David Goldman: l'amore di un padre

David Goldman, autore del nuovo libro di memorie A Father's Love , attraversò il peggior incubo di ogni genitore nel 2004, quando Sean, il figlio di quattro anni, fu rapito. A peggiorare le cose, fu la moglie di Goldman che portò il ragazzo nella sua città natale in Brasile e informò Goldman che voleva divorziare. C'è di più da David su come la sua fede è stata messa alla prova quando ha perso la sua famiglia, e come ha trovato suo figlio:

Jennifer Haupt: Che cosa hai imparato sulla fede durante i cinque anni in cui hai combattuto per trovarlo e riportarlo a casa? Come è cambiata la tua fede in qualcosa di più grande di te (Dio o altrimenti)?

David Goldman: Ho sempre avuto una forte convinzione in Dio che mi è stata instillata in tenera età. Non ho fatto e non frequento i servizi su base regolare. Io prego ogni giorno, comunque. La cosa interessante era che molte persone di varie credenze venivano a "reclutarmi" nella loro fede dicendo che sarebbe stato l'unico modo per superare la mia prova e se non avessi accettato la loro fede non avrebbero pregato con me o per me e non mi ascolterà nemmeno. Non ero una di quelle persone che mi chiedevano perché – perché io? Cosa ho fatto per meritarmi questo? In altre parole, sono rimasto concentrato. Ho fatto e pensato solo alle cose che potevo controllare. Ma chiedere a Dio di darmi forza e tenere mio figlio al sicuro era una richiesta quotidiana.

JH: Lo sapevi che tua moglie era infelice e pensava di lasciarti, o è stata una sorpresa totale quando ha chiamato per dire che lei e Sean non sarebbero tornati da quella che sarebbe stata una vacanza di due settimane in Brasile?

DG:

Mia moglie non ha espresso alcuna infelicità riguardo al fatto di essere sposata con me o di vivere in America. Il cambiamento di eventi è stato uno shock per me. Avevo guidato lei, nostro figlio e i suoi genitori all'aeroporto per quello che doveva essere una vacanza di due settimane. Abbiamo espresso il nostro amore reciproco come auguro a tutti loro un viaggio sicuro prima di lasciare l'aeroporto e si sono diretti verso il jet. In effetti, avrei dovuto unirmi a loro negli ultimi giorni del viaggio e avevamo programmato di tornare tutti insieme negli Stati Uniti.

JH: In sostanza, hai perso tua moglie e tuo figlio – la tua intera famiglia – in modo imprevisto. Che tipo di processo di lutto hai attraversato? Quanto è stato difficile separare il dolore dalla rabbia per ciò che tua moglie aveva fatto?

DG: Sì, l'ho fatto. In un batter d'occhio il mio mondo è andato in frantumi. Ma non permetterei che la palla rossa di furia offuschi la mia vista e mi scoraggi dal riportare a casa mio figlio. Sarebbe stato facile essere così arrabbiati e depressi al punto da diventare un paniere completo. Ma dove mi prenderebbe? Ricordo che mio padre una volta mi disse quando ero molto più giovane che la cosa che separa gli umani da tutte le altre creature viventi non è solo l'uso del pollice, ma la capacità di ragionare. Sapevo che avevo bisogno di stare calmo, costante e razionale con i miei pensieri e le mie azioni.

Non riuscivo a controllare il fatto che mia moglie e i suoi genitori avessero rapito Sean, ma potevo controllare tutte le mie azioni. Non mi permetterei di soffermarmi sul negativo. Ho sofferto molto e ho trascorso molte notti insonni e molti giorni da solo nel dolore, ma ho cercato piccole distrazioni, anche se mi ha portato via dal dolore per un momento. Guardare un alba, pagaiare una canoa o lavorare per lunghe ore così sarei esausto e ottenere un'ora di sonno solido aiutato molto. Molte persone hanno suggerito di assumere farmaci, ma io volevo e avevo bisogno di essere acuto, non ottenebrato, così mi sono rivolto al lavoro, alla natura e all'esercizio fisico per sbocchi. Mi resi conto che la persona che ho amato e sposato non era chi pensavo che fosse. Non potevo spendere nessuna energia su di lei o perché lei faceva quello che faceva. La mia attenzione si è concentrata esclusivamente su nostro figlio e ha fatto tutto il possibile per stare insieme.

JH: Quali erano le tue più grandi preoccupazioni per tuo figlio, anche se era con sua madre e i suoi nonni?

DG: Sapevo che stava soffrendo per essere stato strappato via da me, suo padre, la sua famiglia e gli amici, nonché la casa stabile e amorevole dove aveva vissuto tutta la sua vita naturale prima del suo rapimento. Strappare via nostro figlio non era solo un atto illegale, ma anche uno degli atti più crudeli ed egoisti che un genitore può fare al proprio figlio. Una volta letto il rapporto psicologico del tribunale brasiliano, che documentava la grave alienazione genitoriale a cui era sottoposto, ero ancora più preoccupato per il benessere di Sean. Quando ho letto nel rapporto che gli mancava l'autostima e sentivo che non aveva il diritto di essere felice, ero devastato! Era più un possesso che una persona per loro, che era in mostra quando lo trascinarono per le strade di Rio tra folle di giornalisti e telecamere il giorno della sua consegna.

JH: Cosa ti ha fatto superare i cinque anni di frustrazione e delusione, combattendo nelle corti brasiliane, prima che tuo figlio tornasse a casa? C'è mai stato un momento in cui le persone ti consigliavano di rinunciare alla lotta? Hai mai pensato di mollare?

DG: Per me, l'unica scelta era andare avanti e indietro finché mio figlio non fosse tornato a casa. Era il nostro diritto legale, morale e divino di essere insieme padre e figlio. Nessuno potrebbe negarci questo diritto. Con ogni ostacolo e ostacolo, la mia determinazione si accentuava. Sì, alcune persone mi hanno consigliato di arrendermi. Alcuni hanno detto che non sarebbe mai tornato a casa e che dovrei arrendermi e sperare che quando sarà più grande vorrà conoscermi. Non ne sentirei parlare Non ho mai pensato di rinunciare a mio figlio.

JH: Non riesco a immaginare quanto sia stato difficile quando Sean è tornato a casa la vigilia di Natale 2009 e non si è ricordato di te. Quando è stata la prima volta che ti ha chiamato papà?

DG: In realtà, siamo stati finalmente in grado di fare alcune brevi visite insieme in Brasile prima della partenza della vigilia di Natale insieme dal Brasile. La prima volta che ci siamo incontrati, mi ha chiamato papà, è stato giocoso e affettuoso. Tuttavia, i suoi rapitori hanno assistito al suo comportamento e aumentato la pressione cercando di trasformarlo contro di me attraverso un processo noto come alienazione dei genitori. Lo hanno trattenuto molto tardi, gli hanno urlato di chiamarmi papà e persino di abbracciarmi. Hanno detto e fatto cose orribili a lui così lui non vorrebbe essere con me. Ma il nostro legame era ancora lì, nonostante il loro comportamento. Il legame si è formato durante il nostro tempo insieme durante i suoi primi quattro anni di vita. Non potevano rompere quel legame, non importa quello che facevano – danneggiarlo sì, ma non romperlo. Ho capito che ci sarebbe voluto del tempo. Siamo andati subito in terapia quando siamo tornati a casa nel New Jersey. Ha iniziato a chiamarmi papà circa tre giorni dopo il nostro ritorno a casa. Ora la parola "papà" scorre dalla sua lingua come se non fosse mai andata via.

JH: Qual è l'unica cosa vera che hai imparato sulla paternità durante questo viaggio?

DG: In primo luogo, che tu sia un padre o una madre, è fondamentale passare il tempo di qualità il più possibile con i tuoi figli. Connettersi con loro è la chiave. Ascolta quello che dicono e lo apprezza. Apprezzo ogni momento che hai insieme. I padri sono molto importanti nella vita dei loro figli. Come padre single, ho bisogno di essere forte e stoico, ma anche molto tenero, premuroso e compassionevole. Molti padri sono i disciplinari e / o gli umoristi, ma i papà devono essere di più. Va bene mostrare un lato più morbido. I nostri figli imparano da noi e noi dobbiamo dare l'esempio.

David Goldman è cresciuto a Ocean Township, nel New Jersey, figlio di un capitano della barca charter. Laureatosi al Virginia Wesleyan College, Goldman ha trovato una carriera da modella. Attualmente gestisce un'impresa di noleggio barche e svolge attività di advocacy sul rapimento internazionale di minori.

Solutions Collecting From Web of "David Goldman: l'amore di un padre"