Crescita spirituale attraverso le principali avversità

Viktor Frankl ha avuto una "esperienza di trasformazione indotta dalla sofferenza" (SITE), come quelle di cui ho scritto nel mio ultimo post. Fu il fondatore della "logoterapia", il cui cuore è la ricerca del significato e dello scopo nella vita che è unico e specifico per ogni persona, anche – forse specialmente – nel mezzo delle difficoltà.

Un compassionevole dottore e psicologo viennese, Frankl fu internato dai nazisti nel 1942 per essere ebreo. Sposato con una bellissima giovane moglie, aveva una carriera e uno status, una casa, possedimenti e un reddito. Tutti questi, è stato costretto a rinunciare.

Questo è il tipo di perdita traumatica che può trasformare le persone in quello che la psicologa di ricerca Steve Taylor chiama, i mutanti . Dopo il suo arresto, la realtà della sua situazione non ha colpito completamente Frankl in un primo momento, anche quando era affollata da 1500 persone su un treno, condividendo un camion della ferrovia con altre 80 persone, in un viaggio che durava diversi giorni e notti che affaticavano. La loro destinazione era un enorme campo di concentramento, con torri di guardia prominenti e circondate da filo spinato. Lunghe colonne di prigionieri abbattuti, abbigliati con gli stracci, venivano fatti marciare. Questo era Auschwitz.

I nuovi detenuti hanno dovuto lasciare tutti i bagagli sul treno. Frankl, riluttante a rinunciarlo, mantenne a malapena il prezioso manoscritto del suo nuovo libro sulla logoterapia. Fu mandato in disparte per unirsi a un gruppo di prigionieri più sani sul piazzale della stazione. Il restante 90% è stato inviato altrove, direttamente alla loro morte.

Il gruppo di Frankl ha dovuto attraversare il campo, fino alla stazione di pulizia, dove gli è stato ordinato di rimuovere i loro orologi e gioielli. Per preservare la sua vita, Frankl alla fine rinunciò al suo prezioso testo. Sentendo presto le camere a gas, i forni crematori e la morte istantanea di così tante persone dal treno, alla fine fu, inevitabilmente, confrontato con la realtà dolorosa delle sue nuove circostanze. Ha afferrato quindi l'entità totale delle sue perdite e la minaccia di estinzione, e ha mentalmente eliminato la sua vita precedente immediatamente.

La ricerca dell'uomo del significato

Frankl descrive nel suo libro Man's Search for Meaning come gli uomini hanno detto di spogliarsi completamente, erano ammassati insieme e rasati di tutti i peli del corpo, comprese le sopracciglia. Fecero una breve doccia, come per rimuovere ogni traccia di chi fossero stati. I numeri erano tatuati sulle loro braccia, così hanno effettivamente perso anche i loro nomi. Frankl era in grado di tenere gli occhiali e un paio di scarpe, ma tutto il resto era cancellato.

Leggendo questo ora, chi potrebbe immaginare se stesso in tali circostanze? Tutte le attività e gli obiettivi familiari nella vita sono stati portati via brutalmente. Rimaneva poco della personalità, del controllo, della dignità. Speriamo naturalmente che nulla di simile accada da nessuna parte, a noi o ad altri, eppure ci sono persone che oggi incontrano circostanze analoghe, sebbene non necessariamente sotto regimi repressivi.

Immagina, ad esempio, di vivere pacificamente in un luogo improvvisamente visitato da una carestia, un terremoto, uno tsunami, un uragano, un'alluvione o un altro disastro naturale. Come sarebbe?

O immagina di sentirti dire che hai una malattia potenzialmente letale, deturpante o invalidante come il cancro. Il tuo corpo sta sprecando. I tuoi vestiti non sono più adatti. Sei debilitato e non puoi andare sul tuo lavoro o sulla normale attività quotidiana.

Immagina di andare in ospedale per un intervento chirurgico, radioterapia o chemioterapia. Sei vestito con indumenti da notte e un abito da ospedale. Una fascia viene applicata al polso con il tuo nome e il numero dell'ospedale su di esso. Potresti perdere tutti i tuoi capelli a causa del trattamento, anche delle sopracciglia. Provi dolore, nausea e altre spiacevoli sensazioni fisiche. Potresti non essere tagliato fuori dai tuoi cari; tuttavia, date le circostanze, sarebbe naturale sentirsi spaventati, indifesi e molto soli.

Nonostante la loro natura terribile, queste sono le condizioni che portano alcune esperienze di trasformazione ad alcune persone. Come mai?

Spogliati di tutto ciò che ci è caro, se possiamo in qualche modo portarci a sottomettere piuttosto che resistere all'inevitabile, potremmo essere costretti – dalle circostanze di non aver più nient'altro – a entrare in contatto con il nostro vero io; per entrare in contatto, potremmo dire, con le nostre anime. Quando tutto ciò che cerchiamo di trattenere è preso da noi, ci rimane qualcosa, qualcosa di vero e puro. Siamo lasciati nel presente, momento dopo momento, con consapevolezza cosciente: con sensazione fisica, con sentimento emotivo e con poteri di pensiero, immaginazione e creatività. Attraverso un tipo spirituale di consapevolezza, possiamo essere lasciati anche con una fonte di calma, di coraggio, di ispirazione e di speranza.

Frankl riferisce, sorprendentemente, che gli uomini nella doccia ridevano di se stessi e l'un l'altro. C'è un indizio qui. Spogliato completamente nudo, lo spirito umano può ancora brillare con notevole forza e resilienza. Le risate hanno fornito non solo un sollievo importante, ma anche un legame tra questi sfortunati uomini. Aiutarsi a vicenda ha continuato a dare significato a un'esistenza altrimenti insensata durante le prossime settimane e mesi di duro lavoro, privazione e crudeltà.

Inoltre, in quella prima sera nel campo, Frankl fece una ferma e deliberata scelta di non suicidarsi. Ha scelto la vita. In risposta a quella domanda primaria e centrale, posta da Amleto di Shakespeare, Frankl decise di "essere".

Più tardi, quando tutte le speranze della loro riunione erano svanite, Frankl ebbe una visione di sua moglie (che, come temeva, era già morta), e rimase paralizzata dal pensiero che, per tutti, l'amore è il fine ultimo e più alto a cui possiamo aspirare. L'amore reciproco tra la coppia si era espanso per lui in un amore universale per l'umanità e la creazione. Da questa esperienza profondamente personale, poteva dire: "Ho capito come un uomo che non ha ancora niente nel mondo possa conoscere la beatitudine". (Frankl, La ricerca dell'uomo per il significato , pagina 49.)

Frankl sopravvisse alla guerra, vivendo più di 50 anni fruttuosi, morendo all'età di 92 anni nel settembre 1997. La sua logoterapia e la sua storia personale riecheggiano molti temi spirituali: la ricerca del significato e dello scopo nella vita, la scoperta della salvezza attraverso l'amore, e l'esperienza di non avere niente e di trovare la felicità.

La vita di Frankl ci dice anche che una caratteristica importante è quella che distingue gli altri dagli spostamenti ; da persone che vivono e sopportano la sofferenza senza essere trasformate; è un atteggiamento di accettazione.

Sia attraverso la saggezza – vedendo che non hanno alternative – o attraverso l'esaurimento emotivo e fisico, rendendo impossibile la resistenza continua, essi acconsentono e si sottomettono alle loro mutate circostanze e alle perdite globali che portano. Come Viktor Frankl, scelgono la vita. Oppure, come alcuni trasvolatori descrivono l'esperienza, è come se la vita stessa li scegliesse.

Copyright Larry Culliford

Solutions Collecting From Web of "Crescita spirituale attraverso le principali avversità"