Curiosità (interesse)

" Non ho grande rapidità di apprensione o spirito … Il mio potere di seguire un lungo e puramente astratto treno di pensieri è molto limitato … Penso di essere superiore … nel notare cose che facilmente sfuggono all'attenzione e osservandole attentamente … Che cos'è molto più importante, il mio amore per le scienze naturali è stato costante e ardente ".
– Charles Darwin, 1881

" Non ho talento speciale. Sono solo appassionatamente curioso . "
– Albert Einstein, 1952

Interesse (curiosità): il nucleo della nostra esistenza

Tutti gli affetti innati ("affetti primari") sono importanti. Di nuovo, queste influenze – reazioni agli stimoli – alla fine formano la nostra vita emotiva più complessa. Questo accade quando questi affetti si combinano tra loro e con l'esperienza, e quando subiscono codifica simbolica, cioè sono collegati con le parole e l'auto-consapevolezza, a partire da circa 18 mesi.

Tuttavia, un effetto è particolarmente cruciale per la struttura del carattere e il risultato dello sviluppo degli umani, e questo è Interesse .

L'influenza dell'interesse è importante perché conduce all'apprendimento e all'adattamento a nuove situazioni e informazioni. Il cervello umano è alla ricerca dello stimolo. Vogliamo migliorare l'interesse, la nostra curiosità, per imparare, scoprire, adattare. Come discuterò più dettagliatamente in seguito, le risposte dei caregivers a neonati e bambini possono aumentare l'interesse o costringerlo . Allo stesso modo, più avanti nella vita, insegnanti o capi possono stimolare o limitare interesse e curiosità. La creatività e le scoperte vengono dalla curiosità, cioè dall'eccitazione di interesse. Reazioni come la paura, la sorpresa o il disgusto possono essere spostate su interesse, migliorando così l'apprendimento.

Ritorno a Darwin

Ritorniamo brevemente a Darwin. Darwin, nel suo 1872 The Expression of the Emotions in Man and Animals , era desideroso di dimostrare le somiglianze delle espressioni emotive tra uomo e animali. Ha mostrato come gli animali sembrano manifestare espressioni di paura, angoscia, rabbia, disgusto e divertimento, tra gli altri.

Alla prima lettura, Darwin sembra aver detto poco apertamente di curiosità o interesse; nessuno dei due è nemmeno elencato nel suo indice del 1872. In effetti, Tomkins ha affermato che Darwin ha perso l'effetto di interesse. Tomkins ha osservato: " L'effetto di interesse o eccitazione è, paradossalmente, assente dal catalogo di emozioni di Darwin. Sebbene Darwin trattasse con sorpresa e meditazione, l'affetto più sostenuto dell'interesse di per sé fu in qualche modo trascurato "(1962, p 337).

Tuttavia, non sono completamente d'accordo con Tomkins su questo punto. Nel 1872, Darwin usa il termine attenzione per riferirsi a ciò che potrebbe essere considerato l'effetto di interesse. Quando parlava di cani, notò: " … se la sua attenzione viene improvvisamente eccitata, attacca immediatamente le sue orecchie per ascoltare … " (Darwin, 1872 [Ekman, 1998, 283]). Darwin si rivolse quindi agli umani: " Quando l'attenzione è concentrata per un certo periodo di tempo con serietà fissa su qualsiasi oggetto o soggetto, tutti gli organi del corpo vengono dimenticati e trascurati … Pertanto, molti dei muscoli tendono a rilassarsi, e il la mascella scende dal suo stesso peso … O ancora, se la nostra attenzione continua a lungo e assorbita seriamente, tutti i nostri muscoli si rilassano e la mascella, che all'inizio era improvvisamente aperta, rimane abbandonata. Quindi, diverse cause concorrono a questo stesso movimento, ogni volta che si avverte sorpresa, stupore o stupore "(p. 284).

Per mettere questi passaggi nel loro contesto, va notato che Darwin qui sta lottando con il perché la bocca è aperta durante la sorpresa. Considera tali possibilità come aumento dell'udito, aumento della capacità respiratoria e rilassamento dei muscoli della mascella. Tuttavia, ciò che ha descritto è l'effetto di interesse, con la bocca aperta in qualche modo. Tomkins ha anche collegato l'attenzione con sorpresa, il che è coerente con la sua idea di interesse, paura e sorpresa, tutti correlati: dipendono tutti dalla rapidità di aumento dello stimolo. Come notato in precedenza, la sorpresa viene stimolata dal più rapido aumento dello stimolo, dalla paura successiva e dall'interesse per gli stimoli in arrivo ancora più lenti.

Inoltre, ancora prima, in The Descent of Man (1871), Darwin era piuttosto esplicito sulla "curiosità", come mostrato in questa deliziosa vignetta: " Passeremo ora alle emozioni e alle facoltà più intellettuali, che sono molto importanti, come la formazione la base per lo sviluppo dei poteri mentali superiori. Gli animali manifestamente godono di eccitazione e soffrono di noia, come si può vedere con i cani, e, secondo Rengger, con le scimmie. Tutti gli animali si sentono meravigliati e molti esibiscono curiosità . A volte soffrono di quest'ultima qualità, come quando il cacciatore gioca delle buffonate e quindi le attrae; Ho assistito a questo con i cervi, e così è con i camosci diffidenti e con alcuni tipi di anatre selvatiche. Brehm dà un curioso resoconto del timore istintivo, che le sue scimmie esibivano, per i serpenti; ma la loro curiosità era così grande che non potevano desistere dall'addormentare di tanto in tanto il loro orrore in modo molto umano, sollevando il coperchio della scatola in cui erano tenuti i serpenti "(Darwin, The Descent of Man, 1871, 2nd Edition, 1874, p.73, enfasi nell'originale).

Quindi, Darwin descriveva chiaramente l'interesse in una certa misura come "attenzione" e "curiosità" in relazione alla sorpresa, allo stupore e allo stupore. Tuttavia, spettava ai suoi successori descrivere esplicitamente le manifestazioni di interesse, l'eccitazione, il suo modo di agire e la sua importanza. È a questi successori che ora giriamo.

Più di recente: Tomkins, i suoi colleghi e Neurobiologia

Tomkins e i suoi colleghi entrano in scena. Tomkins, a differenza di Darwin, è molto chiaro sull'importanza dell'interesse. " È interesse … che è primario ", ha scritto. L'interesse " sostiene sia ciò che è necessario per la vita sia ciò che è possibile " (1962, pp. 342 e 345). Carroll Izard, uno dei primi collaboratori di Tomkins, ha scritto una discussione trascurata e meravigliosamente dettagliata sulla storia e sul significato di interesse (1977).

Come notato in precedenza, Tomkins suggeriva che interesse, paura e sorpresa erano strettamente correlati. Sono tutti attivati ​​dalla velocità con cui aumenta la stimolazione o il fuoco neurale. In questo modello, la sorpresa viene attivata da un tasso critico di aumento della densità di sparo neurale. La differenza tra sorpresa e interesse è una differenza nella pendenza del gradiente di stimolazione. Se uno stimolo attiva la sorpresa o l'interesse dipenderà da quanto rapidamente aumenta la densità della stimolazione.

Quindi, un improvviso colpo di pistola inaspettato di solito evoca sorpresa piuttosto che interesse. Tuttavia, a seconda del tasso di incremento dello stimolo, potrebbero essere attivati ​​sorpresa, paura o interesse. Il cervello rappresenta un sistema di elaborazione delle informazioni (Basch, 1988). Più vecchio è l'essere umano, più esperienza è legata a specifici modelli di stimolazione. Ciò che conta, quindi, non è solo la rapidità dello stimolo in arrivo, ma il sistema percettivo con cui lo stimolo interagisce. Pertanto, un colpo di pistola improvviso potrebbe innescare una sorpresa, ma, a seconda delle circostanze, dell'esperienza e delle aspettative, un colpo di pistola potrebbe innescare invece la paura o l'interesse. Oppure, considera l'improvvisa apparizione di una faccia. A seconda della rapidità e familiarità del volto, un tale aspetto potrebbe innescare sorpresa, o paura, o interesse, divertimento o qualche sequenza, come sorpresa poi interesse.

Esistono molti modi diversi di concettualizzare e comprendere i sentimenti e la vita emotiva. Attualmente, Paul Ekman è uno dei più noti investigatori di emozioni. Studente di Tomkins, Ekman è stato incoraggiato da Tomkins a condurre studi interculturali sulle emozioni. Ekman ha concluso che certi sentimenti erano innati e che le espressioni dei sentimenti di base erano universalmente riconosciute in varie culture. I dati della ricerca infantile supportano l'idea che ci siano molti sentimenti innati che si combinano tra loro e con l'esperienza per formare la nostra complessa vita emotiva.

Ekman, tuttavia, ha studiato principalmente gli adulti. Esplora la nostra vita emotiva successiva, più complessa, e presta poca attenzione all'infanzia. Questo lavoro lo porta a vedere le cose in modo un po 'diverso da Tomkins. Ekman suggeriva che l'interesse e l'eccitazione fossero diversi, piuttosto che l'eccitazione rappresentata da una forma più intensa di interesse, come Tomkins propose. L'interesse "è in gran parte cerebrale, uno stato di pensiero, piuttosto che un'emozione", ha scritto Ekman (2003, p 193). L'eccitazione, sentiva, sorge in risposta alla novità o alla sfida.

Anche Ekman differisce dal punto di vista del divertimento, anche se quello che lui chiama "sollievo" è molto vicino alla definizione di godimento di Tomkins. Relief, scrisse Ekman, "è l'emozione che si prova quando qualcosa che ha fortemente destato le nostre emozioni scompare" (2003, p 193). La paura è un frequente precursore del sollievo, così come l'eccitazione, ci dice Ekman. Ekman distingue anche tra sorpresa e stupore, suggerendo che la sorpresa è un'emozione e lo startle è un riflesso fisico. Tomkins suggerì che lo startle era l'intensa forma di sorpresa.

Quando si leggono le descrizioni di Ekman, diventa più chiaro che si sta occupando di miscele di affetti e di esperienza negli adulti. Le sue descrizioni base di interesse e curiosità sono molto simili a Tomkins.

Neurobiologia ha anche un posto in questa discussione. Emozionanti ricerche condotte da molti scienziati di talento sono state condotte sulla neurobiologia delle emozioni. Nomi come Damasio, Lane, LeDoux, Panksepp e Schore sono tra questi. Questo tipo di ricerca tende a sostenere l'idea di affetti primari (innati o categoriali), cioè strutture e percorsi biologici che mediano stati sentimentali come paura, rabbia, angoscia … e interesse o curiosità.

Jaak Panksepp (1998, 2004) ha svolto un ottimo lavoro nell'integrare le informazioni sui modelli animali con l'interesse. Panksepp ha osservato che, tradizionalmente, tutti i comportamenti motivati ​​tendono a essere divisi in componenti appetitive e di consumo. Cioè, per prima cosa bisogna cercare e avvicinarsi alle risorse materiali necessarie per la sopravvivenza; e, in secondo luogo, si deve consumarli una volta che sono stati trovati (mangiare, bere o portare a casa gli oggetti).

Panksepp ha coniato il termine sistema SEEKING (le lettere maiuscole sono sue) per riferirsi al sentimento di interesse o curiosità. Panksepp sosteneva che il "sistema SEEKING sembra controllare l'attivazione appetitiva – la ricerca, il foraggiamento e le attività investigative – che tutti gli animali devono esibire prima di essere in grado di emettere comportamenti di consumo" (Panksepp, 1998, 146). La ricerca suggerita da Panksepp mostra che il sistema SEEKING è mediato dai circuiti della dopamina, in particolare dal fascio mediale del prosencefalo dell'ipotalamo laterale. Questo stato psicocomportamentale può essere evocato con stimolazione cerebrale localizzata in quest'area.

Interesse e divertimento

C'è una relazione intrigante tra interesse e divertimento. Il godimento è innescato da una riduzione relativamente forte della densità della stimolazione e del tiro neurale. Tomkins suggerì: " Nel caso di dolore, paura e angoscia, il sorriso della gioia è un sorriso di sollievo. In caso di improvvisa riduzione della rabbia, è il sorriso del trionfo. Lo stesso principio opera con l'improvvisa riduzione del piacere, come dopo l'orgasmo o il completamento di un buon pasto, c'è spesso il sorriso del piacere "(1962, p.337).

Piacere e interesse possono oscillare rapidamente. Ad esempio, supponi di lavorare su un progetto interessante. Di solito ci sarà una serie di oscillazioni tra l'interesse per le nuove idee e il piacere di pensarle e risolvere i problemi. Finché una combinazione di nuove idee e soluzioni continua, il tuo interesse rimarrà vivo. Quando esaurirai le nuove possibilità, perderai interesse (Tomkins, 1962). Inoltre, il divertimento può essere attivato dall'anticipazione di ciò che in precedenza ha dato eccitazione.

Gli effetti positivi di interesse e divertimento sono anche cruciali nel modulare gli affetti negativi associati al duro lavoro e ai risultati. Considera il dolore e la sofferenza, le notti tarde, gli affaticamenti della stanchezza, la rabbia, la paura, ecc., Spesso richiesti per completare un grande progetto, una laurea, un processo e così via. Se l'interesse non è sufficiente, sarà difficile superare gli effetti negativi.

L'interazione reciproca degli effetti positivi di interesse e divertimento può essere vista come la radice di un interesse prolungato: le nostre carriere, le relazioni e così via. Come ha osservato Tomkins: "L'interazione reciproca tra eccitazione e divertimento è di importanza cruciale nella creazione di … impegni a lungo termine" (1962, 368).

Si può anche vedere la relazione tra interesse e divertimento nei millisecondi degli affetti nell'infanzia. Supponiamo che un bambino veda una faccia. A seconda dell'esperienza passata e della rapidità dell'aspetto del viso, potrebbe emergere prima la sorpresa o la paura. Allora forse si vedrebbe l'interesse e, se la faccia è familiare e non spaventosa, si vedrà il sorriso del godimento a causa della riduzione della paura o dell'interesse mentre l'elaborazione delle informazioni cessa. Allo stesso modo, l'umorismo fornisce un altro esempio. È l'imprevista improvvisa della battuta finale che sorprende e interrompe ulteriormente l'ulteriore elaborazione delle informazioni.

In sintesi

Abbiamo iniziato la nostra esplorazione di ciò che potrebbe essere l'affetto più importante che gli umani posseggono: l'interesse. Questo non è un piccolo problema. Se l'interesse è aiutato a prosperare o è costretto ha un enorme impatto sul futuro del bambino. Successivamente, discuteremo le implicazioni molto specifiche di trattare con interesse nelle interazioni / sviluppo genitore / figlio.

RIFERIMENTI PER I LETTORI INTERESSATI

Basch MF (1988). Comprendere la psicoterapia: la scienza dietro l'arte. New York: libri di base.

Darwin C (1871). La discendenza dell'uomo e la selezione in relazione al sesso. Londra: John Murray. Prima edizione La discesa dell'uomo; e selezione in relazione al sesso. 2a edizione. Londra: John Murray, 1874. Citazioni dalla seconda edizione, Amherst, New York: Prometheus Books, 1998.

Darwin C (1872). L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali. Terza Edizione, P. Ekman, ed., New York: Oxford University Press, 1998.

Ekman P (a cura di) (1998). L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali (C. Darwin, 3a edizione). New York: Oxford University Press. (Opera originale pubblicata nel 1872).

Ekman P (2003). Le emozioni rivelate: riconoscere i volti e i sentimenti per migliorare la comunicazione e la vita emotiva. New York: Henry Holt and Company.

Izard CE (1977). Emozioni umane. New York: Plenum Press.

Lane R, Schwartz G (1987). Livelli di consapevolezza emotiva: una teoria cognitivo-evolutiva e la sua applicazione alla psicopatologia. Amer J Psychiatry 144: 133-143.

LeDoux J (1996). The Emotional Brain: The Mysterious Underpinnings of Emotional Life. New York: Simon & Schuster.

Panksepp J (1998). Affective Neuroscience: The Foundation of Human and Animal Emotions. New York: Oxford University Press.

Panksepp J (ed.) (2004). Libro di testo di Psichiatria biologica. Hoboken, NJ. Wiley-Liss, Inc.

Schore A (1994). Regola affettiva e origine del sé. Hillsdale, NJ: Erlbaum.

Tomkins SS (1962). Affect Imagery Consciousness (Volume I): The Positive Affects. New York: Springer.

LIBRI RACCOMANDATI DEL MESE

Ritorno alla normalità: perché il comportamento ordinario dell'infanzia è errato per l'ADHD, il disturbo bipolare e il disordine dello spettro autistico

Enrico Gnaulati, Ph.D.
Boston, MA: Beacon Press, 2013

Questo è un libro meraviglioso! Il titolo descrive bene il contenuto. È una lettura obbligata per i genitori con bambini di tutte le età!

Almeno, concediti di leggere la breve introduzione e le prime cinque pagine del Capitolo 2, "The Rush to Diagnose".

Una tabella di marcia per la terapia di coppia: integrazione di approcci sistemici, psicodinamici e comportamentali

Arthur C. Nielsen, MD
NY: Routledge, 2016

Questo è un libro fantastico, non solo per i terapeuti, ma anche per i genitori e i loro figli! Descrive i vari problemi e le risorse che le coppie possono possedere e aiuta a comprendere i processi in atto e le potenziali soluzioni.

A proposito di Dr. Paul C. Holinger

Il Dr. Holinger è l'ex preside del Chicago Institute for Psychoanalysis, professore di psichiatria al Rush University Medical Center e fondatore del Center for Child and Adolescent Psychotherapy. Il suo obiettivo è lo sviluppo del bambino e del bambino. Il Dr. Holinger è anche l'autore del libro What Babies Say Before They Can Talk .

Solutions Collecting From Web of "Curiosità (interesse)"