Decido di prendere Benjamin Franklin seriamente

Oggi è l'ultimo giorno dell'anno. Hai fatto delle risoluzioni per l'anno nuovo? Ho appena letto un articolo sulle risoluzioni più tipiche fatte dagli adulti negli Stati Uniti, e sono rimasto colpito da quanti di loro incarnano i punti di forza del personaggio che sono stati oggetto della mia ricerca: passare più tempo con amici e familiari (amore ), dicendo no alle sigarette e all'alcool (autoregolamentazione), organizzandosi (prudenza), imparando qualcosa di nuovo (amore per l'apprendimento), aiutando gli altri (gentilezza), mettendosi in forma e perdendo peso (perseveranza), e così via. Un'altra risoluzione comune è uscire dal debito, che nel mondo di oggi probabilmente richiede creatività unita a un buon giudizio.

Se vuoi che le tue risoluzioni accadano, ne propongo un'altra: prendere sul serio Benjamin Franklin.

Benjamin Franklin (1706-1790) è ovviamente molto apprezzato come statista e scienziato, ma potrebbe anche meritare credito come primo psicologo positivo americano. Non solo ha enumerato tredici punti di forza (virtù) del carattere di lode, ma ha anche affrontato la sfida di coltivare ognuno di loro, usando se stesso come soggetto di ricerca (Franklin, 1962).

Franklin caratterizzò ciascuna delle virtù che gli interessavano in termini di ciò che chiamava i loro precetti. Nel linguaggio psicologico moderno, questi precetti erano marcatori comportamentali della virtù in questione. Ad esempio, i precetti per l'industria erano "perdere tempo; essere sempre impiegati in qualcosa di utile; tagliare tutte le azioni inutili "e per temperanza erano" mangiare non ottusità; bere non in elevazione "(p.67).

Dal mio punto di vista, troppi dei precetti di Franklin sono formulati in termini di ciò che una persona non dovrebbe fare, riflettendo la sua preoccupazione per ciò che gli etici della virtù contemporanea chiamano virtù correttive, quelli che proteggono contro le inclinazioni umane ad agire in cattive maniere. Ma il buon carattere non è semplicemente l'assenza di cattivo carattere. Solo perché le persone si astengono dalle azioni meschine non li rendono gentili, più che liberarsi dall'ansia o dalla depressione rende necessariamente le persone felici.

Nondimeno, il valore dei suoi precetti è che sono comportamentali, osservabili e numerabili. Gli obiettivi che rappresentano sono rigidi e specifici, che gli psicologi moderni sanno essere più efficaci nel motivare il cambiamento rispetto agli ambigui obiettivi "fai del tuo meglio" (DYB) che molti di noi hanno.

Il programma personale di Franklin sulla coltivazione del personaggio era preveggente. Riconobbe che l'esortazione non sarebbe stata sufficiente per cambiare qualcuno, incluso se stesso, che è un punto che non è ancora pienamente compreso da alcuni sostenitori dell'odierna educazione dei caratteri. Appendere semplicemente un poster pertinente al personaggio sul muro di un'aula (o per altro, i Dieci Comandamenti) non porterà a cambiamenti.

Ho trascorso gli anni della scuola elementare fissando ogni giorno la tavola periodica degli elementi, e questo non mi ha trasformato in un chimico o addirittura in uno studente passabile di chimica. Ciò di cui c'è bisogno è una strategia concreta di cambiamento del comportamento. Franklin credeva, come me, che la maggior parte della gente volesse essere buona e decente. Il problema è che forse non sappiamo come farlo. Uno non dice a un paziente depresso semplicemente di rallegrarsi o una persona incline a procrastinare a farlo. Se sapessero come essere allegri o come fare le cose, lo farebbero. Ciò che è più utile è dire loro come fare queste cose. Lo stesso punto si applica alla coltivazione delle forze del carattere.

Franklin ha anche riconosciuto che sarebbe stato troppo scoraggiante cercare di rafforzare tutte le virtù allo stesso tempo, così ha dato la priorità a loro e li ha affrontati in ordine. Ha inoltre osservato che il rafforzamento di una virtù potrebbe aiutare con la successiva coltivazione di altre virtù. Ad esempio, Franklin ha ragionato sul fatto che la virtù della moderazione dovrebbe facilitare la virtù del silenzio, dato che quest'ultimo richiede le abilità coinvolte nel primo.

Anticipando la moderna strategia di cambiamento del comportamento del monitoraggio "oggettivamente" del progresso, Franklin realizzò un libro, con una pagina per ciascuna delle virtù che desiderava rafforzare. Ha organizzato ogni pagina per il giorno della settimana. Alla fine di ogni giornata, ripensava alle sue azioni e faceva "un segno nero" se avesse fallito nel seguire il precetto. Di nuovo, critico gentilmente Franklin per aver enfatizzato le sue trasgressioni piuttosto che i suoi risultati positivi, ma ciò è stato il modo in cui ha definito i precetti di ogni virtù.

Decise di affrontare una virtù alla settimana, nell'ordine in cui aveva dato la priorità, così che in tredici settimane si sarebbe rivolto a tutti loro in successione. Poi lo rifarebbe e in un anno avrebbe completato quattro corsi. Di nuovo, questo è molto moderno, perché Franklin ha anticipato la necessità del mantenimento del cambiamento.

Il suo obiettivo era quello di avere un libro pulito, e per aiutarlo lungo la strada, ha incluso nel suo registro le massime e le preghiere pertinenti, proprio come le persone oggi usano Post-It sul loro frigorifero per mantenere i loro obiettivi in ​​prima fila. Ad esempio, la mia porta del frigorifero ha un post-it che chiede "Sei davvero così affamato?"

Franklin giudicò il suo programma un successo, in quanto si acconsentì a meno segni neri con il passare del tempo. Tuttavia, alcune virtù erano più difficili per lui da rafforzare rispetto ad altri. In particolare, la forza dell'ordine gli procurava grossi problemi, dato che era solito disperdere le sue cose e in genere poteva contare sulla sua buona memoria per sapere dove si trovavano le cose nel caos. (Questo suona familiare a qualcuno di voi lettori?) In ogni caso, decise che era incorreggibile rispetto a questa virtù e decise di accettare la colpa come parte di ciò che era. Da una prospettiva psicologica positiva, va bene. Nessuno può avere tutto, anche se a credito di Franklin, ha provato a cambiare prima di accettare la conclusione meno che desiderabile.

Franklin si preoccupò che il suo "successo" rispetto ad alcune delle virtù riflettesse cambiamenti nell'aspetto della forza del personaggio piuttosto che nella sua realtà, ma dal mio punto di vista, questa è una distinzione difficile da mantenere se consideriamo le forze del carattere come abitudini. "Fallo finchè non puoi farcela" è uno degli slogan di Alcolisti Anonimi, e significa che se ci comportiamo in modo sobrio, non importa quanto siano deliberati o pungolati i nostri tentativi iniziali, alla fine saremo sobri. Noi siamo ciò che facciamo.

Apprezzo che Franklin abbia fatto tutto questo quando aveva 79 anni!

Felice anno nuovo.

Riferimento

Franklin, B. (1962). L'autobiografia di Benjamin Franklin. New York: Touchstone. (originariamente pubblicato 1791)

Solutions Collecting From Web of "Decido di prendere Benjamin Franklin seriamente"