Dentro la mente del vincitore della medaglia d'oro olimpica

Vincere la medaglia d'oro alle Olimpiadi appare un apice nella carriera di ogni atleta d'élite, ma l'idoneità fisica o tecnica non può, di fatto, essere il fattore cruciale. Sempre più scienziati sportivi si stanno convincendo che è grinta e determinazione, capacità di recupero e desiderio, che separa i vincitori dai perdenti.

La motivazione trionfa sul muscolo.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Ma quali sono esattamente questi aspetti mentali misteriosi, nascosti, ma cruciali che separano i vincitori dal resto, che sembrano provarci altrettanto? Il resto di noi può beneficiare anche delle strategie psicologiche dei vincitori della medaglia d'oro olimpica?

David Fletcher e Mustafa Sarkar, psicologi dello sport e della performance, hanno recentemente pubblicato uno degli studi più approfonditi di sempre, entrando nella mente dei vincitori della medaglia d'oro olimpica. Al momento della pubblicazione del loro articolo, entrambi erano basati presso la Loughborough University nel Regno Unito (dove storicamente gran parte della scienza alla base della formazione della campagna medaglia del Team GB è stata sviluppata).

Mustafa Sarkar è ora docente / docente senior in psicologia dello sport e dell'esercizio presso la Nottingham Trent University. L'indagine ha coinvolto un'analisi di 12 account dei vincitori della medaglia d'oro olimpica ai ricercatori su come hanno usato le loro menti per vincere.

La prima scoperta sorprendente dell'inchiesta, pubblicata sulla rivista accademica "Psicologia dello sport e dell'esercizio", è che tutte le vite di questi campioni non erano dominate dalla realizzazione prima di ottenere l'oro. Invece incontravano costantemente ostacoli e arretramenti sulla via del successo, eppure era la loro capacità mentale di fronte alle avversità, che sembrava separarli dal resto del campo e portarli alla vittoria finale.

La reazione di un campione a essere deselezionata per una grande competizione internazionale dimostra un implacabile ottimismo e un approccio proattivo, tipico dei vincitori della medaglia d'oro olimpica:

C'erano quattro di noi che si sfidavano per questi ultimi due posti e mi è stato detto che ero nell'elenco di riserva. E all'epoca era devastante ma è una di quelle cose; se non prendi un biglietto nel raf fl e, non vincerai mai un premio. Quindi devi prendere il biglietto che fa parte della vita e ti fa solo pensare, "Beh, cosa posso fare in modo diverso per assicurarmi di ottenere il successo?"

Paradossalmente, il fatto di non essere selezionato per le principali competizioni internazionali veniva spesso citato dalle medaglie d'oro come fondamento per sforzi e sforzi maggiori. Le perdite di concorrenza sono state viste come opportunità di apprendimento, consentendo future prestazioni migliorate. Gli arretramenti venivano reinterpretati in modi che significavano semplicemente raddoppiare i loro sforzi e non divennero scoraggianti.

Il fallimento non li ha rotti; li ha fatti.

Uno dei risultati più intriganti dello studio di Fletcher e Sarkar è che mentre i giornalisti amano tirare fuori il cliché del "sacrificio" quando invocano la performance d'élite, non era un concetto che i vincitori della medaglia d'oro avevano compreso.

Invece i migliori atleti del mondo si assumono un'enorme responsabilità personale per le loro scelte e sorprendentemente non si preoccupano di quanto perdono per il loro sport. Hanno accettato di scegliere attivamente le sfide che incontravano e, di conseguenza, hanno sopportato un equilibrio lavoro / vita molto diverso da noi, come hanno commentato i ricercatori:

Abbiamo lavorato tutti. Ma in termini di build up per le Olimpiadi, non ci siamo battuti ciglio nel farlo … è stata la nostra scelta per farlo. Non mi piace la parola sacrificio … Il sacrificio per me è l'ultima risorsa e non c'è alternativa … è spazzatura. Abbiamo fatto una scelta per farlo e penso che la scelta in quello che abbiamo fatto ci abbia molto apprezzato e penso che ci abbia ispirato, motivandoci a esibirci sul campo e come gruppo.

La reazione del vincitore di una medaglia d'oro all'allenamento durante le ore non sociologiche è caratteristica:

Ricordo che uno dei miei allenatori mi disse cosa stavo facendo durante Natale e dissi: "Oh, mi allenerò due volte il giorno di Natale. So che [il nome dell'avversario] non si allenerà il giorno di Natale due volte e questo mi darà un vantaggio ". Era più il lato mentale delle cose perché sapevo che avrei fatto qualcosa che non stava facendo.

Queste dimensioni private della vittoria tendono a non essere confidate ai microfoni che si affollano nei volti dei vincitori mentre scendono dal podio della vittoria. La loro condivisione di segreti così intimi per il successo è quindi ciò che rende questo studio dell'Università di Loughborough così raro e prezioso.

Un esempio del loro pensiero incessante e del ripensamento di ogni aspetto dettagliato della loro vita è questa citazione da un ciclista campione ai ricercatori:

Inizialmente, la formazione era solo qualcosa da togliere di mezzo. E poi gradualmente mi allenerei e penserei: "Sto ottenendo il massimo da questo? Sto sfruttando la sessione? "E, sai, se facessi un brutto tiro in palestra penserei:" Avrei potuto farlo meglio. Questa è un'occasione persa. Che cosa devo fare per essere migliore? "Quindi avevo l'ossessione di fare tutto giusto invece di aspettare il giorno del finale e poi sperare. Si trattava di fare tutto giusto prima del finale, così ho avuto tutti gli strumenti pronti per quando stavo correndo.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Un altro aspetto non rivelato della mente dei vincitori è quello che sembra quasi un senso del destino – come questo commento a Fletcher e Sarkar illustra:

Non so se ci sarà un tema in cui il tempismo e la fortuna sono stati nel posto giusto, ma sono un grande sostenitore. Non sono stato selezionato per il viaggio originale … e il giovedì sera prima che [la squadra] se ne andasse, sono stato chiamato perché la moglie di un individuo era entrata in travaglio [e mi è stato detto] "essere all'aeroporto […] Il giorno dopo: suoneremo [paese] il sabato.

Credono di fare la propria fortuna e che coloro che perseverano finiranno per beneficiare del caso.

Forse lo shock più grande che verrà dallo studio di Fletcher e Sarkar intitolato "Una teoria fondata sulla resilienza psicologica nei campioni olimpici" è che questi vincitori della medaglia d'oro olimpica non erano così fissi, come sembrano essere i media e la nazione, a vincere oro.

Invece, stava completando il loro potenziale atletico che principalmente li motivava, piuttosto che diventare un campione olimpico. Alcuni coinvolti in questa ricerca hanno sottolineato, sorprendentemente, che la loro prestazione in oro non era, a loro avviso, il momento più importante della loro carriera.

Il seguente commento illustra il punto di vista di un atleta sulla sua prestazione medaglia d'oro nei Giochi Olimpici del 2000:

Questo potrebbe essere un po 'uno shock ma non ho avuto una grande competizione a Sydney. Ero coerente … ma non era una grande prestazione …

La ricerca sui concorrenti che hanno maggiori probabilità di imbrogliare, attraverso il doping o qualsiasi altro mezzo, è che se è sul podio, sventolando la medaglia d'oro e assorbendo l'applauso che è ciò che principalmente ti sta guidando, allora sarai tentato di fai una scorciatoia per arrivarci.

Ma ci sono concorrenti, e questo può sembrare strano mentre stiamo per entrare in una nuova Olimpiade, per la quale la medaglia d'oro non rappresenta ciò che fa per il resto di noi che pregano per uno. Invece la medaglia d'oro per questi artisti d'élite è solo un riconoscimento di eccellenza, ed è quella totale padronanza di sé e dello sport che è sempre stata l'ambizione primaria. Per questi atleti in arrivo prima sarebbe ancora vitale, non importa se non ci fosse pubblico, nessun media e nessuna medaglia.

La medaglia è solo una misura, non un obiettivo.

Questi concorrenti, la ricerca ha trovato, sono molto meno probabilità di imbrogliare in qualsiasi modo, non importa quale tentazione è posta di fronte a loro.

In un'epoca in cui varie forme di possibili "imbrogli" hanno dominato l'agenda delle notizie sportive, c'è un pericolo nella nostra ossessione per l'oro, che potremmo dimenticare questo aspetto fondamentale dell'ideale olimpico.

di Raj Persaud e Adrian Furnham

Solutions Collecting From Web of "Dentro la mente del vincitore della medaglia d'oro olimpica"