Crudeltà ordinaria

Foto: Sconosciuto / Wikimedia Commons

Diventa sempre più semplicistico: buono e cattivo, cattivo e cattivo; cos'altro sappiamo? Sapori che ci impediscono di preoccuparci troppo a lungo.
– John Ashbery, "Posture of Unease"

Dopo la prima di The Stanford Prison Experiment la scorsa settimana al Sundance, lo psicologo Philip Zimbardo ha fatto notare agli spettatori che "Tutti noi facevamo cose cattive, incluso me". Diretto da Kyle Patrick Alvarez e basato sul libro di Zimbardo del 2007, il recente il Sundance Film Festival è stato uno dei due film in cui si sono svolti oscuri, sconvolgenti esperimenti nella storia della psicologia sociale (l'altro è The Experimenter, su Stanley Milgram). La storia di The Stanford Prison Experiment si svolge nell'estate del 1971 nella vacante Logan Hall nel campus di Stanford. In risposta a un annuncio che prometteva $ 15 al giorno, un paio di dozzine di studenti universitari sono stati assegnati, con un lancio di una moneta, a giocare a guardie carcerarie o detenuti per un periodo di due settimane. La preferenza tra questi ultimi anni '60, anticonformisti amanti della pace, doveva essere un detenuto ("A nessuno piacciono le guardie!" Disse uno dei sudditi). Quello che succede dopo è ben noto e brutalmente documentato nel film: le guardie diventano rapidamente quasi intuitivamente sadiche, sottoponendo i prigionieri a forme inimmaginabili di umiliazione psicologica e disprezzo. Gli umiliati – quasi istintivamente – assumono i loro ruoli, obbedendo agli ordini di compiere imprese fisiche assurde e schemi vergognosi (come pulire i bagni con le mani e fingere atti sessuali tra loro). Zimbardo e il suo gruppo di ricerca sono anch'essi coinvolti nella mascherata, permettendo alle condizioni di deteriorarsi rapidamente. Al sesto giorno (e con l'incoraggiamento da parte di uno studente laureato che frequentava), Zimbardo termina bruscamente l'esperimento.

L'esperimento della prigione di Stanford spinge contro le amate nozioni di bene contro il male, e si schiera con il potere della situazione come forza invisibile ma potente della natura. Come ad Abu Ghraib e Guantanamo Bay, vediamo l'impatto tossico dei cattivi sistemi nel catalizzare comportamenti patologici, anzi crudeli. Nell'esperimento della prigione, i ruoli sono stati volutamente esaltati dal fatto che le guardie indossano uniformi, portano i manganelli e si nascondono dietro gli aviatori scuri. I detenuti indossavano camicie e poco altro, e passavano per il loro numero di prigione al posto del loro nome (aumentando il senso di disindividuazione). Nascosti dietro i loro occhiali da sole, le guardie potrebbero funzionare con maggiore anonimato (presumibilmente per abbassare le inibizioni morali); indossando i loro vergognosi grembiuli, i detenuti hanno sperimentato l'umiliazione.

Nell'esperimento, come nella vita, siamo cullati nel vedere il comportamento sadico come risultante da "mele cattive" – ​​persone povere, esseri malvagi, sociopatici. Ciò che sottovalutiamo, tuttavia, è il ruolo che le forze situazionali e sistemiche giocano nel formare la cosiddetta personalità. Questa sottovalutazione del contesto e la conseguente sopravvalutazione della disposizione – ciò che gli psicologi sociali chiamano l'Errore di attribuzione fondamentale – può essere una trama fuori moda e impopolare quando si tratta di spiegare il male (si pensi al sottotitolo-banalità del diavolo di Hannah Arendt dal suo libro su Adolf Eichmann ). Preferiremmo localizzare il male come individui che abitano invece di ereditare nei sistemi. Il male è più facile da oggettivare rispetto al crowdsourcing. Tuttavia, come diceva Nietzsche, la pazzia è un fenomeno raramente visto negli individui, "ma in gruppi, feste, nazioni ed età è la regola". Se lo studio della prigione di Stanford avesse una morale, sarebbe una versione di come le persone buone può essere indotto a comportarsi in modo malvagio.

Foto: Sconosciuto / Wikimedia Commons

Riportando la versione cartoon delle persone come buone o cattive, Zimbardo è dell'opinione che tutti noi abbiamo la capacità di altruismo e crudeltà. Nella storia psicoanalitica dello sviluppo infantile, il primo trauma di un bambino è la consapevolezza della sua dipendenza dagli altri, e questa preoccupazione si evolve in un repertorio precoce ma alla fine di vasta portata di comportamenti sociali. Tra le molte pietre miliari ottenute c'è la capacità di identificarsi immaginariamente con altre persone. La vulnerabilità lascia il posto all'identificazione (il bambino si prende cura del genitore, quindi il genitore si prenderà cura del bambino). Le radici della gentilezza e dell'altruismo si trovano in queste prime esperienze fantasiose con altre persone. Viceversa, i primi segni di crudeltà derivano dall'inevitabile impotenza dell'infanzia. Umiliare gli altri diventa una soluzione al problema di sentirsi umiliati. La crudeltà come fallimento dell'immaginazione.

Ciò che alla fine Zimbardo conclude, nel suo raccontare dell'esperimento carcerario, è che possiamo costruire resistenza e resilienza di fronte alle pressioni situazionali. Sebbene le istituzioni in cui siamo incorporati possano contrastare i nostri impulsi altruistici ed eroici, possiamo inoculare noi stessi contro tali pressioni. Zimbardo ha il suo "Programma in 10 fasi" come antidoto per resistere all'impatto di influenze sociali indesiderabili. Tra le sue raccomandazioni c'è la semplice ammissione: "Ho fatto un errore!". L'ammissione apertamente di un errore riduce la necessità di giustificare o razionalizzare gli errori. Alcuni dei suggerimenti di Zimbardo sono più come valori da insegnare e sostenere, come "Rispetta solo l'autorità, ma ribelli contro l'autorità ingiusta". Piuttosto che insegnare ai bambini a rispettare chiunque in autorità, dovremmo aiutarli a distinguere tra figure di autorità giuste e ingiuste. Chi merita rispetto e chi merita le critiche? Naturalmente, insegnare una tale distinzione non preclude lo sviluppo delle buone maniere, la gentilezza e le abilità sociali generali.

L'empatia deve anche avere un ruolo nel determinare se le interazioni diventano coercitive o meno. Nel suo studio monumentale sul declino della violenza umana nel corso dei secoli, Steven Pinker suggerisce che l'espansione dell'alfabetizzazione, la produzione di massa di libri e la popolarità del romanzo hanno preceduto le principali riforme umanitarie del XVIII secolo. Ha avanzato l'ipotesi che la finzione, in particolare, sia una sorta di tecnologia empatica. Nello stesso momento in cui la cabina dello zio Tom ha radunato gli atteggiamenti abolizionisti negli Stati Uniti, l' Oliver Twist di Dickens ha aperto gli occhi della gente sul maltrattamento dei bambini negli orfanotrofi e nelle case di lavoro inglesi. Abitando i personaggi romanzati di un libro, si vede il mondo da più prospettive e si può immaginare una miriade di soluzioni a problemi complessi.

Curiosamente, Zimbardo non si presenta come un eroe nell'esperimento della prigione di Stanford, ma come un maestro sconcertato. Se ci sono eroi, sono i detenuti ribelli n. 8612 e n. 819. Entrambi combattono il potere, in gran parte resistendo agli ordini, e tentano di stabilire solidarietà con i loro compagni prigionieri. In un cenno a Arendt, Zimbardo suggerisce che esiste una banalità dell'eroismo. Siamo tutti degli eroi in attesa.

© 2015 Bruce C. Poulsen, tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Crudeltà ordinaria"