Cry Wolf: quando l'esperienza diventa fatidica

Nel mio precedente blog, ho sostenuto che l'esperienza, una volta che porta a routine automatiche, può essere dannosa. Le reazioni veloci ed efficienti escono fuori dal nostro controllo e ci impediscono di apportare gli adeguamenti necessari in circostanze leggermente alterate. In questo blog desidero discutere ancora un altro potenziale pericolo di precedenti esperienze.

Conosciamo tutti la storia del pastore che piangeva il lupo e in seguito lo ha pagato a caro prezzo. In una forma o nell'altra, questa storia appare nella maggior parte, se non in tutte, le culture. L'universalità di questo tema suggerisce chiaramente la sua profonda saggezza. Qui non è la ripetizione frequente che porta a una routine consolidata, ma piuttosto un'esperienza singola, ma emotivamente significativa, che riduce drasticamente la nostra reazione a simili minacce successive. Le ricerche di laboratorio suggeriscono che un singolo falso allarme riduce la reazione di paura alla prossima minaccia di quasi il cinquanta per cento. (Shlomo Breznitz: "Cry Wolf: la psicologia dei falsi allarmi." Lawrence Erlbaum Associates, 1984).

Il problema principale sembra essere che il nostro cervello non è in grado di imparare dall'esperienza. La conseguente perdita di credibilità che segue un falso allarme è quindi praticamente inevitabile. Inoltre, più spaventoso l'allarme iniziale, maggiore è la perdita di credibilità dopo la realizzazione che era un falso. Inutile dire che l'esposizione frequente alle minacce di uragani, alluvioni e altri tipi di pericoli, tutti tendono a desensibilizzarci verso le minacce future.

Non molto tempo fa, la gente sapeva di un uragano in avvicinamento quando era praticamente su di loro. Di conseguenza, il numero di falsi allarmi era molto più piccolo. In questi giorni, con sofisticate immagini satellitari, anche a distanza, eventi a bassa probabilità, sono facilmente rilevabili e riportati nei media. Tuttavia, solo un piccolissimo numero di uragani rilevati colpisce in realtà un'area particolare, producendo così un gran numero di falsi allarmi. La volontà delle persone di adottare misure precauzionali è molto ridotta da queste false minacce ripetitive.

I modi per ridurre l'impatto negativo dei falsi allarmi, sia nel contesto di disastri naturali, sia in minacce mediche, sono piuttosto complessi. Alcuni di questi sono riportati nel libro di Breznitz e Hemingway: "Massima potenza mentale: sfidare il cervello per salute e saggezza". (Ballantine, giugno 2012).

Vedi il mio blog personale su www.maximumbrainpower.com

Solutions Collecting From Web of "Cry Wolf: quando l'esperienza diventa fatidica"