Dentro e fuori

Pixar
Fonte: Pixar

(Nota: non ci sono spoiler in questo post!)

Potrebbe essere stato terribile. Un film che insegna ai bambini le emozioni potrebbe essere stato secco e prediletto. Al contrario, Pixar's Inside Out è un tour emozionante e avvincente della vita interiore basato su scienza più una comprensione autentica di come si sentono i bambini.

Nel film, una ragazza di 11 anni di nome Riley viene strappata dalla sua vita comoda e felice in Minnesota quando la sua famiglia si trasferisce a San Francisco. Cinque personaggi, Gioia, Tristezza, Paura, Rabbia e Disgusto descrivono le emozioni nella sua testa mentre lotta per adattarsi alla sua nuova casa. Questo insieme di emozioni di base trae ispirazione dalla classica ricerca di Paul Ekman sulle espressioni facciali che sono coerenti tra culture (sebbene Ekman includesse anche la Sorpresa). Il film collega abilmente eventi e azioni osservabili nella vita esterna di Riley alle buffonate dei personaggi emotivi nei suoi colori vivaci e mente complicata. Lungo la strada, indica tre lezioni importanti sulle emozioni.

Lezione 1: tutti abbiamo emozioni.

La prima lezione di Inside Out è che tutti noi abbiamo emozioni. Sembra così semplice, ma è una lezione tremendamente importante! Le emozioni sono concetti astratti. Non possiamo vederli o toccarli, ma hanno un potente effetto sui nostri pensieri e azioni. Inside Out presenta le emozioni come piccoli animaletti colorati e simpatici, che li rende facili da immaginare e da parlare per i bambini. Vediamo il potere delle emozioni attraverso i cambiamenti nel comportamento di Riley quando diverse emozioni prendono in carico il suo pannello di controllo interno. Agisce in modo diverso quando è guidata da, per esempio, Paura contro rabbia.

Inside Out ritrae le esperienze emotive di Riley in un modo molto reale che spremerà il tuo cuore e si connetterà con i tuoi ricordi commoventi, anche se non sei mai stata una ragazza di undici anni! Da adulti, con banconote, carpool e scadenze, è facile dimenticare quanto possano essere profonde e complicate le sensazioni dei bambini.

Una delle parti più divertenti del film è una serie di scene alla fine, in cui possiamo dare un'occhiata alle teste di altre persone, oltre a Riley. Vediamo vividamente che mamme, papà, insegnanti e persino cani e gatti hanno emozioni. Ciò indica l'idea molto importante dell'ideazione prospettica, o quello che gli psicologi chiamano "Teoria della mente", che è la capacità di immaginare accuratamente come qualcun altro sta pensando o sentendo. È più facile connettersi con gli altri quando possiamo vedere le cose dal loro punto di vista e anche dal nostro.

Lezione 2: Le emozioni, anche quelle spiacevoli, sono utili.

Un'altra lezione chiave di Inside Out è che tutte le emozioni, anche quelle spiacevoli, sono utili.

Troppo spesso nella cultura americana sentiamo un messaggio superficiale "Non preoccuparti, sii felice". Le emozioni vengono liquidate come "dramma" non necessario. Persino la nostra Costituzione enfatizza "la ricerca della felicità". Tutto ciò suggerisce che è in qualche modo brutto o debole sentirsi non felici. Certamente essere rinchiusi in emozioni negative porta alla sofferenza, come quando la tristezza sprofonda nella depressione, o la rabbia diventa un'abitudine, o la paura cronica ci impedisce di fare cose che vogliamo o dobbiamo fare, ma tutte le emozioni servono funzioni importanti.

Le emozioni aggiungono profondità e ricchezza alla nostra esperienza e ci aiutano a rispondere in modi utili. Nel film, Joy spiega che Fear tiene Riley al riparo dai pericoli, Anger la aiuta a difendersi da sola, e Disgust impedisce a Riley di avvelenarsi. (La ricerca ci dice che anche il Disgusto è importante per guidare le decisioni morali.) Perché non mangiamo cani? Potremmo dare molte spiegazioni razionali, ma la vera ragione è che l'idea di mangiare cani evoca una risposta "Ewwww!" cultura). Ci vuole un po 'di tempo a Joy (e Riley) per capire la funzione della tristezza.

Le emozioni sono una fonte di informazioni sul nostro ambiente e su noi stessi. Non sono "cose ​​da eliminare". Come la nostra visione, l'udito e i sensi dell'olfatto e del tatto, le emozioni ci aiutano a navigare nel nostro mondo. Sono un sistema di risposta rapida che ci consente di capire rapidamente cosa sta succedendo e motivano determinate azioni. La paura ci motiva a correre. La rabbia ci motiva a combattere. Il disgusto ci motiva ad evitare, e la tristezza ci motiva a cercare conforto. Tutte le culture hanno più emozioni negative delle emozioni positive perché ne abbiamo bisogno per sopravvivere. Essere in grado di sperimentare e comprendere tutto il palato delle emozioni è essenziale per vivere la vita in 3D, anziché solo in bianco e nero.

Lezione 3: possiamo crescere nella nostra capacità di sperimentare e comprendere le emozioni.

Una terza lezione molto importante di Inside Out è che possiamo crescere nella nostra capacità di sperimentare e comprendere le emozioni. Alla fine del film, le lotte di Riley l'aiutano a sviluppare un pannello di controllo molto più elaborato che le consente di provare sentimenti più sottili e sfumati.

La ricerca sullo sviluppo del bambino ci dice che quando i bambini crescono, le loro vite emotive diventano più ricche e complesse. I bambini nascono con la capacità di sperimentare ed esprimere le emozioni di gioia, paura, rabbia, tristezza, sorpresa e disgusto, ma non possono fare molto di più che piangere, contorcersi o succhiare per far fronte a queste emozioni.

I più piccoli sperimentano molte emozioni forti, specialmente la frustrazione quando gli adulti li ostacolano facendo cose come lavarsi le facce e piegarle sui seggiolini! Poiché hanno un senso di sé, iniziano anche a provare emozioni autocoscienti come l'orgoglio e l'imbarazzo. Non c'è nessuna congettura quando si tratta delle emozioni dei bambini piccoli – sono proprio là fuori per tutti da vedere. I più piccoli possono usare frasi semplici per dire quello che vogliono, ma soprattutto il loro coping è fisico: afferrare, aggrapparsi, coccolare.

Gli anni prescolari sono l'inizio dell'inconscio, quando i bambini possono spingere i sentimenti fuori dalla consapevolezza. Possono proiettare o negare sentimenti o semplicemente regredire a comportamenti più infantili, come bagnarsi, quando si sentono sopraffatti. Questa è anche l'età in cui i bambini possono iniziare ad avere semplici conversazioni sui sentimenti. Essere in grado di "usare le loro parole" per chiedere quello che vogliono o di cui hanno bisogno, li rende meno propensi a ricorrere al colpire.

Negli anni della scuola elementare, la maggior parte dei bambini conosce molte parole sentimentali e spesso possono spiegare perché si sentono in un modo particolare. Sono anche più bravi a calmarsi pensando e possono fare le cose deliberatamente per cercare di sentirsi meglio. La parte difficile di questa età per i genitori è che i bambini diventano meglio in grado di nascondere come si sentono. Ciò aiuta nelle situazioni sociali – come quando fingono di non essere disturbati dalle prese in giro, o che sono contenti del brutto maglione della nonna – ma a volte rende più difficile per i genitori sapere cosa sta succedendo. I problemi di amicizia possono suscitare molte emozioni per i bambini di questa età.

Le emozioni negli anni dell'adolescenza diventano ancora più complicate. Gli adolescenti sono acutamente consapevoli di ciò che gli altri potrebbero pensare di loro, il che può portare a grandi oscillazioni nelle loro emozioni. Gli ormoni e il tentativo di navigare tra gruppi di pari e interessi romantici aggiungono ulteriori livelli di intensità. I primi anni del liceo tendono ad essere un periodo di intensa autoanalisi, visto che i ragazzi cercano di scoprire il loro "sé reale" e talvolta agonizzano sulle contraddizioni.

Come genitori, possiamo svolgere un ruolo importante amando e presentando testimoni delle emozioni dei nostri bambini. Una delle scene più commoventi del film è quando Sadness riconosce semplicemente la perdita di un personaggio. Dice gentilmente: "Mi dispiace molto che tu abbia perso qualcosa che ami. Questo deve renderti molto triste. "Sedendosi con l'emozione piuttosto che parlarne o cercando di distrarlo, permette al personaggio di comprendere e accettare la sua esperienza.

Più uno: possiamo fare delle scelte nel modo di pensare e agire che influenzano il modo in cui ci sentiamo.

Nessun film può coprire tutto ciò che sappiamo sulle emozioni. Certamente, ci sono sentimenti importanti che il film non affronta direttamente, come la vergogna, la colpa, l'amore, la compassione e lo soggezione. Ma, come clinico, penso che ci sia un'idea molto importante che dobbiamo aggiungere in aggiunta alle lezioni del film: possiamo fare delle scelte su come pensiamo e agiamo che influenzano il modo in cui ci sentiamo.

Inside Out si concentra su come le nostre emozioni influenzano i nostri pensieri e comportamenti, ma il rovescio della medaglia è la chiave per la regolazione delle emozioni.

Abbiamo delle scelte su come pensiamo a ciò che sta accadendo intorno e dentro di noi. Se supponiamo, "L'ha fatto per cattiveria intenzionale!" Ci sentiremo più arrabbiati che se pensassimo "È stato un incidente. Non intendeva farlo! "Se diciamo a noi stessi" Questa è la cosa peggiore del mondo! "Ci sentiremo più arrabbiati di quanto pensiamo," Non mi piace, ma posso gestire esso. Mi sono occupato di cose difficili prima, quindi passerò oltre. "Se ci rimproveriamo pensando:" Non dovrei sentirmi in questo modo! "Aggiungiamo alla nostra sofferenza più che se ci consideriamo compassionevoli.

Abbiamo anche delle scelte su come rispondere quando ci sentiamo emotivi. Uno dei miei interessi principali è il modo in cui le persone esprimono le emozioni, perché questo è il collegamento tra l'esperienza interiore e il mondo esterno. Importa quali emozioni esprimiamo, come le esprimiamo e a chi. Generalmente non è una buona idea gettare un capriccio completo, ma aspettare e parlare delle cose in un momento più calmo può aiutarci a risolvere i problemi. Solo il dolore è l'agonia, ma condividere la nostra tristezza con qualcuno che si prende cura di noi può aiutarci a capire le nostre esperienze in modi nuovi e portarci il conforto necessario. Tendiamo a voler mostrare al mondo solo il nostro lucido esterno, ma essere in grado di essere aperti sulla nostra vulnerabilità con persone fidate è la chiave per l'intimità.

La ricerca ci dice che i genitori che parlano di emozioni hanno figli che capiscono meglio le loro emozioni e quelle degli altri. Quindi, parla delle emozioni con tuo figlio, mentre escono nella vita reale o nei libri, programmi TV o film. E vai a vedere Inside Out . È un film bello e divertente che darà a te e ai tuoi figli molte cose di cui parlare e un modo intelligente e vivido per comprendere le emozioni.

Hai visto Inside Out ? Cosa ne pensi?

Articoli correlati:

Insegnare ai bambini a leggere le emozioni

Aiutare i bambini che piangono facilmente

L'intuizione della mamma: ce l'hai?

_____________________________________________________

© Eileen Kennedy-Moore, PhD. Google+

Eileen Kennedy-Moore, PhD, è autrice e psicologa clinica a Princeton, NJ (lic. # 35SI00425400). Parla frequentemente a scuole e conferenze sullo sviluppo sociale ed emotivo dei genitori e dei figli. www.EileenKennedyMoore.com

Iscriviti alla newsletter mensile del Dr. Kennedy-Moore essere informato sui nuovi post sui blog di Growing Friendships .

Eileen Kennedy-Moore, used with permission
Fonte: Eileen Kennedy-Moore, usato con permesso

Libri e video del Dr. Kennedy-Moore:

Hai mai desiderato un corso per genitori che potresti fare a tuo piacimento? Dai un'occhiata a questa divertente e affascinante serie audio / video sui sentimenti e le amicizie dei bambini di The Great Courses®: Raising Emotionally & Socialally Healthy Kids . || Gli argomenti includono: insegnare ai bambini a prendersi cura; Sviluppare un'autostima genuina; Come i bambini gestiscono l'ansia e la rabbia; Giocare bene con gli altri; Crescere sociale nell'era digitale. Anteprima VIDEO

In vendita scontato del 70% su: www.TheGreatCourses.com/Kids

Smart Parenting per Smart Kids: nutrire il vero potenziale del tuo bambino || I capitoli comprendono: Perfezionamento del temperamento; Costruzione di connessione; Sviluppare la motivazione; Trovare gioia Anteprima VIDEO

Le regole non scritte dell'amicizia: semplici strategie per aiutare il tuo bambino a fare amicizia || I capitoli comprendono: The Shy Child; The Little Adult; Il bambino con un fusibile corto; The Different Drummer.

Che mi dici di me? 12 modi per attirare l'attenzione dei tuoi genitori senza colpire tua sorella. Anteprima VIDEO

I post sui blog di Friendships in crescita sono solo a scopo didattico generale. Possono o non possono essere rilevanti per la tua situazione particolare. Siete invitati a collegarvi a questo post, ma per favore non riprodurlo senza il permesso scritto dell'autore.

Solutions Collecting From Web of "Dentro e fuori"