Dì semplicemente di no? Beh no

A meno che tu non abbia un disturbo alimentare, o sei vicino a qualcuno che lo fa, è molto difficile da capire. È come il diabete o il cancro, o è autoinflitto e manipolativo, o un prodotto della nostra cultura incentrata sull'apparenza?

Un recente rapporto del New York Times, "Your Brain on Computers", fornisce un'analogia a cui tutti possiamo dare una risposta. Un disturbo alimentare è come una dipendenza dalla tecnologia. In entrambi i casi, non puoi semplicemente dire di no.

Devi mangiare per vivere, e ora devi praticamente vivere con una combinazione di tecnologia informatica: e-mail, Internet, messaggi di testo, cellulare, come minimo.

In una storia di Tara Parker Pope

Il ricercatore di dipendenze Dr. Kimberly Young confronta la tecnologia online con il cibo.

Il Papa scrive: "La tecnologia, come il cibo, è una parte essenziale della vita quotidiana, e chi soffre di comportamenti online disordinati non può rinunciare del tutto e invece deve imparare la moderazione e l'uso controllato".

La dipendenza da computer sembra inverosimile, finché non lo è. Young ha scritto tre libri a riguardo. Il ciclo sembra molto simile a un disturbo alimentare. Considera questi segni, da una recensione del libro di Young, Breaking Free of the Web , a Raggomitolato con un buon libro:

"Anche se ci sono cose diverse per diventare dipendenti da Internet, sembrano finire con risultati simili. Ad esempio, una persona passerà tutto il tempo del risveglio su Internet in una chat room, visualizzando un sito Web o navigando su molti siti Web. Una persona tossicodipendente molto probabilmente spenderà denaro in questi siti web e indebitarsi. Perderanno interesse per la famiglia, gli amici e il loro lavoro, si aggireranno per trovare la loro soluzione e mentire a riguardo. Molti perseguiranno la loro dipendenza al lavoro e alla fine verranno catturati e licenziati. A volte il tossicodipendente perderà la moglie e la famiglia. "

Le persone con gravi disturbi alimentari trascorrono tutto il loro tempo di veglia a dieta, cibo, peso, immagine corporea, esercizio fisico, spurgo. Spendono soldi e possono indebitarsi. Loro alienano la famiglia e gli amici. Si aggirano furtivamente e mentono a riguardo. E così via.

Mangiare in modo disordinato, sia che si tratti di dosare un po 'di cibo o di capire dove gettare in segreto, può essere un modo per trovare conforto e controllo. Risulta essere lo stesso per la messaggistica costante e la messaggistica istantanea e il controllo della posta elettronica.

Ancora una ruga: l'uso del computer può esacerbare i disturbi alimentari. I bambini di età compresa tra 13 e 19 anni sono il gruppo demografico che più probabilmente utilizzerà i computer. Due terzi delle ragazze cercano informazioni sanitarie sul Web, dove gran parte delle informazioni sui disordini alimentari è inaffidabile. E ci sono siti che promuovono i disordini alimentari, dove i ragazzi scambiano idee su come perdere peso e purgare. I ricercatori della Stanford University hanno scoperto che gli adolescenti che cercano informazioni sui disordini alimentari su Internet hanno maggiori probabilità di essere ricoverati in ospedale per la loro condizione rispetto agli adolescenti che non si rivolgono al Web.

"Le persone hanno sempre raccolto e condiviso informazioni pericolose", ha dichiarato uno degli autori dello studio alla rivista Pediatrics nel dicembre 2006. La dottoressa Rebecka Peebles, un'istruttrice di medicina adolescenziale presso l'Ospedale pediatrico Lucile Packard della Stanford University School of Medicine, ha aggiunto: Internet offre accesso istantaneo a informazioni nuove e potenzialmente pericolose che i bambini potrebbero non incontrare da soli. "

Solutions Collecting From Web of "Dì semplicemente di no? Beh no"