Creatività e la paura di "Mettersi là fuori"

Quando stavo studiando il mio prossimo libro, QUIET: Il potere degli introversi in un mondo che non può smettere di parlare , ho incontrato uno scienziato che ha compiuto un lavoro pionieristico sulla neurobiologia dell'ansia sociale. Un uomo articolato e apparentemente fiducioso, confidò che il suo interesse per il soggetto derivava dalla sua stessa lotta con la timidezza. Quando ho chiesto se potevo raccontare la sua storia nel mio libro, ha esitato. "Io non la penso così", mi ha detto. "Non tutti sono a proprio agio come si espongono i loro veri sentimenti."

Per quello, potrei solo dire: "Ha!"

Perché non sono affatto un autoespositore naturale. In effetti, mi ci sono voluti trenta anni per realizzare il mio sogno d'infanzia di diventare uno scrittore, soprattutto perché avevo paura di scrivere di cose personali – ma questi erano i soggetti a cui ero attratto.

Ma alla fine la mia voglia di scrivere è diventata più forte della mia paura, ed eccomi qui con il mio primo libro in uscita l'anno prossimo. Faccio invidia agli amici che scrivono di argomenti impersonali, come la scienza o la politica. Possono annunciare gli argomenti dei loro libri alle cene senza che tutti si girino per chiedere "Sei introverso?"

Ma sai cosa? Mi sto abituando all'autoesposizione.

Ti dico tutto questo perché sento spesso i lettori che vogliono piegare i propri muscoli creativi, ma sono trattenuti dalla paura di "mettersi in gioco".

Forse temi gli altri a giudicare te e il tuo lavoro. O sei a disagio con l'auto-promozione. O forse hai paura del fallimento o del successo.

Tante paure, tanta spinta creativa. Cosa fare? Ecco sette idee per aiutarti a potenziare queste emozioni disabilitanti.

1. Sappi che sei in buona compagnia : i creativi hanno sempre dovuto mettersi in gioco. In questi giorni ci sono un sacco di tormenti a mano su come i grandi del passato, persone come Harper Lee ed Emily Dickinson, non hanno dovuto auto-promuoversi come facciamo oggi. Questo è vero. Ma hanno dovuto rendere pubblici anche i loro sentimenti e le loro convinzioni più profonde, e questo è sempre stato spaventoso. Darwin ha aspettato trentacinque anni per pubblicare la sua teoria secondo cui gli umani si sono evoluti dalle scimmie. Gli studiosi chiamano questo "Ritardo di Darwin" e molti credono che sia dovuto alla sua paura di come gli altri avrebbero giudicato la sua idea eretica.

2. Quando si parla di social media, pensa all'auto-espressione, non all'autopromozione . Ecco un commento che ottengo molto: "Per una persona tranquilla, sei sicuro di fare un sacco di blog e tweeting". Penso che questo sia un grande fraintendimento dei social media. Blogging e tweeting, se praticati correttamente, sembrano più un progetto creativo che un esercizio di "brand building", anche se ovviamente sono entrambi. Inoltre, non richiedono il "multi-tasking" di tutte le mani e di persona che molte persone, specialmente gli introversi, trovano così estenuante. Infatti, un sondaggio online su Mashable, il sito di notizie sui social media, ha rilevato che solo il 12% dei suoi lettori erano estroversi. (Vedi anche questo blog su "Why Introverts Love Social Media", di Mack Collier, un prodigioso blogger e consulente di social media la cui pagina Facebook recita "Online estroverso, introverso offline. È complicato.")

Nulla di tutto ciò esenta i creatori da apparizioni di persona di vecchia data, ovviamente. Ma i social media online aiutano a facilitare il percorso verso le interazioni dal vivo. Puoi rompere il ghiaccio con sconosciuti online e sentirti come se li conoscessi già quando incontri "IRL".

3. Il caffè è magico . Ti eccita e ti entusiasma delle nuove idee e ti aiuta a ignorare il coro di giudici dentro la tua testa. Ho trovato così potente che mi permetto di berlo solo quando lavoro, in modo da preservare i suoi poteri magici. Apparentemente non sono l'unico che si sente così riguardo alla caffeina: c'è un detto tra la folla che dice che "un matematico è un espediente per trasformare il caffè in teoremi". Johann Sebastian Bach amava così tanto la caffeina che ha scritto un caffè Cantata. Balzac, Kant, Rousseau e Voltaire giurarono tutti con le loro tazze di Joe.

4. Allenati, a la Pavlov, per associare il lavoro creativo con piacere. Oltre al mio latte quotidiano, di solito lavoro in una vetrina soleggiata e mi concedo una bella fetta calda di pane al cioccolato e banana. Probabilmente sarei più leggero di cinque chili senza questa abitudine, ma ne vale la pena. Ormai associo così lo scrivere con piacere, che lo adoro anche quando non ho a portata di mano una finestra o una fetta di torta.

5. Lavora da solo (o "da solo insieme" – ad esempio, seduto da solo in un bar o in una biblioteca) . Ci sono un sacco di sciocchezze che fluttuano in questi giorni su come la creatività sia fondamentalmente un atto sociale. Ignora questo. Sì, la creatività è sociale nel senso che tutti noi stiamo sulle spalle di quelli che ci hanno preceduto; e, sì, la collaborazione è una cosa potente e bella (pensa Lennon e McCartney, o qualsiasi legame di coppia madre-figlio).

Ma per molte persone, il processo di pensiero creativo duro, con le maniche arrotolate è un atto solista. Come William Whyte ha inserito nel suo classico del 1956, The Organization Man , "Il tentativo più sbagliato di falsa collettivizzazione è l'attuale tentativo di vedere il gruppo come un veicolo creativo … Le persone molto raramente pensano in gruppi; parlano insieme, scambiano informazioni, giudicano, fanno compromessi. Ma loro non pensano; non creano ".

6. Lavorare di notte quando i livelli di cortisolo sono più bassi . Quando ero un ragazzino nel campo estivo, ho notato uno strano schema. Ero orribilmente nostalgico per prima cosa la mattina – mi stavo sdraiato nel mio letto aspettando che il trombino stesse soffiando all'inizio del giorno del campo, e sarebbe stato distrutto dal desiderio del tavolo della cucina di mia madre. Mentre il giorno passava, la nostalgia svaniva. Di notte, mi stavo divertendo e potevo pensare alla cucina di famiglia senza una fitta di dolore.

Ero sicuro che mi sarei svegliato la mattina dopo sentendomi altrettanto forte. Ma la nostalgia è sempre tornata.

Allora non potevo spiegare questo schema, ma ora posso. Cortisolo. Il cortisolo è un ormone dello stress, e al mattino si alza e si dissipa costantemente durante il giorno.

Quindi, anche se probabilmente pensi la prima cosa al mattino, potresti essere meno inibito la notte. Ho notato che interessanti giri di parole e salti associativi arrivano molto più facilmente nelle ore serali. E in effetti i ricercatori della creatività credono che un cervello rilassato, un cervello che non è in preda all'ansia o bloccato da altre barriere psicologiche, sia un cervello più creativo.

7. Rafforza la tua spina dorsale, e quindi la tua fiducia, a piccoli passi . Prendi l'abitudine di chiederti dove ti trovi su varie domande. Quando si hanno opinioni ferme o un forte senso giusto o sbagliato su una determinata domanda, assaporare la sensazione. Non importa che tipo di domanda – può essere come organizzare il cassetto dell'argenteria, o chi dovrebbe candidarsi per il Consiglio comunale.

Il punto è abituarsi alla sensazione di avere un centro e operare da esso. Quindi, crea il tuo lavoro creativo da questo stesso luogo. Avrai ancora dei dubbi sulla tua esecuzione, ovviamente – è una cosa buona? Ha senso? Alla gente piacerà? È normale. Ma devi avere fiducia nello scopo alla base della tua impresa.

(* I lettori di lunga data di questo blog potrebbero riconoscere alcune di queste idee. Occasionalmente inserirò articoli più vecchi che i lettori originali potrebbero voler recensire e ai nuovi lettori piacerebbe vedere per la prima volta.)

Queste idee hanno risonanza per te? Quali sono i tuoi consigli per alimentare la creatività? Si prega di condividere; i tuoi compagni lettori ne beneficeranno.

Se ti piace questo blog, potresti voler preordinare il mio prossimo libro, QUIET: The Power of Introverts in un mondo che non può smettere di parlare .

Inoltre, assicurati di iscriverti alla mia newsletter . Ricevi aggiornamenti del blog, oltre alla possibilità di vincere una sessione telefonica di mezz'ora con me. (Disegni periodici.)

Per i post precedenti sul potere degli introversi, si prega di visitare il mio sito qui .

Vuoi iscriverti al QUIET Online Book Club, per persone attente e cerebrali? Per favore, vai qui .

SEGUIMI su Facebook e Twitter !


Solutions Collecting From Web of "Creatività e la paura di "Mettersi là fuori""