Darwin Sanction Torture?

Negli ultimi tempi, la questione della tortura è stata nella mente di tutti.

Negli ultimi mesi, ragazzi come Keith Olberman hanno fatto casi molto appassionanti per aver lanciato il libro a quell'interessato equipaggio di criminali cheney-esque. Ieri, nel New York Times, Roger Cohen ha fatto un buon motivo per spiegare perché dovremmo trattenerci.

Possiamo letteralmente andare avanti e indietro e avanti e indietro e ci sono ragioni molto solide che supportano entrambi gli argomenti.

Personalmente, penso che l'accusa sarebbe una distrazione dall'incubo economico che è una distrazione dal tracollo ambientale e, beh, ricorda i giorni di gloria in cui abbiamo fatto una cosa alla volta – ah le gioie di dover semplicemente scacciare la tecnologia che scoppia -la bolla delle materie prime.

Sembra che quei giorni siano alle nostre spalle, quindi dobbiamo fare dieci cose contemporaneamente, e se dobbiamo svolgere più compiti allora dobbiamo considerare il procedimento giudiziario. Ma non per nessuna delle ragioni esposte nei media, invece voglio riformulare la domanda.

Mi sembra che la vera ragione per cui dobbiamo prendere in considerazione la possibilità di costruire cause contro Cheney and Co. è di assicurare che nulla di simile accada di nuovo.

E questo mi porta alla teoria evolutiva, in particolare a come abbiamo risolto la questione della moralità.

Nel suo 1871 The Descent of Man, Charles Darwin iniziò a cimentarsi con la questione del vero sacrificio, che egli pensò come una domanda su dove nella gerarchia biologica la selezione naturale esercita una pressione evolutiva. La selezione era un effetto a più livelli o un livello aveva rilevanza? Le persone erano favorite su gruppi o viceversa? Potrebbe funzionare a livello di interi ecosistemi? La risposta ha un impatto reale sulle questioni di moralità.

Se la selezione agisce esclusivamente a livello individuale, Darwin ha ragionato, che l'altruismo non può evolversi. "Colui che era pronto a sacrificare la sua vita, come molti selvaggi sono stati, piuttosto che tradire i suoi compagni, non lascerebbe discendenza per ereditare la sua nobile natura."

Ma l'altruismo ha molto senso a livello di gruppo. "Sebbene un alto livello di moralità dia solo un leggero o nessun vantaggio a ciascun uomo e ai suoi figli rispetto agli altri uomini della stessa tribù … un avanzamento nel livello della morale darà certamente un immenso vantaggio a una tribù rispetto ad un'altra … [ una tribù che era sempre pronta a soccorrersi e a sacrificarsi per il bene comune, sarebbe vittoriosa sulle altre tribù; e questa sarebbe la selezione naturale. "

Questa è stata l'invenzione di un'idea chiamata selezione di gruppo e ha resistito per un secolo, poi è crollata in pochi anni. Negli anni '60, i modelli matematici furono introdotti nella teoria evolutiva e quando gli scienziati iniziarono a modellare l'altruismo, i free riders diventarono un problema.

"Anche se l'altruismo è vantaggioso a livello di gruppo", afferma la Stanford Encyclopedia of Philosophy, "all'interno di qualsiasi gruppo gli altruisti sono suscettibili di essere sfruttati da egoisti" free-riders "che si astengono dal comportarsi altruisticamente. Questi free rider avranno un ovvio vantaggio in termini di fitness: beneficiano dell'altruismo altrui, ma non incorrono in nessuno dei costi. Quindi, anche se un gruppo è composto esclusivamente da altruisti, tutti si comportano bene l'uno con l'altro, basta un singolo mutante egoista per porre fine a questo felice idillio. In virtù del suo relativo vantaggio di fitness all'interno del gruppo, il mutante egoista riprodurrà in eccesso gli altruisti, quindi l'egoismo finirà per sommergere l'altruismo. Poiché il tempo di generazione dei singoli organismi è probabilmente molto più breve di quello dei gruppi, la probabilità che un mutante egoista sorgerà e si diffonda è molto alta, secondo questo argomento. "

La selezione di gruppo era fuori, la selezione individuale era in. Nel 1976, in "The Selfish Gene", il biologo evoluzionista di Oxford Richard Dawkins ha ridotto ulteriormente le cose, sostenendo che non importava realmente quale fosse l'evoluzione del livello, i geni erano "l'unità fondamentale della selezione" "E poiché l'unica funzione del gene è l'auto-replicazione intrinsecamente egoistica, qualsiasi pressione selettiva applicata a livello di gruppo sarebbe completamente negata a livello individuale.

L'altruismo è diventato una selezione di parentela: aiutiamo coloro che sono strettamente legati a noi – o altruismo reciproco – aiutiamo coloro che ci aiutano – e il mondo è diventato un posto più crudele. "I nostri geni ci hanno creati", ha scritto Dawkin. "Noi animali esistiamo per la loro conservazione e non siamo altro che macchine di sopravvivenza a eliminazione diretta. Il mondo del gene egoista è una competizione selvaggia, uno sfruttamento spietato e l'inganno. "

In questi giorni, la selezione di gruppo è tornata, la carica è stata guidata dall'EO Wilson di Harvard tra molti altri, ma per la discussione sulla tortura che potrebbe non essere né qui né là.

Il punto è questo: se la nostra scienza ora è alla base della nostra moralità di quanto dovremmo rivolgerci per risolvere il nostro dilemma.

Se il nostro obiettivo è impedire ai funzionari del governo USA di torturare di nuovo le persone, dobbiamo affrontare i fatti. Se Dawkin è corretto e l'altruismo e la parentela reciproca sono in realtà le basi del buon comportamento di quello che dobbiamo perseguire per la semplice ragione che senza punizione non c'è alcun incentivo per il prossimo pazzo a ricoprire abbastanza poteri per rovesciare le Convenzioni di Ginevra per resistere alla tentazione.

Ma se Dawkin ha torto e la selezione di gruppo è la chiave, almeno a colpo d'occhio, ci troviamo nella posizione completamente opposta: torturare i potenziali terroristi per proteggere il nostro gruppo contro il tuo gruppo sembra mettere in discussione l'accusa.

Dove questo cade a pezzi è con l'argomento piatto di terra di Thomas Friedman. Se ha ragione e lo siamo davvero – grazie alle meraviglie del trasporto di massa e delle telecomunicazioni di massa – un pianeta, un popolo per favore, che il gruppo è in realtà tutti noi, l'intera massa aggrovigliata dell'umanità.

Se tutti sono nel "gruppo" di nuovo, dobbiamo perseguire perché è nell'interesse della civiltà mettere fuori legge queste pratiche per sempre.

Quindi Friedman ha ragione? L'economia americana si è disgregata e ha trascinato la maggior parte del mondo. Sembra un voto sì piuttosto chiaro per la società della terra piatta.

Il che significa che se davvero crediamo che il fatto scientifico dovrebbe guidare la politica, i fatti puntano al perseguimento.

Solutions Collecting From Web of "Darwin Sanction Torture?"