Devi essere forte

Oggigiorno ci sono 2,9 milioni di rifugiati siriani in Turchia e 500.000 a Istanbul. Sono considerati "ospiti graditi" e per la maggior parte non vivono nei campi profughi. Sebbene siano stati esposti a traumi di guerra in Siria e continue avversità in Turchia, e siano stati trovati per avere tassi significativi di Disturbo da Stress Post-Traumatico e Depressione, la stragrande maggioranza non cerca o riceve servizi di salute mentale.

All'inizio di quest'anno ero a Istanbul, intervistando famiglie di rifugiati siriani, insieme a due colleghi (il dottor Aliriza Arenliu dell'Università di Pristina e il dott. Nathan Bertelsen dell'Università di Koc). È stato facile per noi riconoscere in molti i sintomi post traumatico da stress e depressione. Tuttavia, ugualmente sorprendente è che nessuno di loro ha inquadrato la propria condizione usando quelle diagnosi.

Tipico era la caratterizzazione di questo giovane di ciò che accadde a suo cugino quando i suoi figli furono uccisi: "Il suo cervello non poteva prenderlo, che li perse. Mi ha detto che è malato, quindi l'ho portato all'ospedale. Il dottore gli ha dato delle medicine e gli ha detto: "Sei psicologicamente stanco e devi riposare".

Ho chiesto, "Ci sono parole che usi per descrivere le sue condizioni?" E lui ha risposto: "Estrema tristezza. Effetto dalla guerra. Crollo nervoso. "Quando ha detto un esaurimento nervoso, sembrava più simile a una condizione medica, come i nervi erano letteralmente rotti.

In altri casi, le persone si sono concentrate meno sulla guerra e più sui tempi duri in Turchia, compresi i salari particolarmente bassi, le lunghe ore di lavoro e la truffa dei loro guadagni.

Quando i loro problemi di salute mentale sono nel peggiore, cercheranno cure mediche e farmaci, se disponibili. Che altro fanno?

Sua madre ha spiegato come quando perdi una persona cara, "Non puoi parlare. Ti arrabbi. Tu rimani da solo. Dopo un po 'torni alla normalità. "Fai affidamento sulla tua famiglia e sui tuoi amici."

Con il loro cugino, "Abbiamo cercato di calmarlo. Gli ho detto di avere pazienza e prendersela comoda. Non so cos'altro si può dire. Questa è guerra e le bombe cadono ovunque. Chi muore e chi no, non lo sappiamo. Devi aspettarti tutto. "Ha aggiunto che deve essere forte," così può continuare la sua vita ".

Abbiamo ascoltato molte storie straordinarie di solidarietà e sostegno familiare, in cui i membri della famiglia hanno fornito sostegno emotivo e pratico l'uno all'altro a fronte di tutti i diversi tipi di avversità. Questo è un componente della loro capacità di recupero.

Un altro è il tema dell'accettazione, che è stato spesso espresso dalle famiglie. Questa è una convinzione familiare basata sull'Islam, che non importa quanto triste, la loro situazione è il destino e una prova della loro capacità di cavarsela, un modo di dare un senso alle avversità. "Dio ha voluto che questo accadesse, quindi dobbiamo accettarlo", hanno detto molti.

Anche se cercano di essere forti e di sostenersi a vicenda, sono molto necessari sforzi per aiutare ad affrontare le loro sofferenze. Tuttavia, la progettazione di attività per aiutare i rifugiati siriani, dovrebbe cercare di lavorare con, non contro, i loro valori e modi di affrontare. La stragrande maggioranza non accederà mai a servizi di salute mentale formale, ma potrebbero funzionare altre strategie basate sulla condivisione delle attività. La condivisione delle attività implica che le funzioni eseguite una volta esclusivamente da medici specialisti sono in tutto o in parte trasportate da un'altra persona che è più disponibile e meno costosa.

Una strategia potrebbe essere quella di formare un gruppo di lavoratori della comunità laica per fornire un primo soccorso psicologico alle famiglie di rifugiati, insegnando loro come autogestire i loro sintomi con tecniche cognitive comportamentali come la respirazione profonda. Possono usare queste tecniche per aumentare il loro sostegno reciproco.

Un altro potrebbe essere quello di addestrare medici e infermieri siriani in Turchia (a quanto pare un numero considerevole è autorizzato a praticare dalle autorità turche) su come schermare e trattare problemi di salute mentale e familiare psicosociale come il DPTS e la depressione. Poiché questi medici e infermieri si fidano delle famiglie di rifugiati siriani, dovrebbero essere in grado di sostenere i loro attuali modi di affrontare, introducendo nuove comprensioni e tecniche per affrontare le difficoltà di salute mentale.

Riconoscere e valorizzare i punti di forza dei rifugiati siriani è la cosa giusta da fare, ma da sola non può compensare queste disparità e richiede strategie innovative per ottenere loro supporto e servizi necessari.

Solutions Collecting From Web of "Devi essere forte"