Definizione del gergo del cancro

Così spesso i malati di cancro e le loro famiglie entrano in un mondo che è schiacciante. Per cominciare, la parola cancro evoca paura e ansia, e specialmente nella popolazione anziana, un senso di disperazione. Poiché il cancro è un argomento evitato per molti, specialmente negli anziani, l'ignoranza sul controllo e / o sulla cura è comune. Oggi, effettivamente curiamo molte persone, e specialmente nei tumori in fase iniziale, i tassi di guarigione possono essere drammatici. Negli anziani, tuttavia, permane un persistente pessimismo, che è in parte correlato all'elusione delle informazioni.

Non era passato molto tempo da quando il sospetto, la segretezza, l'occultamento e la disinformazione erano la norma relativa al cancro. Spesso si pensava al cancro con repulsione, imbarazzo e spesso la malattia era nascosta alla famiglia e agli amici. Le generazioni precedenti erano molto private sui loro problemi medici, specialmente con il seno e altri tumori femminili. I medici spesso paternalisti hanno aggravato le cose in questa e in altre malattie, promuovendo l'attitudine che i pazienti erano meglio lasciati al buio e protetti da fatti concreti. La nonna di mia moglie, ad esempio, nascose a tutti che aveva il cancro al seno. Passarono due anni prima che la fase avanzata precludesse ulteriore segretezza. Questo comportamento non era raro in quella generazione. Fortunatamente questo è cambiato, in parte a causa di due donne notabili che sono diventate pubbliche con i propri tumori al seno: l'ambasciatrice Shirley Temple Black e First Lady Betty Ford sono state entrambe le forze motrici nel promuovere l'apertura. Dal momento che le informazioni sui pazienti, l'autosviluppo e le discussioni sostanziali tra medici e pazienti sono diventate la norma. Mentre le generazioni più giovani avanzano nell'ambiente di piena divulgazione, consapevolezza e autonomia dei pazienti, si spera che la segretezza diventi una cosa del passato. Questo nuovo atteggiamento si è già tradotto in numeri di cura del cancro migliorati.

La conoscenza e la consapevolezza del paziente si basa su diverse cose, tra cui un dialogo intelligente con il proprio medico e una crescente competenza tecnologica pubblica che consente il recupero di informazioni da Internet; tuttavia, per i pazienti contemporanei di approfittare di questi fatti, devono guadare un vocabolario che ha storicamente confuso i laici. Questo non vuol dire che questo "linguaggio medico" sia inappropriato, ma semplicemente che non dovrebbe essere proprietario. Il mio obiettivo in questo scritto è demistificare un po 'del gergo e renderlo più comprensibile per i lettori. Mentre scriviamo i blog futuri, discuterò una varietà di questi argomenti mentre approfondisco l'intero argomento della comprensione del paziente, così come le abilità comunicative del medico (o la mancanza di). Più tardi. Per ora, i seguenti sono alcuni termini comuni usati nelle discussioni sul cancro:

Maligno (un tumore maligno) è una nuova crescita che ha la capacità di diffondersi in diversi siti del corpo. Oltre a questa diffusione, può distruggere i tessuti adiacenti e l'organo ospite.

Benigno significa una nuova crescita che non è malignità. Una crescita non maligna non ha la capacità di diffondersi ad altri siti, ma può crescere e distruggere localmente, mettendo da parte ciò che è adiacente e in quella capacità può essere dannoso.

Il cancro è il nome formale per la malignità. Le due parole sono sinonimi.

Il tumore è la parola generica per una crescita, benigna o maligna. Un esempio comune è un polipo, che può essere benigno o maligno.

La massa è un termine non specifico che denota un nodulo o una protuberanza. Ad esempio un brufolo o un ascesso può essere indicato come una massa. Una massa mammaria potrebbe essere un tumore (benigno o maligno), una cisti o anche un tessuto cicatriziale. La parola solleva paura, ma in sé non ha una connotazione inquietante.

Il carcinoma è un cancro che origina nel tessuto superficiale del corpo, come le cellule squamose della pelle o altre superfici. In questi casi, sarebbe chiamato carcinoma a cellule squamose. Un carcinoma che origina nelle cellule ghiandolari che rivestono determinate strutture come le ghiandole salivari, il pancreas o il tratto intestinale è chiamato adenocarcinoma. I carcinomi sono sempre maligni.

Il sarcoma è un cancro che origina nei tessuti connettivi del corpo, come muscoli, ossa, fascia e altri. I sarcomi sono sempre maligni.

Il melanoma è un cancro della pelle che ha origine nel melanocita, che è una particolare cellula dell'architettura della pelle. Sono sempre maligni.

La leucemia è un tumore che origina da una delle cellule del sangue, come i linfociti oi monociti.

Il linfoma è un cancro che ha origine nel tessuto linfoide, cioè i linfociti.

La lesione è un termine non specifico che può riferirsi a qualsiasi crescita o massa, sia benigna che maligna.

Il nodulo è un altro termine non specifico che generalmente si riferisce ad allargamenti benigni, sebbene non vi sia alcuna garanzia che sia così. È come dire "un colpo"

La metastasi si riferisce alla diffusione di un cancro. I tumori benigni non metastatizzano. Metastatizzare significa usare il verbo delle metastasi.

Le metastasi distanti si riferiscono alla diffusione in un'altra parte del corpo, come il polmone, il fegato o l'osso da una fonte primaria come la cavità orale.

Le metastasi regionali si diffondono nell'area circostante, come la cavità orale che si estende alle ghiandole del collo.

La ricorrenza è la ricomparsa di un tumore che era scomparso dopo il trattamento.

La recrudescenza è una parola non specifica che si riferisce alla ricrescita di un tumore dopo la dormienza e, sebbene sia solitamente usata nella discussione sui tumori, può essere applicata a tumori benigni.

I margini si riferiscono al bordo di un tumore. I margini sono spesso sottoposti a biopsia e studiati al microscopio per determinare se il tumore è stato adeguatamente aggirato dal trattamento – escissione chirurgica o radiazioni. Questa parola si applica a maligni e benigni.

I margini positivi rappresentano lo stato in cui vi è evidenza di cellule tumorali sul bordo del sito di trattamento.

Il controllo viene utilizzato con il cancro dopo il trattamento e non indica necessariamente la cura.

Cure è il termine usato quando non c'è evidenza di tumore dopo un periodo di tempo prescritto. Questo varia con diversi tumori.

La sopravvivenza a cinque anni è un tempo arbitrario di libertà di malattia che viene generalmente utilizzato per l'analisi statistica. Alcuni cancri possono ricomparire bene dopo questo, anche se cinque anni sono un buon punto di riferimento.

Oncologia è una parola che denota lo studio di tumori, maligni e benigni. I medici responsabili della valutazione e della gestione di questi pazienti sono indicati come oncologi. L'oncologia è suddivisa in chirurgia, medicina, radioterapia e psicone-oncologia.

Gli oncologi chirurgici sono ulteriormente divisi: urologico, ginecologico, ortopedico, neurologico, testa e collo, dermatologico, colon-rettale, mammario e toracico. Tutti hanno in comune il fatto di essere stati sottoposti ad un addestramento extra (fellowship) dopo il loro addestramento chirurgico di base, e inoltre, ciascuno di essi limita generalmente la loro pratica alla chirurgia dei tumori (maligni e benigni) nelle rispettive aree. Un'altra categoria, gli oncologi chirurgici generali hanno seguito la residenza chirurgica generale con uno o due anni supplementari di fellowship in cui l'individuo ruota attraverso tutte le diverse discipline elencate sopra. Questi chirurghi di solito gravitano su un'area specifica una volta in pratica, come il seno, il colon-retto o altri.

Gli oncologi medici sono spesso indicati come chemioterapisti. Questi individui hanno frequentato la loro residenza in medicina interna e hanno continuato a fare borse di post-residenza in oncologia medica. La chemioterapia è diventata una parola casualmente e un po 'imprecisa. Può rappresentare una varietà di farmaci citotossici e, nella definizione rigorosa delle parole, non dovrebbe includere altri strumenti medici frequentemente utilizzati per combattere il cancro, come i modulatori immunitari, la terapia genica, la terapia ormonale e altri. Tutti questi trattamenti medici, compresi i farmaci citotossici, rientrano nel campo dell'oncologia medica; quindi l'etichetta preferita per questi medici è quella degli oncologi medici, piuttosto che del chemioterapista.

L'oncologia da radiazioni è sinonimo di radioterapia e gli individui che la somministrano sono radioterapisti o radioterapisti. I pazienti a volte erroneamente si riferiscono a questi oncologi come radiologi. Questi ultimi medici sono diagnostici, interpretano i raggi X, varie scansioni e MRI (risonanza magnetica) e il loro addestramento è drasticamente diverso dagli oncologi delle radiazioni.

La psico-oncologia è una branca relativamente nuova della psichiatria e consiste in un numero limitato di medici che si occupano principalmente e curano le vittime del cancro e le loro famiglie. A causa dell'offerta e della domanda, gli psichiatri generici si prendono cura della maggior parte dei malati di cancro che hanno bisogno di aiuto, anche se non sono ufficialmente psico-oncologi.

Un'ultima cosa: con l'eccezione di chirurgici e psico-oncologi, gli oncologi si riferiscono agli effetti della loro gestione in termini di risposta parziale (PR) e completa (CR). Questi sono diversi da cura. Una PR si riferisce ad almeno una riduzione del 50% del volume del tumore dopo il trattamento e una CR si riferisce alla scomparsa del tumore. La recidiva di solito segue PR, ma può verificarsi anche dopo un CR. Tutti usiamo la parola cura per indicare la mancanza di riapparizione del tumore dopo un certo lasso di tempo, che varia con i diversi tipi di tumore.

Roy B. Sessions, MD, FACS

Solutions Collecting From Web of "Definizione del gergo del cancro"