Creatività: una prospettiva dal sufismo

Il Sufismo, basato sul Corano e gli insegnamenti del Profeta Muhammad (610 DC), fu influenzato nella sua formazione dall'ascetismo cristiano e dall'induismo (Nizamie, Katshu, e Uvais, 2013). Le sue origini sono controverse ma risalgono all'VIII e al IX secolo; alcuni affermano che è più vecchio dell'Islam.

I sufi sono stati conosciuti per una ricca tradizione di letteratura, poesia, narrazione e utilizzo di intelligenti metafore nelle storie, nella musica e nella danza. Che cosa si tratta del Sufismo, una tradizione mistica nell'Islam, che ha aiutato i sufi a essere creativi e cosa possono offrire per facilitare la nostra creatività? Mentre la ricerca dei Sufi si concentrava sulla ricerca dell'essenza divina, il loro approccio a questa ricerca era probabilmente strumentale nello stimolare la loro creatività in arte, musica, danza e letteratura. Questo saggio esamina come i loro principi di base possano servire da metafore utili per migliorare la creatività quotidiana.

Amore, fede, esperienza e conoscenza

Il Sufismo considera l'amore, la fede, l'esperienza e la conoscenza come concetti centrali nel risolvere il nostro dilemma esistenziale per comprendere e sperimentare in definitiva la divinità in se stessi o l'unione di sé con il Supremo attraverso un processo di progressivo sollevamento dei veli, che nascondono vera bellezza e conoscenza . Rumi considerava l'amore come la "forza creatrice della natura" (Arasteh, 1965, p.10); quindi l'amore è la base per tutta la creazione e la creatività.

Per i Sufi, il Supremo è il loro amato, e questo amore per l'Amato costituisce una base centrale della loro ricerca. Questo amore è incondizionato e senza riguardo per alcun guadagno personale in ricchezza, fama o potere; L'obiettivo principale del Sufi è sperimentare il divino interiore ed essere unito all'essenza della vita. Il percorso verso il divino implica il sollevamento dei veli, che nascondono la vera bellezza e conoscenza. Erich Fromm (1956), forse influenzato dal pensiero sufi, osservò che "l'amore è l'unica via per la conoscenza – l'unione si traduce nella fine della ricerca" (pagina 31).

Nel linguaggio psicologico, la ricerca della conoscenza può essere descritta come una risoluzione progressiva dei problemi per rivelare il "tesoro nascosto" dietro i veli: la vera conoscenza nella forma dell'unità con l'essenza. Derivato dall'amore incondizionato, questa ricerca è intrinsecamente motivata. Molti ricercatori contemporanei considerano la motivazione intrinseca e l'amore per la ricerca della ricerca del sake, fondamentale per il processo creativo.

Fromm sostiene che il lavoro creativo implica cercare l'unità con il materiale con cui si lavora, un mondo al di fuori di se stessi, per farlo suo.

Se un falegname fa un tavolo o un orafo un gioiello, se il contadino coltiva il grano o il pittore dipinge un quadro, in ogni tipo di lavoro creativo l'operaio e il suo oggetto diventano uno, l'uomo si unisce al mondo nel processo di creazione. (pagina 17)

Unire con i materiali della creazione implica una piena conoscenza e comprensione della natura dei materiali che facilitano l'uso di questi in modi nuovi.

La fede nella propria visione può essere una forza trainante nella ricerca dedicata. Fromm fa una distinzione tra fede irrazionale e razionale. Il primo è la convinzione in un'idea o in una credenza basata su un'autorità irrazionale; la seconda è una visione derivata da esperienza, sentimenti e "attività intellettuale ed emotiva produttiva" (p. 121). Egli rileva inoltre che il pensiero creativo in qualsiasi campo spesso inizia con una visione razionale basata sullo studio, la riflessione e l'osservazione che risultano in un'ipotesi. Con ulteriori dati, l'ipotesi viene perfezionata con conseguente inclusione in una teoria più ampia. Nota:

La storia della scienza è piena di esempi di fede nella ragione e visioni della verità. Copernico, Keplero, Galileo e Newton erano tutti intrisi di una fede incrollabile nella ragione. Per questo Bruno fu bruciato sul rogo e Spinoza subì la scomunica. (p 122)

Ignorando dogmi e autorità

Memon e Yousaf (2013) notano, "I sufi erano i ribelli del loro tempo" (pagina 50). Coerentemente con i loro insegnamenti religiosi, rappresentavano gli oppressi e scrivevano poesie che sfidavano le oppressioni del clero ortodosso, dei proprietari terrieri e degli imperatori. Hanno anche chiesto l'uguaglianza e la fine di ogni oppressione.

I sufi suggeriscono di scartare i dogmi personali e religiosi, gli insegnamenti del passato e le trappole culturali per sollevare i veli alla ricerca della verità. Rumi consiglia "limita il mondo io ed essere te stesso, il primo ti restringe" (come citato in Arasteh, 1965, pagina 52). Si ritiene che l'accettazione cieca dell'autorità impedisca il sollevamento dei veli; piuttosto, i ricercatori devono usare la loro intuizione ed esperienza per cercare la vera conoscenza. I sufi apprezzano l'apprendimento mediante l'esperienza sotto la guida di una persona che ha percorso il percorso.

I sufi respingono il dogma di un unico sentiero per la salvezza. Credono che l'uso di strategie come la respirazione, la meditazione, la musica e la danza, spesso rifiutate dai gruppi religiosi più fondamentali, migliori la loro esperienza di ricerca. L'ideale di Sufi che non esiste un unico percorso verso il Supremo ha implicazioni enormi per il mondo attuale, pieno di conflitti, in cui le ideologie religiose impediscono l'accettazione e l'apprezzamento delle diverse opinioni religiose. Una cultura dominata da rigide ideologie convoglia le sue energie per preservarle e diffonderle, limitando a sua volta l'individualità dell'espressione e della creatività. Questo valore culturale del rifiuto dei dogmi ha forse svolto un ruolo centrale nei risultati creativi di Sufi in quanto ha permesso loro di correre dei rischi che normalmente non avrebbero preso.

Il processo creativo spesso richiede di correre dei rischi per sfidare idee, teorie e pratiche esistenti, basandosi sulle proprie esperienze e intuizioni, pur rimanendo aperto a diversi punti di vista. Questa apertura a diversi punti di vista di altre culture ha probabilmente aiutato i primi Sufi a incorporare nuove idee nel loro pensiero e nella loro pratica e stimolato la loro creatività nelle arti e nella letteratura.

Il pensiero secolare sufi, sebbene basato sulla religione, ci offre ancora parecchie intuizioni nel processo creativo. Prendendo in prestito le metafore sufi, la creatività può essere vista come il processo di sollevamento dei veli per rivelare la vera conoscenza. I principi del sufismo richiedono amore, fede, esperienza e rifiuto dei dogmi personali e religiosi come percorsi alla vera conoscenza. L'amore, un principio centrale del Sufismo, è essenziale per portare dedizione e passione ai processi di ricerca creativa, che sia per i Miei cari o qualunque cosa cerchi. L'amore, unito alla fede e al rifiuto del dogma, è importante per fornire ispirazione, persistenza e apertura a diversi punti di vista nella nostra ricerca della vera conoscenza. Rumi esprime magnificamente il significato di "amore":

L'amore rende amaro,

L'amore trasforma il rame in oro,

L'amore trasforma le vinacce in vino,

L'amore trasforma il dolore in guarigione,

L'amore porta alla vita un morto,

L'amore rende i re schiavi (come citato in Chittick, 2008, p.83).

Riferimenti

Arasteh, SR (1965). Rumi The Persian: Rebirth in creatività e amore. Lahore, Pakistan.

Chittick, W. (2008). Sufismo. Una guida per principianti. Oxford, Regno Unito: One World.

Fromm, E. (1956). L'arte di amare. NY: Harper & Brothers Publishers.

Memon, QB e Zeeshan Yousaf, Z. (2013). "Sono un poeta di lavoratori e contadini." World Literature, 87 (6), 47-50.

Nizamie, SH, Katshu, MZUH e Uvais, NA (2013). Sufismo e salute mentale. Indian Journal of Psychiatry, 55, S215-S223,

Solutions Collecting From Web of "Creatività: una prospettiva dal sufismo"