Determinare cosa è il comportamento normale e cosa no

Il concetto di malattia fisica è facilmente intuibile: il corpo diventa infetto o infiammato, cresce in modo anomalo o viene colpito in molti modi diversi, ognuno dei quali può essere studiato in modo convenzionale con test di laboratorio o al microscopio. Ma una malattia mentale è qualcos'altro. Le malattie mentali o le malattie emotive sono disturbi del comportamento, del sentimento e del pensiero. Sono disturbi della funzione che non corrispondono prontamente a precisi menomazioni fisiche e che sembrano, quindi, espressioni intangibili-vaghe e aberranti della mente. Allo stesso tempo, sono inafferrabili, perché sembrano essere solo esagerazioni del modo in cui la gente comune pensa e si comporta. E così sono.

Ogni persona è distintiva, un individuo particolare con le sue idee e il suo modo di fare le cose. I malati di mente sembrano speciali solo perché sono più distintivi. Sono idiosincratici o eccentrici, persino peculiari; eppure nella loro stranezza non c'è nulla di irriconoscibile. Non provano alcun impulso né desiderio che sia estraneo a una persona normale e non hanno alcuna illusione che una persona normale non abbia conosciuto. I sintomi della malattia mentale sono incorporati e crescono fuori dalla normale personalità. Poiché la vita è comunque varia e complessa, è difficile determinare dove il comportamento normale si allontani e inizi il comportamento anormale. In ritiro da questa allettante ambiguità, alcuni psichiatri hanno scelto di assumere la posizione che non esiste una malattia mentale. In un argomento simile, si potrebbe sostenere che poiché l'arancio si fonde strettamente con il rosso, non esiste nulla come l'arancione.

Una studentessa di medicina assegnata a un reparto psichiatrico valutò la sua prima paziente, una ragazza di diciotto anni che era stata ricoverata in ospedale perché sua madre si era lamentata che c'era qualcosa in lei. Seguendo una discussione con un insegnante, la ragazza si era ritirata e si preoccupava della religione. Cominciò a mangiare male e lasciò la sua stanza in disordine, il che era fuori dal personaggio, perché di solito era molto ordinata. Poi, il giorno prima della sua ammissione, fu trovata seduta su una piattaforma della metropolitana, facendo penzolare i piedi oltre il bordo.

Lo studente di medicina, dopo averle parlato in alcune occasioni, disse al direttore del reparto che a suo parere non era molto malata. Tutto ciò che notò su di lei fu una sorta di voluttà di pensiero e un umore un po 'depresso, che pensò non fosse in contrasto con le spiacevoli circostanze di essere in un reparto psichiatrico, specialmente per una ragazza sensibile. Sebbene il suo paziente avesse poco da dire sull'episodio nella stazione della metropolitana, lo spiegò come uno scherzo adolescenziale. L'adolescenza è un tempo in cui si dà il comportamento sciocco e impulsivo, ha detto, e alle preoccupazioni con la religione, del resto. Continuò a dire che ci fu un tempo durante la sua adolescenza quando lui stesso si occupava di questioni religiose. E per quanto riguarda la confusione, la sua stanza era ancora adesso, un casino. Disse, in conclusione, che se fosse stata malata emotivamente, pensò che forse anche lui stesso, e certamente alcuni dei suoi compagni di classe, erano malati.

Questo studente di medicina sentì un rapporto con il suo paziente che gli permise di vedere il mondo attraverso i suoi occhi. Tuttavia, si sbagliava su di lei. Lei era psicotica. Non sapeva ancora dove finiva il normale comportamento e qualcos'altro aveva inizio. Non aveva visto l'arancione e il rosso conficcarsi l'uno contro l'altro abbastanza spesso da distinguere l'uno dall'altro. Per quanto riguarda i suoi compagni di classe, è probabile che avesse ragione e che tra di loro ce ne fossero alcuni che erano effettivamente malati di mente, poiché i disturbi emotivi sono comuni e nessuno è immune.

Se le manifestazioni della malattia mentale possono essere viste solo in rilievo rispetto al comportamento normale, che cosa, dopotutto, è un comportamento normale? Che tipo di persona è una persona normale? È qualcuno, prima di tutto, che si sente felice per una parte considerevole del tempo. Non sempre, ovviamente. È arrabbiato quando è frustrato, deluso quando fallisce. Si addolora quando ha perso qualcuno. A volte è spaventato. Ma non è tipicamente di nessun umore, perché c'è un'attitudine ai suoi sentimenti, una corrispondenza tra loro e le circostanze della sua vita. Dal momento che le circostanze della vita di ogni persona sono varie, lo sono anche i suoi sentimenti. Eppure, in generale, pensa di essere felice. Può relazionarsi con altre persone, essere assertivo quando appropriato e conciliante in altri momenti. Potrebbe non sentirsi a proprio agio con tutti, ma si sente sicuro all'interno della sua famiglia e tra i suoi amici.

E ci sono gruppi – religiosi, forse, o sociali – con i cui membri si sente un'identità. E lui può amare, il che significa che può essere fiducioso e affettuoso. E lui può fare l'amore senza sentirsi oppresso o a disagio. Una persona del genere si trova spesso impegnata con altre persone, o persino con un'idea, in una misura in cui si perde in uno scopo più grande. Di conseguenza, quando ha dei figli, diventa parte di loro e continua nella loro vita, così che la morte personale diventa meno reale e meno spaventosa.

Una persona normale può lavorare con soddisfazione, se è un lavoro dignitoso; e può rilassarsi quando non sta lavorando. Ama il gioco. In effetti si diverte molto il tempo, anche se sta solo parlando con un amico o guardando la televisione. Ma probabilmente la qualità che definisce una persona normale è una sorta di flessibilità che gli consente di adattarsi alle diverse esigenze e stress che la vita gli impone. Può tollerare il conflitto, la frustrazione e la solitudine, in una certa misura. Ed è capace di cogliere anche la vita. Ha successo nel lavoro, con le persone e nella sua famiglia, in una certa misura. Probabilmente è possibile continuare a disegnare all'infinito la forma di un essere umano ideale, ma mentre viene disegnato sempre più precisamente, assomiglia sempre meno a chiunque nel mondo reale. Eppure ci sono persone normali.

Forse è più facile dire cosa non si intende per normale di ciò che è. Normale non è nella media. Se qualcuno potesse essere nella media in ogni modo concepibile, potrebbe comunque essere disturbato, sebbene un uomo perfettamente normale non sia più reale di qualcuno che sia perfettamente normale. Viceversa, essere atipico non significa che qualcuno è malato. Un uomo può essere ancora normale che ogni giorno dorme solo cinque ore, lavori un lavoro extra a tempo pieno e faccia tre docce. Ma sapere come qualcuno si discosta dalla media è importante per capirlo, per tre motivi:

1. Sebbene un particolare comportamento non possa essere di per sé anormale, potrebbe essere parte di uno schema che riflette un processo anomalo. Dormire meno della media, ad esempio, a volte è associato a gravi depressioni e altre psicosi. Inoltre, se qualcuno è estremamente lontano dalla media in un certo senso di comportamento o atteggiamento, è probabile che si rivelerà essere emotivamente malato da altri criteri.

2. Di conseguenza, qualcuno che è significativamente diverso dagli altri può essere sottoposto a uno sforzo particolare, perché per stare con le persone è necessario fare più o meno le cose che fanno gli altri. Un uomo che lavora due lavori a tempo pieno, ad esempio, non è probabile che sia a casa quando è la sua famiglia. Se è lontano dalle persone importanti nella sua vita la maggior parte del tempo, in una certa misura, inevitabilmente, sarà privato emotivamente.

3. Ma la cosa più importante, un individuo è se stesso solo in quei punti in cui è diverso dagli altri. Di conseguenza questi sono punti di partenza per una ricerca in una comprensione di lui. Il comportamento umano è sempre difficile da capire, perché è un'espressione per la maggior parte dei desideri e dei conflitti inconsci; tuttavia, la personalità diventa tangibile in queste abitudini e atteggiamenti fuori dall'ordinario. Ci si può chiedere perché, per esempio, un uomo farebbe tre piogge ogni giorno. Può essere perché pensa a se stesso o al suo corpo come impuro; o potrebbe trovare un piacere sensuale nello sfregarsi; o potrebbero esserci innumerevoli altri motivi, ognuno dei quali può illuminare un aspetto della sua personalità. Sapere cosa è speciale per qualcuno è sapere, almeno, a cosa vale la pena prestare attenzione per un terapeuta e cosa chiedere.

Normale anche non significa aggiustato, se quella parola è usata per riferirsi a qualcuno che accetta l'etica dominante di una particolare società. Per prima cosa, quell'etica spesso non è ciò che pretende di essere. Le regole non scritte che regolano il comportamento sessuale in questo paese, ad esempio, sono a malapena quelle che escono dal pulpito. Anche un simile fondamento della civiltà come la legge, di cui si parla invariabilmente di stima, viene trattato in realtà con blando disprezzo. Non ci si aspetta che la gente obbedisca rigorosamente alla legge, non più di quanto ci si aspetti che lavori per un giorno intero o per mantenere tutte le promesse che fanno.

Ma anche se la società fosse più coerente, ci sarebbe ancora spazio per una persona non convenzionale. Ad ogni estremo del costume sociale, ci sono persone normali e persone creative e di valore. Normale non si riferisce a uno stato di essere affatto, ma piuttosto a un processo, al processo di crescita e alla vita. L'adolescenza è stata descritta come un continuo adeguamento al business della crescita, ma quell'adeguamento va avanti ad ogni età. Da qualche parte lungo la strada, se una persona è in salute, impara a essere se stesso e adempiere se stesso, ma il processo non è mai completo. Può conoscere se stesso, ma mai del tutto, perché sta sempre cambiando. Se non è in grado di cambiare abbastanza per compensare nuove circostanze in questa vita, allora svilupperà un disturbo emotivo. Per questo motivo la malattia emotiva può sempre essere considerata un fallimento dell'adattamento.

Quindi se la salute mentale è un processo di crescita, la malattia mentale è un'inibizione di quel processo. Se essere normali è lavorare, amare e sentirsi felici, relativamente l'essere emotivamente disturbato è soffrire di una menomazione relativa in queste capacità. Non c'è ancora una migliore distinzione tra salute e malattia, o tra una persona comune e qualcuno che si è ammalato. (Questo passaggio è tratto da "Cura: trattamento domiciliare per i disturbi emotivi.") © Fredric Neuman Segui il blog del Dr. Neuman su fredricneumanmd.com/blog

Solutions Collecting From Web of "Determinare cosa è il comportamento normale e cosa no"