Crisi al confine meridionale: stiamo mettendo in pericolo i bambini

Mettere i bambini nelle cure di congregazione aumenta il rischio di abusi sessuali su minori.

U.S. Customs and Border Protection

Fonte: protezione doganale e doganale degli Stati Uniti

Nel maggio 2018, il Procuratore Generale degli Stati Uniti Jeff Sessions, sotto la direzione dell’Amministrazione Trump, ha attuato una politica di “tolleranza zero” che ha diretto i giudici a perseguire le persone che entrano illegalmente negli Stati Uniti e mettono i loro figli in custodia separata. Questa politica ha provocato un forte contraccolpo pubblico da parte di quasi tutti: genitori, insegnanti, leader aziendali, leader mondiali, democratici e repubblicani, tra cui tutte le ex first lady Laura Bush, Michelle Obama, Hilary Clinton e Rosalynn Carter. Anche la First Lady Melania Trump ha parlato pubblicamente contro la politica e ha visitato l’Upbringing New Hope Children Center nel sud del Texas che ospita alcuni di questi bambini.

Esiste un’ampia ricerca che dimostra che separare i bambini dalle loro famiglie e tenerli in strutture di “assistenza collettiva” è associato ad un aumentato rischio di danni, incluso un aumento del rischio di abusi sessuali e fisici sui minori. I raccapriccianti resoconti di ragazzi denudati, ammanettati e legati a sedie stanno cominciando ad emergere dalle strutture in cui si trovano i bambini immigrati.

Secondo una ricerca sui danni legati al collocamento dei bambini nelle strutture di cura della congregazione pubblicata dalla Fondazione Annie E. Casey, “mettere i bambini già traumatizzati in contesti di gruppo può metterli a maggior rischio di ulteriori abusi fisici, rispetto ai bambini collocati in famiglia”. Perché è stato dimostrato impossibile tenere i bambini al sicuro nelle strutture di assistenza congregata, c’è un movimento nazionale per chiudere le carceri giovanili e una nuova guida federale che limita l’uso di case di gruppo con bambini più grandi in affidamento elimina questa pratica con bambini di età inferiore ai 12 anni.

Le conseguenze a lungo termine del trauma sono vaste. Questo trauma è causato dalla separazione non pianificata e imprevedibile dei bambini dai loro genitori e dai successivi abusi sessuali su minori, abusi fisici infantili e negligenza infantile che sappiamo che accadrà a tassi più elevati per i bambini separati dalle loro famiglie e anche per i bambini immigrati vulnerabili che rimangono con loro i genitori. Queste conseguenze includono un aumento del rischio per una serie di problemi di salute mentale, come depressione e PTSD e problemi fisici, incluso un aumento del rischio di malattie cardiovascolari. La nostra recente ricerca dimostra che l’abuso sessuale su minori è costoso. L’onere economico nazionale supera i 9 miliardi di dollari.

Sembra che il presidente Trump stia invertendo la rotta eliminando la separazione obbligatoria dei figli dei genitori appena processati, ma non c’è stato alcun piano da parte della Casa Bianca o del Dipartimento della Sicurezza Nazionale o dell’Agenzia per l’immigrazione e le dogane su cosa fare con il bambini che sono già stati separati. Inoltre, un piano che include la custodia dei bambini sequestrati e imprigionati, anche con i loro genitori, per un certo periodo di tempo è destinato a causare danni. C’è semplicemente troppi dati da ignorare. Tutti i bambini richiedono e meritano relazioni e ambienti sicuri, stabili e nutrienti. Dovrebbe essere fatto ogni sforzo per assicurare che i bambini immigrati rimangano con i loro genitori nelle impostazioni meno restrittive possibili per facilitare il loro benessere e per proteggerli dal danno interamente prevenibile associato alle strutture di assistenza sociale.

Solutions Collecting From Web of "Crisi al confine meridionale: stiamo mettendo in pericolo i bambini"