Demenza dei Preoccupati

Mentre ero intervistato la settimana scorsa da Terry Gross della NPR sul mio nuovo libro, The Teenage Brain , la nostra conversazione si è avventurata nel multitasking. Abbiamo parlato di come i ragazzi esperti sono in multitasking – chiaramente la loro maggiore capacità di apprendimento grazie alla loro migliore plasticità sinaptica ha offerto loro un set di competenze che non abbiamo come adulti.

Tuttavia, non sono perfetti al 100% in questo. In uno studio del 2006 dell'Università del Missouri, agli studenti delle scuole superiori (inclusi gli adolescenti) è stato chiesto di svolgere un compito di memoria con o senza distrazioni. Includevano i gruppi che presentavano distrazioni durante la memorizzazione o durante le fasi di richiamo e test e li confrontavano con studenti che non avevano distrazioni durante la codifica o il richiamo. Entrambi i gruppi distratti avevano punteggi più bassi per l'apprendimento rispetto a quelli che non avevano distrazioni, e quelli che erano stati fatti per avere "attenzione divisa" durante la fase di codifica (memorizzazione) ha fatto il peggio. Ciò suggerisce che anche questi cervelli ben educati di adolescenti e giovani adulti possono ancora cadere preda degli effetti di troppe distrazioni.

Il che mi porta alla mia personale osservazione di come funzioni con troppe distrazioni. Ogni giorno ha un flusso di e-mail, chiamate, persone che saltano nel mio ufficio, o una chiamata da un paziente, o studente. Questi vengono a un ordine apparentemente casuale per tutto il giorno, e richiede un cambio di attività costante. Diventa sempre più difficile accontentarsi di un compito per periodi prolungati. Fortunatamente, il tempo con i pazienti è il più ininterrotto di tutti i compiti. Qui durante una visita paziente puoi effettivamente sederti, discutere e concentrarti e prendere decisioni collaborative. Tuttavia, il backup nel mio ufficio, le funzioni amministrative vengono fuoco rapido, e il monitoraggio di questi cambiamenti è uno sforzo. A volte, nel bel mezzo della composizione di un'e-mail, qualcuno entra nel mio ufficio per chiedermi di firmare qualcosa, poi torno al mio schermo e vedo altre 5 email che sono saltate sullo schermo. C'è una necessità quasi irresistibile di aprirli, e spesso soccomberò. A metà strada tra le email, ricordo che ero nel bel mezzo di scrivere qualcosa di importante, e ci sono voluti alcuni minuti per riconquistare i miei pensieri su dove stavo andando con l'e-mail originale.

Questo è il mio stesso termine: "demenza dei preoccupati". NON è un termine medico reale, è intermittente e chiaramente correlato alla quantità di distrazione che provo di ora in ora. La buona notizia è che è eminentemente reversibile – un rimedio è una chiara prescrizione per me stesso di chiudere finestre aperte sul mio schermo e chiedere che certe ore durante il giorno siano inviolate, con la porta chiusa al mio ufficio (eccetto le emergenze dei pazienti, di corso!).

Devo usare i miei migliori poteri del lobo frontale per resistere all'impulso di entrare in un thread di email che non è pertinente alla mia lista di attività per il giorno. Rimane comunque abbastanza discriminante da riconoscere come dare la priorità a un'attività inaspettata in arrivo, se necessario. Una sorta di creare un senso di soglia per la distrazione. In altre parole, ho bisogno di imporre la struttura e la disciplina su me stesso. Molto il nostro modo di coltivare i nostri ragazzi per fare lo stesso mentre lottano con la loro versione di dare priorità alle loro distrazioni. Cerco anche di creare elenchi di attività all'inizio e alla fine della giornata, e dedicare del tempo a riflettere sulla "foresta per gli alberi": quali sono le missioni più grandi che devono essere realizzate a lungo termine e come i piccoli compiti dare la priorità a loro stessi. Dovremmo insegnare ai nostri ragazzi in modo più esplicito sulla gestione del flusso di informazioni?

Solutions Collecting From Web of "Demenza dei Preoccupati"