Devo essere colpevole – il video dice così

Una piccola frana di ricerche degli ultimi anni indica un fatto sconvolgente sulla memoria: può essere manipolato, molto più spesso ed estensivamente di quanto si pensasse in precedenza. Una delle implicazioni di questa realizzazione è che la testimonianza dei testimoni oculari, una base del nostro sistema di giustizia criminale, non è più irreprensibile. Un altro è che in un mondo dominato da media elettronici infinitamente flessibili, non possiamo mai essere sicuri al 100% che quello che stiamo vedendo è ciò che è realmente accaduto. Due studi della rivista Applied Cognitive Psychology illustrano bene l'ultimo punto.

Dimentica ciò che pensi, credi a ciò che vedi

Nel primo studio, i ricercatori volevano sapere se potevano convincere la gente che avevano commesso un atto che non avevano fatto. Per realizzare ciò, hanno creato un compito di gioco a scelta multipla computerizzato per i partecipanti da completare, il che ha comportato l'aumento delle vincite da una somma di denaro il più possibile rispondendo alle domande. Il denaro è stato prelevato da una banca online in base alle indicazioni fornite ai partecipanti dal programma per computer: quando hanno risposto correttamente alle domande, gli è stato detto di prelevare denaro dalla banca; quando hanno risposto in modo errato, sono stati incaricati di depositare i soldi in banca. I soggetti sono stati videoregistrati mentre completavano il compito.

Successivamente, ai partecipanti è stato chiesto di sedersi e discutere del compito con un ricercatore. Durante la discussione, il ricercatore ha affermato di aver identificato "un problema" durante l'attività, e quindi ha accusato il partecipante di aver rubato del denaro alla banca. Ad alcuni partecipanti è stato detto che le prove video hanno mostrato che stavano prendendo i soldi (ma in realtà non avevano mostrato il video), mentre altri hanno mostrato che i video "provavano" che avevano preso i soldi. Ciò che i partecipanti non sapevano, ovviamente, è che il video era stato modificato per far sembrare che facessero qualcosa che non avevano. Ai partecipanti è stato quindi chiesto di firmare una confessione affermando che in effetti hanno preso i soldi dalla banca quando avrebbero dovuto restituirli.

Ai partecipanti furono date due possibilità di firmare la confessione, e alla fine della giornata tutti fecero. L'87% ha firmato la prima richiesta e il restante 13% ha firmato il secondo. È interessante notare che persino i partecipanti hanno appena detto, e non mostrato, che il video mostrava che prendere i soldi alla fine avrebbe rispettato la confessione.

Non l'ho visto, ma devo averlo visto

Il prossimo studio ha usato lo stesso principio, ma questa volta per vedere se la gente avrebbe accusato qualcun altro di fare qualcosa che non avevano. Di nuovo è stato utilizzato un compito di gioco d'azzardo, ma invece di una persona che lo ha completato, due persone affiancate l'hanno completato – sedendosi a neanche un piede di distanza, con i monitor in piena vista l'uno dell'altro. I soggetti sono stati videoregistrati come prima, e il video è stato analizzato come prima per mostrare ad uno dei due partecipanti di prendere i soldi.

Successivamente, è stato chiesto al partecipante "innocente" di discutere il compito con un ricercatore e ha detto che era stata ottenuta la prova video che mostrava che l'altro partecipante ha rubato del denaro. Per perseguire l'azione contro quella persona, ha detto il ricercatore, il partecipante innocente dovrebbe firmare una testimonianza che corrobori le prove video. Alcuni dei partecipanti erano, come prima, solo a sapere che il video esisteva, mentre altri venivano mostrati sul video modificato (e c'era anche un gruppo di controllo che non ne parlava né mostrava il video).

I risultati: quando per la prima volta ho chiesto di firmare la testimonianza contro l'altra persona, quasi il 40% dei partecipanti che hanno guardato il video ha rispettato. Un altro 10% è stato firmato quando è stato chiesto una seconda volta. Solo il 10% di coloro che sono stati informati del video ha accettato di firmare e circa il 5% del gruppo di controllo ha firmato la dichiarazione.

Questi risultati indicano il potere allarmante del video per modellare e distorcere la memoria, non solo sugli altri, ma anche su noi stessi. Nel primo studio non è stato solo guardando un video che ha fatto la differenza; essere semplicemente detto che un video esisteva ha avuto un impatto quasi altrettanto grande. E vale la pena notare che nel secondo studio alcune delle persone che hanno firmato la testimonianza sono diventate così convinte che l'altra persona era colpevole di aver inserito ancora più dettagli di comportamenti sospetti, come se sapessero che l'altra persona stava facendo qualcosa sbagliato tutto il tempo.

Al rialzo, la maggioranza dei partecipanti al secondo studio ha rifiutato di firmare la testimonianza in nessuna circostanza. E chiaramente ci sono un sacco di esempi di cattivi risultati prevenuti, e i malfattori reali colti, attraverso prove video. Ma se le immagini fabbricate portano persino una piccola percentuale di persone a gettare qualcuno sotto il proverbiale autobus, la preoccupazione (sebbene non la paranoia) è ancora ampiamente giustificata.

Copyright 2010 David DiSalvo

Solutions Collecting From Web of "Devo essere colpevole – il video dice così"