti di rilasciare il tuo dolore repressa, le lacrime possono scaturire da te. Queste ondate di dolore possono durare a lungo e potresti temere che non smetterai mai di piangere. Ma come un terapeuta molto saggio una volta mi disse quando le chiesi: “Per quanto tempo piangerò in questo modo?” Piangerai finché non avrai più lacrime da piangere. Anche se può essere spaventoso quando finisci piangendo a lungo, la buona notizia è che il tuo corpo si prenderà cura di te. I tuoi singhiozzi possono farti tossire e persino soffocare momentaneamente, a volte, potresti persino sentirti vomitare. Ma questo è solo il modo in cui il tuo corpo ti aiuta ad espellere e chiarire sia i ricordi fisici che quelli emotivi dell’abuso. Il tuo corpo non ti permetterà nemmeno di piangere al punto in cui ti stai mettendo in pericolo. Non sarai a corto di fiato e dovrai fermarti per riprendere fiato, altrimenti diventerai così esausto da addormentarti.

La paura di diventare così sopraffatto dal dolore che diventi depresso. Di nuovo, questa è una paura molto razionale, sebbene tu sia più probabile che diventi depresso se non permetti a te stesso di esprimere il tuo dolore e il tuo dolore. Tuttavia, non vogliamo che tu rimanga bloccato nella tua tristezza e nel tuo dolore al punto di non provare più alcun bene al mondo. Condividerò con te le tecniche che ti aiuteranno a muoverti attraverso la tua tristezza invece di rimanere bloccato in essa. (Naturalmente, se senti di rimanere bloccato nella tua tristezza o dolore, consulta uno psicoterapeuta o un medico).

La paura che tu non abbia la forza emotiva per sopportare il dolore. Conosci te stesso meglio di chiunque altro. Sai quanto sei fragile in un dato momento. Potresti non sentirti abbastanza forte in questo momento per affrontare il tuo dolore e va bene. Ma se il tuo dolore e il tuo dolore sorgono da soli, organicamente, considera questo: è stata la mia esperienza che i clienti non sono confrontati con la verità sul loro abuso o sui sentimenti che lo accompagnano, finché non sono pronti. Se hai avuto voglia di piangere, il tuo corpo ti sta dicendo che sei triste e che devi liberarti delle lacrime. Una cosa è cercare di costringerti ad affliggere le perdite associate all’abuso, è un altro a trattenere le lacrime quando iniziano a scorrere spontaneamente. Potresti essere molto più forte di quanto pensi. Potresti dover considerare solo ciò che sei già sopravvissuto per ricordarti quanto sei forte in realtà.

La paura che rimarrai bloccato nel passato. Sebbene questa sia una paura valida, le tecniche seguenti ti aiuteranno a imparare modi di radicarti nel presente in modo da non rimanere bloccato nei tuoi sentimenti passati o nei tuoi traumi passati.

Di solito è saggio cercare una via di mezzo tra affrontare il tuo dolore ed evitarlo. Se ti senti particolarmente fragile emotivamente un giorno, potrebbe non essere il giorno in cui concentrarti sul sentire il tuo dolore. Se, d’altra parte, ti senti forte e abbastanza sicuro in un dato giorno, quello potrebbe essere esattamente il momento per te di approfondire il dolore attorno a un’esperienza di abuso. Un altro modo per raggiungere l’equilibrio è permettere a te stesso di affrontare il tuo dolore, praticare auto-compassione e consapevolezza, e poi riposare per alcuni giorni fino a quando non puoi accumulare abbastanza forza per elaborare un’altra parte di esperienza di abuso o un altro episodio di abuso.

Esercizio di messa a terra di base

Questa è una tecnica di base per aiutarti a rimanere a terra e nel presente mentre ti permetti di piangere. È particolarmente utile quando ti trovi innescato da un ricordo passato o quando ti ritrovi a “lasciare il tuo corpo” o a dissociarsi, cosa che è comune alle vittime di traumi.

  • Trova un posto tranquillo dove non sarai disturbato o distratto.
  • Siediti su una sedia o sul divano. Metti i piedi per terra. Se stai indossando scarpe con i tacchi dovrai toglierti le scarpe in modo da avere i piedi per terra.
  • Con gli occhi aperti, fai qualche respiro profondo. Rivolgi la tua attenzione ancora una volta a sentire il terreno sotto i tuoi piedi. Continua a respirare e senti i piedi appoggiati a terra per tutto l’esercizio.
  • Ora, mentre continui a respirare, schiarisci gli occhi e dai un’occhiata in giro per la stanza. Mentre scansiona lentamente la stanza, noti i colori, le forme e le trame degli oggetti nella stanza. Se vuoi, scansiona gli occhi intorno alla stanza muovendo il collo in modo da poter vedere una visione più ampia.
  • Riporta la tua attenzione a sentire il terreno sotto i piedi mentre continui a respirare e ad osservare i diversi colori, trame e forme degli oggetti nella stanza.

Questo esercizio di messa a terra avrà diversi scopi:

  • Riporterà la tua consapevolezza al tuo corpo, che a sua volta può impedirti di essere innescato o dissociato.
  • Ti riporterà al presente, al qui e ora, di nuovo una cosa buona se ti sei innescato e sei stato catapultato nel passato da un ricordo o da un grilletto.
  • Concentrare deliberatamente la tua attenzione al di fuori di te essendo visivamente coinvolto nel mondo consente ai tuoi sentimenti e pensieri riguardo all’abuso di attenuarsi.

Solutions Collecting From Web of "Di fronte al dolore di abusi sui minori"