Credenze: Dodici miti ti verranno sollevati per sfatare

Se sei infelice, cambia le tue convinzioni. Al giorno d'oggi un consiglio estremamente popolare nei circoli psicologici e spirituali. Ha un senso, anche se non tanto quanto propagandato. Suggerisce che le credenze sono come i prodotti di consumo. Se non sei soddisfatto del prodotto, sostituiscilo per un aggiornamento. Semplice.

Non è così semplice. Ecco dodici ipotesi sulla credenza che vale la pena di ripensare:

  1. Non puoi credere a qualsiasi cosa: puoi rivendicare, ma questo non significa che tu lo faccia. Le credenze non sono un prodotto che puoi scambiare a volontà; sono prodotti dell'esperienza. Se il tuo amico continua a presentarsi tardi, crederai che lo farà anche in futuro. Puoi provare a convincerti che non lo farà ma che non convincerà il tuo istinto. Il tuo intestino tiene traccia abbastanza preciso di ciò che è probabile che accada e non puoi ignorarlo con un discorso di incoraggiamento. Tieni questo a mente la prossima volta che qualcuno ti dice "non preoccuparti" o "non essere turbato", come se tu potessi semplicemente cambiare convinzioni come i canali TV. È un segno di mancanza di rispetto dire queste cose. Significa che la persona desidera che tu fossi come una macchina che potrebbero controllare.
  2. Le convinzioni non sono come il naso: il tuo naso – ne hai solo uno e ce l'hai sempre con te, che tu ne sia consapevole o no. Le credenze non sono così. Quando dici che credi in qualcosa, ciò non significa che tu lo creda tutto il tempo o che tu abbia solo quella credenza. Potresti ben nutrire una credenza opposta. "Credo in Dio" non significa che credi sempre in Lui, o che sei sicuro al 100% che Lui esista. Che una credenza possa sbiadire dentro e fuori aiuta a spiegare la nostra flessibilità e ipocrisia, la flessibilità che ci consente di dire "Ti amo assolutamente", che significa "Credo che stiamo bene insieme", quando non ti senti sempre così, e l'ipocrisia che ne deriva, la capacità di affermare di credere a qualcosa su cui non agisci. Spesso, quando qualcuno dichiara la propria convinzione come se fosse chiaro come il naso sul loro volto, sta solo cercando di scoraggiarti dal metterli in discussione, come se si impegnasse a non essere influenzati da te più di quanto lo sarebbe se tu fossi cercando di farli cambiare il naso. Non comprarlo Spesso una persona respinge le tue critiche e continua a imparare da essa.
  3. Le nostre convinzioni? Non ne conosciamo la metà: chiedi ad un amico "Credi davvero di essere così speciale?" L'amico si preoccupa della tua opinione abbastanza da andare speleologicamente nelle caverne della sua mente. Non trova credenze del genere e riporta "Ovviamente no! So di non essere speciale! "Ma quanto ha guardato a fondo il tuo amico? Nella nostra ricerca di ciò in cui crediamo, siamo molto più propensi a trovare credenze che ci fanno sentire bene con noi stessi e ignorano le nostre convinzioni che sono deludenti. Lascia che questa sia una ragione per smettere di interrogarti incessantemente sulle tue incoerenze. Hai convinzioni inconsce inconsce, ma lo sono anche per tutti.
  4. Non puoi dubitare di tutte le tue convinzioni: il filosofo René Descartes si è impegnato a dubitare di tutte le sue convinzioni. Il filosofo Charles Sanders Peirce ha ribattuto che non è possibile poiché la maggior parte delle nostre convinzioni non sono pensieri coscienti, ma assunzioni inconsce espresse attraverso le nostre abitudini. Non puoi dubitare di quello che non ti rendi conto di credere. Puoi affermare di essere completamente di mentalità aperta, pronto a dubitare delle tue convinzioni, ma non puoi essere all'altezza di tale affermazione. Puoi, quindi, permetterti di rilassarti per non conoscere la tua mente nella sua interezza.
  5. Metti il ​​tuo (tempo, lavoro e) soldi dove è la tua bocca: sebbene possiamo affermare che cerchiamo semplicemente vere credenze, non è quello che facciamo. Noi non valutiamo le credenze strettamente sui loro meriti. Alcune credenze sono convenienti; altre credenze sono costose. Facciamo acquisti tra le credenze con attenzione a ciò che faranno alle nostre liste di cose da fare. Le credenze possono liberarti o tormentarti. Accettare alcune verità scomode è come ammettere di avere un problema con l'alcol, una crepa nelle fondamenta della tua casa o un importante incarico di ricerca che ti sei dimenticato. Abbracciare una convinzione scomoda, tuttavia, è vera come accettare un enorme carico di lavoro inaspettato scaricato nella lista delle cose da fare. Non c'è da meravigliarsi se le persone sono spesso così riluttanti ad ammettere che ci sono problemi con le loro convinzioni. Scambiarli per credenze più accurate è personalmente costoso per loro. Quando stai litigando con qualcuno che è notevolmente irriconoscibile, ricorda la sua lista di cose da fare. Non è che sia testardo o stupido tanto quanto sta cercando di mantenere il suo lavoro al minimo.
  6. La lealtà è un pregiudizio: la lealtà alle nostre convinzioni suona come una virtù come la lealtà verso il coniuge. Con entrambi, è considerato un aspetto positivo trascurare i costi e celebrarne i benefici. I grandi mariti dicono: "Beh, certo, non è perfetta. Nemmeno io. Ma non ci concentriamo sulle nostre incompatibilità. Ci concentriamo su ciò che funziona, ed è così che lo facciamo funzionare! "Esprimiamo la stessa lealtà nei confronti delle nostre convinzioni, sottolineando ciò che è grande in loro e ignorando ciò che non lo è. È lealtà, impegno costante, dedizione, attaccamento alle armi, che sembrano tutte cose buone. Ma è anche prevenuto, testardo, testardo, chiuso, riluttante o incapace di valutare le convinzioni neutrali, il che suona come una cosa negativa. Quando ti scopri a chiedermi come le persone non riescono a vedere che le loro convinzioni sono viziate, c'è la tua risposta. La lealtà verso le credenze, come la lealtà verso un matrimonio incoraggia la coltivazione di pregiudizi, dando un peso distorto a qualsiasi persona e a chi si è fedeli. Questa è la stessa distorsione che troviamo così frustrante quando cerchiamo di convincere le persone a prendere in considerazione credenze alternative. Come dovremmo allora spiegare il nostro doppio standard in base al quale la lealtà parziale è una cosa grande e terribile? Facendo una distinzione spesso trascurata tra le modalità di ottimizzazione in due diversi tipi di circostanze: Decisione vs. Decisa. Quando decidi se prendere un grosso impegno, è meglio essere il più aperto e neutrale possibile. Una volta che hai deciso cosa credere, non puoi permetterti di essere neutrale. Devi rafforzare il tuo impegno spingendo te stesso in favore di esso. Ciò è in parallelo con ciò che accade in ogni grande impegno personale. Faresti meglio a pensarci in modo neutrale prima di impegnarti. Ma una volta che ti impegni, rimani sempre impegnato. Una volta sposati (per una convinzione o una persona) non continuare a chiedersi "Posso far funzionare questo matrimonio?" Chiedi solo "come posso farlo funzionare?" Questa inquadratura rivela un grosso problema con il modo in cui ci impegniamo a credere . Raramente lo facciamo con molta neutralità. Scivoliamo, cadiamo, saltiamo o ci tuffiamo impulsivamente in grandi credenze, non nel modo in cui vorresti cadere in un matrimonio. Se l'hai fatto, non sei solo.
  7. È più facile essere infedeli a una convinzione che a un coniuge: se sei sorpreso a tradire un coniuge, pagherai. Caro. Se sei sorpreso a tradire una convinzione, non così tanto. Ci siamo tagliati l'un l'altro per non parlare del nostro discorso. Perché? Forse in parte perché le persone nelle case di vetro non dovrebbero lanciare pietre. Le credenze dichiarate servono a tutti i tipi di funzioni. A volte si impegnano ad agire in un certo modo, ma spesso si sentono bene o tornano utili qua e là, ad esempio quando diciamo "Credo che non si dovrebbe mai interrompere" per convincere qualcuno a smettere di parlare, non che crediamo veramente interrompere è sempre sbagliato. Sarebbe un mondo molto diverso se sposassimo le convinzioni nel modo in cui sposiamo i partner con tutto l'impegno, le promesse e le promesse che il matrimonio comporta.
  8. Raccogliere credenze come raccogliere brani: sai quello sguardo orgoglioso e soddisfatto di sé sul viso di qualcuno quando dichiara le proprie convinzioni? Sembrano soddisfatti come le persone che mangiano patatine fritte dopo un'escursione di dieci miglia. Stanno assaporando le loro convinzioni, amando il suono delle loro dichiarazioni mentre si allontanano dalla loro lingua. Boccheggiare le nostre forti convinzioni può essere un piacere sensuale. Questa sensualità suggerisce come prendiamo le nostre convinzioni. Raramente arriviamo da loro attraverso un'attenta spesa, soppesando i pro ei contro di prodotti di credenze alternativi. Piuttosto, di solito prendiamo le nostre convinzioni nel modo in cui selezioniamo la musica che suoniamo attraverso i nostri auricolari. I testi e le loro implicazioni sono secondari. Potremmo anche non conoscere i testi più di quanto molti di noi della Bibbia conoscano la Bibbia. * Sia che raccolga melodie o credenze, scegliamo per sentimento e soprattutto per come ci fanno sentire su di noi quando noi canticchiamo. Se lo hai fatto e te ne penti, di nuovo non sei solo. Le credenze più sentite sono adottate a causa di come si sentono, non di quanto siano credibili.
  9. I brani più popolari: le credenze cambiano la storia? Sì, anche se per lo più credenze che danno alle persone una ragione per sentirsi speciali, sollevate al di sopra delle masse disordinate. Ancora una volta, c'è un parallelo con la musica popolare, un sacco di esso è il canto e l'inarrestabile degli eccezionalisti, la ferita canzone d'amore dell'amante devoto virtuosamente sbalzato da uno strattone, la musica orgogliosa dei giusti in piedi per ciò che è vero, la rabbia contro la macchina si fa finta di non avere parte, l'anima che cerca la ballata del romantico eccezionalmente profondo e sensibile, la festa del vincitore nella cerchia del vincitore, il rap glorificante. Questi brani sono quelli che tendono a risuonare con noi, e lo stesso vale per le credenze popolari nel corso della storia.
  10. Ci affidiamo a un self-reporting più di quanto meriterebbe: "Fidati ma verifica" sembra buono, ma trascura il costo della verifica. Prendiamo le persone in parola su ciò in cui credono perché è molto più conveniente del monitoraggio del loro comportamento. Parlare è economico. Credere che i discorsi siano economici anche se paragonati al costo di monitorare se le persone parlino.
  11. Gentilezza o pigrizia? Dare alle persone il beneficio del dubbio non è solo gentile, è spesso pigro: sentiamo parlare di simpatizzanti fascisti ma non empatici fascisti , gente che, all'inizio della crescita di un fascista, mostra compassione e rispetto per lui perché sarebbe essere scortese a fare diversamente È quella civiltà? Decenza? A volte, ma spesso è un modo pigro per evitare una verità scomoda che aggiungerebbe alle nostre liste di cose da fare l'arduo, rischioso lavoro di resistenza ai fascisti.
  12. "Non dirmi cosa credo!": Chi ha l'autorità finale su ciò che qualcuno crede? Si potrebbe pensare che sia il credente, ma come si colloca questo con l'evidenza che le persone spesso riportano erroneamente le loro convinzioni, ad esempio, la persona che agisce razzista ma nega di credere nel razzismo? La verità è che nessuno è l'autorità su ciò che qualcuno crede. Non abbiamo alcuna prova obiettiva di credenze o motivazioni. Possiamo solo fare ipotesi su ciò che le persone credono. Potrebbe sembrare un motivo per non fare supposizioni, ma non possiamo farlo. Sebbene la psicologizzazione delle persone sia spesso considerata un'imposizione scortese, non c'è alternativa. Per interagire con successo con le persone, devi indovinare ciò che li rende interessanti. Quindi farai ipotesi su ciò in cui credono, proprio come fai ipotesi su ciò in cui credi.

* Un'indagine sulla proporzione di cristiani devoti che leggono la Bibbia.

Solutions Collecting From Web of "Credenze: Dodici miti ti verranno sollevati per sfatare"