Creatività e ricchezza dei concetti del cervello

Nei blog precedenti e nel mio recente libro Splendori e miserie del cervello, ho sostenuto che uno dei pericoli che limitano la creatività è l'autocensura. Qualsiasi persona creativa, in arte o letteratura o musica o teatro, che censura ciò che vuole dire o dipinge a causa di disapprovazione o proibizione sociale, oa causa di una censura autoimposta, persino inconscia, troverà difficile produrre un opera d'arte di altissima qualità. Questo è quello che presumo abbia Schopenhauer quando ha affermato che un'opera d'arte dovrebbe fluire dal subconscio. Questa affermazione non regge al controllo scientifico, ma il suo significato è chiaro.

Ma ci sono altri fattori che soffocano la creatività e questi possono essere ricondotti alla ricchezza dei concetti sintetici formati dal cervello. Poiché, per definizione, un concetto sintetico è una sintesi di molte esperienze, è comunemente difficile riprodurre quell'esperienza in una singola opera d'arte o creazione musicale. Come sostengo in Splendors and Miseries of the Brain (un titolo, incidentalmente, che ho preso in prestito dal capolavoro di Balzac, intitolato Splendeurs et misères des courtisanes), Balzac ha avuto molto in mente quando, in The Unknown Masterpiece (Le Chef-d'œuvre inconnu ), ha fatto la progressiva distruzione di un dipinto superlavandolo, a causa di una ricchezza di concetti nel cervello dell'artista, il tema centrale.

Quindi ci sono due estreme conseguenze dell'efficienza del sistema di formazione del concetto del cervello per quanto riguarda l'arte e la creatività: da un lato, l'impossibilità di intraprendere un'impresa creativa e dall'altra la distruzione di un'opera cercando anche di coprire molti aspetti del concetto sintetico.

Solutions Collecting From Web of "Creatività e ricchezza dei concetti del cervello"