Dal cliente al consulente

La mia dipendenza

Pixabay free image
Fonte: immagine gratis Pixabay

Crescere in una famiglia cinese tradizionale qui negli Stati Uniti significava cercare di navigare in due mondi molto diversi. Uno era un mondo che apprezzava l'autonomia, l'individualismo e l'autorità interrogativa incoraggiata, mentre la cultura asiatica richiedeva rispetto, obbedienza e lealtà in cambio del sostegno familiare e etnico.

Come un cinese-americano con i genitori cinesi tradizionali di Hong Kong, ero perennemente lacerato quando si trattava di questioni di identità, accettazione e amore incondizionato.

Nella mia famiglia e cultura, pensieri e sentimenti non sono stati condivisi apertamente. L'affetto e l'elogio erano considerati modi americani di coccolare i loro figli. Mentre i miei genitori lottavano come immigrati nella ricerca di lavoro e nell'apprendimento di una nuova lingua, noi (i miei due fratelli minori ed io) rimanevamo con un vuoto emotivo e relazionale che desiderava la connessione e l'intimità con i nostri genitori. Di conseguenza, sono cresciuto con un vuoto nel mio cuore alla ricerca dell'accettazione, della convalida e dell'amore.

Nel tentativo di soddisfare quel bisogno di amore e di accettazione non solo dai miei genitori ma anche dall'America tradizionale, ho sviluppato una mentalità avvincente in cui ho lottato con una serie di comportamenti come il gioco d'azzardo, i videogiochi, la spesa compulsiva, lo sport / l'esercizio fisico, la dipendenza da Internet e hopping per hobby (ovvero intensificarsi in un nuovo hobby, sentirsi delusi e passare ad un altro hobby).

Questa ricerca senza fine era il desiderio di sfuggire alla negligenza emotiva derivante dalla mia educazione, poiché ci mancava l'intimità emotiva cresciuta nella mia vita e nella mia famiglia e cultura.

Il mio primo interesse per la fantasia e l'evasione si è verificato durante i miei anni di scuola elementare mentre passavo i giorni d'estate lontano guardando interminabili ore di televisione. Parte della mia mentalità avvincente è stata alimentata da questo incessante bisogno di convalida, poiché mi sentivo non amato e incompetente come un maschio asiatico-americano cresciuto in un quartiere misto prevalentemente afro-americano. Non ero uno stereotipo ragazzo asiatico che era bravo in matematica o scienze. Ma non ero nemmeno "bravo" o avevo molto interesse per le altre materie come la Storia o l'inglese.

Dato che eravamo in un quartiere afro-americano, ricordo di essere stato preso in giro e deriso da loro per essere diverso con nomi come "Chink", "Jap" e "Bruce Lee". C'è stato persino un tempo in cui i miei due amici neri mi hanno picchiato sulla strada per seguire la pratica solo per fermarsi quando un poliziotto è passato e mi ha visto piangere.

Col tempo, quando sono diventato più grande, sono diventato dipendente dai rapporti con le donne. Il "massimo" dell'inseguimento è stato ciò che mi ha guidato. Ma trovarsi in una relazione era molto più difficile dato che la paura dell'abbandono era diventata troppo intensa, spesso mi sono ritirato prima di dare una possibilità alla relazione.

Alla fine questa mancanza di connessione emotiva mi ha raggiunto quando ho sposato la mia prima moglie. La gente commenterebbe come noi stavamo così bene insieme mentre condividevamo lo stesso senso dell'umorismo e provenivamo da famiglie asiatiche che stimavano il matrimonio e lo stare insieme. Ma a questo punto, la mia incapacità di mostrarle il mio vero sé ha portato al nostro divorzio.

I sentimenti di perdita, abbandono e vergogna associati al mio divorzio erano atroci. Niente era più importante per me che mantenere un'immagine di perfezione nella comunità asiatica e cristiana, non nella mia carriera, non nella mia famiglia, non nella mia relazione con Dio. Niente era più importante del mio desiderio di sostenere l'onore asiatico di un buon matrimonio.

Come membro di una congregazione cristiana dell'America americana, la vergogna culturale che ho provato per il mio divorzio è stata aggravata dalla vergogna religiosa. La disillusione con la mia fede si è rapidamente risolta. Mi sentivo un fallimento agli occhi della mia famiglia, dei miei nonni, dei miei antenati defunti, della mia chiesa e della comunità asiatica in generale. Lo stigma nella mia cultura asiatica del divorzio ha trafitto la mia anima. Com'è successo? Come potrei essere così debole? Dio deve odiarmi.

La mia guarigione

Pixabay free image
Fonte: immagine gratis Pixabay

Crescendo in una famiglia di immigrati cinesi, i valori culturali di armonia, collettivismo e famiglia erano radicati nel nostro modo di vivere. Emotivamente, non siamo stati incoraggiati a mostrare alcuna debolezza. Durante la mia infanzia non ho mai avuto una conversazione con i miei genitori in cui ho espresso sentimenti di ansia, confusione, rabbia, delusione o dolore. Senza il permesso di mostrare emozioni, ho imparato a seppellire tali sentimenti.

Nei circoli psicologici chiamiamo questo "falso io", perché la realtà e la vitalità della vita sono tagliate fuori dalla persona che rifiuta di riconoscere qualsiasi sentimento o pensiero ritenuto inaccettabile per loro o per la loro cultura. Per me, questo falso sé era una difesa e un costrutto necessario per proteggere il mio ego mentre mi sforzavo di ottenere approvazione e accettazione.

La mia guarigione è iniziata affrontando questo falso sé e abbattendolo. Tutto è iniziato quando il mio pastore asiatico-americano in chiesa frequentavo la terapia raccomandata per me. Senza il suo suggerimento, non sarei andato ma perché era una figura autorevole nella comunità e qualcuno che ha modellato ciò che predicava (avrebbe apertamente condiviso delle coppie di counseling sul pulpito), ho fatto il non invidiabile e sono andato contro la norma culturale per cercare aiuto per me stesso anche a rischio di disonorare il mio cognome.

Le sessioni individuali hanno sollevato il velo di superficialità emotiva che ha guidato la mia vita. Ho imparato ad essere reale con le mie emozioni riconoscendo finalmente il dolore che avevo provato. Ora scherzo spesso dicendo che dovevo pagare un terapeuta per insegnarmi a piangere.

Mentre le sedute individuali affrontano alcuni traumi familiari e negligenza culturale, è stato nel contesto della terapia di gruppo in cui direi che la mia guarigione ha fatto passi da gigante.

Inizialmente, però, non ho mai provato così tanta vergogna (cioè riconoscendo i miei problemi in un gruppo), ma alla fine non ho mai ricevuto tanta guarigione. La libertà di incontrare finalmente altri uomini con cui potevo entrare in contatto profondamente con le mie ferite, i miei dolori e i miei dolori culturali è stata liberatoria. Era anche un periodo di speranza in cui vedevo gli altri uomini essere onesti con le loro ferite e le loro lotte.

Con l'aiuto di quegli uomini, sono stato in grado di spostare il mio bisogno dalla convalida relazionale a uno in cui trovo la convalida attraverso Dio e la mia convinzione che sono amabile solo per essere me stesso.

Durante questo processo, ho anche visto emergere un nuovo me. Non solo uno con pensieri e sentimenti, ma anche uno con un nuovo scopo nella vita. Il giornalismo non ha avuto lo stesso interesse per me come trovare un modo per aiutare le altre persone in questo viaggio. Dopo oltre dodici anni di giornalismo, ho cambiato carriera con l'obiettivo di aiutare i clienti asiatici-americani con problemi culturali e clienti che lottano per le dipendenze.

Così mentre scrivo questo, posso dire con orgoglio che sto vivendo la vita che Dio ha inteso per me. Non solo uno fuori dal ciclo di dipendenza che ha soffocato la mia capacità di connettermi profondamente con gli altri, ma anche uno in cui posso entrare in contatto con tutti gli aspetti di me stesso, che è stato interrotto a causa della mia dipendenza.

Posso sentire le mie paure, ansie e dolori molto più acutamente. Non è facile trovare altri modi per farcela, ma sto anche sperimentando la libertà dal bisogno di sopprimere l'anima di cercare conforto da solo. Invece, ho trovato sostegno nella mia famiglia, nella comunità ecclesiale asiatica e nei cari amici che hanno camminato con me nel corso degli anni.

Solutions Collecting From Web of "Dal cliente al consulente"