Decostruire la neurobiologia della resilienza

CLIPAREA l Custom media/Shutterstock
Fonte: CLIPAREA l Supporti personalizzati / Shutterstock

Le basi neurobiologiche della resilienza sono dinamiche e complesse. In una delle più complete e approfondite analisi neuroscientifiche su come gli individui si adattano allo stress, i ricercatori del King's College di Londra (KCL) hanno recentemente compilato una meta-analisi di dozzine di studi che ci aiutano a capire meglio la neurobiologia della resilienza.

La rivista di settembre 2016, "Adattarsi allo stress: comprendere la neurobiologia della resilienza", è stata recentemente pubblicata sulla rivista Behavioral Medicine.

In questa recensione, i ricercatori esaminano l'interazione tra vari ormoni, neuropeptidi, neurotrasmettitori e circuiti neurali associati alla resilienza rispetto alla vulnerabilità ai disturbi legati allo stress. L'obiettivo dei ricercatori era di catalogare in che modo i vari meccanismi nei nostri corpi – e in particolare i nostri cervelli – lavorano di concerto per rendere qualcuno più o meno "stress-resiliente" per tutta la sua vita.

Poiché i meccanismi neurali alla base della nostra capacità di resistenza allo stress sono così sfaccettati, il team ha deciso di concentrarsi esclusivamente sulle risposte allo stress biologico note per essere associate a fenotipi resilienti e su come viene elaborata la loro risposta neurobiologica potenziata allo stress.

Anche se non fanno parte di questa recensione, numerosi studi hanno identificato fattori come il supporto sociale, la personalità, il temperamento e la forma fisica svolgono un ruolo fondamentale nei livelli di resilienza. Sebbene questa particolare revisione non includesse studi relativi a fattori psicologici, tratti caratteriali e scelte di stile di vita legate alla resilienza, gli autori sottolineano:

"Va notato che le strategie di coping, l'umorismo, la resistenza e l'extraversion attivi possono promuovere la resilienza attraverso la promozione di sentimenti di padronanza, impegno e competenza, nonché la capacità di aiutare gli altri attraverso il legame. È importante sottolineare che la propensione degli individui resilienti a esprimere emozioni positive, in relazione agli eventi negativi, consente loro di controllare la loro ansia e le loro paure ".

Una vasta gamma di studi ha rilevato che il sostegno sociale positivo e un forte social network faccia a faccia sono fondamentali per il benessere psicologico. Inoltre, vari studi hanno riportato che il livello di sostegno sociale di qualcuno può ridurre e / o esacerbare l'impatto del disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e / o disturbo depressivo maggiore (MDD).

Decostruire la neurobiologia della resilienza

John Gomez/Shutterstock
Fonte: John Gomez / Shutterstock

Nel decostruire la neurobiologia della resilienza, questa revisione aveva tre obiettivi principali. In primo luogo, i ricercatori del KCL volevano capire la connessione dinamica tra stress e resilienza, oltre a ciò che differenzia un resiliente da un individuo non resiliente.

In secondo luogo, volevano identificare i meccanismi neurochimici, genetici ed epigenetici ritenuti il ​​fondamento neurobiologico della resilienza o della vulnerabilità a un disturbo correlato allo stress.

In terzo luogo, volevano capire se la capacità di far fronte a livelli elevati di stress è innata, innata, ereditata e / o acquisita attraverso un allenamento specifico (ad esempio, attraverso un processo di inoculazione da stress) o il risultato di una combinazione di tutti i suddetti .

La ricerca approfondita di questa meta-analisi è stata condotta dai ricercatori tra febbraio 2014 e giugno 2014. Studi pertinenti pubblicati su riviste peer-reviewed sono stati identificati tramite query elettroniche tramite database PubMed, Web of Science, Embase e PsycINFO.

Cosa rende alcune persone più resilienti di altre?

I ricercatori sperano che la presentazione di questo vasto corpus di conoscenze porterà a una comprensione più accurata delle componenti neurobiologiche di un "profilo resiliente allo stress". Gli individui classificati come resistenti allo stress tendono ad esibire una maggiore capacità di evitare effetti fisiologici dannosi e conseguenze psicologiche derivanti dall'esposizione a livelli straordinari di stress.

Vi è una significativa variazione nel modo in cui gli individui reagiscono e rispondono a vari livelli di stress e avversità. Mentre alcuni individui svilupperanno condizioni psichiatriche come PTSD o MDD dopo l'esposizione a livelli tossici di stress, altri sembrano rivestiti di Teflon e si riprenderanno da esperienze stressanti senza mostrare sintomi significativi di cattiva salute psicologica.

L'esperienza di stress estremo o prolungato non comporta automaticamente problemi di salute mentale. Pertanto, la domanda da un milione di dollari è trovare prove scientifiche che spieghino il motivo per cui alcuni individui sono in grado di superare lo stress e le difficoltà incredibili, mentre le vite degli altri sono completamente deragliate da intensi livelli di stress.

È importante ricordare che la resilienza non è concettualizzata dai ricercatori come l'assenza di una condizione psichiatrica diagnosticabile, ma piuttosto un adattamento costruttivo alle avversità e all'esperienza traumatica.

I ricercatori del KCL sperano che mettere insieme questa revisione completa accelererà l'identificazione delle componenti neurobiologiche sottostanti legate alla resilienza. Ciò potrebbe portare a metodi e interventi migliorati per prevenire e trattare i disturbi legati allo stress.

Il legame tra eustress, angoscia e resilienza

Lo stress innesca reazioni fisiologiche e psicologiche nel corpo, nel cervello e nella mente in risposta a qualche tipo di "fattore di stress". Questa risposta è comunemente nota come "lotta o fuga". In generale, diversi tipi di fattori di stress possono essere percepiti in modo positivo leggeri come "stimolanti" o "minacciosi" se vengono percepiti in modo dannoso.

Il meccanismo "combatti o fuggi" fa parte della sindrome di adattamento generale definita nel 1936 dal biochimico canadese Hans Selye della McGill University di Montreal. Selye ha pubblicato le sue scoperte rivoluzionarie in un articolo conciso di settantaquattro righe sulla rivista Nature , in cui parlava di eustress (buon stress) e angoscia (stress negativo), nonché delle tre fasi della sindrome di adattamento generale.

Una volta che la tromba è suonata, e le truppe di risposta allo stress sono mobilitate nel sistema nervoso simpatico … ci deve essere un tipo di ricalibrazione degli ormoni dello stress per riguadagnare l'omeostasi.

Certo, abbiamo bisogno di un buon stress nelle nostre vite; senza di esso, non avremmo la grinta di svegliarsi al mattino e cogliere l'attimo. Ma tutti noi abbiamo bisogno di sfruttare lo stress negativo nella nostra vita quotidiana. Uno dei modi più semplici per farlo è quello di coinvolgere i meccanismi "tendi e sii" del sistema nervoso parasimpatico attraverso le connessioni sociali.

Quando le sfide stressanti sono percepite come esilaranti e gestibili, crea un sano eustress. Ad esempio, superare con successo ostacoli e avversità attraverso le sfide atletiche è un'esperienza gratificante che porta a sentimenti di realizzazione.

Il processo atletico quotidiano crea una spirale ascendente di fiducia e disinvoltura. Al contrario, la minaccia di esperienze di vita o di morte al di fuori dell'arena atletica – che sono schiaccianti e sembrano rappresentare un pericolo significativo – può portare a danni fisiologici e psicologici a breve o lungo termine.

Ovviamente, il tuo cervello è l'organo centrale responsabile di come gestisci la risposta allo stress. Elabora informazioni percettive per potenziali minacce e avvia risposte appropriate. Il tuo cervello e il sistema nervoso regolano anche le risposte fisiologiche e / o psicologiche che finiscono per essere adattive o dannose.

John Gomez/Shutterstock
Fonte: John Gomez / Shutterstock

Il cervello stabilisce una comunicazione a due vie come parte di un circuito di feedback tra se stesso, il sistema immunitario e i sistemi cardiovascolari attraverso meccanismi endocrini e neurali durante la risposta allo stress. Esaminando il modo in cui gli umani e gli animali si adattano ad ambienti altamente avversivi (come il combattimento), i ricercatori hanno recentemente individuato specifiche componenti neuronali, neurochimiche, genetiche ed epigenetiche che possono caratterizzare diversi livelli di vulnerabilità, o resilienza, in base a come un individuo risponde a uno stress negativo .

Una risposta fisiologica misurata a fattori di stress ambientali è un vantaggio evolutivo in funzione della risposta acuta allo stress, più comunemente nota come meccanismo di "lotta o fuga". Tuttavia, se il recupero da una situazione stressante non è accompagnato da un'adeguata risposta omeostatica, la risposta iniziale potrebbe in ultima analisi comportare effetti collaterali dannosi.

Livelli di stress tossici durante l'infanzia minano la resilienza a lungo termine

Un'ondata di prove empiriche suggerisce che lo stress ambientale cumulativo nel corso del ciclo di vita aumenta spesso il rischio di un individuo di avere un danno psichiatrico correlato allo stress. Tuttavia, a volte le avversità nell'infanzia creano un cervello più resiliente allo stress.

Detto questo, sia gli studi sugli esseri umani che su quelli animali suggeriscono che sperimentare uno stress grave nei primi anni di vita ha un impatto negativo sullo sviluppo sano del sistema di risposta allo stress di qualcuno. Il trauma infantile può causare problemi di salute mentale di lunga durata fino all'età adulta.

L'attivazione prolungata del sistema di risposta allo stress durante l'infanzia è considerata "stress tossico". Ciò è causato da cose come abuso fisico / emotivo, abbandono cronico o esposizione costante alla violenza. Lo stress tossico sconvolge il normale sviluppo del cervello e dei sistemi correlati. Ciò aumenta il rischio di disturbi legati allo stress nell'età adulta.

Gli studi che hanno valutato l'incuria dei genitori e il comportamento abusivo nei confronti dei bambini durante le prime settimane di vita hanno rilevato: minori capacità di gestione dello stress, minore autoindipendenza e livelli più elevati di ansia e stress. Statisticamente, le esperienze più stressanti e / o sfavorevoli che qualcuno incontra durante l'infanzia, più alto è il suo rischio di sviluppare problemi cognitivi, emotivi e psichiatrici in età adulta. Ma ancora, questo non è sempre il caso.

L'ultima recensione del King's College London sottolinea che questo si è riflesso nell'aumento dell'asse HPA e dell'attività del SNC quando gli stessi individui sono stati sottoposti a stressors in età avanzata. Inoltre, sperimentare livelli di stress tossici nella prima infanzia spesso portava all'iper-funzionamento del sistema di noradrenalina, alla riduzione del volume dell'ippocampo e alla reattività dell'amigdala alle espressioni facciali negative.

Credere di avere un grado di controllo nega la potenza di uno Stressore

Romolo Tavani/Shutterstock
Fonte: Romolo Tavani / Shutterstock

È interessante notare che la revisione del KCL sottolinea che la ricerca in modelli umani e animali suggerisce che fattori inattesi possono svolgere un ruolo fondamentale nel determinare se un'esperienza traumatica della prima infanzia si traduce in vulnerabilità allo stress o alla capacità di recupero.

Uno dei fattori noti per svolgere un ruolo importante in queste circostanze è il grado di controllo che un individuo ha sul fattore di stress. Un altro fattore è la possibilità di poter cambiare la situazione. Personalmente, dopo aver letto questa ricerca, mi rendo conto che uno dei motivi per cui ero intrappolato in un imbarco pesante durante il divorzio dei miei genitori era così traumatico che non avevo alcun controllo. Ero completamente incapace di cambiare il mio isolamento geografico o di fuggire fisicamente.

La buona notizia è che gli individui possono imparare la resilienza attraverso l'esperienza e le difficoltà, in particolare sviluppando qualità che facilitano strategie adeguate di coping, adattamento e recupero dallo stress. L'ho capito nel 1983 quando avevo 17 anni. Per coincidenza, il Walkman era appena stato inventato, che era una manna dal cielo. Ho cominciato a correre religiosamente su un nastro misto del primo album di Madonna e Bruce Springsteen's Greetings from Asbury Park. Questa routine giornaliera mi ha permesso di scappare psicologicamente e mi ha salvato la vita.

Da adolescente, ho imparato attraverso l'allenamento sportivo come creare un posto dentro di me che fosse sempre al sicuro. Questo rifugio interiore è circondato da vetro a una direzione rivestito di Kevlar – posso vedere fuori, e posso sentire tutte le emozioni dentro – ma niente può toccarmi o ferirmi quando sono dentro questo manicomio a meno che non decida di lasciarlo entrare. Altrimenti, i fattori di stress vengono deviati e nulla può penetrare in quella fortezza.

Le ultime prove empiriche confermano questo esempio aneddotico e mostrano che incontrando e superando situazioni stressanti può avere un effetto benefico sulla resilienza per tutta la vita. Imparare a superare le avversità nella fase iniziale può rafforzare una disposizione elastica, in particolare rispetto alla percezione del controllo e al senso di padronanza dello stress.

Per me, la combinazione di esercizio aerobico, sudore, inni musicali e finendo un allenamento impegnativo, mi ha tolto i miei sentimenti di impotenza appresa e mi ha fatto sentire come se fossi il dominatore del mio destino. Ha anche creato un elisir neurobiologico che era una profilassi per molti tipi di stress negativo.

Inoculazione da sforzo può immunizzarti dal pericolo

mavo/Shutterstock
Fonte: mavo / Shutterstock

Nell'ultima revisione, i ricercatori parlano del concetto di "inoculazione da stress", che si verifica quando un individuo acquisisce una risposta adattativa allo stress agli effetti negativi degli stressanti. L'inoculazione da stress è una forma di immunità contro fattori di stress prevedibili che potrebbero verificarsi in futuro. La meditazione di consapevolezza può essere utilizzata come inoculatore di stress. Il termine è volutamente analogo all'immunità indotta dal vaccino contro un virus.

È interessante notare che gli studi sugli animali tendono a supportare il concetto di inoculazione dello stress e mostrano che l'esposizione precoce alla giusta dose di eventi stressanti può effettivamente proteggere dall'ipersensibilità futura allo stress. Questi risultati suggeriscono che una prole troppo protettrice o un genitore di elicottero potrebbe ritorcersi contro.

Uno studio ha valutato il contributo dei primi fattori di stress nella stabilità emotiva dei piccoli roditori. I ricercatori hanno esposto casualmente un gruppo di ratti neonati a shock intermittenti del piede. Questo ha insegnato loro come suscitare movimenti evasivi per evitare lo stress. Un altro gruppo di controllo di topi infanti è stato coccolato e non ha mai subito shock da piede stressante, cosa che li ha resi compiacenti.

Quando i due gruppi di ratti giovani sono stati messi in una situazione stressante insolita e nuova, quelli che erano stati sottoposti ad intermittenza allo stress hanno mostrato una risposta di coping migliorata e una risposta allo stress inferiore.

C'è un avvertimento. Poiché le persone hanno soglie di stress diverse, un fattore di stress che può promuovere la capacità di recupero in un individuo potrebbe comportare un aumento della vulnerabilità in un altro individuo. È una linea sottile tra l'impotenza appresa e l'inoculazione da stress dovuta a tutte le variabili indicibili degli individui nelle loro basi neurobiologiche, psicologiche, genetiche ed epigenetiche.

Bambini orchidea vs bambini tarassaco

In un precedente post sul blog di Psychology Today , "Come i geni influenzano la sensibilità o la resilienza di un bambino", ho scritto sulla ricerca che ha scoperto che i geni e l'epigenetica possono causare un'ipersensibilità del bambino come un'orchidea o resiliente come un dente di leone.

L'ultima meta-analisi conferma che i fattori genetici interagiscono con fattori neurobiologici ed epigenetici in modi che influenzano le caratteristiche biologiche e la regolazione dei recettori neurochimici. Inoltre, i fattori ambientali producono alterazioni epigenetiche all'interno degli individui, che influenzano la resilienza allo stress o al rischio di una condizione psichiatrica.

Monkey Business Images/Shutterstock
Fonte: Monkey Business Images / Shutterstock

Inoltre, c'è sempre più letteratura emergente che suggerisce che un ambiente di supporto sociale positivo può moderare le vulnerabilità individuali ambientali e genetiche e aumentare la capacità di recupero.

La nostra crescente comprensione della resilienza ci porta a considerare come ogni individuo possa iniziare a stabilire un profilo resiliente. Ancora una volta, questi processi sono complessi e richiedono un approccio personalizzato e unico.

Ad esempio, il concetto neurobiologico di resilienza non può essere ristretto a un singolo neurochimico, ormone o peptide, ma piuttosto è il risultato dell'interazione di più elementi chimici che lavorano in concerto attraverso reti complesse all'interno del cervello umano.

Inoltre, i ricercatori avvertono che ulteriori complicazioni sorgono nel correlare i processi neurobiologici con gli stati psicologici sotto il concetto generale di resilienza. Per esempio, un particolare neurochimico può essere trovato co-presente con sintomi psicologici di stress o resilienza, tuttavia questa co-presenza potrebbe non essere sufficiente per stabilire una causa diretta. In definitiva, è necessaria più ricerca sulla neurobiologia della resilienza.

Conclusione: nutrire la neurobiologia di un cervello resistente allo stress per la vita

 Maridav/Shutterstock
Fonte: Maridav / Shutterstock

Nel nostro mondo sottosopra e imprevedibile, identificare i modi efficaci per ridurre lo stress e aumentare la resilienza è diventato un mandato per persone di ogni ceto sociale, età, professione e provenienza socioeconomica.

La messa a punto delle influenze causali che creano un profilo resiliente allo stress sarà particolarmente utile per coloro che operano professionalmente in ambienti ad alto stress. In primo luogo, in relazione al completamento con successo del compito dato, come essere un soldato combattente, e in secondo luogo in relazione al benessere fisico e psicologico post-attività dell'individuo, come un veterano.

Si spera che, nel prossimo futuro, sulla base delle conoscenze acquisite dall'ultima recensione del King's College di Londra, emergerà un approccio interdisciplinare che esplora come i tratti neurobiologici, genetici, epigenetici e di personalità (così come le interazioni tra comunità e gruppo) possano funzionare per facilitare il sviluppo da minestra a noce di un profilo resiliente allo stress. Questo potrebbe portarci un passo avanti nella prevenzione e nel trattamento efficace delle condizioni psichiatriche legate allo stress come il DPTS e la MDD. Rimanete sintonizzati!

Per saperne di più su questo argomento, controlla i miei post sul blog di Psychology Today ,

  • "12 principi chiave che rafforzano la resilienza"
  • "L'ossitocina può fortificare la resilienza contro le avversità infantili?"
  • "La neurobiologia della grazia sotto pressione"
  • "La cura materna nella vita in anticipo stimola la resilienza nell'età adulta"
  • "Lo svantaggio sociale crea usura e strappi genetici"
  • "Il targeting dei neuroni GABA offre indizi per aumentare la resilienza"
  • "Il danno al cervelletto può essere la radice del PTSD in combattenti veterani"
  • "La neuroscienza della perseveranza"
  • "Avere legami sociali è il modo n. 1 per ottimizzare la tua salute"
  • "I livelli tonici della dopamina lubrificano i momenti di superfluidità"
  • "The Neuroscience of Madonna's Enduring Success"
  • "Perché così tante superstar si autodistruggono come le supernove?"

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland.

Solutions Collecting From Web of "Decostruire la neurobiologia della resilienza"