Da Mindless Din a Deep Mindfulness

Il viaggio della psicoterapia orientata spiritualmente

Linda Schneiderman

Fonte: Linda Schneiderman

Diversi anni fa, ho partecipato a un esercizio di gruppo con un orientamento al lavoro che è diventato una metafora guida su come sintonizzarmi con la mia voce interiore in mezzo al clamore della vita moderna.

L’obiettivo dell’esercizio era quello di camminare da un’estremità di una grande stanza all’altra, con gli occhi bendati, mentre si percorreva un percorso a ostacoli di tovagliette “mine” che erano state disperse sul pavimento. Per farmi strada, avrei dovuto concentrarmi sulla voce di un singolo collega, che stava dalla parte opposta della stanza guidandomi passo dopo passo, mentre altri, attraverso un cacofonico frastuono, cercavano di soffocare la mia guida di gridando sia le buone che cattive indicazioni. Come ricordo, è stato un esercizio divertente ma difficile, e l’ho fatto a malapena.

A volte la vita può essere percepita in quel modo – come se fossimo arrampicati nell’oscurità, incerti su quali passi prendere mentre le distrazioni ci circondano. Per quanto riguarda le distrazioni, la vita moderna offre molti di loro. Da e-mail, testi, pubblicità, social media, televisione e streaming video, a familiari, colleghi e amici, siamo costantemente inondati da messaggi in competizione e spesso conflittuali su come condurre una vita appagante che ci farà sentire stimati, amati, accettati , forse anche ammirato.

In definitiva, le domande diventano – come possiamo attingere alla voce guida che ci porterà alla destinazione desiderata, allontanandoci dalle tentazioni e dalle trappole? E come abbracciamo il viaggio con curiosità e compassione per i nostri inevitabili passi falsi?

Chiedete a chi medita e giureranno con la consapevolezza – usando le pratiche di respirazione per osservare i nostri pensieri con distanza emotiva e obiettività. Un artista, in alternativa, sposerà le virtù dell’arte, della musica, della scrittura, della danza, della recitazione – come specchio per riflettere i desideri del nostro cuore. Un membro del clero probabilmente ti indirizzerà verso pratiche e precetti che mirano a collegarti a un potere più elevato ea verità universali, mentre uno psicoanalista più classico ti inviterà a sondare sentimenti infantili inespressi nei confronti degli assistenti per liberarti da complessi psicologici trincerati.

E avrebbero tutti ragione, più o meno.

Ecco perché se chiedi a uno psicoterapeuta orientato spiritualmente, potresti trovare qualcuno che abbraccia tutto – consapevolezza, creatività, religione, indagine psicologica e altro, come strade per aiutare le persone a sentire e seguire quella silenziosa voce interiore autentica che sussurra le loro verità – quello che alcuni chiamano l’anima.

Cos’è la psicoterapia orientata spiritualmente?

Cos’è uno psicoterapeuta orientato spiritualmente? Un terapeuta orientato spiritualmente è un professionista della salute mentale autorizzato, che, praticando un’ampia varietà di modalità terapeutiche, affronta la connessione tra mente, corpo e spirito e il ruolo che la spiritualità e la religione delle persone, o la loro mancanza, gioca nella salute emotiva e bene -essere.

Anche se le definizioni variano, la spiritualità è spesso definita come il senso di connessione di una persona a qualcosa di più grande di loro – descritto dalla mitica Yoda come “un campo energetico creato da tutte le cose viventi … (che) ci circonda e ci penetra; lega la galassia insieme. “Gli incontri con questa forza spesso evocano un senso di amore, presenza, accettazione, gioia, umiltà, unità e significato.

La religione può, e spesso lo fa, evocare uno stato di coscienza simile. Tuttavia, la religione è tipicamente organizzata attorno a una serie di credenze sulla realtà che appartengono a un sistema di fede e adorazione, tipicamente di una divinità.

La spiritualità può o non può avere un ruolo, specialmente quando l’obbedienza ai principi religiosi è enfatizzata sulla risonanza personale dell’anima. Mentre molte persone religiose si descrivono come spirituali, la spiritualità non presuppone una credenza in Dio o un potere superiore.

Tradizionalmente, molti terapeuti si sono allontanati dal discutere la religione e la dimensione spirituale della psiche perché si sentivano fuori dalla loro profondità e diffidenti nel guado al ministero, o perché, prendendo spunto da Freud, patologizzarono un tale orientamento come sintomatico del pensiero magico e nevrosi.

Ma questo sta cambiando mentre la ricerca supporta i benefici di un approccio olistico alla salute mentale e la consapevolezza diventa più diffusa. Inoltre, la ricerca ha dimostrato che le pratiche religiose normative sane sono spesso associate a una migliore gestione e meno depressione, isolamento, suicidio, ansia e uso di sostanze.

Facilitare l’ascolto profondo

Mentre i terapeuti orientati spiritualmente sono formati in più modalità – per esempio, psicoterapia psicodinamica, CBT e terapie somatiche – alcuni possono anche essere ordinati clero. Usando strumenti come la consapevolezza e la creatività, i terapeuti orientati spiritualmente applicano la loro conoscenza della psiche e la sensibilità alle preoccupazioni spirituali / religiose per aiutare i clienti a incuriosire sulla natura e le intenzioni delle “voci” che cercano di guidare le loro vite e discernono se risuonano con, o spingere contro una conoscenza interiore più profonda.

Considera l’esercizio di gruppo che ho menzionato all’inizio di questo articolo. Metaforicamente parlando, il terapeuta orientato spiritualmente non è né posizionato come la voce benevola che guida nella parte opposta della stanza, né come una delle buone voci che danno consigli alle masse. Piuttosto, lui o lei è una presenza curiosa e osservante che aiuta il cliente ad ascoltare più profondamente i mormorii dell’anima mentre tiene uno spazio compassionevole per il rumore e il tumulto esistenziale.

Quali sono il significato e le origini delle voci e che risuonano più profondamente? Cosa ti impedisce di sentire e fidarsi della tua guida interiore? Linee analoghe di indagine terapeutica sintonizzano l’orecchio interno dei clienti con i sussurri costanti o insistenti della sua anima, tagliando attraverso la cacofonia sul sentiero dalla confusione alla chiarezza.

Solutions Collecting From Web of "Da Mindless Din a Deep Mindfulness"