Depressione prescolare: un invito alla curiosità

La ricerca della dott.ssa Joan Luby presso la Washington University, che si potrebbe chiamare la madre della depressione prescolare, esemplifica il modello di malattia della psichiatria biologica. Il pericolo di questo modello è la certezza con la quale i bambini piccoli sono etichettati con gravi disturbi psichiatrici senza possibilità di trovare un significato nel comportamento.

La ricerca contemporanea all'interfaccia tra psicologia dello sviluppo, neuroscienza e genetica dimostra che i bambini sviluppano la capacità di regolazione emotiva, intraprendenza cognitiva e salute mentale generale quando i caregiver rispondono al significato di comportamento piuttosto che al comportamento stesso.

Luby e il suo gruppo di ricerca hanno prove delle differenze cerebrali nei bambini con comportamenti che rientrano nella categoria dei Disturbi Depressivi Maggiori come definito dal Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM). Uno studio pubblicato di recente ha dimostrato che all'età di 6 anni, i bambini che avevano ricevuto una diagnosi di depressione in età prescolare avevano volumi più piccoli di una struttura chiamata insula rispetto ai bambini che non avevano questa diagnosi. Inoltre, i bambini che esibiscono quella che chiamano "colpa patologica" avevano più probabilità di avere un volume più piccolo dell'insula. Le loro conclusioni sono duplici. Uno è che l'insula è implicata come un "biomarker" per la depressione maggiore. Il secondo è che aiutare i bambini a "gestire" i sintomi di "colpa patologica" potrebbe offrire un percorso per la prevenzione.

Questa interpretazione suona per me campanelli d'allarme. Il gruppo di Luby non difende il trattamento farmacologico della depressione, ma la vulnerabilità agli sforzi di marketing da parte dell'industria farmaceutica è inerente all'etichettatura di un bambino con questo grave disturbo psichiatrico. Spero di suonare queste campane prima che il DSM definisca la depressione in età prescolare come la strada dell'ADHD, con i bambini che vengono medicati in assenza di spazio e tempo per ascoltare la storia, per capire il comportamento non come un sintomo di un "disturbo", ma come una forma di comunicazione.

Ammiro il lavoro del Dott. Luby in quanto sta richiamando l'attenzione sulla necessità di sostenere i bambini che stanno lottando negli anni prescolari. Mentre Luby e il suo gruppo sostengono interventi che sostengono le relazioni genitore-figlio come una forma di prevenzione, il pericolo di questo modello è la sua assenza di opportunità di ascolto. La sua ricerca è un classico esempio di un modello medico di malattia. In un altro studio recente, Luby e il suo team identificano come i bambini in età prescolare con quello che chiamano "comportamento provocatorio ad alta intensità" e "scoppi d'ira ad alta intensità" hanno più probabilità di essere diagnosticati con disturbo della condotta. Ma i capricci sono sintomi, una forma di comunicazione. Il disturbo della condotta può risultare quando tale comunicazione non viene ascoltata.

I genitori di Isabel di 4 anni, Martin e Andrea, erano sconvolti dal fatto che lei spesso si definisse "cattiva", anche se in certe occasioni diceva: "Odio me stesso". Subito accettò la colpa quando qualcosa andò storto. Con il tempo e lo spazio per sentirmi al sicuro nel mio ufficio, mi hanno raccontato la seguente storia (i dettagli, come sempre, sono cambiati per proteggere la riservatezza). Quando Martin si comportava male da bambino, suo padre lo schiaffeggiava in faccia, rimproverandolo di essere , "Un imbarazzo per la famiglia". Ha condiviso ricordi vividi, accompagnati da profondi sentimenti di vergogna e umiliazione, di essere afferrato per l'orecchio e trascinato via dalle riunioni di famiglia. Ora stesso padre, senza nessun altro modello per la disciplina, si ritrovò a ripetere lo stesso schema con la propria figlia. "Cosa c'è che non va in te?" Avrebbe urlato. I suoi frequenti crolli, il motivo della visita con me, precipitavano urlando e comandavano di "andare nella tua stanza". Le lacrime gli colavano nei suoi occhi quando lo condivideva nei loro momenti peggiori, aveva afferrato sua figlia per i capelli.

Isabel, in modo più simile a sua madre che a suo padre, era molto sensibile e facilmente disorganizzata, una qualità che mostrava sin dalla nascita, in contrasto con il suo "facile" fratellino. Entrambi i genitori hanno riconosciuto un profondo conflitto sulla disciplina. Andrea è cresciuto in una casa che, a differenza di quella di Martin, aveva poca disciplina. "Ma", ha detto, "ero" brava ragazza ", quindi non era un problema. Ora Martin la biasimava spesso per il comportamento di Isabel, provocando un'atmosfera di tensione nella casa, aggravata dalla deprivazione cronica del sonno che accompagnava l'arrivo di un nuovo bambino.

Mi chiedo se quello che Luby e colleghi chiamano "" colpa patologica "sia in realtà una vergogna. Il senso di colpa può essere un'esperienza emotiva normale e salutare. "Sono colpevole" può anche significare "Sono responsabile". La vergogna, al contrario, è patologica ed è associata sia alla depressione che all'ansia nell'infanzia e nell'età adulta. Ma senza l'opportunità di ascoltare la storia, è impossibile sapere. Conoscendo questa storia, possiamo capirla come una sorta di trasmissione intergenerazionale della vergogna. Forse se questo schema dovesse continuare nella famiglia di Isabel, una scansione cerebrale tra qualche anno potrebbe mostrare che Isabel ha un'isoletta più piccola di suo fratello.

La prevenzione non consiste nell'insegnare ad Isabel a "gestire la sua colpa". Questo approccio rappresenta una svalutazione dell'ascolto, una svalutazione del potere di guarigione della connessione umana. Questo approccio va di pari passo con il modello di malattia, esemplificato dal sistema DSM, che pone il problema direttamente nel bambino, senza considerare il suo coinvolgimento nel contesto delle relazioni.

Una volta che Martin ebbe l'opportunità di identificare la fonte del suo comportamento nella sua storia, potrebbe cambiare il suo comportamento con sua figlia. Si sentiva ascoltato e capito, e quindi era più in grado di ascoltare sua figlia, riconoscere quel pediatra che lo psicanalista ha definito DW Winnicott "il vero sé". Entrambi i genitori potevano adottare un modello di disciplina adatto alle sue qualità uniche. Andrea e Martin hanno visto come il loro conflitto, anche quando hanno cercato di tenerlo lontano dai loro figli, ha influenzato il livello di tensione nella casa. Nella normale frenesia di attività che si verifica in una famiglia con un nuovo bambino, non avevano tempo o spazio per riflettere su questi problemi.

Dare ai bambini una diagnosi di depressione maggiore e trarre conclusioni basate su scansioni cerebrali senza la possibilità di ascoltare la storia è un preoccupante tipo di certezza. Al contrario, nello spazio e nel tempo per non sapere, per consentire lo svolgimento della storia, abbiamo l'opportunità di comprendere il significato del comportamento in tutta la sua complessità. Ci sono tante variazioni nella storia quante sono le famiglie.

Molti di coloro che sostengono l'uso dell'etichetta diagnostica della depressione nel gruppo di età prescolare sostengono che l'alternativa è minimizzare il problema, negare che i bambini piccoli soffrano di sentimenti profondi di tristezza, o che facciano eco alla frase che ho spesso qui dai genitori, "Non fare nulla". Ma ascoltare non è "niente". Come ha detto la psicoanalista Sally Provence, "Non fare semplicemente qualcosa, stare lì e prestare attenzione".

Solutions Collecting From Web of "Depressione prescolare: un invito alla curiosità"