Di fronte a Facebook

Facebook è diventato, per molti, casa dolce casa sul web. Ha quasi distrutto My Space e altri siti di social networking in obsolescenza. Quando l'ultima volta, Facebook cercava, Google, il secondo sito web più visitato al mondo.

Ma più che una semplice quota di mercato, Facebook ha catturato la mente. È sbalorditivo come, nei soli sei anni dalla sua fondazione nel febbraio 2004, Facebook è diventato invischiato nella nostra routine quotidiana. Alzati, prepara un caffè, controlla Facebook. È ora di andare a letto, ma non prima di aggiornare il tuo stato un'ultima volta. Più della metà dei suoi 400 milioni di utenti sfogliano ogni giorno il sito di Facebook, un tasso di rendimento dei visitatori incredibile. L'utente medio ora trascorre quasi un'ora al giorno, scorrendo feed di notizie, inviando regali virtuali come fiori e giocando a giochi come Farmville e Mafia Wars. Ogni ora di svago che trascorriamo su Facebook è un'ora che non stiamo facendo quello che facevamo con i nostri tempi di inattività: leggere un libro, cucinare un pasto decente, consumare altri media come la TV, fare una passeggiata nei boschi (o almeno al 7-Eleven). Se il tempo di fermo esiste ancora.

Come scrive David Kirkpatrick su Facebook Effect: The Inside Story della compagnia che sta collegando il mondo (Simon & Schuster, 372 pp., Illustrato, $ 26),   Facebook ha portato a "fondamentalmente nuovi effetti interpersonali e sociali". Questo è un eufemismo. Facebook non solo ha innescato turni semantici come torcere la parola "amico" in un verbo e coniare un nuovo termine, "unfriend". (Personalmente, penso che il processo di rifiuto degli amici avrebbe dovuto chiamarsi "de-Face".) È anche ridefinito cosa intendiamo per amicizia. Come Kirkpatrick nota in modo intelligente, quando Facebook è stato inventato per la prima volta in una stanza del dormitorio di Harvard, è stato immaginato come uno strumento per integrare le relazioni con gli amici del mondo reale, non creare quelli con persone che non avresti mai incontrato nella carne. Ora è usato tanto per l'auto promozione e l'attivismo politico – pensa alla padronanza della campagna da parte di Obama del mezzo – quanto per il collegamento in rete e il rintracciare le vecchie fiamme. All'ultimo conteggio avevo 756 "amici" di Facebook, e altri 591 "fan" del mio libro. Ma quanti di questi amici o fan potrei contare in un momento di crisi? Nel cyberspazio, nessuno può sentirti piangere (a meno che non stiate facendo Skyping).

L'effetto Facebook è in realtà due libri in uno. Una parte è la storia esaurientemente riportata della fondazione di Facebook e della sua ascesa fino alla quasi ubiquità; l'altro è un'analisi ponderata del suo impatto. Vediamo per la prima volta i compagni di stanza di Harvard e altri fanatici del computer Mark Zuckerberg, Eduardo Saverin, Dustin Moskovitz e Chris Hughes che trasformano due primi progetti in Thefacebook.com. Uno era chiamato Course Match, un programma che incoraggiava gli studenti a iscriversi alle lezioni in base a chi si era iscritto; '' [i] fa una ragazza carina seduta accanto a te in Topologia, potresti vedere il corso sulla geometria differenziale del prossimo semestre per vedere se si fosse iscritta anche a questo. '' L'altro si chiamava Facemash, che ha preso un paio di foto da Harvard online dorm facebooks e ha chiesto agli utenti di scegliere la persona "più hot". Entrambi erano essenzialmente disegnati per essere agganciati, non l'obiettivo successivo e più alto di Zuckerberg di rendere il mondo un posto più aperto.

La narrazione traccia una storia quasi banale di ragazzi universitari ingenui ma idealisti che affittano una casa a Palo Alto nell'estate del 2004 e si immergono in abbuffate di programmazione tutta la notte con la Red Bull. Incorporano il loro piccolo progetto, a questo punto ancora chiamato "Thefacebook.com" (il "the" viene lasciato cadere nel 2005). Il sito sperimenta una crescita esponenziale degli iscritti: il 5% al ​​mese. Facebook si espande da Harvard per includere altri college, quindi entro l'autunno del 2006, il resto del mondo. La parola esce. Google, Microsoft e Yahoo iniziano a sbavare per l'incredibile valore di una comunità così disposta a divulgare le proprie informazioni personali. Essendo un redattore senior della rivista Fortune , Kirkpatrick si diverte a raccontare trattative dietro le quinte con queste società tecnologiche e venture capitalist, ciascuna caduta l'una sull'altra per corteggiare Facebook.

Mentre le rotte e le relazioni machiavelliche dei pesi massimi della Silicon Valley potevano annoiare alcuni lettori, la sporcizia interpersonale non doveva. Kirkpatrick ha ricevuto la piena collaborazione da Zuckerberg e molti attori chiave che si sono seduti per più interviste. Abbiamo sentito parlare di estrattori di personale, e le azioni legali sostenendo che Zuckerberg ha rubato idee da altri siti di social network. Anche se l'intimità di Kirkpatrick con i più alti di Facebook potrebbe aver compromesso la sua capacità di essere critico, per fortuna ci viene dato l'occasionale ritratto poco lusinghiero di Zuckerberg. In una scena ricreata, il nuovo amministratore delegato viene sgridato da un collega, '' Faresti meglio a prendere lezioni da CEO, o questo non funzionerà per te! ''

Ma molto più interessanti sono gli sforzi del libro nei commenti sociali e comportamentali. Kirkpatrick solleva le domande giuste, anche se non ha ancora tutte le risposte. Mentre i fumetti della rete sociale – Zuckerberg aveva predetto di raggiungere un miliardo di utenti in tutto il mondo – Kirkpatrick si chiede se il sito potrebbe renderci non più globali, ma più tribali; non più individualista ma più conformista e vulnerabile al marketing. Il decentramento delle informazioni, affidandosi agli amici e non alle istituzioni per le notizie, sembra un passo democratico positivo. Ma in un mondo in cui, come osserva l' effetto Facebook , "tutti possono essere un editore, un creatore di contenuti, un produttore e un distributore", "che cosa sono le" notizie "? Chi sono i guardiani? Gli utenti hanno già brontolato più volte sulla divulgazione di informazioni personali da parte di Facebook a terzi. Di recente, a maggio, Zuckerberg ha di nuovo fatto marcia indietro a causa di un utilizzo scorretto dei dati degli utenti, emettendo più "opprimenti" che scuse: "Abbiamo appena perso il bersaglio", ha scritto. Da allora, Facebook ha implementato nuove e più chiare impostazioni sulla privacy.

Se Facebook distorce il nostro senso di privacy, almeno si tratta di una comunità basata sull'auto-rivelazione: devi rivelare il "vero" a cui ti unisci e la tua identità è controllata da veri amici. La maggior parte degli shenanigans si trovano in comunità online anonime – comportamenti come il fiammeggiare, il griefing e altri svantaggi anti-sociali dei giochi online e delle bacheche – non sono tollerati. Se qualcuno diventa odioso, puoi sempre contraddirlo. Non che non ci sia un certo grado di gioco di ruolo in tutti questi intelligenti aggiornamenti di stato. Perché non tutti vogliamo essere visti come intelligenti e ironici, spiritosi e alla moda? Per mettere il nostro miglior piede online e affrontare in avanti? Tuttavia, mentre Facebook si fonde sempre più con noi stessi, non si può fare a meno di chiedersi se è diventato troppo facile interpretare i ruoli di voyeur, esibizionista e narcisista.

Ethan Gilsdorf è l'autore di Fantasy Freaks e Gaming Geeks: una missione epica per realtà tra giocatori di ruolo, giocatori online e altri abitanti di regni immaginari , che esce in edizione economica a settembre. Puoi raggiungerlo e ottenere maggiori informazioni sul suo sito web http://www.ethangilsdorf.com.

Solutions Collecting From Web of "Di fronte a Facebook"