Dal laboratorio alla vita: come farti aiutare dalla psicologia

I comportamenti formanti abitudini ostacolano tutte le nostre migliori intenzioni. Hai intenzione di avere un cocktail in meno, una sigaretta in meno o uno in meno alla slot machine online. Poi succede qualcosa alle tue buone intenzioni e sei di nuovo nei guai. Uno si trasforma in molti più di quanto tu possa contare. Puoi trasformare le tue abitudini e farle funzionare per te, ma non è così facile. Fortunatamente, gli psicologi stanno escogitando nuovi modi per aiutare le tossicodipendenti a gestire le loro cattive abitudini. Due recenti esperimenti evidenziano questi sforzi.

Iniziamo con il gioco d'azzardo patologico. Questa non è solo una cattiva abitudine, ma un serio disturbo psicologico. I giocatori patologici non si recano al casinò solo per un'occasione occasionale con il black jack table o lo slot machine. Drenano le loro risorse finanziarie, fanno sì che le loro famiglie li abbandonino e mettono anche a rischio la loro vita se diventano indebitati con le persone sbagliate, per citare alcuni problemi. Il Manuale diagnostico e statistico elenca i sintomi di questo disturbo come i criteri per una condizione diagnosticabile di creare un serio disagio mentale, mettendo se stessi (o altri) a rischio e deviando dalle norme culturali e sociali. Tra i molti trattamenti consigliati è la terapia cognitivo-comportamentale, in cui imparano a monitorare i loro pensieri e progettano sistemi di ricompensa alternativi che alla fine consentiranno loro di ridurre la frequenza dei loro periodi di gioco.

Molti approcci al trattamento del gioco d'azzardo patologico presumono che se i giocatori imparano solo ad associare un risultato negativo al gioco d'azzardo, allora smetteranno di giocare d'azzardo. Naturalmente, se fosse vero, si sarebbero fermati alla loro prima grande perdita. Sulla base di questo assunto, lo psicologo dell'Università di Bergen Geir Brunberg e colleghi (2012) hanno creato un esperimento in cui hanno confrontato i giocatori patologici con i controlli nella loro capacità di formare associazioni tra un evento avversivo e un tono neutro. Sì, fan di intro psychics in tutto il mondo, è un paradigma di condizionamento classico . L'evento avverso non era una perdita per il gioco d'azzardo, ma era un evento che poteva essere facilmente manipolato su attrezzature da laboratorio; vale a dire, un forte rumore trasmesso attraverso le cuffie. Nella condizione sperimentale chiave, i partecipanti hanno ascoltato un breve segnale audio (una "B" sopra la "C" centrale sul piano). Quella nota B era abbinata a un forte segnale acustico (100 dB). Molte persone imparano, abbastanza rapidamente, ad associare la nota B allo stimolo avversivo. Tuttavia, i giocatori patologici no. Usando un cardiofrequenzimetro, Brunberg e il suo team hanno potuto seguire il loro apprendimento. Se mostravano un condizionamento avversivo, la loro frequenza cardiaca aumentava quando sentivano la nota B anche quando il rumore bianco non veniva più presentato. In caso contrario, non mostrerebbero tale aumento. Il fatto che, rispetto ai controlli, i giocatori non suggerivano di non essere in grado di imparare da esperienze negative. (Nota, nell'esperimento reale, i partecipanti hanno imparato a rispondere a 1 di 2 note diverse, solo per rendere il compito più difficile).

Brunberg e i suoi colleghi ricercatori hanno testato una serie di ipotesi concorrenti per garantire che l'effetto che hanno misurato non fosse dovuto ad altri fattori. Ad esempio, le persone con disturbo di personalità antisociale hanno difficoltà a imparare da esperienze avverse, quindi le tendenze antisociali sono state controllate nell'analisi. Hanno anche escluso altre abitudini come l'uso del tabacco, l'ansia, la depressione e il consumo eccessivo di alcol. Anche dopo che tutti questi fattori venivano controllati, i giocatori patologici non riuscivano a imparare l'associazione tra la nota e il rumore sgradevole. I risultati suggeriscono che se si vuole trattare il gioco d'azzardo patologico, la terapia di avversione non sarà una strategia di successo. Questi risultati supportano, invece, metodi di trattamento che aiutano i giocatori a imparare a cambiare idea sul gioco d'azzardo e, allo stesso tempo, si ricompensano quando non giocano con altre attività desiderabili.

Questo è stato un esempio di utilizzo di un metodo di condizionamento classico per fare luce sul trattamento di un comportamento problematico. Il condizionamento classico in sé non riduce la frequenza del gioco d'azzardo, ma ci aiuta a capire perché alcuni trattamenti non funzionano. Ora daremo un'occhiata a un esempio di un altro metodo di condizionamento noto come condizionamento strumentale o operante. Ancora una volta, ripensa alla tua introduzione o alla tua classe di psicologia scolastica, e naturalmente ricorderai che nel condizionamento operante un comportamento è rafforzato ("rinforzato") dalla conseguenza che lo segue.

Ho trovato un esempio affascinante di un esperimento che utilizzava il condizionamento operante per studiare il bere problematico in cui i topi alcolici, piuttosto che gli umani, erano i partecipanti. I topi, come gli umani, trovano il gusto della birra rinforzare. I topi di questo studio, condotto dal ricercatore dell'Università di Milano Alessandro Orrù e colleghi (2012), hanno imparato a premere una leva in cambio di una bevanda commerciale di malto nota come "vicino alla birra" (meno dello 0,5% di etanolo). In altre condizioni, ai topi è stata somministrata una birra più forte con dal 4,5 al 9 al 18% di alcol. I ricercatori si sono poi seduti a guardare come i topi eseguivano su un'asta rotante ("rotorod") a seconda della quantità di alcol che avevano consumato. Inutile dire che più alcol consumavano i topi, peggio era la loro prestazione di rod-running. Inoltre, più alta è la concentrazione di alcol, minore è il numero di presse che i topi erano disposti a eseguire perché ogni leva premeva con maggiore forza.

Il punto dello studio non era solo quello di creare una serie di topi lab ubriachi, ma di vedere come queste creature assetate di alcool reagirebbero a un farmaco per ridurre la loro voglia di bere. Avendo stabilito queste linee di base della pressatura a leva indotta dall'alcol, Orrù e i suoi colleghi hanno poi osservato cosa è successo quando gli è stato somministrato un farmaco inteso a interferire con gli effetti intossicanti dell'alcol. Il farmaco, chiamato baclofen, agisce su una parte del cervello coinvolta in comportamenti motivati ​​dall'alcol e ricompensati. Nella condizione in cui ai topi veniva somministrato il farmaco, essi attendevano più a lungo prima che iniziassero a premere la leva che produceva alcol, o lo premevano un minor numero di volte. Gli esperimenti hanno dimostrato che questo farmaco potrebbe essere promettente, soprattutto perché potrebbe essere meglio tollerato tra le persone con dipendenza da alcol rispetto ai farmaci attualmente approvati dalla Food and Drug Administration statunitense.

Con questi semplici studi di condizionamento, quindi, questi gruppi di ricerca forniscono intuizioni su come possiamo comprendere e trattare abitudini complesse e debilitanti. Inoltre, comprendendo come hanno funzionato questi studi, è possibile ottenere informazioni su come gli psicologi fanno alcune delle loro scoperte più basilari, ma importanti, in laboratorio. La vita può informare ciò che gli scienziati studiano in laboratorio, ed è gratificante sapere che il processo può funzionare in entrambe le direzioni.

Per riassumere, ecco la versione di Cliff Notes di ciascuno di questi studi:

Gioco d'azzardo patologico = condizionamento classico

Lo stimolo incondizionato era il rumore bianco.

Lo stimolo condizionato era la nota "B".

La risposta incondizionata era l'aumento della frequenza cardiaca. Questa era anche la risposta condizionata, una volta associata alla nota "B".

Topi che bevono = condizionamento strumentale

La pressione di Lever era il comportamento che è stato premiato.

L'alcol era il rinforzo.

Il farmaco ha impedito che l'alcol si rinforzasse e quindi riducesse il comportamento.

Molti dei nostri comportamenti abituali hanno origini complesse e non sono sempre suddivisi in questi semplici termini di apprendimento. Tuttavia, molti lo sono, e studiandoli in laboratorio, i ricercatori ci stanno aiutando ad aiutare noi stessi a ridurre le nostre tendenze a indulgere in ciò che è male per noi.

Seguimi su Twitter @swhitbo per aggiornamenti quotidiani su psicologia, salute e invecchiamento. Sentiti libero di unirti al mio gruppo su Facebook, "Completamento a qualsiasi età", per discutere del blog di oggi o per porre ulteriori domande su questo post.

Riferimenti:

Brunborg, G., Johnsen, B., Mentzoni, R., Myrseth, H., Molde, H., Lorvik, I., & … Pallesen, S. (2012). Minore condizionamento classico avversivo nei giocatori patologici. Dipendenza, 107 (9), 1660-1666. fare

Orrù, A., Fujani, D., Cassina, C., Conti, M., Di Clemente, A., e Cervo, L. (2012). Autosomministrazione orale di birra alcolica operante da topi C57BL / 6J: Effetto di BHF177, un modulatore allosterico positivo dei recettori GABA [sub] B [/ sub]. Psicofarmacologia, 222 (4), 685-700. doi: 10.1007 / s00213-012-2672-6i: 10.1111 / j.1360-0443.2012.03891.x

Solutions Collecting From Web of "Dal laboratorio alla vita: come farti aiutare dalla psicologia"