Cultura, Evoluzione e Dominanza

Uno dei puzzle affrontati da coloro che pensano all'evoluzione umana e al nostro rapporto con i primati non umani è questo: se guardiamo alle organizzazioni sociali dei nostri parenti più stretti, le grandi scimmie, esse sono caratterizzate tipicamente da forti gerarchie di dominanza. Questo è particolarmente chiaro con i nostri cugini più vicini, gli scimpanzé. Vivono in gruppi in cui i maschi dominanti controllano il posatoio e controllano l'accesso alle femmine riproduttrici e altri oggetti come i cibi scelti.

L'enigma – che è stato sollevato dall'antropologo Bruce Knauft e altri – è questo: se il dominio e la sottomissione sono integrati nel nostro codice genetico, perché i primi gruppi sociali dell'homo sapiens erano (come ampiamente concordato) egualitari? In che modo nel mondo i primi esseri umani avrebbero potuto superare i loro istinti profondamente radicati di dominanza e sottomissione e avrebbero cominciato a trattarsi reciprocamente più o meno alla pari?

L'antropologo Robert A. Paul ha recentemente suggerito una risposta a questa domanda, basata su una delle più controverse teorie di Sigmund Freud. E naturalmente, poiché molti ora considerano le teorie di Freud poco più che speculazioni, devi sapere che le sue proposte più controverse non hanno un grande seguito in questi giorni. Tuttavia, Paul fa un buon lavoro nel difendere la tesi di Freud sul "crimine primitivo".

Freud ha affermato, nel suo libro Totem e Tabù, che creature veramente umane sono nate in ribellioni guidate da gruppi di giovani maschi in gruppi proto-umani (supponeva che fossero governati da un singolo maschio alfa). Questi giovani maschi si unirono per uccidere i maschi dominanti nei loro gruppi, e così facendo divennero liberi di accoppiarsi con le finora inaccessibili femmine del gruppo. Tuttavia, secondo la teoria di Freud, anche questi giovani maschi si sentivano in colpa per ciò che avevano fatto. Così il risultato caratteristico di queste ribellioni fu che il gruppo di maschi istituì alcune nuove regole volte a minimizzare sia l'aggressione che l'accoppiamento all'interno del gruppo residenziale, e così facendo creò i primi gruppi sociali completamente umani.

Paul sostiene che, con alcune modifiche relativamente minori, questo scenario è del tutto compatibile con le recenti comprensioni dell'evoluzione umana. Prima di tutto, lo sviluppo della tecnologia degli strumenti e delle armi avrebbe reso davvero difficile sostenere il predominio in stile scimpanzé nei gruppi proto umani, perché le armi sono equalizzatori. Quando un'organizzazione basata su tale dominio divenne meno praticabile, fu necessario qualcosa per prendere il suo posto. Le comunità umane sono infatti sempre basate su potenti meccanismi culturali che sostengono un certo livello di pace e cooperazione. Questi meccanismi includono l'ostracismo e il ridicolo, le regole morali delle religioni e la gamma di emozioni probabilmente unicamente umane come la colpa e la vergogna che ci aiutano a mantenerci in linea.

Tuttavia, questi potenti meccanismi non cancellano la nostra eredità biologica, in modo da mantenere forti tendenze a cercare di dominare, di essere disposti a presentare. Così la nostra storia, specialmente negli ultimi 10.000 anni circa, fornisce molti buoni esempi del riemergere di una concorrenza brutale e di gruppi gerarchici che seguono i leader dominanti.

Questo argomento è interessante perché fornisce una nuova prospettiva sulla vecchia questione del duplice carattere della natura umana: siamo competitivi o cooperativi, amanti della pace o bellicosi, democratici o autoritari? La risposta è che essere umani è precisamente una questione di avere tendenze, basate sia sulla biologia che sulla cultura, che ci portano ad essere tutte queste cose allo stesso tempo. Quando guardi al mondo oggi, questo ha un certo senso.

Questo è un altro dei miei messaggi occasionali sull'antropologia psicologica; per ulteriori informazioni visita il mio sito web. Foto fornita su flickr da Threepin.

Solutions Collecting From Web of "Cultura, Evoluzione e Dominanza"