Da Jhanas alla gioia

È passato molto tempo da quando ho scritto di Zen o di meditazione su questo blog di "Ten Zen" ma sono successe molte cose e non vedo l'ora di condividerlo con te.

Lo scorso autunno 2013, sono andato in un ritiro molto diverso da quello a cui ho assistito prima e ha avuto un profondo effetto su di me. Sono ancora meravigliato dal modo in cui mi sembra di essere cambiato – al modo in cui la felicità e la gioia sembrano nascere come non hanno mai fatto prima. Naturalmente non posso essere sicuro che sia per via di quella ritirata ma sospetto che lo sia. Inoltre, i metodi utilizzati suggeriscono un modo per modificare lo stato predefinito del cervello in modo che i sentimenti positivi siano più facilmente disponibili. Che incredibile possibilità!

Tutto è iniziato nel 2010 quando l'insegnante di meditazione, Leigh Brasington, tenne una conferenza a Sharpham House, vicino a dove vivo nel Devon, sul tema dei jhanas – una serie di otto stati sempre più assorbiti che sono raggiunti attraverso la concentrazione. L'idea che gli antichi meditatori possano aver scoperto una tale serie di stati mi affascina a causa di tutto il mio lavoro sugli stati di coscienza alterati (ASC).

L'idea delle ASC sembra semplice ma non lo è. Siamo abituati a passare tra il sonno e la veglia, il sonno profondo e il sogno, e molti di noi conoscono gli effetti dell'alcool, del caffè e di altre droghe. È facile dire che la nostra coscienza è cambiata. Ma dal momento che scienziati e filosofi non hanno ancora una buona definizione di coscienza, anche questo è problematico.

Ulteriori problemi sorgono quando proviamo ad etichettare o definire le ASC. Dormire e sognare sono relativamente facili perché l'EEG o le scansioni cerebrali mostrano cambiamenti simili per tutti. Ma che dire dei sogni lucidi, quando sai che stai sognando e sembri "svegliare" in un sogno? O che dire dell'essere ubriachi o lapidati. Dovremmo definire quegli stati alterati con misure oggettive, come la quantità di droga assunta da una persona, o misure soggettive come la differenza che dicono di sentire? Non c'è una risposta giusta. Alcune persone fumeranno una piccola quantità di cannabis e descriveranno un drammatico cambiamento di coscienza; altri giureranno che il loro primo fumo non ha avuto alcun effetto quando ridono e sono affascinati dalla loro stessa mano.

Con tutte queste domande in mente sono rimasto affascinato dall'idea dei jhana. Non conoscevo nessuno che li avesse sperimentati, e ciò che avevo letto implicava che erano riservati agli alti adepti e non alle persone comuni come me. Oppure – mi chiedevo – erano solo una fantasia della prima letteratura buddhista. Dovevo saperne di più.

La conferenza è stata affascinante. Leigh si è descritto come un ingegnere del software in pensione e un ex geek hippy del Mississippi, e il suo stile era piacevolmente pratico. Ha spiegato ogni stato e i metodi utilizzati per raggiungerlo e ha detto che chiunque può esplorarli. "Vieni in uno dei miei ritiri in California", disse. Non avevo intenzione di volare in California, ma ha detto che nell'ottobre 2013 avrebbe guidato un ritiro di dieci giorni in Inghilterra. Ho scritto la data nel mio diario. L'anno seguente ho spostato la nota nel mio diario del 2011, poi nel 2012, poi nel 2013. Dopo aver mantenuto questa nota per così tanto tempo, mi sono sentita destinata a partire!

Il ritiro di dieci giorni di jana era a Gaia House, un centro di ritiro vicino a Newton Abbot nel Devon. Sono stato lì per i ritiri Zen guidati da altri insegnanti e ho guidato lì un ritiro per il fine settimana, ma non avevo mai praticato alcun jhana. Quindi ero molto nervoso. Presto ho appreso che molte persone erano seguaci di Leigh e avevano molta esperienza di janas ma per me e pochi altri questo è stato un primo incontro. Ero un principiante assoluto.

I primi due giorni sono stati dedicati all'approfondimento della consapevolezza e della concentrazione. Questo è stato un po 'uno shock quando ho iniziato ad apprezzare la grande differenza tra questo e lo Zen. Ho partecipato a qualcosa come 30 o più ritiri Zen e medito ogni mattina. Ma questa pratica è tutta "meditazione aperta", zazen o "semplicemente seduto". Cioè, mi siedo con gli occhi aperti, prestando attenzione a tutto ciò che accade senza discriminazioni o rimanendo aggrovigliato in nessuna di esse. Questo – almeno – è la teoria. Certo, a volte la mia mente si allontana o si distrae, ma trent'anni di pratica significano che, quando ciò accade, mi affretto a tornare ad aprire la consapevolezza. Ora mi aspettavo di chiudere gli occhi.

Ho chiesto a Leigh se dovevo cambiare la mia pratica e chiudere gli occhi e ha detto di sì – non sarei in grado di fare gli esercizi che stava per insegnarci con gli occhi aperti. Così vicino li ho fatti.

Ho trovato questo estremamente strano. So che molti, forse la maggior parte, le persone che meditano chiudono gli occhi. Forse ti sembra strano che mi sia sembrato strano! Ma è successo. Sono abituato ad avere immagini, suoni, sentimenti, tocchi, odori – tutto sta succedendo e tutti ugualmente figuriamoci. Ora la visione era sparita e mi sentivo stranamente sbilanciato. Ma poi abbiamo dovuto concentrarci su qualcosa.

All'inizio questo era il respiro che non era nemmeno familiare. Ho fatto occasionalmente meditazione sul respiro ma non come pratica regolare e questa 'meditazione concentrativa' è molto diversa dalla consapevolezza aperta. Quando sono distratto, il mio istinto ora è quello di aprirsi a tutto ciò che c'è intorno. Invece ho dovuto tornare al respiro. Tuttavia, non ho bisogno di essere preoccupato. Nel giro di poche ore ho scoperto che la concentrazione ristretta era del tutto possibile. In effetti, sospetto che l'attenzione dell'allenatore in un modo possa trasferirsi ad altre abilità, anche se questa è una domanda alla quale rispondere.

Quando la nostra concentrazione fu abbastanza forte, disse Leigh, potemmo cominciare a seguire la rotta verso il primo jhana. Nei prossimi post descriverò quali sono questi metodi e cosa è successo quando tutti ci addentreremo nelle nostre menti.

Solutions Collecting From Web of "Da Jhanas alla gioia"