Demon Victory: quando vincere non è l'unica cosa

Di Don Greif, Ph.D.

Per vincere, gli atleti devono sconfiggere i demoni mentali così come i loro concorrenti. In effetti, controllare quei demoni è la sfida psicologica centrale che la maggior parte degli atleti deve affrontare. Coloro che li padroneggiano possono mostrare i loro talenti e la loro formazione, mentre quelli che ne sono vittime li sottovalutano. A mio parere, però, la maggior parte degli atleti – dai guerrieri del fine settimana ai guerrieri che adoriamo – prestano insufficiente attenzione ai fattori inconsci che sabotano le prestazioni.

Ostacoli mentali, come la paura inconscia di vincere, affliggono anche i migliori atleti del mondo e impediscono loro di raggiungere i loro obiettivi.

Dovrei saperlo. Anche se sono uno psicoanalista clinico che trascorre le sue giornate dietro la macchina del rumore bianco di un ufficio di psicoterapia, nel giugno 2009 ho vinto il 2 ° annuale "CityParks Putting Challenge" di New York. È vero, ho vinto un campionato di golf. Me!

OK, forse non sono i Maestri. Ma un professionista del tour PGA (Len Mattiace) ha fornito commenti durante la competizione. E l'intensità della competizione era reale, abbastanza reale da richiedere a me di riscoprire quanto sia soddisfacente e mentalmente stimolante sia dominare i propri demoni e svolgere bene uno sport sotto la pressione della competizione formale.

Mentre gli atleti combattono molti demoni, alcuni dei meno riconosciuti sono i timori di eccellere e vincere. Questo può sembrare una cosa strana da dire; è in conflitto con l'esperienza cosciente della maggior parte degli atleti che sentono di voler vincere. Se provano paura quando gareggiano, di solito è la paura di giocare male, di perdere o di umiliarsi, per cui gli sport offrono opportunità ineguagliabili (almeno per come li suono!). Tuttavia, i demoni che emergono sotto la pressione della competizione spesso provengono da fonti inconsce – paure radicate in vecchie esperienze, credenze e concetti di sé.

La prova del potere dei demoni di sabotare le prestazioni è abbondante. I demoni mentali minano il successo a ogni livello di gioco, dal golfista del fine settimana sul punto di sparare al suo personale, alla star del liceo che cerca di dimostrare a se stesso a uno scout del college, al lanciatore principale che fa il suo primo esordio i grandi campionati, per l'infame incapacità di NY Yankee Chuck Knoblauch di gettare accuratamente dalla seconda base alla prima. Con il crescere della pressione, aumenta la vulnerabilità di una persona alle interferenze demoniache.

La maggior parte degli atleti non sa perché hanno sofferto crolli o delusioni perché queste forze auto-sabotanti operano in gran parte al di fuori della consapevolezza cosciente. Mentre alcuni demoni possono essere controllati applicando abilità mentali ben conosciute – autoregolazione positiva e visualizzazione, o mantenendo una costante pre-partita – gli altri sopraffanno anche i più rigorosi tentativi di applicare strategie mentali per trattenerli. Per la paura di vincere sta nella sua natura invisibile, stealth. Si infiltra nella psiche senza essere riconosciuto; viaggia sotto il radar.

Ci si potrebbe chiedere perché un atleta, professionista o dilettante, abbia paura di vincere. Non ha un senso intuitivo. Tuttavia, vincere può essere spaventoso. I vincitori attirano molta attenzione. Vincere crea aspettative che vincerai di nuovo. Vincere ti eleva al di sopra dei tuoi pari e quindi ti distingue dalla maggior parte degli atleti. Altre persone possono sentirsi gelose o invidiose dei vincitori, a volte persino risentite o inadeguate. Vincere, quindi, può suscitare ansia o senso di colpa nel far sì che gli altri si sentano male o pazzi. Semplicemente anticipare questo può essere scomodo, persino intollerabile. In questo caso immaginare se stessi come un vincitore può sembrare un po 'come indossare un cappotto, o anche un pò di pelle, che non va bene.

Ironia della sorte, anche se non vincere può sembrare più sicuro e meno oneroso della vincita, giocare in sicurezza restando nella tua zona di comfort può essere peggio. Perché se non ti senti sicuro di fare il meglio che puoi, non ti sentirai completamente a tuo agio. Una parte di te sa che puoi fare di meglio e vuoi ottenere di più, eccellere e sfruttare al massimo il tuo talento e le tue capacità. Sapere che non stai realizzando il tuo potenziale e ottenere tutto ciò che puoi è angosciante e può farti sentire frustrato, senza speranza o depresso, non esattamente una ricetta per la pace interiore e la gioia.

Sebbene negli occhi di molte persone sia vergognoso, se non spregevole, temere di vincere, non affrontare le proprie paure ha conseguenze più insidiose. Mantenere le paure sotterranee è di rimanere inclini all'autosabotaggio e rischiare che il fallimento cronico raggiunga il proprio potenziale. Inoltre, le paure non esaminate emergono facilmente altrove in forme mascherate.

La strategia che raccomando è identificare e affrontare le proprie paure.

Ma come può un atleta riconoscere che ha paura di eccellere o vincere se queste paure sono nascoste? Può essere utile pensare a momenti in cui non hai dato il meglio di te sotto pressione, e identifica il tipo di errori che hai fatto e ciò che hai sentito e pensato al momento. Poi pensa ai tempi – in ogni sforzo competitivo – in cui hai avuto successo e hai ricevuto lodi, riconoscimenti o premi e chiediti: come hai sentito e hai agito in seguito? Eri fiero, soddisfatto, celebrativo, al settimo cielo – o ti sentivi nervoso, impacciato, imbarazzato, immeritevole, apatico o sgonfio? Ti è piaciuto il tuo successo o svalutazione e lo hai liquidato come "nessun grosso problema", o forse lo attribuisci a qualcosa oltre alla tua abilità, talento e duro lavoro, come la fortuna o l'aiuto di altri?

Domande come queste possono chiarire se ti senti veramente autorizzato a vincere, e vuoi la responsabilità che ne deriva o non sei sicuro di appartenere alla stessa società dei vincitori stabiliti. I vincitori si permettono di giocare al loro meglio perché sanno che anche se schiacciano la psiche o lo spirito di un avversario, vincere non è distruttivo. Sanno che non è responsabilità loro proteggere i loro concorrenti dal sentirsi male.

Quando ci si sente sicuri di esprimere le proprie paure e ansie – a un ascoltatore empatico e competente – questo stabilisce la distanza dai propri demoni e consente di osservare, esaminare e parlare di loro. Tale consapevolezza può sembrare come sollevare un velo su un segreto a lungo tenuto, spesso vergognoso. Impegnarsi in questo processo può trasformare la "vittoria del demonio" in una vittoria gioiosa, liberandola dal suo potere insidioso e liberandola dal suo impatto debilitante.

Quindi, prima di salire sul podio del campione alla Trump Tower nella mia vittoriosa giornata di giugno, avevo fatto abbastanza lavoro (incluso il mio trattamento analitico) sui miei demoni atletici: mi sentivo quindi autorizzato a vincere. Mi sono preparato vigorosamente e strategicamente per la gara e mi sono messo nella posizione migliore per vincere. Inoltre, mantenni la mia calma sotto pressione perché potevo sentirmi teso e ansioso senza cercare di sopprimerlo, evitarlo o negarlo, e fu così in grado, paradossalmente, di stabilire una distanza dai miei nervi e concentrarmi solo sul mettere. Naturalmente sono un ottimo putter, ma il mio punto è che lasciare spazio nella mia esperienza per la "vittoria dei demoni" mi ha permesso di usare pienamente le mie capacità: OK, per usare pienamente le mie capacità limitate. Ti auguro lo stesso.

—–
Circa l'autore:
Don Greif, Ph.D. è un supervisore di psicoterapia e membro di facoltà al William Alanson White Institute, direttore esecutivo di Psychoanalysis contemporaneo (dove è apparso il suo recente articolo, "Revaluing Sports"), e ha una terapia privata e pratica forense a New York. Si è consultato con la squadra di golf femminile di Yale, con i singoli atleti dilettanti e con gli artisti nelle arti. È un ex giocatore di lacrosse del college e appassionato giocatore di golf e ha dominato molti, ma, ovviamente, non tutti i suoi demoni.

© 2011 Don Greif, tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Demon Victory: quando vincere non è l'unica cosa"