Desiderio vs bisogno emotivo

Anche dopo un sacco di cura di sé, un cuore affamato di intimità può occasionalmente gridare il suo desiderio di ansia o disperazione. Quando ciò accade, non dovremmo confondere la brama perfettamente naturale per una stretta relazione con un bisogno emotivo per uno. La migliore possibilità di trovare l'amore liberamente donato in una relazione sicura consiste nell'accostarla dal desiderio, non dal bisogno emotivo.

"Libertà di amare" è una frase chiave. Per essere liberi di fare qualcosa, dobbiamo essere liberi di non farlo. Siamo liberi di amare solo nella misura in cui non siamo costretti a farlo in inutili tentativi di alleviare la colpa, la vergogna o la paura dell'abbandono o da sforzi fuorviati per compensare gli errori del passato o, peggio ancora, interpretando erroneamente i sentimenti vulnerabili come segnali di bisogno emotivo.

Un bisogno emotivo è una preferenza o un desiderio che tu hai deciso che deve essere gratificato per mantenere l'equilibrio, cioè, non puoi stare bene o sentirti integro senza di esso.

La percezione del bisogno inizia con un aumento dell'intensità emotiva: ti senti più fortemente nel fare questo o nel farlo. Con l'aumentare dell'intensità, può sembrare che tu abbia "bisogno" di farlo o di averlo, per una ragione convincente: è lo stesso processo emotivo del bisogno biologico. Quando l'emozione improvvisamente aumenta, il tuo cervello confonde preferenze e desideri con bisogni biologici. Ecco come funziona.

Normalmente non senti nulla sulla respirazione, finché non hai difficoltà a farlo. A quel punto, l'intensità emotiva picchietta per segnalare l'imminente minaccia di sopravvivenza. Allo stesso modo, normalmente non senti nulla quando il tuo partner sta lavorando al suo computer. Ma se parli con lui, e lui sembra ignorarti, è probabile che la tua intensità emotiva aumenti, fino a quando il desiderio per la sua attenzione sembra esserne un bisogno. Invece di cercare di coinvolgere l'interesse del tuo partner perché lo desideri, lo chiederai, perché "ne hai bisogno" o punendolo per non aver soddisfatto i tuoi bisogni. Ora, secondo te, è più probabile che tu ottenga il tipo di attenzione che desideri di più da una persona amata, mostrando interesse per lui o chiedendo di "soddisfare i tuoi bisogni?"

L'abitudine di interpretare le preferenze e i desideri come "bisogni" distorce enormemente l'esperienza soggettiva. L'intensità emotiva può aumentare e diminuire per molte ragioni, molte delle quali hanno poco significato psicologico. Per esempio, il tuo attuale stato fisiologico (affamato, assetato, stanco, gonfio, malato, agitato, ormonale, ecc.), Così come l'ora del giorno, i repentini cambiamenti del tempo e lo stato attuale del tuo valore personale, influenza variazioni dell'intensità emotiva in misura maggiore rispetto alla maggior parte delle preferenze o dei desideri. Quando sei affamato, sfinito, malato, congelato o depresso, quanto sei amorevole, riconoscente, comunicativo, sicuro, sicuro, ecc., Puoi provare?

Anche se l'associazione è in gran parte artificiale e accidentale, quando l'aumento dell'intensità emotiva stimola una percezione del bisogno, quella percezione, a sua volta, aumenta l'intensità emotiva. In altre parole, la percezione del bisogno diventa auto-rinforzante: "Lo sento, quindi, ne ho bisogno, e se ne ho bisogno, devo sentirlo di più".

Questa caratteristica auto-perpetua della percezione del bisogno è prevalentemente inconscia. Il modo in cui raccoglie la forza cosciente consiste nella falsa spiegazione dell'esperienza negativa. Per esempio, se percepisco di avere dei bisogni emotivi e mi sento male in qualsiasi modo per qualsiasi ragione, è perché i miei bisogni non sono soddisfatti. Non importa che io sia stanco, che non mi stia esercitando, annoiato, inefficace sul lavoro, o stressato dal pendolare o dal mercato azionario in declino, o, cosa più importante, se ti sto maltrattando o altrimenti violando i miei valori più profondi; la ragione per cui mi sento male è che non stai soddisfacendo i miei bisogni.

Una volta che il cervello si convince di aver bisogno di qualcosa, la sua ricerca può facilmente diventare ossessivo, compulsivo o coinvolgente. In termini di motivazione, i bisogni emotivi percepiti sono abbastanza simili alle dipendenze. I miei clienti che pensano di avere forti esigenze emotive iniziano quasi sempre il trattamento con descrizioni delle loro relazioni che suonano molto più come dipendenza che desiderio:

"Non posso vivere senza di lei."

"Scuoto dappertutto quando se n'è andato."

"È come il paradiso quando è gentile con me."

Un cliente in realtà disse: "Lei è la mia droga. Non posso affrontare la giornata senza una sua dose. "

Mentre il corpo contribuisce a livello cellulare alla dipendenza, la mente decide esclusivamente di avere un bisogno emotivo. La sensazione può diventare così potente che ci fa credere che abbiamo buchi dentro di noi che qualcun altro deve riempire. Questa è una tragica e falsa ipotesi che porta quasi sempre a relazioni sbagliate. Nessuno ha buchi all'interno, solo unità per creare valore.

I grandi fori attirano le piccole tazze

Se credi di avere dei buchi dentro, quasi certamente attirerai un compagno con una piccola tazza per riempirli. Ecco perché.

Per prima cosa, le persone con grandi coppe, vale a dire, un sacco di amore da dare, non cercano partner con grandi buchi. Vogliono partner che hanno anche grandi coppe, che possono dare tanto quanto in una relazione. Ma se mi accorgo di avere una tazza piccola, cioè, non molto da dare, sarò attratta da qualcuno che pensa che lei abbia dei grandi buchi, perché i suoi "bisogni emotivi" mi ispireranno a diventare il suo salvatore o eroe o qualunque altra necessità lei progetta. Certo, non potrò mantenere il ruolo di donatore o soccorritore per molto tempo, perché sono così innaturali per me. Alla fine la condannerò per i "bisogni" che per primi mi hanno attratto: "Nessuno può soddisfare i tuoi bisogni; sei insaziabile! "

Quando "Ti amo" degenera in "Incontra i miei bisogni!"

Non importa quanto seducente "I need you", possa sembrare nelle canzoni popolari, il partner che "ha bisogno" di te non può amarti liberamente. La maggior parte dei dolorosi conflitti delle relazioni intime inizia con un partner che fa una richiesta emotiva – motivata da un "bisogno" percepito – che l'altro, motivato da un "bisogno" diverso, considera una richiesta. Questa è la classica relazione dinamica conosciuta come richiesta-ritiro: più un partner richiede, meno l'altro può dare; più uno supplica, più l'altro si allontana. Entrambi si sentono vittime. In effetti, qualsiasi disaccordo può sembrare un abuso quando il "bisogno" percepito di uno da convalidare si schianta a precipizio nel "bisogno" dell'altro di non sentirsi manipolato:

"Se mi amassi, faresti quello che voglio (o vedrò il mondo nel modo in cui lo faccio)", sostiene uno.

"Se mi amassi, non avresti provato a controllarmi", gli altri segnalini.

"Se mi amassi, lo faresti."

"Se mi amassi, non mi chiederai di farlo."

Finché si accorgono di avere bisogni emotivi che i loro partner devono gratificare, il loro desiderio di amare è ridotto a "Ottenere i miei bisogni soddisfatti", che il partner percepisce come "Devo rinunciare a chi sono per soddisfare i tuoi bisogni. ”

Il modo migliore per evitare questo tipo di entanglement che conduce quasi inevitabilmente a una qualche forma di tradimento intimo è costruire relazioni sul desiderio e sui valori reciproci, piuttosto che sul bisogno emotivo percepito.

Vivere e amare dopo il tradimento

Solutions Collecting From Web of "Desiderio vs bisogno emotivo"