Crimini di follia

La fine di una storia molto triste è avvenuta oggi. Theresa Riggi, un'americana che aveva assassinato i suoi tre figli a Edimburgo dopo una prolungata battaglia per la custodia, si è suicidata al Rampton Hospital, uno dei tre ospedali di alta sicurezza in Inghilterra progettati principalmente per coloro che sono stati giudicati colpevoli di atti violenti, ma si pensa anche avere problemi di salute mentale Per molti di noi, uccidere i propri figli deve essere un atto pazzo. Ma il confine tra crimine e follia è stato a lungo sfocato, e lo è ancora oggi.

Sebbene le circostanze che circondano Riggi fossero abbastanza diverse, le giurie hanno storicamente trovato molto difficile convincere le madri che hanno commesso l'infanticidio e, essenzialmente, inviarle al cappio del boia. La depressione post-parto può non essere stata conosciuta, ma la pazzia puerperale o la mania – una diagnosi un po 'simile- è stata, convincendo molte, anche se non tutte, le giurie che non era giusto trattare una madre che ha ucciso i loro figli allo stesso modo uno giudicato un bandito assassino.

Ma, ancora una volta, non tutti gli assassini sono banditi, uccidendo per una ragione molto specifica e interessata. Già dal 10 ° secolo ci sono prove documentali in inglese del legame tra lo stato mentale e l'intenzione di commettere atti criminali. Il primo caso registrato di una difesa della follia risale al 13 ° secolo, dove si pensava che "chi non sa cosa sta facendo, chi è privo di idee e ragioni e chi non è lontano dai bruti" non dovrebbe essere giudicato allo stesso modo di qualcuno che era in piena padronanza dei suoi sensi. La prima assoluzione inglese basata sulla pazzia può essere fatta risalire al 1505, dove si scoprì che "il criminale era di mente non sana . Pertanto è stato deciso di andare libero.

In generale, tali aquittal erano una rarità prima del 1800. In quell'anno, James Hadfield (1771-1841) fu processato per aver tentato di uccidere George III (la cui salute mentale non era sempre brillante), ma fu giudicato non colpevole in ragione della pazzia . Hadfield espresse in tribunale che gli era stato detto da Dio di uccidersi per salvare il mondo. Non essendo all'altezza di un tale sacrificio, Hadfield immaginò che la prossima migliore opzione fosse uccidere il re. Invece di essere impiccato, Hadfield fu mandato all'ospedale di Bethlem, dove rimase per i restanti 40 anni della sua vita. In effetti, l'ironia in paesi o giurisdizioni in cui non vi è alcuna pena di morte o condanne per tutta la vita, una difesa della follia può vederti incarcerato per molto più tempo di una "vita" di circa 25 anni. Si pensa che ad Hadfield oggi possa essere diagnosticata la schizofrenia; il fatto che fosse stato colpito alla testa otto volte con una sciabola durante le guerre napoleoniche avrebbe potuto avere anche un certo impatto sul suo stato mentale.

Il caso successivo di Daniel M'Naghten (1813-1865), un cittadino di Glasgow che tentò di uccidere il primo ministro Robert Peel (riuscì a uccidere per errore la segretaria del premier), stimolò un tentativo di chiarire come si potesse usare la difesa della follia. M'Naghten finì i suoi giorni al Broadmoor Hospital, il primo ospedale sicuro di questo tipo in Inghilterra. Le Regole di M'Naghten (1844) aiutarono giurie e giudici a determinare i casi di possibile follia. Gli imputati erano fin dall'inizio ritenuti di buona idea e alcune prove di una malattia della mente dovevano essere presenti per portare avanti la difesa. Tali standard rimangono in vigore oggi in molti paesi.

Negli Stati Uniti, la prima difesa riuscita della follia non avvenne fino al 1859. Daniel Sickles (1819-1914), un membro del Congresso, uccise l'amante della moglie in preda alla rabbia quando scoprì che era stata infedele. Basandosi su un'efficace campagna mediatica che dipingesse la moglie come il vero cattivo, Sickles fu dichiarato non colpevole e, anziché passare i suoi giorni istituzionalizzato, divenne un generale per l'Unione nella Guerra Civile, dove perse una gamba.

Certo, ce ne sono stati alcuni, tra cui il defunto anti-psichiatra, Thomas Szasz (1920-2012), che avrebbe sostenuto che l'uso della difesa della follia è una parodia. Sebbene possa essere abusato in alcuni casi, ciò che sembra essere più scandaloso è il numero di persone in carcere che hanno un problema di salute mentale diagnosticato. Dal momento della chiusura dei manicomi psichiatrici a partire dagli anni '60, si ritiene che molte delle persone precedentemente ospitate all'interno delle mura del manicomio ora risiedano entro i confini del sistema di correzioni, se non sono senzatetto. La relazione tra crimine e follia può essere più complicata di quanto immaginiamo.

Solutions Collecting From Web of "Crimini di follia"