Dal vivo (ish) dalla convenzione APS

The Headcase è a Boston per la Convention annuale dell'Association for Psychological Science. Avendo pubblicato di recente sull'insegnamento della creatività, ero impaziente ieri pomeriggio a partecipare a un discorso di Ludy Benjamin del Texas A & M, che ha discusso del ruolo che gli scienziati psicologici dovrebbero svolgere nella riforma dell'istruzione.

Vale a dire, molto più grande:

"La psicologia potrebbe fare più del lavoro frammentario che la nostra disciplina ha offerto fino ad oggi", ha detto Benjamin sull'impatto della psicologia sull'educazione. "Abbiamo un considerevole talento nelle nostre fila e questo obiettivo è probabilmente il più interessante che potremmo mai immaginare".

Leggi il resto del mio breve post APS Observer sul talk qui.

Benjamin, storico di psicologia e umorista, ha dedicato la prima parte del suo discorso alla ricerca se William James fosse stato un fan dei Red Sox.

Si scopre che non lo era; in effetti, non era affatto un fan dello sport, a quanto pare.

E quello è William James, lo psicologo di Harvard. Non Bill James lo statistico di baseball e consigliere BoSox. Per quelli che tengono il punteggio a casa.

Sessione serale

L'evento principale di venerdì sera è stato un simposio sulle spezie coordinato dall'esperta del gusto Linda Bartoshuk della Florida, l'attuale presidente dell'APS.

L'ultima volta che ho sentito parlare di Bartoshuk ho quasi vomitato. Non perché parlava, naturalmente, ma perché stava testando il pubblico per i supertestanti, e io sono apparentemente uno. Il test prevede di mettere qualcosa chiamato tab PROP nella tua bocca. Se sei un supertaster – il che significa che hai più papille gustative del normale – il tablet innesca un'intensa ( intensa ) acidità.

Inutile dire che ero diffidente quando sono entrato nell'evento di ieri sera e ho trovato su ogni sedile una fragola, una fetta di limone e un altro tablet. Dopo aver confermato con diverse figure autorevoli che non avrei vomitato durante la dimostrazione, ho seguito le inostruzioni di Bartoshuk al pubblico e ho provato il frutto dopo aver masticato il tablet. Con mia grande sorpresa tutta l'acidità era sparita, anche dal limone, e rimase solo dolce dolcezza. È l'antidoto al super gusto, immagino.

Per quanto riguarda il simposio, ho pensato che Paul Rozin di U Penn abbia rubato lo spettacolo con la sua vivace presentazione sui suoi decenni di ricerca sul perché le persone mangiano i peperoncini piccanti. Rozin ha scoperto che:

le persone si abituano a mangiare peperoncini piccanti come una forma di "masochismo benigno". I suoi studi hanno dimostrato che anche in Messico, i bambini hanno una naturale avversione alle spezie, che scompare intorno ai 6 o 7 anni.

"Siamo l'unica specie a cercare eventi innatamente negativi", ha scherzato.

Leggi gli altri presentatori, inclusa Ana Sortun dei Top Chef Masters , nella mia breve recensione di Observer .

Seguimi su twitter: e_jaffe

Solutions Collecting From Web of "Dal vivo (ish) dalla convenzione APS"