Dare il beneficio del dubbio

Parlando con i filosofi adulti e bambini dell'importanza di sviluppare empatia, di mantenere una natura compassionevole, dedichiamo una notevole quantità di tempo a cercare di scoprire perché l'identificazione empatica con gli altri non viene più facilmente. Gradualmente, ciò che realizziamo è che senza un'acuta consapevolezza della gratitudine per la propria vita, la porta della pura sensazione di compassione rimarrà chiusa. Questa è una rivelazione potente e un forte richiamo ai motivi per cui dobbiamo essere pieni di ringraziamenti.

Adulti e bambini prosperano scrivendo delle cose per le quali sono grati, cose che possono essere state trascuratamente ignorate: salute, opportunità, una biblioteca o un parco nelle vicinanze, la possibilità di giocare e ridere, pause che si fanno strada attraverso la generosità degli altri – persone che potrebbero non sapere mai. Mentre la gratitudine rimpiazza le aspirazioni di auto-diritto e auto-importanza, la strada è lastricata per fondersi con la vita degli altri. Grato per la mia vita, separa molto poco il mio dal tuo.

Un gruppo di soci del club di filosofia ha preso in considerazione questa mia proposta: cosa succederebbe se ci orientassimo di nuovo in modo da dare a tutti il ​​beneficio del dubbio – che questo mettere il proprio io migliore fosse la nostra modalità predefinita nell'interagire con gli altri? In effetti, che cosa accadrebbe se imparassimo di estendere a noi stessi questa benevolenza del dubbio – una vita di fiducia iniziale di se stessi e degli altri? I volti si addolcirono; la speranza ha soffuso la stanza.

Solutions Collecting From Web of "Dare il beneficio del dubbio"