Da vergognarsi di essere potenziato

giudice medio Sei mai stato sul punto di ricevere "essere indotto in colpa" e non eri nemmeno a conoscenza di aver fatto qualcosa di sbagliato?

Sei mai stato fatto vergognare, ma per la vita di te, non sei riuscito a tirar fuori una briciola di lezione dall'interazione? Dopotutto, ti preoccupi delle persone, e vuoi essere pensato bene da loro, e se ci fosse la possibilità di conoscere loro, te stesso, cambiare e crescere, lo faresti sicuramente.

Ti sei mai sentito come "meno una donna" o "meno uomo" a causa della presenza continua di qualcuno che giudica di te?

Forse eri "un torso nudo", imbarazzato, "fatto una risata", abbattuto, spettegolato o addirittura vittima di bullismo da parte di qualcuno. All'inizio, eri furioso – no, furioso – ma mentre le settimane oi mesi continuavano, si insinuava sotto la tua pelle e rimaneva con te. È persino riuscito a farti chiedere se c'era davvero qualcosa di sbagliato in te.

Poteva essere un capo, un collega, una sorella, una madre, un insegnante, un cliente o anche uno sconosciuto che ti ha dato questa esperienza, alcuni dei quali dovrai rivedere, o anche regolarmente.

Ma tu non sai cosa farne e non sai come gestirli se succede di nuovo.

Che ne dici di vivere senza sensi di colpa, senza vergogna e responsabilizzati invece?

Risulta che potrebbero esserci delle grandi lezioni nell'inaspettato: le notizie sulle celebrità.

Negli ultimi anni c'è stato un crescente sport dei gladiatori: fare uno spettacolo di "vergogna delle celebrità" – dipendenze, tradimenti, infedeltà, irruzioni, nudità, insensibili osservazioni o l'offensiva sotto forma di Tweets fuori contesto, avidità, impulsivo perdita di controllo, collera d'ira, abuso fisico, violenza domestica e persino scandali sull'adozione colorano l'intero spettro di tutti i comportamenti illeciti, immorali o addirittura criminali che i nostri eroi dell'ultima settimana sono diventati furfanti- galleria d'oggi sono capaci.

È spiacevole che possiamo essere così ispirati dai loro successi, ma non impariamo assolutamente nulla dai loro errori. E per noi di essere così implacabili da loro mentre noi stessi non siamo diversi nelle nostre imperfezioni. Perdiamo gli eroi in un batter d'occhio, e nel prossimo batter d'occhio capiamo che siamo tutti altrettanto fallibili.

Le celebrità sono i nostri "prodotti" e ci piace che i nostri prodotti funzionino nel modo descritto sulla confezione.

Il vecchio detto di marketing era, "Il sesso vende".

Negli ultimi anni, "L'odio vende".

Attualmente, "Vergogna vende", e lo compriamo anche, inondati di sensazionalismo che non istruisce.

Se lasciato indecifrato, è probabile che non ci sia alcun cambiamento comportamentale – per loro, o per noi.

Potresti essere al corrente della secolare distinzione tra vergogna e colpa – quella colpa proviene da dentro di noi ed è sempre buona, ma la vergogna ci viene dall'esterno ed è sempre cattiva. Eppure, come per gran parte della vita, è raro che le nostre politiche sociali possano essere esposte in bianco e nero, o tutte buone o tutte cattive.

Il senso di colpa è emotivo e riguarda ciò che è sbagliato in ciò che facciamo.

La vergogna è istintiva, e su ciò che può o non può essere sbagliato in chi siamo.

Forse c'è di più per capro espiatorio, sensazionalismo e scandali di quanto non sembri – più che globalmente "brave persone" e "cattive persone", eroi di ieri e cattivi di oggi.

Forse, invece, potremmo effettivamente imparare qualcosa di utile da tali notizie e usarlo per cambiare le nostre vite in meglio. La chiave può riposare nelle differenze istintuali tra uomini, donne e come comunicano.

Mentre diamo un'occhiata alla tassonomia pratica della colpa e della vergogna, vorrei che considerassimo uno strumento utile che non viene spesso considerato: i maschi e le femmine provano vergogna in modo diverso, e per ragioni diverse. Nei drammi pubblici e privati ​​della vita, maschi e femmine hanno un'esperienza diversa – e una lingua diversa per spiegarli. Sorprendentemente, alcune storie antiche – letteratura classica e miti con personaggi maschili e femminili – potrebbero persino colorare come vediamo questo.

COLPA – LO STESSO PER GLI UOMINI E LE DONNE

Uomini e donne sentono le emozioni allo stesso modo: tristezza, paura, preoccupazione, rabbia, frustrazione. Lo chiami; lo viviamo entrambi, e spesso per le stesse ragioni:

Parlare in pubblico può dare a uomini e donne ansia, rifiuto per quel lavoro onirico per il quale entrambi abbiamo provato, può darci tristezza, e un tassista che ci guida su una corsa di venti isolati che avrebbe potuto prendere cinque isolati potrebbe rendere uomini e donne ugualmente arrabbiati .

Il senso di colpa è anche un'emozione – e sia negli uomini che nelle donne, nasce all'interno, una risposta di ansia alla realizzazione che abbiamo fatto di sbagliato, qualunque sia l'errore. Accade spesso dopo il fatto, e con il feedback ferito degli altri, col tempo si raggiungerà il punto di simili cattive scelte, quindi, si spera, ci impedirà di farle. Impariamo a punirci nelle nostre teste, prima di commettere un errore, e quindi prima che qualcun altro abbia la possibilità di punirci. La nostra moralità matura.

Pensa a "fare il torto" come in realtà su uno spettro – dal minimo atto fastidioso, all'offensiva, al non etico, ma legale, fino al vero criminale. Ovunque su quello spettro, da un passo falso sociale al furto di una banca, la colpa dentro di noi e le conseguenze sociali o civili al di fuori di noi sono lì per servire allo stesso modo uomini e donne.

È importante sottolineare che il senso di colpa riguarda una scelta specifica, un'occorrenza specifica o un evento – perché senza quella caratteristica non potremmo usarlo per crescere, per perdonare noi stessi o vedere gli altri perdonarci. Abbiamo il libero arbitrio di cambiare le nostre scelte in qualsiasi momento, se solo possiamo prima trovare intuizione.

Le nostre scelte – quello che facciamo, non quello che siamo – progettati per spronarci a cambiare le nostre scelte future e le decisioni relative alle abitudini interpersonali di un dato tipo compongono. La colpa è limitata nel tempo, fino al punto che abbiamo:

1.) Riconosciuto il torto specifico , più spesso attraverso il feedback di altri che abbiamo ferito e ora empatico con.

2.) Presi di proposito a fare di nuovo di sbagliato , ma ci siamo fermati prima della scelta, rendendola giusta questa volta, e …

3.) Fatto così tante volte per ora avere una nuova abitudine morale sociale, interpersonale, preventiva.

4.) Perdonato il passato, e con esso, liberare l'emozione colpevole – libero di vivere con un senso di orgoglio e rispetto di sé, anche se continuiamo a rispettare di più gli altri, e facendo loro più giusto.

Una volta che il cambiamento duraturo nelle nostre scelte, le abitudini e la moralità stessa si trasforma, la colpa non serve a nessuno scopo. In effetti, trattenendola – o essendo costretta a tenerla – in realtà nuoce alla società attraverso la nostra non partecipazione a essa. Sarebbe una deflazione della nostra assertività nel mondo in generale. Diventiamo prigionieri dell'ansia in corso nei sentimenti di colpa.

In effetti, la continua trepidazione di avere una voce nel mondo – e la titubanza nel prendere provvedimenti al riguardo – potrebbe essere perché l'esperienza del giudizio altrui porta altri messaggi oltre a quelli relativi a un evento specifico.

Spesso portano vergogna servita da chi ci circonda.

VERGOGNA MASCHILE E FEMMINILE

La vergogna è un messaggio che dice che non c'è solo qualcosa di sbagliato in ciò che abbiamo fatto in questa occasione, ma chi siamo.

Stiamo parlando di una diversa area della mente dalle emozioni. Stiamo parlando della sede dell'istinto, del genere e del nostro stesso senso di sé.

Nelle opinioni del sociolinguista, Deborah Tannen, (parafrasando) la cosa peggiore che un bambino piccolo possa fare a un altro ragazzino è di ridurre il suo senso di rango o status – vincere contro di lui, sconfiggerlo e, così facendo, limitare il suo permesso sociale di intraprendere ulteriori azioni fisiche nel gruppo. Questo è un aspetto della vergogna maschile.

Continua dicendo che la cosa peggiore che una ragazzina potrebbe fare a un'altra bambina è escluderla – bandirla dalla cerchia sociale, dalla cerchia degli amici, e così facendo, dall'avere una voce nel gruppo. Questo è un aspetto della vergogna femminile.

Queste non sono solo esperienze di colpa interiore sbagliate in ciò che facciamo, ma vergogna di chi siamo nel nostro genere.

È risaputo che molti uomini spesso evitano l'azione di cercare aiuto (ad esempio nel ricevere la depressione), forse in parte perché è percepito come un riconoscimento pubblico di debolezza – di grado o status inferiore. Meglio andare da soli che subire più danni al sé. Di conseguenza, e per impostazione predefinita, possono essere complici nel negare a se stessi una voce di difesa contro il torto commesso nei pettegolezzi.

È anche risaputo che alcune donne sono state intimidite per non essere ascoltate – avere una voce – come difendersi nei pettegolezzi dell'ufficio, a causa del timore che la loro reputazione possa in qualche modo essere offuscata in relazione al problema in questione. Meglio non agire che rischiare più danni al sé nella forma di esclusione dal gruppo – bandito dall'essere considerato "normale". Di conseguenza, possono essere complici nel negare a se stessi l'azione di difesa contro il male fatto a loro .

Negli scenari sopra, potremmo pensare a notizie sensazionali su una qualsiasi varietà di celebrità.

Forse c'è un modo diverso – piuttosto che osservare queste storie orribili come si torna a guardare un incidente d'auto – per imparare invece qualcosa da loro che può essere trasformato in positivo.

Non solo ci sono solo varietà maschili e femminili di vergogna, ma per ognuna, due forme:

1. "Parental Shame" : una sorta di vergogna che parla gentilmente delle possibilità di cambiare chi siamo verso il meglio che possiamo essere, o …

2. "Vergogna tossica" : un tipo che è inaccurato, dispendioso, globalmente distruttivo per il critico e criticato allo stesso modo, e non offre nuove lezioni comportamentali.

Eppure quando eri stato sgridato da tua madre quando eri giovane, o quando sei stato trattenuto a scuola da un'insegnante, o dato un giudizio negativo da un capo, sapevi che c'era qualcosa su cui avevano ragione, ma anche un po ' qualcosa che riguardava di più loro – e dei loro problemi – piuttosto che di te. È stato difficile confonderlo.

Per la maggior parte di noi che vivono il dramma ordinario della vita, la "vergogna dei genitori" e la "vergogna tossica" non vengono quasi mai esclusivamente, ma come una miscela.

LA LETTERA DEL SCARLET E IL CONTE DI MONTE CRISTO

lettera scarlatta In The Scarlet Letter, abbiamo visto Hester Prynne socialmente bandito – messo in pubblica vergogna per quello che ha fatto – l'azione dell'adulterio. Anche se il suo lavoro di carità permanente tra la comunità di Salem ha attestato il suo buon uso della colpa nel fare nuovi cambiamenti comportamentali, ha continuato a indossare la lettera "A", che soffre di bando sociale per reputazione. Eppure, persisteva nel dichiarare un buon e giusto sé al mondo, parlando attraverso le sue azioni, e trovando il gossip svanire fino a che non andò alla tomba. Ha trovato la redenzione nel potere della voce contro una reputazione dispregiativa.

Montecristo Nel Conte di Montecristo, abbiamo visto Edmund Dantes non bandito socialmente, ma fisicamente imprigionato per quello che ha detto – onestamente, ma scioccamente dicendo al magistrato che gli era stata consegnata una lettera da consegnare dall'Isola d'Elba, e ingenuamente non aveva aperto . Sfortunatamente fu dal Napoleone bandito ai suoi ribelli in attesa.

In questo caso, il sé dell'uomo non era vergognoso e danneggiato in reputazione o voce, ma in prigione fisica – inazione – e mentre era in carcere, ha trovato la redenzione attraverso l'apprendimento di azioni giuste e sagge sotto la tutela del prete Faria. Ha imparato la saggezza e il discernimento, l'astuzia che deve accompagnare l'azione in una vita adulta competente.

Dopo la sua fuga, Dantes aveva preso le lezioni di colpa per la sua ingenuità che circondava la lettera della legge e si era trasformato. Non ha cercato vendetta in modo "occhio per occhio", ma piuttosto in giustizia – guidando i suoi amici traditori ad essere gli agenti della loro stessa scomparsa.

Ho avuto un'esperienza di visione interessante guardando un recente panel di esperti in televisione in cui la prima storia riguardava gli affari di Tiger Woods e Jesse James, immediatamente seguita da una storia sulla cantante Erykah Badu che sfilava nuda per le strade pubbliche di Dallas – il luogo dell'assassinio di JFK – Durante le riprese di un video. Il pannello era composto da tre donne e un uomo.

Nel primo segmento, gli uomini giudicati esprimevano sia la colpa che la vergogna, mentre le loro azioni erano immorali ma non illegali, mentre i problemi del secondo segmento (su Badu) erano entrambi immorali e illegali. I bambini piccoli con i loro genitori che passeggiavano in una giornata di sole erano testimoni della nudità.

Le conclusioni del gruppo erano universalmente dannose per gli uomini, e in pochi secondi di passaggio alla storia del cantante nudo, erano universalmente in lode di lei.

Quando il moderatore di sesso maschile fece capolino tra gli elogi per chiedere se pensassero che potesse esserci qualcosa di sbagliato in una donna che esponeva il suo corpo in pubblico ai bambini piccoli, essi rapidamente demoted il suo status di una voce stupida sul pannello. Dal loro punto di vista, sì, il cantante dovrebbe probabilmente fare a meno delle "banali" accuse civili, ma è una "donna forte che esercita la sua voce" per fare un punto artistico.

Ho rabbrividito mentre la vergogna si diffondeva attraverso la faccia del commentatore maschile. Chiaramente c'è la redenzione nell'essere senza vergogna, a prescindere dalla colpevolezza giustificabile di un'azione specifica.

Vale anche per entrambi i sessi; per, molti maschi erano pronti a perdonare il fatto che Alec Baldwin, una volta sola, fosse afflitto emotivamente al telefono da sua figlia, alla luce della sua lunga, diligente difesa dei Diritti del Padre in generale.

Erykah Badu trascende la giusta colpa in un'azione sbagliata attraverso le buone opere a lungo termine della sua voce artistica – il sé di Hester Prynne contro la vergogna femminile. Ha bisogno di astenersi dalla nudità pubblica? Sì. Ma lei è globalmente sbagliata e malata? No.

Alec Baldwin trascende la giusta colpa in un momentaneo errore della ragione attraverso le buone opere a lungo termine delle sue azioni a favore degli uomini divorziati – il sé di Edmund Dantes contro la vergogna maschile. Ha bisogno di trattenersi dal gridare a suo figlio? Sì. Ma è globalmente sbagliato e cattivo con chi è? Non c'è modo.

La vergogna viene giudicata globalmente sbagliata per chi ci sta fuori e si sente male dentro l'osso.

I drammi in cui si trovano le persone non sono mai aridi, tutti buoni o tutti cattivi. Sono una miscela di giusto e sbagliato, senso di colpa e vergogna, distruzione e redenzione. Moreso, uomini e donne hanno chiaramente opinioni diverse su di loro e sulle loro esperienze.

Sia gli uomini che le donne hanno l'esperienza di sentirsi in colpa per le azioni specifiche che fanno, ma i modi unici di vergognarsi di chi sono.

Forse c'è un modo positivo e pratico per provare vergogna e trasformarlo in empowerment.

IL LINK TRA VERGOGNA E RAGE

Forse hai sentito il detto che "la depressione è rabbia rivolta verso l'interno". Questa esperienza emotiva e sentita potrebbe essere qualcosa di familiare per te se hai mai notato che quando sei triste, ci sono spesso ragioni per cui potresti altrettanto facilmente arrabbiarsi per. Se lo fai, sei molto più vicino a intraprendere azioni che iniziano a cambiare le circostanze della tua vita, portandoti a sentirti diverso, e non più triste o depresso.

E se esistesse un principio simile che collega vergogna e rabbia? Sarebbe utile sapere se dovessimo guardare a come uomini e donne provano vergogna in modo diverso.

La vergogna non è solo un'emozione, ma un'azione istintiva e istintiva, e potremmo davvero provare a immaginarla come una rabbia rivolta verso l'interno. Sono i campanelli d'allarme dei nostri riflessi che ci dicono che c'è una minaccia alla nostra stessa identità. Che potrebbe sembrare non molto diverso da una minaccia per la nostra persona fisica.

È facile capire perché porteremmo la rabbia esteriore alla vergogna interiore: la rabbia è immensamente potente, e se sfogata in modo incontrollato, incontrollabile, indiscriminato, di solito si incontrano conseguenze sociali immediate e dure.

Sospetto sia vergogna che rabbia essere due facce della stessa moneta istintiva. Come tale, anche la rabbia viene percepita in modo diverso da uomini e donne, ed espressa in modo diverso in natura, come risultato di un taglio di mascolinità e femminilità, rispettivamente.

Per molti uomini e donne, sarebbe poi un male minore di due a infierire nella rabbia sotto forma di vergogna – a lavorare sulla vita, vergognosi e meno efficaci nel mondo che ci circonda.

Diamo un'occhiata a due storie ancora più antiche, per una visione di genere di mascolinità, femminilità, vergogna e rabbia: le storie di Echo e Narciso.

ECHO E NARCISO

eco e narciso Echo era una giovane fanciulla che aveva un modo molto divertente per lei – un dono per le continue chiacchiere e adulazioni, una ricca narrazione e un modo con un pubblico di altri. È stato un peccato che il dio, Zeus, abbia trovato per lei un degno compito. La mise al servizio di distrarre e intrattenere sua moglie Hera mentre la stava tradendo.

Una volta che Hera ha afferrato l'astuzia, ha maledetto Echo con l'incapacità di avere di nuovo la sua stessa voce, destinata a ripetere solo le parole già pronunciate da altri.

L'eco è la mancanza di voce della vergogna femminile.

Andò a vagare per il mondo, fino al giorno in cui incontrò il ragazzo incredibilmente bello, Narciso, che era tutto ciò che lei avrebbe mai potuto immaginare in un compagno.

L'oracolo sosteneva che se il giovane Narciso dovesse "non conoscere mai se stesso", vivrebbe fino a una "vecchiaia matura". Purtroppo non sarebbe il caso; perché mentre andava per la sua giovane vita preoccupata dei suoi pensieri mentre respingeva le avances di tutte le ragazze del mondo, si sarebbe imbattuto in una pozza d'acqua.

Osservandolo, fu incantato dal suo bel viso, se ne innamorò e così iniziò la sua preoccupazione per il suo potenziale (piuttosto che per il mondo reale degli altri). Chi lo fa non va mai in giro ad agire nella loro vive e apprende dagli errori e, peggio, dall'apprendimento attraverso gli amori, i rifiuti, gli accordi e le differenze di opinioni con gli altri. Era preso dal desiderio perpetuo di ciò su cui non si può mai agire. E così l'inerzia, la retrocessione e il loro risultato – l'impotenza nel mondo – è un agente della vergogna maschile.

Ed è qui che Echo l'ha incontrato per la prima volta.

Quando sentì i rami schioccare dal suo nascondiglio, spiandolo, disse: "Chi va là?"

Essendo maledetta, poteva solo rispondere, "Chi va là?"

Al che lui la ignorò ulteriormente.

Continuano a camminare – lui desidera essere con il suo potenziale (ma non reale) potenziale nel riflesso, e il suo desiderio per il ragazzo che non riesce a sentire la sua vera voce, e così la ignora.

Finché un giorno in preda alla rabbia, stufo della sua incapacità di agire, ha strappato il suo corpo a brandelli, il corpo stesso con cui avrebbe potuto abituarsi a fare azioni reali nel mondo reale degli altri.

Tutto ciò che è rimasto è stato il fiore Narciso che vediamo crescere oggi.

E il povero Echo, il suo amore non corrisposto, le suppliche al suo compagno desiderato, ignorato in innumerevoli ripetizioni che non erano mai la sua stessa voce, visto se stessa svanire in una nebbia, poi sparire, e niente altro che il suono di un'eco che sentiamo oggi quando entriamo montagne, canyon e gole.

Questi sono i risultati di una "vergogna tossica" sullo spettro di vergogna – la miscela di vergogna che è andata storta, vergogna addosso a noi dagli altri – che semplicemente "proiettano" su di noi per sentirsi meglio, più maschili o femminili attraverso il dumping la loro vergogna su di noi – o il ben vergognoso feedback che non abbiamo l'intuizione di raccogliere le lezioni di.

Narciso era fanciullesco, egocentrico, innamorato del suo potenziale più delle sue reali opportunità in un mondo di altri, sprecando le sue azioni, ignorando il loro beneficio tra gli altri, e trasformando la sua rabbia verso se stesso su se stesso.

Eco era fanciullesco, imprudente nelle sue chiacchiere, senza mente nel prendere ciecamente il compito assegnato da Zeus e sprecare la sua voce, non usandola da un luogo delle proprie opinioni e identità. Mentre la sua vergogna cresceva, consumava ogni cosa di ciò che era stato reale in lei – finché non rimaneva nulla.

Se la vergogna non riguarda ciò che facciamo, ma chi siamo, a seconda della sua fonte e della nostra fiducia in esso, potremmo davvero aver bisogno di cambiare qualcosa su chi siamo e di trarne beneficio per tutta la vita.

Questa fonte è una figura genitoriale, mentore, consigliere o un'altra persona che non proietta la propria vergogna su di noi ("vergogna tossica"), ma ci rimprovera di diventare più maturi di carattere in generale, e più pienamente maschili o femminili nella voce e azione.

Vergogna Parentale.

Potrebbero guidarci verso intuizioni nelle nostre ferite, usando la nostra rabbia come un potere che può essere incanalato e guidato verso fini buoni, e una vera trasformazione personale.

Le ferite portano, vergogna, rabbia e potere.

FERITE MASCHILI E FEMMINILI

Se prima potessimo imparare cosa significa provare vergogna, e poi realizzare che ci sono potenziali grandi doni nell'esperienza di vergognarsi, potremmo scoprire una chiave segreta. Non si tratta solo di correggere un'azione di fare torto (senso di colpa), ma un modo per apportare cambiamenti all'ingrosso a se stessi – attraverso una nuova crescita personale generale dall'esperienza Echo da ragazza e dall'esperienza da ragazzo Narciso.

In altre parole, la direzione esterna della rabbia, se correttamente canalizzata e guidata, potrebbe (proprio come con la rabbia) portare a un cambiamento vitale ed energico nel modo in cui ci vediamo, come siamo visti dagli altri e collaborando con loro, a cosa siamo in grado di realizzare nel mondo.

Essere vergognosi, o vergognosi – se del tipo buono o cattivo o qualcosa nel mezzo – deve essere ferito.

Se consideriamo le ferite come qualcosa di cui vergognarsi, ma pieno di lezioni, saggezza, esperienza e potere, possiamo davvero prendere la nostra vergogna e trasformarla.

Due vignette che ho visto abbastanza spesso nella pratica sono interessanti da guardare tra uomini e donne.

In uno, un giovane entra in terapia. È stato svergognato da altri uomini, in un certo senso alzato, sia in un alterco fisico, sia nella forma di avere una ragazza "in camicia" da un altro uomo. Mentre lavora sul suo senso del sé in terapia, si accorge che immergendosi nella forma fisica – lavorando sul suo corpo, la sua forza e vitalità, si sente di nuovo più potente. Ha letteralmente preso la vergogna che sentiva e lo ha trasformato in una sorta di protezione contro i danni futuri, una potenza verso il futuro appello romantico attraverso la sua forma fisica.

In un altro esempio, una giovane donna entra in terapia. È stata svergognata da altre donne, forse in un posto di lavoro in cui è stata esclusa o capro espiatorio. In alternativa, è stata vergogna quando un fidanzato l'ha tradita. Lei rompe con lui, o lui con lei, e inizia a lavorare sul suo senso di sé in terapia.

Ma lei nota che quando l'ha avuto con il suo "vecchio look" – i suoi capelli e il suo abbigliamento, e va per un make-over in cui si taglia i capelli corti – un nuovo "look" la eccita, dandole un senso di spargimento il passato e la sua vergogna.

In entrambi i casi, l'esperienza della vergogna – che c'è qualcosa di male o sbagliato in me – viene effettivamente utilizzata e trasformata in un reale cambiamento personale del loro aspetto fisico. In entrambi i casi, è la rabbia alle loro condizioni sociali – il rovescio della vergogna – che alimenta un cambiamento molto reale in "chi sono" fisicamente.

È la rabbia canalizzata nei posti giusti.

Forse questo stesso effetto può accadere alla nostra psicologia, non solo alla nostra apparenza.

Diamo un'occhiata a due altre storie antiche in tal senso.

FILOCCHETTE E MEDUSA

Philoctetes era un guerriero greco durante la guerra di Troia, che era stato l'unico uomo disposto ad accendere una pira funeraria per Ercole. Di conseguenza, la sua ricompensa doveva ricevere l'arco e le frecce dell'eroe. Eppure, sulla sua strada con gli altri guerrieri che navigavano a Troia per combattere, fu morso da un serpente sul piede. La ferita si è insinuata ed è diventata putrida, tanto che la vista e l'odore di lui fanno sì che gli altri uomini lo buttino su un'isola.

In seguito gli altri entrarono in guerra, lasciando Filottete fuori dall'azione, finché, cioè, fu decretato dall'Oracolo che i Greci, perdendo gravemente, non poterono vincere la guerra senza l'aiuto di Filottete e delle sue frecce. Per tutto il tragitto di ritorno dovettero salpare per andare a prenderlo e alle abilità speciali di questo uomo ferito e ingiustamente ferito.

Solo con la sua conoscenza, esperienza e le lezioni delle sue ferite che ora soffrivano pazientemente per dieci lunghi anni, potevano finalmente vincere.

Nell'esempio di Alec Baldwin, tutti i travagli personali del divorzio, della custodia, della giocoleria simultanea e delle ferite da dramma familiare – in realtà lo hanno portato a sviluppare abilità per insegnare, difendere e padroneggiare personalmente. Queste sono le sue "Frecce di Ercole", e anche la loro scoperta e il loro uso aumentano la sua mascolinità e coloro che aiuta come difensore dei diritti di uomini e padri.

Filottete insegna agli uomini che con pazienza e persistenza duratura, le preziose lezioni sulle ferite della vita possono essere portate a termine nel loro tempo giusto, con successo e un beneficio sia per i vergognosi, sia per la società.

medusa D'altra parte, Medusa è spesso raffigurata in senso negativo, come un mostro che trasforma gli uomini in pietra, e chi ha la testa è tagliata dall'eroe Perseo nelle sue battaglie per salvare l'universo.

Prendendo la descrizione di questo antico racconto ancora raccontato di recente come l'ultimo film, Clash of the Titans, potremmo imparare di più della vergogna femminile e del suo potere attraverso l'apprendimento di ciò che accade a Medusa prima che diventi Medusa.

In realtà inizia come una giovane donna straordinariamente bella, che viene violata in modo molto detestabile dal dio Poseidone, nel tempio di Atena – dea della saggezza e della guerra.

Mentre viene aggredita, grida agli dei e alle dee, e nessuno risponde o viene in suo aiuto. Più tardi, hanno pietà di lei, e le danno un aspetto che è mostruoso in apparenza (per gli uomini), ma eccezionalmente potente – i suoi occhi possono trasformare gli uomini in pietra (se sono così sciocchi o non qualificati da guardarla negli occhi. )

Preso in un modo più positivo e autoritario di essere reso mostruoso dall'assalto, si potrebbe prendere atto che il suo sguardo non distoglie lo sguardo dagli occhi degli uomini – che in realtà richiede rispetto. Separa i ragazzi dagli uomini – quelli che con tanta insolenza e arroganza guardano negli occhi, che sono loro stessi svergognati (trasformati in pietra). Eppure, l'unico uomo con abbastanza savvy per non incontrare quel destino (Perseo), ha l'accortezza di non incontrare il suo sguardo, ma invece guardarlo dal riflesso nel suo lucido scudo.

Tratto da un punto di vista più autorevole, si potrebbe vedere che non è solo una furba competenza maschile in battaglia che aiuta Perseo ad evitare di essere trasformato in pietra, ma un profondo rispetto del potere dello sguardo di Medusa. Come uno che incontra un dignitario onorato, stiamo attenti a distogliere lo sguardo piuttosto che ad incontrare il loro sguardo troppo a lungo, non per vergogna o paura, ma per rispetto.

Un altro punto di vista sulla risposta di Rihanna ad essere aggredito, in cui evita di parlare per un po 'di tempo, ha evitato lo sguardo del pubblico e il dispiacere di coloro che volevano una dichiarazione immediata di oltraggio.

Non si può fare a meno di notare nelle prime settimane dopo l'assalto, la televisione ha ripetutamente mostrato la sua faccia traumatizzata – la Medusa ferita. Per molte altre settimane, quindi, una voce assente – proprio questi echi mediatici dell'attacco – alla fine sceglie contro il ruolo di Echo senza voce.

Con pazienza e determinazione, una donna ferita che può aspettare il suo tempo, riemerge prendendo azioni e parlando ai tempi giusti, non come Echo, ma come la versione potente di Medusa, la cui presenza comanda rispetto.

Attraverso tutti i rapporti futuri con gli uomini sarà in grado di separare gli uomini dai ragazzi, trasformando i secondi, quelli che non superano la prova della qualità – uomini maturi – in pietra. Ora può anche insegnare ad altre donne come riconoscere l'unico tipo di uomo che vale il suo sale – un Perseo che è abbastanza saggio da distogliere gli occhi dal punto di vista della sua esperienza, saggezza e potere.

L'uomo di una vita, l'uomo che è in grado di "ucciderla", come si dice che siamo "uccisi dai progressi romantici" di colui che alla fine sposeremo. Non uomini minori, e certamente non "un Poseidone".

COLPA E VERGOGNA IN POTENZA

Ora abbiamo una tassonomia critica da usare nelle nostre vite, e con cui non abbiamo solo il controllo della gomma – l'intrattenimento sensazionale dalle notizie sulle celebrità – ma lezioni concrete che possiamo usare.

Nelle interazioni confuse e giudicanti con gli altri, noti che ti senti mai come un Hester Prynne? Un Edmund Dantes? Un eco, un narciso? E se è così, puoi trovare la strada per il potere delle ferite, in un Filottete o Medusa?

Se ti senti accusato, vergognoso, inclinato o criticato, stai ricevendo un miscuglio di messaggi da ordinare, ma azioni da intraprendere su ciascuno:

1. Senso di colpa – lo senti per quanto riguarda una cosa specifica in un'occasione specifica in cui hai sbagliato e hai violato il tuo codice morale. Riguarda ciò che fai, non chi sei.

Forse non eri consapevole di essersi sbagliato, o forse lo sapevi anche così, ma aveva un difetto di ragione e di autocontrollo. Hai un feedback su come fa male a qualcun altro, e dal momento che provi empatia per loro – non vorrebbe sentirsi come loro – deciderai apposta a cambiare i tuoi modi.

Tu perdoni te stesso, fai ammenda, chiedi perdono, e su istanze future che assomigliano all'azione colpevole, ti sforzi di fare scelte costruttive diverse, più positive.

Quindi lasci cadere il senso di colpa. Non serve più te o altri.

2. Vergogna tossica – Questo non è il feedback su ciò che fai in occasioni specifiche, ma chi sei. Ti senti ammucchiato da te dall'esterno, da qualcuno che non è tuo amico, avvocato, genitore, mentore o che in alcun modo ti augura benessere, crescita, perdono e prosperità reciproca. Non si sente collegato ai dettagli di ciò che fai o di chi sei. È a causa di incomprensioni, interpretazioni o un tentativo assoluto di un'altra persona di proiettare la propria vergogna su di te, come facile bersaglio o capro espiatorio.

La vergogna tossica non è mai buona, mai utile a te o alla società. Non corregge i torti o crea nuovi comportamenti o crescita. È sempre distruttivo, mai costruttivo e non offre lezioni per il cambiamento. Per il tuo senso di sé, è un danno insensato per il bene del danno.

Ti senti fatto per essere come Echo se sei una donna, spogliata di una voce, o bandita dal gruppo, come Hester Prynne, per vagare per il mondo come un emarginato.

Ti senti fatto come il Narciso se sei un uomo, trattenuto dal realizzare il tuo potenziale, spogliato di azione o rango o status, trattenuto socialmente perché non hai notato che c'è un grande mondo intorno a te a cui partecipare. essere soggetto agli obiettivi o ai desideri di qualcun altro – come un datore di lavoro crudele – non il proprio, imprigionato come Edmund Dantes dall'essere libero di avere un impatto positivo sul mondo. E uno unico per te e solo te.

Rifiuta il feedback ed evita la parte che l'ha emessa. You will sense in the foreignness of their accusations that the conflict is more about them than about you. They are denying themselves the facing of their own shame by projecting it onto you, and won't be fit as a friend, mentor, partner or colleague for a very long time, if ever.

3. Parental (Positive) Shame – This is also feedback about who you are and what needs to change, but it comes from a place of mentorship, love, parentalism, and a wish to see you improve in who you are in your personal growth and character.

Here is where the real power comes if you are open to it. It's not always that an actual parent or advocate is doing all the criticizing in our lives. Often that comes from strangers, non-intimates, even from enemies.

La chiave è vedere attraverso quali sono i sensi di colpa per un evento specifico, quale è la vergogna tossica che realmente appartiene a loro e ciò che tu stesso potresti essere il tuo mentore, genitore e consulente.

È la critica e l'intuizione data dal prete Faria a Edmund Dantes nella prigione.

Se sai che la vergogna che senti ha qualche elemento di verità in essa, potresti anche assumere il ruolo di genitore per te stesso. Proprio come il giovane che porta la sua rabbia in palestra per migliorare la sua forma fisica, o la giovane donna che porta la sua rabbia nel salone per migliorare il suo aspetto, potresti trasformare la tua rabbia attraverso un simile processo di crescita personale su quell'aspetto di chi sei.

Come disse una volta un compagno di stanza al college, "Non c'è vendetta migliore del bello." Lo stesso consiglio si potrebbe dire della mente, del personaggio e della costituzione.

Troverai potere e libererai la vergogna dirigendo la sua rovescio – rabbia contro le cose giuste: la dipendenza che conosci, la mancanza di empatia, la slealtà, l'impulsività nella gestione del denaro, la follia nella conversazione, la trepidazione nel parlare fuori, la mancanza di rispetto di te o degli altri, l'inclinazione alla vendetta piuttosto che la giustizia e il perdono, e tutte le altre caratteristiche del personaggio su cui possiamo migliorare.

Se prendi il feedback e lo trasformi in veri cambiamenti in quello che sei – ma solo in base a ciò che sai di te stesso che ha bisogno di cambiare – non c'è più vergogna in questo. Non seguirai spensieratamente i ruoli e l'identità che qualcun altro ti assegna come Zeus ha fatto ad Echo. Non rifiuterai alcun feedback, osservando passivamente la vita e non partecipando, come Narciso.

Invece della mancanza di voce di essere un Echo, la futilità di essere un Narciso, l'imprigionamento di un Edmund Dantes o l'esilio di un Hester Prynne, avrai scoperto il rispetto e il potere di una Medusa, o la pazienza, la competenza e il vincitore efficacia delle Frecce di Ercole di Filottete.

Il senso di colpa guiderà quello che fai, vergogna tossica ti dirà qualcosa delle ferite degli altri, così che un giorno potresti perdonare ed entrare in empatia, e la vergogna dei genitori ti guiderà a diventare migliore.

Vivrai, senza sensi di colpa, senza vergogna e crescendo meglio ogni giorno.

Solutions Collecting From Web of "Da vergognarsi di essere potenziato"