Decisione della FDA su Vicodin-Burden per pazienti con dolore

L'editorialista di lunga data di National Syndicated per la salute Judy Foreman è l'autrice del prossimo libro "A Nation in Pain – Healing Our Biggest Health Problem" uscito nel febbraio 2014 dalla Oxford University Press.

In una mossa pensata per combattere l'abuso di droghe ma che probabilmente porrà ulteriori oneri ai pazienti con dolore, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha annunciato ieri che raccomanda controlli più severi sugli analgesici oppioidi come Vicodin e Lortab che contengono idrocodone.

Lo spostamento della politica – oggetto di un'audizione controversa nel gennaio 2013 – limiterà il numero di ricariche che un paziente può ricevere prima di tornare dal suo medico per una nuova prescrizione. Significherebbe anche che un paziente deve prendere fisicamente ogni prescrizione in farmacia, invece di permettere ai medici di chiamare la prescrizione. Per i pazienti con dolore severo e cronico e quelli con limitazioni fisiche, è probabile che questi requisiti pongano notevoli difficoltà.

Nella dichiarazione sul suo sito web, la FDA ha affermato che gli oppiacei (narcotici) consentono alle persone che soffrono di dolore cronico di "gestire il loro dolore e migliorare significativamente la loro qualità della vita". Ma la FDA ha anche affermato di essere diventata "sempre più preoccupata" negli ultimi anni circa "l'abuso e l'uso improprio dei prodotti oppioidi".

La FDA ha dichiarato che entro l'inizio di dicembre presenterebbe formalmente le modifiche raccomandate al dipartimento Servizi sanitari e umani. Ha aggiunto che l'Istituto nazionale per l'abuso di droghe (NIDA) dovrebbe concordare con le nuove raccomandazioni e che una decisione definitiva sulla nuova politica sarà presa dalla Drug Enforcement Administration (DEA), che nel 2009 ha chiesto il cambiamento . Nel linguaggio burocratico, il cambiamento comporta lo spostamento di prodotti che contengono idrocodone in combinazione con un altro farmaco come il paracetamolo dalla classificazione come farmaco Schedule III alla classificazione come un farmaco Schedule II più limitato.

In pratica, ha detto Cindy Steinberg, una paziente con dolore cronico e direttore nazionale per la politica e l'advocacy della US Pain Foundation, un gruppo di avvocatura senza scopo di lucro, il cambiamento imporrà gravi difficoltà ai 47 milioni di americani che attualmente utilizzano prodotti contenenti idrocodone.

Con i prodotti contenenti idrocodone nella loro attuale classificazione di Schedule III, un malato di dolore può vedere un medico una volta all'anno, ottenere una prescrizione con cinque ricariche, ovvero una fornitura del farmaco per sei mesi, e poi chiamare il medico per un'altra prescrizione buona per altri sei mesi, che il medico può chiamare in farmacia.

Una volta che i prodotti contenenti idrocodone sono collocati nella Tabella II, un paziente con dolore sarebbe in grado di ottenere una fornitura del farmaco per un massimo di tre, non sei, mesi alla volta. Un paziente dovrà quindi fare un'altra visita con il medico e portare fisicamente ogni nuova prescrizione in farmacia. Invece di vedere un medico solo una volta all'anno, un paziente dovrebbe andare dal medico ogni tre mesi.

Il cambiamento è "estremamente dannoso" per i pazienti con dolore, ha detto Steinberg in un'intervista telefonica di ieri, non solo in termini di controllo del dolore, ma in termini di costi aggiuntivi per le visite dal medico e persino la possibilità di ottenere quelle visite extra in un sistema di assistenza sanitaria sovraccarico. Steinberg ha testimoniato all'audizione della FDA sulla modifica proposta lo scorso gennaio che "ripianificare i farmaci di combinazione con idrocodone è una misura drastica che avrà conseguenze negative di vasta portata; il principale fra loro sarà la perdita del controllo del dolore per milioni di americani ".

In un'intervista telefonica con il New York Times , la dottoressa Janet Woodcock, direttore del centro di ricerca e valutazione delle droghe della FDA, ha detto che la FDA era consapevole del fatto che cambiare le regole di prescrizione avrebbe influito sui pazienti ma che l'impatto sulla salute pubblica causato dall'abuso di le droghe avevano raggiunto un punto critico.

Originariamente pubblicato sul blog CommonHealth di WBUR:

http://commonhealth.wbur.org/2013/10/fda-opioid-control-tightens

Solutions Collecting From Web of "Decisione della FDA su Vicodin-Burden per pazienti con dolore"