Criticando una parte di San 2

On Humanizing Viktor Frankl: una risposta ai miei critici, seconda parte

Questo è in risposta a Michael Bloom che ha preso il tempo di commentare il mio post precedente (vedi la sezione commenti).

È vero che Michael Bloom ed io abbiamo avuto un breve scambio di e-mail dopo essersi presentato come alunni e bioeticista della NYU. Speravo che potesse far luce sulle questioni etiche che affliggono gli studi sperimentali sul cervello che Frankl ha eseguito su ebrei che si erano suicidati nelle circostanze estreme di Vienna intorno al 1940-42. Come ho descritto nel mio libro, molti ebrei hanno scelto la soluzione "Masada" dopo essere stati chiamati alla deportazione, specialmente gli anziani. Il signor Bloom ha offerto il "rapporto Belmont" intorno al 1978 come concordato sul controllo dei principi etici per la sperimentazione medica. Il rapporto richiede il consenso del soggetto o un tutore responsabile. Richiede inoltre che gli esperimenti non causino più danni che benefici e si basino su procedure ragionevoli e ben ponderate. Avevo in mente degli standard simili quando ho fatto delle ricerche, e poi ho pensato agli sforzi di Frankl. Sono giunto alla conclusione che, date le circostanze, non vorrei che le procedure venissero eseguite su di me o su una persona cara. Come ho sottolineato nel mio libro, altri medici a Berlino in circostanze simili hanno preso la polarità opposta di Frankl e hanno discusso se aiutare il suicidio. Inoltre era chiaro che Frankl aveva poca formazione e nessuna esperienza per eseguire tali esperimenti. D'altra parte gli esperimenti furono sostenuti dai nazisti "per un possibile uso in tempo di guerra". Poiché il rapporto di Belmont fu prodotto negli anni '70, molto tempo dopo le procedure sperimentali di Frankl (sebbene in risposta alle rivelazioni sugli esperimenti di Tuskegee) Bloom dichiarò ebreo "I sentimenti pro-vita" sarebbero i principi etici di controllo negli anni '40. Ha poi concluso che non "vede alcun conflitto con Frankl usando nuovi metodi su pazienti che soffrono di depressione potenzialmente letale, per cercare di mantenerli in vita; o rianimarli. Probabilmente non erano alla fine del loro ciclo di vita, come una persona molto anziana. "Poiché la risposta del signor Bloom ha chiarito che non aveva digerito completamente la discussione nel mio libro (ad esempio, la soluzione di Masada era abbastanza comune nel le circostanze, non erano depresse ma piuttosto arrabbiate, la maggior parte di quelli che sceglievano il suicidio erano anziani e la mancanza di formazione professionale di Frankl) gli chiesi se avesse letto il capitolo pertinente. La sua risposta è stata sì, ma poi si è incurvato in tutti i medici sono autoritari e solo perché ha votato per Trump non significa che sia un collaboratore con Manfort et al. Poi aggiunse: "Non sono convinto che non stia ingrandendo l'episodio con un po 'di sensazionalismo. Non sono sicuro di quanto importi davvero. Gli aderenti a Logotherapy e Viktor Frankl sembrano essere molto molto piccoli. "Ho più o lasciato lo scambio a quella risposta" Penso che tu abbia ragione. Importa pochissimo. "

Quindi sono rimasto un po 'sorpreso quando il signor Bloom ha pubblicato sul mio blog Psychology Today criticandomi per non aver intervistato Viktor Frankl. In realtà mi ha chiamato una balia che mi ha ricordato un amico inglese dell'est di Londra che ha spesso cercato di chiudere una discussione con il forte accento cockney "Non provare a stronzate". Risvegliava sempre una risatina, ma non riuscivo a capire perché non volesse pensare profondamente alle cose. Allo stesso modo, il signor Bloom sembra preferire mantenere le cose in superficie. Anche il riassunto superficiale dei miei sforzi nel suo incarico è sbagliato di fatto perché Frankl non era più collegato all'Istituto Goering quando eseguiva gli interventi sperimentali. I dettagli contano per capire il contesto. Egli basa anche la sua sintesi sul mio postare la conclusione del mio libro del 2005 in tedesco – che ho scritto nel 2001. Come ho descritto nel post ho condiviso questa conclusione in modo da poter dettagliare nei miei post successivi il mio viaggio oltre questa posizione.

Comunque sia, le critiche del signor Bloom mi hanno fatto rivisitare le circostanze della mia decisione di non cercare un'intervista con Viktor Frankl. Quello che sto cercando di fare in questi posti è di impartire la mia esperienza di studioso sull'Olocausto e il viaggio che comporta. Potrebbe essere interessante per alcuni e ringrazio Michael per avermi spinto a descrivere più dettagliatamente il contesto della mia "decisione" di non perseguire un'intervista con Frankl.

Inizialmente seguivo il consiglio di un mentore di non essere "preso" dalla statura di Frankl, di mantenere una distanza critica e di non creare un'agiografia. Dato che ero impegnato in una biografia intellettuale incentrata sulla ricerca del significato di Frankl nel ventesimo secolo turbolento, e non su una biografia tradizionale, pensavo di avere tutto il materiale di cui avevo bisogno. Quindi intervistarlo non era il mio obiettivo o preoccupazione. Quando ho partecipato al World Congress of Logotherapy nel 1996, dove Frankl è stato intervistato come keynote, ho acquistato una copia del suo appena pubblicato Was nicht in meinen Buechern steht (Cosa non è detto nei miei libri) dai suoi familiari che vendono il libro dopo la sua intervista . Non potevo esserne sicuro, ma sembravano meno che amichevoli e sentivo che mi riconoscevano come il giovane storico che faceva domande critiche e probanti sul nonno. Avevo interrogato il direttore nominale del centro di Viktor Frankl Archive e Memorablia a Berkeley, in California, Robert Leslie, più di un anno prima, riguardo agli esperimenti. Sebbene avesse collezionato una notevole quantità di materiale su Frankl nel suo archivio e avesse anche scritto un libro su Frankl, non aveva alcuna conoscenza degli esperimenti. Comunque sia, sono rimasto sbalordito nel leggere la descrizione di Frankl degli esperimenti come "sforzi eroici", nonché la sua descrizione del suo trasferimento da Theresienstadt ad Auschwitz che suggeriva di trascorrere un tempo significativo ad Auschwitz nella sua biografia aggiornata.

Il suggerimento di intervistare Viktor Frankl arrivò nell'estate del 1997 da un giovane studente che lavorava nell'archivio medico dell'università e apparentemente conosceva Frankl. Penso che il suo nome fosse Joachim Wieder. Ho incontrato con lui e il mio buon amico Karl Fallend nel café Blau Stern per discutere l'idea. Sia Karl che Joachim pensavano che avrei dovuto perseguire l'idea e abbiamo discusso una strategia e possibili domande. Non ero eccitato dalla strategia di assecondare il grande uomo di statura per convincerlo ad essere onesto sulle sue decisioni durante la guerra. Così ho deciso di non perseguirlo. Sapevo che in quel momento avrei potuto rimpiangerlo in seguito – ma sono andato con il mio istinto per così dire.

Ho anche avuto un'altra esperienza chiave negli archivi quell'estate. Nei tre anni precedenti avevo visitato l'archivio della Resistenza austriaca. Il mio contatto è stato Elisabeth Klamper e ogni anno si è rivelata più utile, che ho attribuito alla sua sorpresa per la mia perseveranza paziente. Anche un cambiamento significativo sembrava venire quando le ho mostrato una foto di Frankl e Waldheim all'altezza della cosiddetta relazione Waldheim che descrivo nel mio libro. Per caso avevo ottenuto la fotografia dall'archivio del partito Freedom. Nell'estate del 1997 fu anche la prima volta che potei incontrare il direttore dell'archivio Wolfgang Neugebauer. Wolfgang era un vecchio amico del mio mentore Andy Rabinbach e mi sono presentato come lo studente di Andy. Ero molto emozionato perché Wolfgang era anche il principale esperto di eutanasia in Austria e volevo la sua opinione sulle affermazioni di Frankl che lui e Otto Poetzl avevano sabotato gli sforzi di eutanasia. L'intervista è stata breve ma ho avuto una domanda semplice, ma piuttosto accusatoria, a cui volevo rispondere. Ho chiesto "Frankl sostiene che lui e Poetzl hanno sabotato l'eutanasia, il che significa che sapeva chi stava chiedendo i pazienti e le circostanze della richiesta e quindi aveva informazioni pertinenti. Perché non ha reso testimonianza nei "processi per i popoli" dopo la guerra? Questo lo rende moralmente colpevole, no? Ricordo ancora di guardare negli occhi bluastra di Wolfgang gli occhi blu mentre si sedeva tranquillamente dietro la sua scrivania nella parte posteriore dell'archivio. La sua risposta fu breve: "Frankl non ha sabotato nessuna eutanasia". L'intervista si è conclusa poco dopo, ma ho lasciato a chiedermi se Frankl non avesse sabotato l'eutanasia – perché ha detto di averlo fatto?

Sembra probabile che Frankl abbia inventato la storia del sabotaggio per proteggere Poetzl, indagato nel processo di denazificazione dopo la guerra. In realtà Frankl descrive per la prima volta il sabotaggio nella sua testimonianza scritta a sostegno di Poetzl nel suo dossier di denazificazione. Ricordo Else Pappenheim che lavorò sotto Poetzl all'università prima che fuggisse da Vienna che Poetzl fosse piuttosto deliziato dagli Anschluss e che fosse venuto a lavorare con una spilla nazista nel colletto. Era anche un membro del partito nazista e aveva discusso pubblicamente a favore della sterilizzazione dei malati di mente sulla base del fatto che "è indispensabile per il futuro del popolo". Forse Frankl ha inventato la storia del sabotaggio per proteggere Poetzl. Frankl suggerisce anche cripticamente che è il caso della sua autobiografia quando descrive come dopo una visita del dopoguerra con Poetzl, Poetzl prese l'ombrello di Frankl, poi entrambi gli ombrelli, e alla fine se ne andò con il proprio ombrello.

Guardando indietro con il senno di poi di vent'anni, questa è chiaramente la domanda che avrei dovuto porre a Frankl nel 1997; Qual è il significato della storia dei due ombrelli? Perché hai scritto quella particolare storia?

Alla fine, anche se non lo sapevo, al momento Wolfgang ed Elisabeth avevano già intervistato Frankl nel 1993. Mentre sondavano Frankl sugli esperimenti medici verso la fine dell'intervista, Frankl finalmente ammise che gli esperimenti sembravano "nazisti" e poi aggiunse " quella era l'atmosfera del tempo. "Come sostengo nel mio libro" sembra che Frankl abbia assorbito abbastanza "l'atmosfera" che persino lui riconobbe che le sue attività erano al limite della collaborazione. "Al contrario di Mr. Bloom non vedo questo come un tentativo di sensazionalizzare le cose – ma piuttosto un giudizio sano e ponderato. Forse se avessi intervistato Frankl al momento avrebbe ammesso anche me, gli esperimenti erano più nazisti che sforzi eroici per salvare vite. Forse ciò avrebbe portato a domande sugli esperimenti e sul perché i nazisti fossero interessati a loro e su come fosse stato in grado di pubblicare un articolo su di loro. E fino a che punto ha intrapreso gli esperimenti di propria iniziativa o per placare i nazisti. Quelle domande rimangono senza risposta ma immagino che un giorno un altro giovane storico scriverà una storia dell'ospedale Rothschild di Vienna durante la guerra e avremo più chiarezza e forse risposte a queste domande.

Solutions Collecting From Web of "Criticando una parte di San 2"