Dare il dono di te stesso

Chiedi quello che ti serve e avrai più da dare.

La passione per tutta la vita può riguardare l'apprendimento dell'amore, ma non si tratta di imparare ad amare in generale, come un'attività onorevole che possa essere. Si tratta di imparare ad amare ed essere amato da una persona in particolare e farlo bene.

Si tratta di imparare ad esprimere l'amore in modi che permettono all'altro di sentire quell'amore come una forza che lo libera in libertà e creatività, piacere e gioia. Si tratta di imparare a dare e ricevere un tocco che è, in questo senso, abilitante alla vita.

Per questo viaggio, non c'è una formula, una mappa o una destinazione, solo un processo in continua evoluzione di sintonizzarsi su ciò di cui noi e i nostri partner abbiamo bisogno per essere liberati nel flusso dell'amore che condividiamo – il flusso del nostro divenire .

La maggior parte di noi, tuttavia, non sono lettori della mente o lettori del corpo. Non sappiamo come i nostri partner vogliono e devono essere toccati. Sappiamo a malapena come vogliamo essere toccati. E piuttosto che scoprirlo per noi stessi, la nostra tendenza, data la nostra mente culturale sull'addestramento del corpo, è affidarci alle immagini dell'amore e del sesso. Immaginiamo che toccare e essere toccati sia questione di identificare i punti giusti e applicare la pressione secondo necessità. È una questione tecnica.

Da parte nostra, vogliamo pensare al tatto come puramente fisico, perché se è così possiamo essere sicuri che otterremo la soddisfazione che desideriamo, anche se non siamo nei migliori termini con i nostri partner. Meglio ancora, sappiamo che saremo in grado di darlo all'altro se ci sentiamo o meno. Soddisfazione garantita.

Tuttavia, aderendo a tali immagini, non ci stiamo solo allenando per non chiedere ciò di cui abbiamo bisogno, ci stiamo allenando per non essere in grado di chiedere ciò di cui abbiamo bisogno. Non possiamo immaginare che ci sia lavoro da fare per portare la nostra consapevolezza sensoriale alla vita. Non possiamo immaginare che le nostre tenaci sensazioni di desiderio fisico possano puntare verso tipi di contatto che non sono fisici – la domanda gentile, lo sguardo indagatore, il commento incoraggiante. Anche se abbiamo un piccolo avvertimento sulla necessità di tale lavoro, è probabile che lo ignoreremo. Perché è più facile non chiedere che rischiare di aprirci alla delusione che noi oi nostri partner non ci toccheremo o non possiamo toccare perché dobbiamo essere toccati.

Nessuna domanda, nessun attrito, nessuna paura. Quindi perdiamo i registri del discernimento e gli indizi sensoriali che ci aiuterebbero a riconoscere in noi stessi ciò che ci libererebbe in piacere. Rimane un mistero

Quando non sappiamo ciò di cui abbiamo bisogno e non chiediamo ciò di cui abbiamo bisogno, anche quando pensiamo di farlo per tenere insieme la relazione, creiamo sacche di silenzio in noi stessi e nella relazione. Spazi morti La relazione si restringe; lo spazio sensoriale che occupa in noi si restringe. Siamo meno soddisfatti della relazione man mano che cresce meno in grado di fornirci esplosioni di vita della cellula che consentano il contatto. E così è il nostro partner.

Quando chiedo ciò di cui ho bisogno, ho più da dare.

È un paradosso.

Quando chiedo il tocco di cui ho bisogno, chiedo semplicemente, senza aspettativa, come un modo per essere presente a me stesso e con te, ti do il regalo più grande. Ti do quello che ti serve per riuscire a fare ciò che vuoi fare: amami. Ti do il piacere di liberarmi in un amore sempre più grande per te.

L'intimità si approfondisce. L'amore cresce e trovo in me stesso più capacità di rispondere a te quando chiedi di me.

Questa logica attraversa la saggezza e gli orsi convenzionali che si ripetono. Quando non chiediamo ciò di cui abbiamo bisogno per riaccendere la nostra esperienza di passione che apre le cellule, impediamo al nostro partner di ottenere ciò che desidera. Quando chiediamo il tipo di tocco che ci permetterà, e quando ci apriamo per esplorare ciò che potrebbe essere, diamo il dono che è più desiderato: il dono di noi stessi.

Un estratto da What a Body Knows: Finding Wisdom in Desire (2009), capitolo 14

Solutions Collecting From Web of "Dare il dono di te stesso"