Dì addio alla menzogna di Babbo Natale

I genitori spesso provano un senso di colpa quando mentono ai loro figli a proposito di Babbo Natale. Ma nel suo articolo, "The Santa Lie: Il Natale ha ferito i nostri bambini?" L'autrice Melinda Wenner Moyer sostiene che la bugia di Babbo Natale "appartiene alla pila della buona bugia". Non c'è bisogno di sensi di colpa, dice, "Perché i genitori lo invocano per il bene dei loro figli". Non sono d'accordo. Dobbiamo prestare attenzione a quel pizzico di colpa per tenerci alla larga da comportamenti immorali e potenzialmente pericolosi.

daveynin/flicker
Fonte: daveynin / flicker

Sebbene racconti questo argomento in modo molto dettagliato nel mio libro The Myths che ha rubato il Natale, ho discusso per la prima volta contro la menzogna di Babbo Natale nel 2009 in un editoriale per il Baltimore Sun, intitolato "Sorry, Virginia", ho suggerito che il Babbo Natale dovesse essere evitato per tre motivi. (1) È una bugia ingiustificata, (2) rischia di danneggiare la fiducia dei genitori e (3) incoraggia la credulità e il comportamento mal motivato. Uno degli argomenti che le persone hanno espresso in risposta – tra un'incredibile quantità di messaggi di odio che ho ricevuto, che potete vedere qui – era essenzialmente l'argomento che Moyer presenta. La bugia Santa promuove l'immaginazione e l'immaginazione fa bene ai bambini. Come dice Moyer, "Quel che Kris Kringle fa … alimenta l'immaginazione" e un "tipo di gioco immaginativo che accende la creatività, la comprensione sociale e persino – per quanto possa sembrare strano – il ragionamento scientifico." (E la sua stessa argomentazione è stata ripetuta dai fan affini di Santa in difesa della menzogna di Babbo Natale, ancora e ancora e ancora … e ancora.)

Naturalmente, Moyer ha ragione sui benefici dell'immaginazione. Ciò che lei (e gli altri che fanno argomenti simili) non riescono a riconoscere, tuttavia, è che la cosa che sta difendendo – La Santa Lie – in realtà non promuove l'immaginazione o il gioco immaginativo. L'immaginazione implica fingere e fingere che qualcosa esista, bisogna credere che la cosa non esiste. Il cristiano "immagina" che Gesù sia risorto dai morti? Il musulmano "immagina" che Maometto abbia cavalcato il suo cavallo Barack (Al Boraq) alla velocità della luce dalla Mecca a Gerusalemme e poi salito in cielo? Ovviamente no; credono che queste cose siano vere. Trucchiare un bambino a credere letteralmente che Babbo Natale esista non incoraggia l'immaginazione, in realtà lo soffoca. Se vuoi davvero incoraggiare l'immaginazione nei tuoi figli, digli che Babbo Natale non esiste, ma che fingerai come se lo fosse comunque la mattina di Natale.

Molti bambini "recitano" come se fossero Babbo Natale, e questo richiede immaginazione. Ma non devi ingannarli facendogli credere che Babbo Natale sia reale per farli giocare in quel modo – proprio come non devi indurli a pensare che Star Trek sia reale per far finta di esplorare gli alieni pianeti nel cortile sul retro.

Moyer riconosce la preoccupazione che i tuoi figli possano sviluppare problemi di fiducia quando si rendono conto di aver mentito con loro, ma sostiene che tali preoccupazioni sono infondate. Quando apprendono la verità, in media intorno alle 8 suggerisce, conoscono la differenza tra bugie buone e cattive e la vedranno come una bugia. Di conseguenza, non ti offenderanno, penseranno che mentire sia sempre accettabile o respingere le loro credenze religiose.

Mentre Moyer ha ragione che molti bambini non soffrono effetti negativi dall'apprendere la verità, lei sbaglia che nessuno lo fa. In "Contro la menzogna di Babbo Natale: la verità che dovremmo dire ai nostri figli" (capitolo dodici del Natale e della filosofia di Scott Lowe) Io racconto alcune storie orribili sul "grande momento" – le storie che mostrano scoprire la verità su Santa spesso non sono con conseguenze – tutto dall'erosione della potestà genitoriale e la fiducia nel trasformare un bambino in un ateo. Per esempio, Jay ha difeso l'esistenza di Babbo Natale di fronte a tutta la sua classe sulla base del fatto che sua madre non gli avrebbe mentito, solo per leggere l'entrata dell'enciclopedia su Santa di fronte all'intera classe e scoprire contemporaneamente che lei avrebbe davvero . Quando la piccola Tennille si rese conto che la ragione per cui non otteneva sempre quello che chiedeva a Santa era che lui non esisteva, pensava che la non esistenza di Dio era la migliore spiegazione del perché le sue preghiere andassero anche senza risposta. Non sto dicendo che questo succede a tutti i bambini; Sto dicendo che è una possibilità. Se sei religioso, dubito che sia una possibilità che vorresti invitare volentieri. Certo, se sei un ateo, ti potrebbe piacere che la bugia Babbo Natale lo faccia. Ma ci sono ancora più motivi per non gradire le bugie di Babbo Natale – ragioni che dovrebbero risuonare abbastanza forte con tutti (specialmente gli atei).

Moyer suggerisce che Santa incoraggia "Il gioco fantasy [che] costringe i bambini a pensare attraverso scenari ipotetici o controfattuali, cosa che rafforza le loro capacità di ragionamento." Ancora una volta, non è proprio la stessa credenza di Babbo Natale a farlo; semplicemente raccontando la storia ma ammettere che non è proprio vero sarebbe sufficiente, proprio come fa per tutte le altre fiabe che raccontiamo ai nostri figli. Ma qualsiasi effetto positivo che la convinzione di Santa aveva a questo riguardo sarebbe completamente neutralizzata e superata dagli effetti negativi di ciò che è necessario per far andare avanti la fede. Non fraintendetemi, i bambini hanno bisogno di imparare come ragionare in modo efficace e pensare in modo critico, e mi congratulo con Moyer per incoraggiare i genitori a promuoverlo. Ma incoraggiare i tuoi figli a credere letteralmente che la bugia di Babbo Natale sia l'ultima cosa che incoraggia il pensiero critico e il ragionamento efficace nei bambini.

Pensa a quello che fanno molti genitori per far credere i bambini. Quando un bambino porta dei dubbi, i genitori spesso incoraggiano il bambino a soffocare quei dubbi e continuano a credere: "Basta credere a ciò che vuoi. Dopotutto, non è più divertente? "A volte seminano false prove (o mostrano falsi documentari" scientifici "falsi che lo fanno), inventano false spiegazioni ad hoc, o – peggio di tutto – dicono semplicemente" è magico. "Ma tutte queste cose sono direttamente contrarie a ciò che dovrebbero fare i genitori che vogliono sviluppare il pensiero critico nei loro figli. Soffocando il dubbio, credendo in base al desiderio (invece che alle prove), essendo convinto da prove errate, essendo ingannato da spiegazioni ad-hoc e facendo appello alla magia, queste sono tutte "cattive abitudini del pensiero pigro" che devo cacciare dal mio studenti di pensiero critico ogni semestre. E, non sorprendentemente, gli studenti in cui queste cattive abitudini sono profondamente radicate sono spesso quelli che hanno creduto in Santa per troppo tempo – ben oltre gli 8 anni (a volte nella loro adolescenza!).

Se i tuoi figli già credono in Babbo Natale, allora c'è un consiglio da parte di Moyer che approvo: trasforma la loro esperienza di apprendimento della verità in un esercizio di pensiero critico; prova a convincerli a capirlo da soli con un solido ragionamento.

Se stai ancora decidendo cosa dire ai tuoi figli, tuttavia, decidi ora di dire loro la verità. Dopotutto, come dice Moyer, "Anche se mentire può essere una stampella genitoriale terribilmente conveniente … in genere è meglio tenerlo al minimo, sia per sviluppare la fiducia tra te stesso e tuo figlio e per dare l'esempio." Ha ragione! Ha torto solo che dicembre è un momento per un'eccezione a questa regola. E se sei preoccupato di ciò che i tuoi figli potrebbero dire agli altri bambini, basta insegnare loro sette semplici parole: "A casa nostra, Babbo Natale è solo una finzione".

David Kyle Johnson

Copyright, 2012

Il libro di Kyle The Myths che ha rubato il Natale: sette malintesi che hanno dirottato la festa (e come possiamo riprenderlo) è ora disponibile.

Solutions Collecting From Web of "Dì addio alla menzogna di Babbo Natale"