Creatività e intelligenza che portano a psicosi e autismo

Visualizza immagine | gettyimages.com

La creatività è la capacità di elaborare idee originali, sorprendenti e utili. L'intelligenza, d'altra parte, può essere definita come un'abilità di dominio generale per risolvere complessi problemi adattivi. Intuitivamente, sia l'intelligenza che la creatività sembrano essere correlate e dipendenti l'una dall'altra. Tuttavia, è diventato sempre più evidente che intelligenza e creatività, benché collegate, sono costrutti separati che hanno antecedenti separati e conseguenze separate.

Ho già scritto in precedenza su come la creatività e l'intelligenza possano essere gli estremi opposti di un continuum e specificamente correlati alle due sfaccettature della dimensione di personalità Openness-to-experience. Per ricapitolare, mentre la creatività è più verso la fine della Openness di Openness-to-experience, l'intelligenza è più incline verso la fine Intellect della scala. Ho anche scritto come la creatività e l'intelligenza si adattino alla teoria del Blind Variation and Selective Retention (BVSR), proposta da Campbell, con la creatività che tende alla variazione cieca del processo e l'intelligenza che si appoggia alla ritenzione selettiva.

È con eccezionale piacere che noto che altri sono giunti alla stessa conclusione. Rex Jung in Frontiers in Psychology scrive sulla stessa relazione tra creatività e intelligenza e lo estende anche per confrontarlo con le condizioni dello spettro di psicosi e autismo. Ora sono stato per molto tempo un paladino della visione secondo cui l'autismo e la psicosi dovrebbero essere concettualizzati come opposti fini di un continuum, e ha anche esteso l'idea che le radici di questo possano essere la differenza tra intelligenza e creatività. Ed è sempre il benvenuto per ottenere più supporto e conferma per l'idea.

Ma prima di andare oltre, prendiamo un momento per ricordare che l'autismo è un disturbo neuro-evolutivo caratterizzato da difficoltà sociali e comunicative e da interessi e comportamenti ripetitivi e restrittivi. La psicosi, d'altra parte, è la florida 'follia' quotidiana, caratterizzata da delusioni, allucinazioni e comportamenti e discorsi disorganizzati. Gli psicologi da Nettie a Crespi e Badcock hanno teorizzato che questi si trovano agli estremi opposti di un continuum di mentalizzazione-sistematizzazione e una considerevole evidenza empirica a sostegno di quella tesi si è accumulata nel corso degli anni.

Questo articolo di Rex Jung esamina le prove multiple per chiarire la relazione tra intelligenza e creatività e come la relazione è parallela a quella tra dire autismo / psicosi o rete di controllo cognitivo e rete di modalità predefinita o dire tra ragionamento causa / effetto e ragionamento astrazione / metafora.

Sebbene ci siano molti oppositori al rapporto tra creatività e follia (psicosi), il mito del creativo, ma afflitto, il genio sopravvive e anche perché c'è una certa sostanza nella discussione. Le ricerche di Kay Jamison, Nancy Andreasen e altri hanno mostrato alcune prove a riguardo. Ad esempio, il disturbo bipolare è molto più diffuso in scrittori e poeti creativi; e parenti simili di persone che soffrono di schizofrenia, che possono essere essi stessi schizotipici, hanno dimostrato di essere più creativi della popolazione generale.

Allo stesso modo, sebbene sia un disturbo dello sviluppo neurologico, molte persone con autismo hanno un basso QI, quelli con alto QI non sono così rari e poi ci sono molti savant autistici che hanno capacità eccezionali in matematica, calcolo del calendario, memoria o altro tali aree.

Sono anche evidenti i processi marcatamente diversi alla base della creatività e dell'intelligenza; simili processi diversi sono probabilmente alla base di malattie psicopatologiche come l'autismo e la schizofrenia.

C'è una buona immagine che accompagna l'articolo di Rex Jung in Frontiers in Psychology che riassume le differenze tra i processi e le associazioni creativi e intelligenti.

Alla radice, Rex ipotizza che "mentre l'intelligence fornisce una" capacità di ragionamento dedicata "per problemi che possiedono relazioni basate su regole, causa-effetto; la creatività è emersa come un meccanismo cognitivo adattivo per la bassa frequenza, il "ragionamento improvvisativo", in cui le soluzioni ai problemi sono sgradite e l'approssimazione probabilistica potrebbe portare a nuove soluzioni ".

È anche importante notare che, sebbene la creatività possa essersi evoluta di recente, l'intelligenza è in circolazione da tempo. Data la recente evoluzione e la relativa scarsa frequenza dell'uso della creatività, non c'è da meravigliarsi se la selezione naturale non è stata in grado di affinare la creatività così bene e paghiamo ancora un prezzo pesante facendo sì che alcuni individui diventassero "pazzi" così che il resto noi possiamo risolvere creativamente problemi adattivi poco frequenti.

ref: Jung RE (2014) Evoluzione, creatività, intelligenza e follia: "Here Be Dragons". Davanti. Psychol. 5: 784. doi: 10.3389 / fpsyg.2014.00784

Solutions Collecting From Web of "Creatività e intelligenza che portano a psicosi e autismo"