Dead Man Talking: Deceased Killers Reveal Motive for Murder

Investigando l'ultimo massacro, la furia omicida di Devin Kelley in una piccola chiesa di Sutherland Springs, in Texas, durante il fine settimana, ci viene nuovamente ricordato che il consiglio "vedere qualcosa dice qualcosa" funziona solo se prestiamo attenzione. Altrimenti non vedremo nulla in primo luogo.

sentiremo nulla. Perché quando si tratta di articolare le proclività pericolose, le parole contano. La ricerca sulla valutazione delle minacce rivela che spesso sono gli stessi assassini a parlare di quello che stanno per fare e perché, prima che lo facciano. Ascoltiamo.

Motivo

Dopo ogni massacro omicida, cerchiamo un motivo. Dal momento che le comunità colpite guariscono da atti di violenza spregevoli, il motivo conta per diverse ragioni. [I] Le vittime e le loro famiglie vogliono la chiusura. Il pubblico generale vuole conoscere e capire le motivazioni alla base di questo comportamento orribile. Le forze dell'ordine cercano di essere meglio equipaggiati per identificare le bandiere rosse sotto forma di intenzioni e comportamenti pericolosi in futuro. Poiché la valutazione delle minacce è spesso più sulla prevenzione che sulla previsione, tutti noi beneficiamo della consapevolezza dei fattori relativi sia alla provocazione che alla predisposizione.

Lottando per capire il motivo quando un assassino lascia pochi indizi, si tratta di indagare sul personaggio dietro il crimine. Ciò include la raccolta di informazioni da parte delle persone che lo conoscevano meglio – o dovrei dire che pensavano di sì, perché sulla scia della tragedia di massa, alcune persone che pensavano di sapere che i perpetratori si rendevano conto di non conoscerle affatto.

Spesso sono le stesse parole dell'assassino a far luce sulla motivazione dietro al massacro. Di solito spingere la domanda: perché non abbiamo sentito niente?

Perdita: comunicazione dell'intenzione omicida

Meloy e O'Toole in "The Concept of Leakage in Threat Assessment" (2011) definiscono il termine come "la comunicazione a un terzo di un intento di fare del male a un bersaglio". [Ii] Descrivono varie forme di intenzioni che perdono che includono metodi di comunicazione datati come lettere, diari e messaggi vocali, nonché moderne modalità di espressione come i social media.

Spiegano che la perdita può essere intenzionale o non intenzionale e, come comportamento di avvertimento, indica la preoccupazione per un obiettivo e può anche indicare la ricerca, la pianificazione e l'attuazione di un attacco.

La loro ricerca indica che sia le perdite che le minacce dirette sono più comuni tra gli assassini di massa degli adolescenti, sebbene la maggior parte degli assassini di massa adulti abbia trapelato il loro intento. Tra gli adulti, notano un esempio di una minaccia specifica, come una nota di suicidio in cui viene descritto il crimine previsto, e una minaccia generalizzata, come l'affermazione "Sto andando a caccia".

Meloy e O'Toole spiegano che le motivazioni per la perdita potrebbero includere eccitazione, potere, ricerca di attenzione, desiderio di intimidire o spaventare, e un'espressione di ansia e paura riguardo all'atto previsto. I soggetti potrebbero pentirsi di aver fatto trapelare, o di voler commemorare le loro intenzioni trapelate come una dichiarazione post-mortem nel cyberspazio. Il desiderio di questo dopo l'attenzione virtuale può derivare da investimenti, orgoglio o desiderio di notorietà alimentati dal narcisismo patologico. Notano che la fuga non è generalmente guidata dal desiderio di interrompere il piano omicida.

La perdita è spesso scoperta dopo la morte

Nelle violenze del passato la violenza, i sospetti hanno fatto trapelare le loro intenzioni, a volte abbastanza pubblicamente. Eppure, nonostante qualcuno abbia visto la perdita prima del massacro omicida, i messaggi non sono diventati pubblici fino a dopo la loro morte.

Christopher Dorner, il poliziotto del poliziotto della polizia di Los Angeles, ha delineato il suo risentimento, compresi i passi compiuti per ottenere giustizia attraverso i mezzi legali disponibili e infine il movente della sua follia omicida, in un manifesto di 11 pagine pubblicato sulla sua pagina Facebook. ]

Lo sparatutto di Santa Barbara Elliot Roger pubblicò anche un manifesto, 137 pagine, che inviò a un conoscente poco prima del suo attacco, nel quale descriveva il "Giorno della retribuzione", spiegando il suo movente e macabri dettagli dei suoi contorti piani per ottenere vendetta attraverso violenza. [iv] Roger ha anche filmato e caricato le riprese di YouTube delineando i suoi piani omicidi.

Meloy e O'Toole (2011) delineano numerosi altri casi, con una varietà di esempi di come gli assassini di massa hanno discusso i loro piani, sia online che offline, prima di compiere atti di violenza mirata. Includono casi che vanno dalla dichiarazione del sito di sparatorie della Columbine High School "Kill em'all !!!" alla voce di diario di Sirhan Sirhan "RFK deve morire" e alla rivelazione a un netturbino che avrebbe assassinato Robert Kennedy.

Se senti qualcosa dì qualcosa: le parole contano

In retrospettiva, gli assassini di massa erano spesso i migliori previsori del loro imminente crimine. Dovremmo tenere gli occhi aperti e anche le orecchie aperte. Potremmo trovarci in una posizione, sia online che offline, per ascoltare e capire la fuga da qualcuno nelle fasi finali della pianificazione del prossimo massacro. Per proteggere noi stessi, i nostri cari e la nostra comunità, continuiamo ad ascoltare.

Circa l'autore:

Wendy Patrick, JD, PhD, è un procuratore di carriera ed esperto comportamentale. Lei è l'autrice di Red Flags: come individuare i frenemies, gli underminers e gli spietati (St. Martin's Press), e coautore della versione rivista del bestseller del New York Times , Reading People (Random House).

Tiene conferenze in tutto il mondo su una varietà di argomenti, tra cui la valutazione delle minacce, ed è un Certified Threat Manager di Association of Threat Assessment Professionals. Le opinioni espresse in questa colonna sono le sue.

Trovala su wendypatrickphd.com o @WendyPatrickPhD

Trova un elenco completo dei post di Psychology Today di Dr. Patrick's su https://www.psychologytoday.com/blog/why-bad-looks-good

[i] https://www.npr.org/2017/10/10/556795228/why-finding-a-motive-for-the-ve…

[ii] J. Reid Meloy e Mary Ellen O'Toole, "Il concetto di dispersione nella valutazione delle minacce", Scienze comportamentali e la legge 29 (2011): 513-527.

[iii] http://www.cnn.com/2013/02/07/us/dorner-manifesto/index.html

[iv] http://beta.latimes.com/local/lanow/la-me-ln-isla-vista-document-2014052…

Solutions Collecting From Web of "Dead Man Talking: Deceased Killers Reveal Motive for Murder"