Da "Più ottimista" a Suicidal e Back

Jen è una di quelle persone molto fortunate che non ha mai dovuto fare nemmeno il minimo sforzo per essere di buon umore. Vivere in gratitudine e gioia è sempre stato naturale per lei. "Sono sempre stato una persona allegra. Quando ero bambino non capivo come la gente potesse essere infelice quando mi sembrava che ci fosse sempre tanto bello, tanta bellezza, tanto piacere nel solo essere vivi. "Al liceo, Jen era chiamata" Most Ottimista "nel suo ultimo anno, un premio che è stato originariamente creato per lei.

"Non c'era nulla di particolarmente unico o insolito nella mia famiglia. Immagino di essere appena nato fortunato. Ho sempre sentito un forte senso di apprezzamento per la mia vita, per le cose specifiche con cui sono stato benedetto, come il mio atletismo, il mio amore per l'avventura e l'eccitazione, la mia salute, i miei amici e per la mia vita in generale . Amo anche il mio lavoro. Non ritengo che funzioni; è un gioco. Infatti mi riferisco al posto di lavoro come al mio parco giochi. Ho sempre pensato che la vita fosse solo questo straordinario dono che ci è stato dato, solo una serie di delizie e opportunità, fino all'incidente ".

"L'incidente" a cui Jen si riferisce si è verificato circa due anni fa e venire a patti con esso e le sue conseguenze sarebbero state la più grande sfida della sua vita. "Mi stavo preparando per la mia terza maratona che si stava avvicinando tra poche settimane e facendo un allenamento su una strada abbastanza tranquilla, non troppo lontana dall'autostrada. Era un'area frequentata da ciclisti e podisti perché non c'era molto traffico. Stavo raggiungendo un incrocio dove la strada principale attraversava una strada secondaria che era controllata da una serie di semafori. Ho visto che le luci erano a mio favore e che era sicuro di attraversare.

Proprio mentre mi avvicinavo al centro dell'incrocio, una macchina arrivò a sfrecciare attraverso la luce rossa senza nemmeno rallentare. Stava venendo proprio verso di me e non ho avuto il tempo di togliermi di mezzo. Nell'istante successivo l'auto mi colpì e mi gettò sul cofano e mi ritrovai di fronte all'autista e fissavo direttamente nei suoi occhi che per qualche motivo non si fermava. Non ha nemmeno applicato i suoi freni. Ricordo di aver pensato: "Oh mio Dio! Non si fermerà! e contemporaneamente mi sono ritrovato a scivolare fuori dal cofano. Ero terrorizzato di cadere sotto le ruote della macchina e di essere investito. Non avevo nulla da afferrare per non cadere e mentre scivolavo via, il mio piede passò sotto la ruota laterale del passeggero anteriore mentre venivo buttato a terra.

Non ho mai perso conoscenza, ma vorrei averlo avuto. Sono sempre stato un atleta molto attivo e non sono abituato al dolore. Ma il dolore che sentivo lì disteso per strada era peggiore di qualsiasi altra cosa che io abbia mai sperimentato, peggio di tutto ciò che posso descrivere. I paramedici sono arrivati ​​in un paio di minuti e mi hanno messo su una barella per portarmi al pronto soccorso. Ho detto loro di non toccare il bacino, che era stato gravemente ferito dall'impatto dell'incidente. Non so come sono riuscito a far uscire le parole. Il dolore era così atroce che non potei fare altro che lamentarmi e strillare.

Non potevano trattarmi al primo ospedale in cui mi hanno portato, così mi hanno portato in un altro ospedale che era meglio attrezzato per far fronte alle mie condizioni. Per fortuna avrebbe avuto uno dei migliori chirurghi ortopedici del mondo era lì e si è offerto di prendersi cura di me. Mi è stato detto che con ogni probabilità avrei quasi certamente bisogno di un intervento chirurgico, ma non necessariamente subito. Sono stato messo in una tuta posteriore completa per oltre quattro mesi e ho detto che avrei dovuto mettere spilli nella mia spina dorsale. Non ero sicuro se sarei mai stato in grado di camminare di nuovo, non importava correre un'altra maratona.

Durante quel periodo ho continuato ad affermare che le mie ferite potevano guarire senza chirurgia e senza spilli. Ho lavorato diligentemente con il mio fisioterapista tutti i giorni, anche dopo che la mia assicurazione ha rifiutato di continuare a coprire il costo di quei trattamenti. Ero completamente impegnato per la mia guarigione come lo sono mai stato a qualsiasi cosa abbia mai fatto nella mia vita. Ero determinato a riprendermi senza un intervento chirurgico.

Il mio medico continuava a cercare di prepararmi per quello che sembrava pensare fosse inevitabile, ma poi, un giorno dopo essermi consultato, mi disse che non pensava che avrei avuto bisogno di un intervento chirurgico, dopotutto. Era sorpreso e non capiva come spiegarlo, ma sapevo che era il mio atteggiamento e la mia convinzione nella capacità di guarire del mio corpo che aveva fatto la differenza. Ho appena rifiutato di accettare la diagnosi come inevitabilità ".

Ma l'euforia di Jen fu di breve durata e in pochi giorni si trovò nel bel mezzo di un calvario che le costò quasi la vita.

"Sebbene fossi grato di non dover subire un intervento chirurgico, dovevo ancora lottare contro il dolore che era iniziato al momento dell'incidente. Avevo bisogno di prendere diversi tipi di farmaci per mantenere il dolore a un livello gestibile, ma non era mai abbastanza. Il mio dottore continuava ad alzare il dosaggio, che naturalmente aumentava gli orribili effetti collaterali e la mia tolleranza ai farmaci continuava ad aumentare con il dosaggio elevato. Stavo assumendo enormi quantità di antidolorifici tra cui dilaudid, oxycontin, percosset, valium e altri, ma il dolore continuava a essere intollerabile.

Peggio del dolore fisico era l'angoscia mentale che stavo vivendo. Continuavo ad avere dei flashback sull'incidente, piangevo ogni giorno ed ero tormentato dagli incubi. Per la prima volta nella mia vita ho iniziato a sentire il tipo di disperazione di cui avevo sentito parlare dagli altri, ma non era mai stato una realtà per me. Ora vedevo cosa significava non vedere altro che dolore e sofferenza davanti a me e provare una sorta di disperazione che era davvero travolgente. Mi sono convinto che questo sarebbe stato il mio destino per il resto della mia vita senza alcuna speranza di riprendere il mio corpo, mai più senza dolore. Per la prima volta nella mia vita volevo davvero morire.

Mi sono convinto che nessuna vita era migliore di questa vita. Questa non era vita; era un inferno. Ero tormentato da pensieri ossessivi sul sollievo che alla fine la morte avrebbe portato e gradualmente mi convinsi che era il mio momento di andare. Questo pensiero mi ha portato uno strano tipo di sollievo. Riflettevo sulla mia vita e mi sentivo grato per i bei momenti che avevo avuto e mi dispiaceva che le persone che amavo fossero tristi e addolorati per la mia morte, ma ero certo che questa era la scelta che dovevo fare. Il 17 luglio 2009, il mio compleanno, ho scritto una nota di suicidio spiegando perché dovevo fare quello che dovevo fare e metterlo sulla mia scrivania. Ho svuotato le mie bottiglie di pillole e ho ingoiato oltre 180 pillole, la maggior parte pesanti narcotici, e le ho lavate con ¾ di una bottiglia di vino rosso. "

Questa avrebbe dovuto essere la fine della storia di Jen. Ma certo, non lo era. Nove ore dopo, il mattino seguente, l'amico intimo di Jen, Chris, ha telefonato per fare il check-in con lei. Quando, dopo diverse chiamate, non ci fu risposta, andò all'appartamento di Jen e la trovò svenuta, ma respirava ancora. Jen è stata ricoverata in ospedale dove è stata curata e poi trasferita all'unità psichiatrica dove le è stata diagnosticata una depressione patologica acuta. Uno dei farmaci antidolorifici che Jen stava assumendo era il cymbalta, un farmaco che era noto per causare fantasie e comportamenti suicidi in molti pazienti. Fu subito tolta e fece aggiustare le sue medicine per controllare il suo dolore senza effetti collaterali potenzialmente letali. Entro due settimane il livello di dolore di Jen divenne gestibile, ma i temuti effetti collaterali del farmaco continuarono inesorabilmente.

"Una volta che il dolore era più sotto controllo, volevo solo abbandonare le medicine. Odiavo essere intorpidito e annebbiato per tutto il tempo. Ora che non ero più in preda a una depressione schiacciante, avevo un disperato bisogno di riprendermi la vita. Il mio medico mi ha detto che probabilmente ci sarebbero voluti almeno nove mesi prima che non avessi più bisogno delle medicine e mi ha avvertito che scendere da loro sarebbe stato molto difficile, considerando che il mio corpo era diventato dipendente da loro. Ero essenzialmente un drogato di narcotici.

Ho messo la mia forza di volontà al lavoro e ho deciso che avrei preso a calci questa dipendenza e che non ci sarebbero voluti nove mesi. Rompere la mia dipendenza è stata una delle cose più difficili che abbia mai fatto, molto più difficile che correre una maratona. Ho iniziato a ridurre le medicine il 26 novembre e per la fine di gennaio ero completamente libero dalla droga. È stata una terribile prova che ha coinvolto tutti gli aspetti macabri della disintossicazione, tra cui orribile nausea, profonda debolezza e stanchezza, tremori e tremori, DT e altro ancora. Ma alla fine ho recuperato la mia vita e il mio corpo.

Non sono ancora completamente guarito dall'incidente, ma sono quasi arrivato e mi sto allenando per un'altra maratona. Sono rimasto senza lavoro per quattordici mesi ed ero estasiato quando alla fine ho ottenuto l'autorizzazione dal mio medico per tornare al mio lavoro.

Quando penso a quanto sono arrivato vicino alla morte provo un senso di incredibile gratitudine nei confronti di Chris per avermi letteralmente salvato la vita. So anche che non era il mio momento e sono così felice che non lo fosse. L'incidente è stato in qualche modo un regalo per me in quanto mi ha dato uno sguardo intimo su come è la vita per le persone che vivono nel dolore fisico o emotivo cronico. Per la prima volta nella mia vita ho avuto un assaggio di com'è e ho una specie di compassione per la sofferenza degli altri che non ho mai provato prima. Sento di essere stato sensibilizzato al dolore del mondo in un modo che non avrei mai potuto essere senza passare attraverso il mio calvario. Non sono certo contento di aver vissuto quello che ho vissuto, ma ci sono state delle lezioni incredibilmente preziose per me nel processo e per questo sono profondamente grato.

C'è ancora così tanto che voglio fare, sperimentare, realizzare. La vita è così preziosa, al di là di ciò che ogni parola può descrivere. Ho imparato che anche quando le cose sembrano assolutamente senza speranza e senza possibilità di miglioramento, possono accadere dei miracoli. E lo fanno. Sono una prova vivente! "

Solutions Collecting From Web of "Da "Più ottimista" a Suicidal e Back"