Dall'apprendimento della seconda lingua al bilinguismo nelle scuole

Post scritto da François Grosjean.

Siamo in molti a ritenere che l'istruzione dovrebbe aiutare i bambini e gli adolescenti ad acquisire una seconda o una terza lingua mantenendo la loro lingua madre. L'istruzione dovrebbe anche incoraggiare l'uso attivo di tali lingue, se possibile.

Attualmente, molti sistemi educativi in ​​tutto il mondo seguono uno degli obiettivi dell'UNESCO nella sua Dichiarazione Universale del 2002 sulla Diversità Culturale che incoraggia, tra le cose, "l'apprendimento di diverse lingue fin dalla più tenera età". Ma ci sono molti modi diversi per farlo, come vedremo in seguito.

In primo luogo, c'è il modo tradizionale di insegnare una seconda lingua o una lingua straniera che molti di noi hanno vissuto da bambini in qualsiasi paese in cui siamo cresciuti. La lingua è un argomento che viene insegnato in modo piuttosto formale in momenti specifici durante la settimana . Raramente diventa un mezzo di comunicazione e non è un mezzo usato per insegnare altre materie. Nonostante questo, gli insegnanti di seconda lingua (o di lingua straniera) (vedi qui per un post dedicato a loro) di solito fanno ogni sforzo per trasformare l'apprendimento della lingua in un'attività piacevole e vivace. Ad esempio, ora usano metodi basati sul Web e altri mezzi audiovisivi, tra cui canto e musica, oltre a diverse strategie comunicative, per insegnare la lingua in questione.

Alla fine della loro istruzione, gli studenti vengono via con la conoscenza formale della seconda lingua e della sua cultura (e) di accompagnamento e, molto spesso, della sua letteratura. Ma se le lezioni erano piuttosto grandi e si incontravano solo poche volte alla settimana, gli studenti potrebbero non aver fatto tutti i progressi desiderati e non avrebbero usato quel linguaggio per via orale più di tanto. E con il tempo, a meno che non visitino un paese o una regione in cui viene utilizzata la lingua, o seguano corsi aggiuntivi, la loro conoscenza della lingua potrebbe svanire.

Per rimediare a ciò, educatori e psicologi della McGill University (Wallace Lambert, Richard Tucker e altri) hanno istituito "programmi di immersione" nella seconda metà del secolo scorso, prima nella piccola città di St. Lambert in Quebec, Canada , e poi altrove nel paese e all'estero. Ciò che è interessante con questo approccio è che gli studenti acquisiscono una lingua imparando argomenti in quella lingua – è il mezzo di istruzione – invece di acquisirla attraverso un'istruzione formale. Così, nel progetto St. Lambert, i bambini di lingua inglese sono stati insegnati in francese, da insegnanti di lingua francese, a partire dalla scuola materna.

Dal primo anno in poi, gli insegnanti non hanno mai parlato inglese agli studenti o tra loro, in modo da creare, per quanto possibile, un ambiente totalmente francofono. Ai bambini è stato insegnato a leggere e scrivere in francese a partire dal primo anno. Nel secondo anno, hanno iniziato a frequentare corsi di lingua inglese per circa un'ora al giorno, ma il resto del programma era in francese. Poco a poco, fu introdotto più inglese, tanto che per il sesto anno più della metà dell'insegnamento era in inglese.

L'approccio si dimostrò di grande successo poiché i bambini non erano in alcun modo dietro gruppi di controllo che erano stati istruiti solo in inglese. Il loro livello di intelligenza era equivalente a quello dei controlli e la loro conoscenza del francese era di gran lunga migliore di quella di altri bambini di lingua inglese della loro età. L'unica cosa che mancava era l'uso attivo del francese al di fuori della scuola, che era lasciato alle famiglie su cui lavorare.

L'approccio di immersione è ora ampiamente utilizzato in molti paesi del mondo e in programmi di risveglio linguistico. Esistono numerose versioni come programmi di immersione tardiva o di cambio lingua che iniziano l'istruzione nella seconda lingua in gradi successivi. Esistono anche programmi di immersione parziale che utilizzano la seconda lingua per metà giornata e solo per determinati soggetti. Qualunque sia la versione, però, i bambini diventano molto più fluenti nella seconda lingua rispetto ai bambini nei programmi più tradizionali. Inoltre, i bambini nei programmi di immersione traggono vantaggio da molti dei vantaggi del bilinguismo (vedi qui e qui).

Un altro tipo di programma, il programma di immersione a due o due vie, promuove il bilinguismo e la bilitesi, oltre a una comprensione molto reale delle persone e delle culture coinvolte. Qui due lingue sono usate durante la scuola e, cosa c'è di nuovo, gli studenti provengono da entrambi i contesti linguistici. Un esempio di tale programma è l'Amigos School di Cambridge, nel Massachusetts. È aperto agli studenti di famiglie in cui lo spagnolo è la lingua dominante, nonché agli studenti per i quali l'inglese è la lingua principale. Ogni gruppo di studenti, o classe, ha un equilibrio di madrelingua inglese e madrelingua. I gruppi ruotano tra la loro classe inglese e la loro classe spagnola.

La particolarità di questi programmi (ce ne sono ancora pochi disponibili in tutta la nazione) è che gli studenti diventano alfabetizzati in due lingue, scoprono la cultura dell'altro gruppo linguistico, interagiscono con i parlanti di quella lingua e cultura e si aiutano a vicenda. Pertanto, gli studenti che sono dominanti in una lingua lavorano con e aiutano gli studenti che dominano nell'altra lingua. Ciò consente loro di comprendere meglio cosa significa essere in grado di aiutare qualcuno che non capisce ciò che viene detto e di essere aiutato da qualcuno quando si è nella stessa situazione.

Entrambi i programmi di immersione e di doppia lingua sono approcci estremamente promettenti in quanto mirano al bilinguismo e, nel caso di programmi a doppia lingua, anche per il biculturalismo. Beneficiano chiaramente tutti gli interessati, qualunque sia la cultura da cui provengono.

Per un post sui vantaggi cognitivi dell'educazione all'immersione, vedi qui.

Foto di un'insegnante che guarda un libro di classe di Shutterstock.

Riferimenti

– Grosjean, François (2010). Istruzione e bilinguismo. Capitolo 19 di Grosjean, François. Bilingue: vita e realtà . Cambridge, MA: Harvard University Press.

– Baker, Colin (2006). Fondamenti di educazione bilingue e bilinguismo . Clevedon, Inghilterra: argomenti multilingue.

– Il Center for Applied Linguistics (CAL) di Washington, DC, è specializzato nell'insegnamento delle lingue e nell'insegnamento delle lingue straniere ai bambini. Qui ci sono solo due esempi di documenti che offrono sul loro sito web:

Cosa vogliono sapere i genitori sui programmi di immersione in lingua straniera

Programmi di istruzione bilingue a due vie nella pratica: una prospettiva nazionale e locale

Post di "vita come bilingue" per area di contenuti.

Il sito di François Grosjean.

Solutions Collecting From Web of "Dall'apprendimento della seconda lingua al bilinguismo nelle scuole"