Decostruire la rabbia

Jack ha un carattere. Cresciuto con i genitori alcolizzati, era il tipo di bambino che si stava sempre mettendo nei guai a scuola – minacciando i compagni di classe che pensava parlassero di lui, rapidamente si mise a litigare nel parco giochi. Anche ora da adulto, è noto per scattare ai suoi dipendenti. Sua moglie lo vede costantemente irritabile e controllato. Cammina sempre con i gusci d'uovo.

Ellen non ha mai avuto un brutto carattere. Ma negli ultimi sei mesi da quando sua madre è morta, lei non si è sentita così depressa o anche solo sentita nel dolore, ma un impaziente, un essere fuori di sé. Con sua sorpresa si è improvvisamente ritrovata a sbraitare contro il suo capo la scorsa settimana quasi a farsi licenziare.

La rabbia assume molti volti: l'improvvisa esplosione esplosiva, un'esplosione di livello WWIII, la costante irritabilità che scatta contro tutti e tutto come un terrier alla droga. Spesso è associato al controllo, con l'intimidazione – il capo prepotente, lo sposo tirannico; altre volte con lo stress, i malumori, essere stanco, irritabile, il just-leave-me-alone.

È un problema, certamente per coloro che assorbono la sua esplosione, che camminano sui gusci delle uova – e per l'autore – che si mettono nei guai – a scuola, sul lavoro, con la legge. Ma è anche una sorta di soluzione, un modo di affrontare abituato, una copertura per qualcos'altro, l'angoscia e la depressione da vicino cugini.

Ecco cosa troviamo spesso quando decostruiamo arrabbiato:

Ipervigilanza Questo è probabilmente il problema di Jack. È cresciuto in una famiglia caotica, nel suo caso alcolica, dove ha indubbiamente imparato presto a rilevare i mutevoli stati d'animo, a sapere quando i genitori bevevano o erano sobri, quando stare lontano, quando era sicuro avvicinarsi. Se si accendono quando sono ubriachi, questo aggiunge al mix la sua probabile identificazione con l'aggressivo, imparando a imitare ciò che vede, piaccia o no.

Ma la stessa cosa sarebbe probabilmente accaduta se uno o entrambi i suoi genitori avessero problemi di salute mentale, disturbi dell'umore che li rendevano imprevedibili e imprevedibili. Sarebbe ancora cablato per essere ipersensibile, iperattivo come modo per sopravvivere. Ciò che spinge la rabbia è la sua costante ricerca della minaccia. Sì, è arrabbiato ma è anche ansioso.

Ciò che lo ha aiutato a sopravvivere da bambino, non funziona come un adulto. Il cablaggio, il vedere mentale il mondo come non sicuro, è difficile da ignorare. Il suo controllo è ora il suo modo di non avere sorprese di nascosto e lo scuote. La sua irritabilità è la sua ansia che ribolle in superficie.

Mancanza di flessibilità emotiva L'altro problema sotto il problema di Jack è che è fondamentalmente un Johnny a una nota quando si tratta di emozioni. È frustrato, si arrabbia; è stanco, si arrabbia; è triste, si arrabbia; è preoccupato, si arrabbia; è eccitato, si arrabbia. Qualunque altra cosa possa provare, non lo sente. Tutto viene fuori come rabbia.

Perdita e dolore Ellen è in un posto diverso. Non è cablata come Jack. Ma la morte di sua madre ha preso il suo tributo sia che lei lo provi o meno. A volte persone come Ellen non hanno l'opportunità di soffrire – il resto della famiglia sta cadendo a pezzi, sono quelli che devono gestire il funerale, essere l'esecutore – e si danno da fare, andare in azione, concentrarsi su tutti e tutto devono fare.

E poi finalmente c'è meno da fare, la vita torna più o meno nella sua vecchia routine. Si sistemano, ma in realtà non si accontentano. Arriva l'impazienza, le fiammate. Alcuni bevono automaticamente di più o usano droghe senza alcuna connessione consapevole alla loro perdita. Altri rubano o diventano amanti dello shopping, recitano con il sesso, si perdono nei videogiochi.

Il dolore è andato sottoterra, si è mutato di nuovo in ansia. Ma poiché non viene mai direttamente sfruttato e svuotato, continua a fuoriuscire, riversandosi nelle loro vite e nelle loro relazioni.

Se la rabbia è un problema per te, devi 1) imparare ad autoregolarsi e gestirlo e 2) districarlo dalla sua fonte.

Autoregolamentazione

L'autoregolamentazione è di due passi: il preventivo e il primo-aiuto. Il preventivo sta prendendo la rabbia abbastanza presto per cominciare a controllarlo. Fai il check-in con te stesso 10 volte al giorno e chiediti su una scala da 1 a 10 (da basso ad alto) quanto sei irritabile. Se ti ritrovi ad alzarti verso il 4 o 5, fai qualcosa: Esercizio: vai a fare il giro del blocco; sedersi in bagno e respirare profondamente; agire – fare qualcosa che puoi fare per risolvere il problema in modo appropriato piuttosto che continuare a sentirti frustrato.

Il primo aiutante. Quando vieni attivato per andare da 0-60 in 3 nano secondi, il problema nella stanza non è mai quello a cui stai pensando – il tuo dipendente, il tuo capo, il commento del tuo coniuge – ma la tua emozione. Dimentica di risolvere il problema e concentrati invece a spegnere il fuoco della rabbia. Allontanati dalla situazione, vai a sederti in bagno finché non ti calmi, giù, scrivi come ti senti, vai a dare un pugno al cuscino. Non spruzzare la tua rabbia nella stanza come una manichetta antincendio. Se non puoi farlo da solo, vai da un terapeuta, vai al tuo dottore e chiedi informazioni sui farmaci. È probabile che ti metta qualcosa per l'ansia e la depressione, perché questo è essenzialmente il tuo problema.

Districante e Rewiring

Iper-vigilanza. Piuttosto che andare al pilota automatico, devi sempre ripetere la voce in testa dicendoti che non hai più 8 anni, che non tutti sono fuori per te, che questa è roba del passato. Le prime 1000 volte che lo dici a te stesso, non ci crederai. Va bene. Semplicemente dicendo che stai iniziando a ricablare il cervello.

Trova i modi per ridurre la tua ansia. L'esercizio funziona, così come la meditazione, la consapevolezza, lo yoga o, se necessario, i farmaci. Se abbassi la soglia di ansia, l'iper-vigilanza si ridurrà.

Controllo. Stesso affare. Abbassa l'ansia, fai la voce fuori campo nella tua testa. Si tratta di ansia e spesso anche di avere difficoltà con sorprese e transizioni. Di 'a tua moglie di darti più attenzione se lei può invitare sua madre a cena. Di 'ai tuoi dipendenti di darti un feedback regolare sui problemi, piuttosto che venire da te solo in situazioni di crisi. Le prime 1000 volte che tua moglie o il tuo dipendente fa questo, puoi comunque arrabbiarti (vai ad autoregolarsi), ma con la pratica, troverai più facile stringere la presa.

Flessibilità emotiva Quando fai i tuoi 10 check-in al giorno e ti senti irritabile, prova a chiedere a te stesso cos'altro potresti provare: triste, preoccupato, ferito, stanco. Di nuovo, i primi 1000 che chiedi, probabilmente dirai, solo irritabili. Va bene. Ponendo la domanda stai ricablando il tuo cervello. Sarà più facile. Se scopri un'altra emozione in agguato sotto la tua rabbia, prova a sentirla, e certamente agisci su di essa – fai qualcosa di costruttivo riguardo alla tua preoccupazione, vai a fare un sonnellino se sei stanco.

Perdita e dolore Se sospetti che la tua rabbia sia legata a una perdita irrisolta, devi soffrire. Vai al cimitero da solo e parla con la persona che hai perso. Meglio ancora, scrivi una lettera. Immagina quella persona che ritorna a trovarti per 1 ora. Dì nella lettera qualunque cosa desideri toglierti dal petto. Prenditi il ​​tuo tempo, non correre, fallo in un tempo e in un luogo tranquillo. Consenti a te stesso di provare ciò che senti.

Lo scopo qui è quello di rimuovere la rabbia come soluzione, come una vecchia forma di coping che non funziona più. Ci vorrà un po 'di tempo e diligenza, ma stiamo parlando di alcuni mesi, non di anni. Dì alle persone a te vicine come possono aiutarti a fare ciò che devi fare.

E infine se sei una di quelle persone che ricevono la rabbia di un altro, prova a vedere la loro rabbia come non su di te, ma su di loro, non sulla loro testardaggine o controllo o irresponsabilità, ma sulla loro lotta con l'ansia e la depressione. Ciò non significa che devi essere un sacco da pugilato emotivo, ma cambiare spesso il tuo atteggiamento cambierà il tuo comportamento e la reazione, che a sua volta aiuterà a cambiare il loro.

Solutions Collecting From Web of "Decostruire la rabbia"