Dall'agonia all'ecstasy

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

Sulla scia della scoperta e diagnosi del disturbo post traumatico da stress di Elephant (PTSD), è emersa una nuova specie – comune "scienza della sensibilità" – la psicologia trans-specie. Poco dopo, i neuroscienziati hanno ammesso apertamente nella Dichiarazione di Coscienza di Cambridge che umani e altri mammiferi, rettili, uccelli e persino invertebrati condividono processi e strutture cerebrali che governano il pensiero, il sentimento e l'esperienza della coscienza. [1] [2] Gli animali sono ora liberati dal silenzio dell'etologia e emergono nella voce e nell'agire su cui la psicologia insiste.

Questa intervista segna il primo della nuova serie, The Many Faces of Trauma , in cui esploriamo la natura del trauma e il recupero del trauma di animali non umani.
Iniziamo con le esperienze psicologiche degli elefanti africani e asiatici. Carol Buckley, fondatrice ed ex CEO di Elephant Sanctuary nel Tennessee e fondatore e CEO di Elephant Aid International, prepara il palco. [3]

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

Carol è considerata l'esperta più importante del mondo per il recupero e la cura del trauma degli elefanti adulti dopo aver lavorato per oltre quarant'anni nel campo, prima nel circo e poi come riabilitatore e attivista di elefanti. Mentre continuerà il suo lavoro internazionale in Asia, creerà un nuovo santuario basato negli Stati Uniti che porterà gli elefanti dai giardini zoologici e dall'intrattenimento in modo che possano godere di cure a vita e l'opportunità di rivitalizzare il corpo e la mente. Qui, condivide alcune delle sue idee su Elephant e le psicologie umane e il recupero del trauma da elefante che ha ottenuto durante il suo mandato in Asia.

Carol, dopo oltre quarant'anni di elefanti in cattività negli Stati Uniti e in Canada, hai trascorso gli ultimi cinque anni lavorando con gli elefanti in Asia, Thailandia, India e Nepal. Quali sono alcune delle cose più sorprendenti che hai notato?

CB: Poiché le vite di Elephant in cattività sono così influenzate dagli umani, le loro situazioni sono molto influenzate non solo dal clima specifico e dal terreno in cui vivono, ma dalla specifica cultura umana. È importante sottolineare che, come per gli umani, gli elefanti hanno culture, abitudini e linguaggio specifico per ogni famiglia. Per questi motivi, la cura e il recupero di Elephant sia come individui che come società devono essere adattati a ogni località e condizione. Tutti gli Elefanti devono essere liberi da violenze e abusi umani, tutti gli Elefanti devono stare con le loro famiglie, avere accesso a cibi freschi e salutari e avere autonomia; in grado di vivere la propria vita da soli e prendere le proprie decisioni, e così via.

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

Successivamente, tutto ciò che ho imparato negli anni con Elefanti in Nord America è stato trasferito su Elefanti in Asia. Tragicamente, ho scoperto un'altra comunanza tra i continenti: tutti gli Elefanti in cattività sono stati sottoposti a "rottura". La pratica di sottoporre i giovani Elefanti a gravi abusi emotivi e fisici con lo scopo di costringerli a sottomettersi agli umani senza dubbio (ciò che si chiama phajaan in Asia) è condivisa negli zoo e nei circhi nordamericani ed europei come nei paesi asiatici di origine.

Alla luce delle mutevoli preoccupazioni dell'opinione pubblica, la forma tradizionale dei phajaan è stata modificata dove il piccolo Elefante è legato alle corde tra due koonkis (elefanti mahout-cavalcati) e costretto a camminare finché non crolla a quel punto il giovane Elefante viene trascinato, terrorizzato, al punto da esaurirsi fisicamente ed emotivamente. In entrambi i casi, tradizionale e modificato phajaan, il risultato è lo stesso, un elefante psicologicamente in frantumi.

Puoi descrivere brevemente il processo tradizionale di rompere un elefante o il phajaan?

CB: Un giovane Elefante viene preso con la forza da sua madre e rinchiuso in una penna di legno chiamata una cotta che è appena più grande del piccolo Elefante, le gambe sono legate ai pali della penna in modo che non possa mentire o sedersi giù o girare intorno. [4] Nelle prossime settimane, l'Elefante infantile fornirà acqua e cibo limitati, sarà privato della compagnia, non avrà riparo dal sole e elementi che di per sé possono essere abbastanza duri e pericolosi per la vita, quindi picchiati implacabilmente, pugnalati e spaventati dal fuoco dai mahout (gli uomini incaricati degli elefanti) con una serie di armi metalliche e di legno.

Anche le loro bocche, i loro tronchi e l'ano sono sollecitati e fatti sanguinare. Il bambino è terrorizzato, defeca e urina dalla paura e dal dolore. È un orrore. Questo continua fino a quando è evidente che la rottura ritualistica ha avuto successo. Nel caso dei phajaan nel mondo occidentale, le gambe degli elefanti sono incatenate al terreno impedendo al bambino di muoversi in qualsiasi direzione. Come le loro controparti in Asia, anche loro hanno a disposizione acqua e cibo limitati, privati ​​della compagnia, e implacabilmente tormentati da bull bull bulletti metallici affilati finché non si conformano coerentemente al "formatore" umano.

Non solo le pratiche e le intenzioni sono simili nell'ovest e in Asia, ma la mentalità degli uomini che torturano gli elefanti sono uguali. Il loro approccio alla formazione degli Elefanti è ossessivamente simile. Ancora oggi gli istruttori di elefanti del circo pensano, parlano e agiscono nei confronti degli Elefanti esattamente allo stesso modo dei mahout in Asia.

È vero che quando gli Elefanti asiatici furono portati per la prima volta in Nord America e in Europa, i mahout accompagnarono l'Elefante per mostrare ai nuovi allenatori come lavorare con gli Elefanti. Ma c'è qualcosa in più – fino al dettaglio che tutti analizzano e rispondono allo stesso comportamento degli elefanti e sentono in profondità che hanno il diritto di trattare gli Elefanti nel modo in cui lo fanno.

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

Una volta hai detto: "In tutti i miei anni di salvataggio degli Elefanti, non ho mai visto un Elefante la cui anima è spezzata come quelli che hanno sopportato la brutalità dei phajaan." Puoi dire qualcosa in più su questo?

CB: Spezzare un Elefante ha un profondo effetto di alterazione della vita su di loro. Il primo e spesso unico Elefante che la maggior parte della gente vede è un Elefante in cattività. Molti che guardano un circo o uno zoo Elephant si muovono, si muovono o oscillano – quelli che vengono chiamati comportamenti stereotipati – pensano che sia normale. Alcuni responsabili dell'educazione dei visitatori dello zoo e dei frequentatori del circo travisano il comportamento nevrotico sostenendo che l'Elefante sta ballando. Occhi infossati e opachi, zoppia dopo anni di stazionamento sul cemento in un clima freddo innaturale, scarsa attenzione, non vengono rilevati a chi osserva gli elefanti in cattività.

Ma quando vedi un elefante in natura che è cresciuto con la sua famiglia ed è stato in grado di vivere come un elefante dovrebbe e si è evoluto per farlo, è una storia completamente diversa. Sono pieni di vita, giocano, i loro occhi brillano. La luce dentro splende luminosa, mentre in molti Elefanti tenuti in cattività, la luce si è spenta.

Hai parlato dei cambiamenti nella cultura e nell'economia umana che hanno avuto un enorme impatto sul benessere e sulle pratiche di Elephant, in peggio.

Rebecca Winkler, used with permission
Fonte: Rebecca Winkler, usata con il permesso

CB: fino al 1965, gli elefanti catturati per l'esportazione ad ovest e utilizzati in Asia non avevano tradizionalmente meno di cinque anni. I più anziani erano migliori poiché venivano svezzati dando loro una migliore possibilità di sopravvivere a un viaggio oltremare nel mondo occidentale e al trauma dei phajaan. Dopo il 1965, l'Asia iniziò a esportare elefanti in aereo. Sfortunatamente questo fu l'avvento di elefanti molto giovani – alcuni di soli pochi mesi – prematuramente separati dalla madre e esposti a viaggi aerei e pratiche di addestramento traumatico in giovane età. Il costo del trasporto aereo era a carico della sterlina, mentre via nave era presso la cassa. Successivamente, i bambini più piccoli erano più economici da trasportare. A causa della loro età e vulnerabilità, tre su quattro bambini trasportati via aria sono morti durante il trasporto. Ciò dimostra quanto sia stata traumatica l'esperienza.

I venditori asiatici hanno ricevuto pagamenti anticipati senza alcuna garanzia di sopravvivenza. Hanno ricevuto $ 7000 se il bambino è arrivato vivo o morto. Dal momento che le industrie dello zoo e del circo erano disperate di riempire le loro scuderie con Elefanti, i costi valevano la pena di ricevere un elefantino dal vivo. Gli esportatori hanno guadagnato un sacco di soldi, mentre centinaia di elefanti hanno perso la vita ogni anno.

Anche ora, gli zoo stanno compiendo uno sforzo per ottenere nuovi elefanti africani dal vivo, catturati selvaggi. La ricerca mostra che gli elefanti in cattività non sopravvivono finché le loro controparti selvatiche. I programmi di riproduzione sono pochi e per lo più infruttuosi e il tasso di mortalità è molto alto a causa del virus dell'herpes, la principale causa di morte nei giovani Elefanti detenuti in cattività.

L'evoluzione delle culture umane in Asia non ha giovato agli Elefanti. Ad esempio, in Tailandia, come in altri paesi asiatici, il disboscamento è stato messo fuori legge lasciando in cattività gli elefanti in cattività. Con relativamente nessuna sinistra selvaggia, la reintroduzione nella giungla non è un'opzione. Ora sono usati come attrazioni turistiche dando giostre.

Hai appena perso il terremoto di magnitudo 8.1 di Nepal che è stato così devastante. Puoi descrivere il suo effetto sugli elefanti detenuti in cattività?

Ho lasciato il Nepal due giorni prima del terremoto dell'aprile 2015. Ha causato enormi danni e molte persone sono morte e altri hanno lasciato i senzatetto. Nel tentativo di aumentare il morale, il governo nepalese ha completato la sua nuova costituzione, un documento che è stato sul tavolo da disegno per qualche tempo. Lo sforzo dei governi di allineare i cittadini del Nepal potrebbe essere riuscito nel complesso, ma una componente della nuova costituzione si è ritorta contro. La nuova costituzione stabilisce che solo una persona nepalese al 100% possa ricoprire la carica. Questa legge costituzionale ha praticamente privato del diritto di voto su un'intera popolazione di nepalesi che viveva sulla frontiera meridionale dei paesi condivisa dall'India. I matrimoni sono comuni tra le persone in quest'area. Hanno immediatamente iniziato i disordini nelle strade.

Per dimostrare il loro dispiacere, l'India, il fornitore di benzina del Nepal ha emanato un embargo sul carburante in Nepal. Ciò si è rivelato disastroso per l'economia del Nepal e le relazioni del paese. Senza benzina l'industria turistica è quasi crollata e altre industrie sono state paralizzate. Senza il turismo, gli elefanti sono praticamente senza lavoro ei loro proprietari, che sono anche proprietari di alberghi, sostengono che non ci sono abbastanza soldi per nutrire adeguatamente gli elefanti.

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

Nel mezzo di questo disastro vediamo un'opportunità per migliorare il benessere di Elephant. Sarebbe un ottimo momento per iniziare una casa per anziani Elephant e trasformare il modo in cui gli elefanti vengono usati in Nepal.

Descrivi i tipi di progetti e di lavoro che fai in Nepal.

Il mio obiettivo generale è quello di migliorare il benessere psicologico e fisico di Elephant aiutando a cambiare gli atteggiamenti e il comportamento degli uomini verso gli elefanti dal dominio e dall'abuso alla coesistenza e al rispetto. Lavoro a stretto contatto con il Dipartimento dei Parchi Nazionali e la Conservazione della Fauna e il National Trust for Nature Conservation per liberare gli Elefanti dalle catene, insegnare ai mahout come prendersi cura dei loro Elefanti in modi più umani e trasformare il modo in cui gli Elefanti vengono usati in Nepal. Ad esempio, tengo delle cliniche e visito vari luoghi per insegnare la cura dei piedi degli elefanti, quali alimenti sono appropriati, in quali situazioni prosperano e soffrono elefante e come il miglioramento del benessere avvantaggia sia gli elefanti che i mahout. Il mio lavoro mi fa entrare nelle comunità di mahout. Con fiducia, il cambiamento è possibile.

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

Abbiamo anche un progetto chiamato Chain Free Means Pain Free che crea recinti ad energia solare per liberare gli elefanti dalle catene. [5] Quando sono incatenati, le zampe anteriori degli elefanti sono zoppicanti e sono legate sotto un rifugio di lamiera. Questo confinamento impedisce la postura naturale e un'attività fisica sana. Provoca terribili sofferenze e dolori psicologici.

Tradizionalmente, gli elefanti erano incatenati, di solito fino a quindici ore al giorno. Quando vengono incatenati vengono privati ​​di un ambiente naturale salubre e soggetti a quasi totale privazione della loro famiglia e dei loro amici. Essere incatenati per periodi di tempo prolungati è psicologicamente devastante e può causare lesioni fisiche tra cui l'artrite e l'osteomielite terminale. I coralli senza catena ad energia solare sono un enorme miglioramento per Elefanti. Nel recinto privo di catene, ogni Elefante è libero di muoversi a suo piacimento e di impegnarsi in comportamenti naturali come spolverare, foraggiare, dormire, fare il bagno, camminare, giocare e socializzare.

Puoi dare un paio di esempi di elefanti con cui hai conosciuto e lavorato in Nepal, che aiutano a "mettere un volto" all'esperienza di Elephant del trauma psicologico della prigionia?

Mel Kali è un elefante femmina di settantadue anni in Nepal. Data la sua età e anche il suo stato psicologico, è ovvio che non è stata sottoposta a Phajaan fino a quando non è stata svezzata e abbastanza grande per sopravvivere al trauma. A differenza di altri, che sono stati sottoposti a phajaan da piccoli, Mel Kali è relativamente intatto psicologicamente. Poco dopo che l'ho incontrata, Mel Kali è quasi morta di polmonite. Era molto magra, viveva di una dieta insufficiente, e lavorava ancora ogni giorno trasportando turisti e fornendo pattuglie anti-bracconaggio nel Chitwan National Park. Quando non lavorava, era incatenata da entrambe le zampe anteriori sotto un magro ricovero che non la proteggeva a sufficienza dalle fredde regioni invernali. I mahout si sentivano impotenti. Sentivano che era troppo vecchia per sopravvivere. In pratica stavano lasciando che morisse. È stata un'esperienza d'apertura per me. Ho realizzato molte cose; i mahout erano impotenti, se non disperati. La gestione era disinteressata. Sembrava che non ci fosse nessuno disposto a combattere per la vita di Mel Kali, tranne me. Così ho chiamato un mio amico tecnico veterinario. È venuto immediatamente. È stato interessante vedere come hanno risposto i mahout.

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

All'improvviso i mahout si interessarono a Mel Kali e lavorarono duramente per farla star bene. Seguendo le istruzioni dei tecnici, a turno tenevano una busta di liquidi sub-q, su un lungo palo, sopra le loro teste per ore e le offrivano teneramente il riso bollito e caldo e la melassa, convincendola a mangiare. Ha ricevuto liquidi per disidratazione, farmaci per la polmonite e iniezioni di vitamina per sostenere il suo sistema immunitario e una donna del posto ha fatto una coperta per tenerla al caldo. Nel giro di 24 ore Mel Kali stava mostrando miglioramenti e in una settimana tornò al suo vecchio, spavaldo. Come risultato della sua quasi morte i proprietari di Mel Kali hanno convenuto che a causa della sua età avanzata e 60 anni di servizio, poteva andare in pensione. Oggi, quasi due anni dopo, è sana, felice, senza catene e godendosi la pensione.

Ogni mattina il mahout di Mel Kali la porta sulle rive del fiume Rapti, le dà un comunicato verbale e guarda mentre guada attraverso l'acqua che scorre veloce e scompare nel Chitwan National Park. Lì vaga, libera dal suo mahout o da qualsiasi altra moderazione, facendo tutto ciò che vuole. La sera torna al suo rifugio da sola. La sua vista è così commovente; Mel Kali, un elefante prigioniero in cattività libero di vagare nel parco nazionale di Chitwan, indisturbato dall'uomo, dalle catene o dagli abusi. Lei è sicuramente l'elefante più fortunato che conosco in Asia. Poi c'è Prakriti Kali che esibisce un comportamento stereotipato avanzato come risultato dell'esperienza di una serie di traumi.

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

Prakriti Kali è una giovane elefantessa che è stata recentemente valutata psicologicamente e ha dimostrato di aver subito diversi traumi: rottura dell'attaccamento (presa dalla madre e dalla famiglia), tortura (phajaan), deprivazione socio-emotiva (vite incatenate e isolate), fame cronica ( affamato), esaurimento fisico (affaticato per periodi prolungati a temperature eccessive). È stata formalmente diagnosticata con il Disturbo da Stress Post-traumatico complesso (c-PTSD). [6] Puoi descrivere alcuni dei suoi sintomi? [7]

CB: Dopo che Prakriti Kali è stata presa da sua madre, sottoposta ai phajaan e poi incatenata, ha iniziato a mostrare comportamenti stereotipati innaturali e inquietanti. Si impegnava in una testa dissociativa che dondolava e ondeggiava per ore alla volta, ogni giorno. Questi sono ben noti meccanismi di coping che gli Elefanti tenuti in cattività impiegano quando sono sotto stress.

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

Ma Prakriti Kali mostra anche comportamenti potenzialmente autodistruttivi. Afferra la coda della sua coda e la tira ripetutamente. I controlli veterinari dominavano su qualsiasi motivo medico per lei che le tirava la coda. Ma il comportamento che mi preoccupa di più è quando assume una posizione tozza, seriamente contorta e innaturale, con le zampe anteriori spinte all'indietro tra le sue zampe posteriori, per tutto il tempo a verbalizzare i membri del branco in lontananza. Non c'è niente di naturale in questo comportamento. In effetti, la pressione della coppia esercitata sulle sue articolazioni in questa posizione può essere seriamente dannosa. Tutti questi comportamenti si verificano quando Prakriti Kali vede sua madre, fratello o altri membri della mandria, ma non le è consentito interagire o toccarli.

Cosa pensi che attragga così tanto le persone in Elefanti?

CB: Penso che sia perché gli elefanti irradiano un grado accelerato di compassione e emozioni complesse. Questo agisce come una calamita e le persone sono attratte perché anche se i sentimenti sono ossessivamente familiari, la maggior parte delle persone non ha mai provato prima un'emozione del genere.

C'è qualche cambiamento positivo per gli elefanti?

CB: Sì. Negli Stati Uniti e altrove ci sono sempre più santuari che spuntano. Fino a qualche anno fa non esistevano santuari per elefanti nel mondo. Ora ci sono negli Stati Uniti, in Africa, in Tailandia, in India, e stiamo lavorando per stabilirne uno in Nepal. Questo è davvero un risultato delle comunità e degli attivisti di difesa degli elefanti.

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

Quando ho stabilito per la prima volta il santuario del Tennessee, il concetto di santuario è stato visto come strano movimento "marginale". Ma negli ultimi due decenni le cose sono cambiate. Grazie ai santuari in grado di prendere gli elefanti bisognosi e il movimento di protezione che organizza intorno a rendere il pubblico consapevole del problema, i santuari sono ora considerati mainstream e la stella d'oro di Elephant in cattività. Ora Ringling Brothers Barnum e Baily Circus hanno recentemente annunciato che stanno ritirando gli elefanti dai loro spettacoli entro il 2016. Molti zoo stanno chiudendo le loro mostre di elefanti. Questo riflette un enorme cambiamento.

Vedi un cambiamento positivo nella mentalità umana? E se sì, in che modo gli umani hanno bisogno di cambiare psicologicamente?

CB: Sì, negli ultimi vent'anni ho visto un profondo cambiamento nel modo in cui la gente pensa agli elefanti in cattività. Credo che questa sia solo la punta dell'iceberg. Non vedo l'ora che le persone smettano di vedere Elefanti e altri animali come oggetti, "cose" di cui abbiamo bisogno e che ci servono per farci sentire meglio. Essere in presenza di Elefanti è indescrivibile e glorioso. Speriamo che presto le persone trovino più piacere nel guardare Elefanti essere Elefanti piuttosto che costringerli a cavalcare, accarezzare e altri divertimenti. Mi rendo conto che il cambiamento è un processo, un passo alla volta. Ma posso immaginare una popolazione umana che rispetta davvero gli animali, inclusi gli elefanti, e trova la nozione di essere intrattenuti da loro repellenti. Mi piacerebbe molto credere che la nostra specie imparerà a vivere in un modo che permette agli elefanti e ad altri animali di vivere e prosperare nel modo in cui sono evoluti. Ciò significa restituire la terra, fermare la tratta degli elefanti che rende gli elefanti riprodurre musica, dipingere, dare corse e tutte queste cose che sono progettate per intrattenere le persone e fare soldi per gli altri. Ci evolveremo quando iniziamo ad essere più come Elefanti.

Descrivi cosa significa per te "essere come un elefante".

CB: Significa adottare i valori e le modalità di Elephant. Gli elefanti non giudicano. Non mettono i loro interessi personali davanti al gruppo. Quando c'è un disaccordo, una differenza di opinione su cosa fare, si riuniscono e discutono e arrivano a una soluzione concordata che avvantaggia il totale, non solo l'individuo. La cultura degli elefanti è una cultura basata sulla compassione. È così semplice.

Dato ciò che sopportano gli elefanti in cattività, è possibile aiutarli a guarire da un trauma psicologico? Qual è il ruolo di un terapista / terapeuta dell'elefante?

CB: Sì e no. Quello che possiamo fare e ciò che ho fatto è togliere la minaccia e il costante abuso imposto loro. L'assenza di violenza, cibo sano, acqua in abbondanza da bere, nuoto e spruzzi, e la capacità di vagare per centinaia di acri quando e con chi vogliono è un enorme vantaggio per qualsiasi Elefante. Ho visto questo innumerevoli volte – la trasformazione che avviene nel santuario. Antichi infortuni li affliggono e non possiamo mai sostituire ciò che hanno perso, ma possiamo dare amore incondizionato, cura e rispetto, dare loro un posto e uno spazio che assomiglia alla vita e alla cultura di Elefante. I caregivers svolgono un ruolo vitale. Ci vuole mettere da parte l'ego e aprire il cuore completamente per l'Elefante, coltivando modi di ascolto e di comportamento che possono attingere ai bisogni e ai desideri di un Elefante. Devono anche funzionare come un "mediatore culturale" – qualcuno che aiuta un elefante a imparare come vivere attraverso le culture in modo sano e solidale – la propria cultura (gli elefanti ne hanno molti), la cultura del santuario umano, il loro passato). [8]

Questo suona molto simile a quello che un "buon" psicoterapeuta umano impara a fare e quello che Viktor Frankel chiama "dare un senso". Quello che ho sentito dire è che la cura e la considerazione di Elephant richiede eticamente e praticamente un approccio psicologico e non comportamentale?

CB: Sì, è molto simile alla differenza che le menti e le emozioni di Elephant, cioè la loro psiche, non sono le stesse degli umani. Le loro menti sono così vaste e le emozioni così profonde che siamo in grado di toccare solo la superficie. Ma la mente e il cuore possono incontrarsi su un terreno comune. Abbiamo così tanto da imparare dagli elefanti. Imparando di più sulla loro psicologia, possiamo imparare cosa significa pensare e sentire come elefanti. Sono bellissimi modelli di come possiamo evolvere come specie.

In chiusura, ovviamente, hai una insondabile ricchezza di conoscenze e intuizioni da condividere, che potremmo esplorare in interviste successive, ma per ora, puoi dire qualcosa sui tuoi piani in corso e futuri?

Carol Buckley, used with permission
Fonte: Carol Buckley, usato con permesso

CB: Il nostro lavoro in Nepal ha avuto un enorme successo e continua. Sono stato così fortunato ad aver incontrato persone straordinarie che hanno fatto accadere questo. Inoltre, siamo molto entusiasti di iniziare un nuovo santuario per gli elefanti negli Stati Uniti che sarà in grado di aiutare gli elefanti in difficoltà.

Stiamo sviluppando un programma di scambio di formazione per gli elefanti di due anni che porterà mahouts nepalesi nel nostro santuario degli Stati Uniti per imparare i nostri metodi di compassionevole cura degli elefanti [9]. Questo metodo aiuta i caregivers a sviluppare una filosofia, un atteggiamento psicologico e un approccio che lavora per supportare la guarigione di Elephant a livelli profondi. Sanno già come "gestire" gli Elefanti, quindi sono esperti in molti modi, ma il loro approccio è il dominio.

Il nostro obiettivo è quello di "re-addestrarli" su come prendersi cura efficacemente degli Elefanti con compassione e non dominio. Impareranno anche i vari approcci che ho introdotto nel recupero del trauma di elefante che include l'omeopatia, i comunicatori animali, l'aromaterapia, le terapie di massaggio / tocco e così via in aggiunta alla medicina più tradizionale: un ascolto compassionevole e premuroso. I mahout torneranno in Nepal dove potranno insegnare agli altri e così facendo cambieranno il mahout dell'Elefante e la cultura del pubblico in generale.

Letteratura citata

[1] Bradshaw, GA (2005). Trauma degli elefanti e ripresa: dalla violenza umana alla psicologia delle transfuglie. Tesi di dottorato: Pacifica Graduate Institute, Santa Barbara.

[2] Bradshaw, GA, Schore, AN, Brown, J Poole, J. & Moss, CJ 2005. Rottura dell'elefante. Natura, 433, 807.

[3] Elephant Aid International.

[4] Phajaan YouTube.

[5] Catena libera significa senza dolore.

[6] Bradshaw, GA 2009. All'interno osservando: effetti di compromesso neuroetologico negli elefanti in cattività. In Un elefante nella stanza: la scienza e il benessere degli elefanti in cattività , DL Forthman, LF Kane, David Hancock e PF Waldau. Tufts Center for Animals and Public Policy. pp. 55-68.

[7] Bradshaw, GA 2014. Valutazione psicologica per PK: un elefante asiatico femmina di 12 anni allevato in cattività, Nepal.

[8] Buckley, C. e GA Bradshaw. 2010. L'arte dell'intermediazione culturale: ricreare la relazione e la comunità elefante-umana. Spring Journal, 83, 35-59.

[9] Compassionate Elephant Care (CEC).

Solutions Collecting From Web of "Dall'agonia all'ecstasy"