Creatività olistica

Di recente stavo guardando i fiori di plastica con cui qualcuno aveva decorato il loro ufficio e mi sono sorpreso a pensare a come si potevano progettare e commercializzare fiori di plastica che emettessero essenza di fiori artificiali. Dissi l'idea alla persona che aveva comprato i fiori di plastica e lei mi assicurò eccitata che se esistessero fiori di plastica che emettessero odori, li avrebbe sicuramente comprati. Sono stato allo stesso tempo felice e disgustato – felice di aver inventato un'invenzione pubblicizzabile (non ti dirò come i fiori mantengono il loro odore 🙂 e disgustato da quanto grossolano e commerciale fosse.

Non ho avanzato l'idea di fiori di plastica che emanano odori, ma l'esperienza mi ha fatto riflettere in modo nuovo sul processo creativo stesso. Le teorie accademiche della creatività tendono a enfatizzare lo sviluppo delle competenze e spesso sposano la nozione secondo cui la creatività è specifica del dominio (ad esempio se sei un matematico creativo, è improbabile che tu sia un musicista o un arredatore creativo). È giusto chiedersi se il processo creativo è intrinsecamente specifico del dominio, o se l'apparente specificità del dominio della creatività umana riflette il fatto che quasi tutti noi (compresi gli accademici che escogitano queste teorie) sono educati in un particolare modo. Le scuole ci insegnano come sviluppare competenze di problem solving in ambiti ristretti. La conoscenza è scolpita e servita agli studenti come materie separate e ciò influenza indubbiamente lo sviluppo cognitivo e in particolare l'approccio che adottiamo per risolvere i problemi creativi. Se c'è un'erba sgradevole, inventiamo una sostanza chimica che la uccide. Se i bambini e gli animali che giocano sull'erba sono influenzati negativamente dalla sostanza tossica, mettiamo una recinzione intorno all'erba. Recentemente è stato affermato che la creatività è in declino. Secondo me, non è che non siamo abbastanza creativi; uno sguardo in qualsiasi grande magazzino dovrebbe assicurare a chiunque che siamo straordinariamente creativi. Il problema è che tendiamo a sviluppare le nostre capacità di pensiero creativo in un modo specializzato e strettamente focalizzato.

Questo non è l'unico tipo di pensiero creativo possibile. L'ho intravisto per la prima volta quando mia madre mi ha parlato del suo lavoro con le persone delle Prime Nazioni nell'estremo nord del Canada. Quando un membro della comunità ha avuto una nuova idea, è stato discusso tra gli anziani da ogni possibile prospettiva, e raffinato fino al punto in cui ha tenuto conto di tutte queste prospettive. Non hanno mai votato su nulla; ogni idea è stata discussa fino a quando non vi è stato un accordo unanime. Il processo era faticosamente lento. Ci vorrebbero alcune ore nel sud del Canada per prendere giorni nel nord. Ma alla fine nessuno aveva rancore e l'idea beneficiava dei diversi input di individui che avevano ruoli e prospettive diverse sulla comunità e sulla terra.

Vediamo una tendenza in questa direzione nel mondo degli affari; le aziende sono sempre più impegnate in forme collaborative di decision making, problem solving e innovazione. Ma lo stesso principio si applica agli individui. Possiamo decidere consapevolmente di "consultare" i vari punti di vista che abbiamo interiorizzato e di continuare a riflettere su un'idea da diverse prospettive fino a quando non si raggiunge un senso di unità o armonia. Impegnandoci in questa forma più olistica di pensiero creativo potremmo non solo ritrovarci con idee e prodotti migliori ma una comprensione del mondo meno frammentata, più integrata. Invece di chiedere "possiamo essere più creativi" dovremmo chiedere "possiamo schierare i nostri poteri inventivi in ​​modi più significativi e meno miopi"? Come possiamo creare con tutte le nostre menti – tenendo conto non solo dell'impatto che l'idea avrà nel dominio della vita a cui è ovviamente collegato, ma dell'impatto che avrà sul mondo in generale? Questo potrebbe essere un passo cruciale verso non solo una più ricca comprensione della creatività, ma un mondo più sostenibile. La sfida per la nostra generazione potrebbe non essere quella di inventare idee creative, né trovare soluzioni creative ai problemi, ma trovare idee e soluzioni creative che non generano altri problemi, che prendano il contesto più ampio, incluso il suo correlato sociale, culturale, e componenti ecologici – in considerazione.

Come passo nella direzione di una prospettiva più olistica sulla creatività, sto lavorando a una teoria della creatività chiamata "teoria dell'affinamento", secondo cui il processo creativo trasforma il mondo in modi che riflettono la particolare visione del mondo del creatore. Una visione del mondo è un modello mentale interno della realtà. Non è solo un compendio di conoscenze, valori e così via, ma un modo per intrecciarli in una rete integrata di intese; un modo di vedere il mondo e l'essere nel mondo. Mentre molte teorie della creatività si focalizzano quasi esclusivamente su come il processo creativo si traduce nella generazione di un prodotto, la teoria della levigatura considera altrettanto importante l'effetto del processo creativo sulla visione del mondo del creatore.

La teoria levigante differisce anche da molte teorie sulla creatività (e sulla cognizione superiore in generale) rispetto all'affermazione secondo cui la cognizione superiore è altamente specifica del dominio. Gli accademici a volte presumono che questo problema possa essere risolto determinando in che misura le valutazioni di intelligence o competenza in un dominio sono correlate con valutazioni di intelligenza o competenze in un altro. Un assunto non detto qui è che le misurazioni delle competenze sono tutto ciò che è necessario per rilevare qualsiasi tipo di qualità che possa caratterizzare o unificare le imprese creative o intellettuali dell'individuo, e in effetti che i risultati dei processi cognitivi superiori siano oggettivamente comparabili. La realtà è che mentre le manifestazioni della cognizione superiore sono a volte paragonabili, anche quantitativamente, spesso c'è poca base oggettiva per il confronto. La cognizione superiore può essere dominio generale non nel senso che l'esperienza in un'azienda garantisce esperienza in un'altra, ma nel senso che ci sono più luoghi di interazione per l'esplorazione creativa e l'espressione di sé aperta a qualsiasi individuo, e attraverso la quale la visione del mondo di quell'individuo può essere spigolato. Può darsi che il nostro potenziale di apprendimento inter-dominio sia appena iniziato a essere sfruttato, attraverso iniziative come il programma Learning through the Arts in Canada, in cui gli studenti, ad esempio, imparano la matematica attraverso la danza o apprendono le catene alimentari attraverso la creazione di arte visiva. Sembra ragionevole che se la conoscenza viene presentata in blocchi compartimentalizzati, gli studenti finiscono con una comprensione compartimentalizzata del mondo, mentre se la conoscenza è presentata in modo più olistico, può essere possibile una comprensione più integrata del tipo.

Può essere che il continuo bombardamento di informazioni nella società moderna interferisca con la nostra capacità di creare saggiamente – di "andare in profondità" con la conoscenza che già possiede, considerarla da più prospettive, su più orizzonti temporali e idee affini che attualizzino il proprio potenziale per esercitare un impatto creativo positivo. Prima che un particolare individuo fosse nato, una comprensione del mondo non era mai stata forgiata dal punto di vista di quell'individuo. Di conseguenza, ogni individuo ha un potenziale unico per contribuire creativamente al mondo. Tuttavia, sebbene la vita di tutti i giorni sia ricca di opportunità per acquisire nuove conoscenze, questa conoscenza è spesso di rilevanza superficiale o sfuggente per il potenziale contributo creativo di un dato individuo. Può ispirare idee per cose che vengono usate una o due volte, o che fanno guadagnare qualche soldo, a costo di un sostanziale impatto ambientale negativo. L'idea di fiori di plastica che emettono un'essenza di fiori artificiali è creativa, ma dopo aver fatto qualche passo indietro, riflettendo su di essa da diverse angolazioni e considerando il suo potenziale impatto più ampio, si vede subito che probabilmente non è il tipo di idea creativa di cui il mondo ha realmente bisogno .

Per maggiori informazioni sulla teoria della levigatura della creatività vedi: https://people.ok.ubc.ca/lgabora/

Solutions Collecting From Web of "Creatività olistica"