Credere?

L'altro giorno stavo camminando con il cane e mi sono ritrovato a pensare a quella complessa facoltà della coscienza umana che chiamiamo 'credenza'. "Quindi cosa credi in Gabriel …? Ho chiesto al mio vecchio amico come ha sottoposto un gruppo di foglie ad un lungo annusare …. (conversiamo spesso su queste lunghe peregrinazioni in campagna). "Credo nel mio naso …" Immagino che abbia risposto mentre si voltava per rispondere, scodinzolando amabilmente. E certamente, la quantità di tempo che dedicava ad annusare un singolo stelo di pianta suggeriva che ogni sorta di informazione veniva raccolta attraverso i canali sensoriali di quel "naso" del suo.

Quindi mi sono chiesto se ricordasse i precedenti odori sperimentati negli anni … e fare paragoni con quelli del momento, coinvolgendo così quel complesso risultato mentale di noi che chiamiamo memoria: in altre parole …. potrebbe mettere in relazione il coinvolgimento sensoriale del suo naso con l'istante … con "odori vegetali" che aveva sperimentato in passato, e quindi venire a sapere di più su se stesso e sul suo mondo come risultato

"Dopo tutto", mormoro a me stesso, "ci relazioniamo con tutto ciò che vediamo e diciamo che 'vedere è credere' …. "Al che Gabriel si gira, coda in movimento, e risponde, con gli occhi fissi sui miei:" No, odorare è credere … ", immagino che stia dicendo …. perché ho sempre avuto la tendenza a credere che gli animali "più alti" – i cani e gli elefanti, diciamo – sviluppino anche una consapevolezza di se stessi e delle cose nel loro mondo basate sulla memoria; sulle esperienze sensoriali cumulative.

Il che ci porta al problema più difficile in questa discussione … vale a dire, cosa si intende per "credenza"? …. perché è una delle funzioni più intriganti della coscienza umana, che ci porta ad essere convinti della "verità – della realtà assoluta e significativa – riguardante la più significativa delle nostre esperienze sensoriali del mondo, principalmente, quella del senso di" vista'. Eppure – ed ecco la cosa più sorprendente – la coscienza lavora anche per generare "credenza" nelle più astratte immaginazioni e "comprensioni" della nostra vita interiore contemplativa e creativa quando siamo più distaccati dall'esperienza sensoriale immediata, anche quella della "vista".

"Verità" è definita nel dizionario Webster come … "realtà trascendentale, fondamentale o spirituale". E 'credere' come … "la convinzione della verità di qualche affermazione o la realtà di qualche essere o fenomeno".

In conclusione, ecco un paragrafo che ho scritto molti, molti anni fa: "Forse l'aspetto più intrigante della coscienza umana è il modo in cui i cinque sensi forniscono il mezzo attraverso il quale oggettivamente identifichiamo e chiediamo" come "il cosmo e il nostro mondo particolare funziona …. ma poi inizia un flusso di valori astratti, sentimenti e idee che pre-occupano il funzionamento interno della Mente come "perché" dovrebbe essere così. Inoltre, "perché", dovremmo venire a sperimentare più considerazioni mistiche in termini di mortalità? 'Perché' dovremmo alla fine diventare gravati da meraviglie mentali – se non 'credenze' – quando si tratta di considerare la nostra stessa mortalità? '

Nel lungo periodo, nel tentativo di plasmare i miei pensieri e sentimenti su temi come "Verità" e "Credere", ricordo sempre la dichiarazione fatta dal filosofo francese Descartes che, quando discute le straordinarie imprese di intuizione e immaginazione che rivelano il soggettivo , creativo, funzionamento del complesso mente / cervello umano …. ha osservato che non è sicuramente possibile per noi concepire idee relative alla natura di "cose" e "avvenimenti" che in qualche modo non esistono da qualche parte.

Solutions Collecting From Web of "Credere?"