Depressione: le terapie farmacologiche funzionano sempre?

Ripubblicato dalla rivista online "The Trauma & Mental Health Report"

L'industria farmaceutica incassa oltre 300 miliardi di dollari l'anno nelle vendite di farmaci psicotropi. Incluso in questa figura sono le prescrizioni per coloro che soffrono di depressione e ansia.

Tuttavia, sono emerse prove recenti che mettono in dubbio non solo l'efficacia dei trattamenti farmacologici per le persone depresse, ma anche se gli stessi farmaci potrebbero esacerbare gli stessi problemi che sono stati progettati per risolvere.

Gli antidepressivi, sono comunemente prescritti da medici di famiglia, professionisti con formazione limitata in psichiatria. I farmaci sono spesso forniti come trattamento singolare a lungo termine per la depressione, con poca o nessuna attenzione ai fattori ambientali o al background unico del paziente. Una precedente storia di abusi intra-familiari, traumi psicologici o violenza domestica che così spesso conducono alla depressione e all'ansia nell'età adulta non viene efficacemente trattata con i soli farmaci.

La sovra-medicazione di problemi di salute mentale come la depressione può essere, in parte, il risultato di un marketing aggressivo. Recentemente, la National Alliance on Mental Health di San Diego ha prodotto un opuscolo che afferma: "Dal momento che un diabetico prende l'insulina, la maggior parte delle persone con gravi malattie mentali ha bisogno di farmaci per aiutare a controllare i sintomi." Questa è solo una delle tante campagne pubblicitarie che perpetuano il " teoria dello squilibrio chimico come la causa unica o primaria della malattia mentale come la depressione.

Tuttavia, le ricerche condotte da scienziati di tutto il mondo, tra cui uno studio del 1984 del National Institute of Mental Health (NIMH), non hanno ancora trovato prove convincenti che gli individui affetti da depressione abbiano effettivamente uno squilibrio chimico o livelli più bassi di serotonina (un neurotrasmettitore) , rispetto alle persone con uno stato psicologico più tipico.

Eppure le persone che soffrono di depressione sono comunemente trattate con farmaci che aumentano i livelli di serotonina nel cervello. Nel 2005, lo psichiatra irlandese David Healy scrisse che "La teoria della serotonina della depressione è paragonabile alla teoria masturbatoria della follia".

Invece di un miglioramento generale nel funzionamento quotidiano, i pazienti medicati spesso mostrano solo una riduzione a breve termine di alcuni dei sintomi più acuti a scapito di effetti collaterali spesso intensi come aumento di peso, stanchezza e tremori. Alcuni sostengono che i farmaci psichiatrici possono causare danni permanenti al cervello, trasformando un disturbo episodico in uno cronico. Nel suo libro, Anatomy of an Epidemic, lo scrittore Robert Whitaker presenta prove che i pazienti trattati con farmaci potrebbero effettivamente essere molto peggio di quelli che non vengono mai medicati.

Whitaker presenta una ricerca che mostra che i pazienti affetti da depressione che non hanno assunto un antidepressivo spesso sperimentano una maggiore riduzione dei sintomi, un miglioramento del funzionamento e minori probabilità di recidiva delle loro controparti medicate. In un esempio specifico, gli scienziati olandesi hanno condotto uno studio retrospettivo su 222 pazienti con depressione che hanno esaminato i loro sintomi per un periodo di dieci anni. Hanno riferito che il 76% di chi non era mai stato medicato, recuperato e non recidiva, rispetto a solo il 50% che aveva assunto antidepressivi.

Un altro studio di Whitaker descritto dal British Journal of Psychiatry ha rilevato che i pazienti con diagnosi di depressione che assumevano un antidepressivo avevano il doppio delle probabilità di andare incontro a invalidità a lungo termine rispetto a quelli che rimanevano senza farmaci.

Le prove supportano anche l'idea che il rischio di recidiva aumenta con il tempo che il paziente è sull'anti-depressivo. Lo psichiatra Giovanni Fava dell'Università di Bologna ha riassunto le statistiche relative alla recidiva, affermando che l'uso di antidepressivi sembra "peggiorare la progressione della malattia a lungo termine, aumentando la vulnerabilità biochimica alla depressione".

Infatti, Fava sostiene che "nel campo della psicofarmacologia, i professionisti sono stati cauti, se non addirittura timorosi, di aprire un dibattito sull'eventualità che il trattamento sia più dannoso [che utile] … Mi chiedo se sia giunto il momento di discutere e avviare la ricerca la probabilità che i farmaci psicotropi peggiorino effettivamente, almeno in alcuni casi, la progressione della malattia che dovrebbero trattare ".

Con i farmaci prontamente disponibili per trattare i problemi di salute mentale, un minor numero di persone sta perseguendo altri interventi come alternativa. Uno studio dell'Archives of General Psychiatry ha riportato che negli ultimi anni il numero di persone con depressione che partecipano alla psicoterapia è diminuito da circa il 31,5% al ​​20%.

Questo è un problema serio poiché numerosi studi hanno scoperto che la partecipazione alla psicoterapia produce i migliori risultati per le persone con depressione, non solo nella riduzione dei sintomi, ma anche nel miglioramento del funzionamento generale.

Facile da ottenere e da assumere, i farmaci possono sostituire lentamente la psicoterapia come trattamento a lungo termine per problemi di salute mentale come la depressione. Data l'evidenza che tali farmaci possono causare più danni che benefici a lungo termine, potrebbe essere il momento di un aggiustamento nel modo in cui amministriamo e utilizziamo il trattamento farmacologico per la depressione.

– Contributing Writer: Crystal Slanzi, The Trauma & Mental Health Report

– Redattore capo: Robert T. Muller, The Trauma & Mental Health Report

Solutions Collecting From Web of "Depressione: le terapie farmacologiche funzionano sempre?"